Il cielo nel mese di Aprile 2018

Costellazioni osservabili, posizioni dei pianeti, congiunzioni, effemeridi di Sole, Luna e pianeti, mappe stellari dettagliate, giornalino deep sky, comete del mese. Tutti gli eventi astronomici del mese di Aprile 2018!

Sole

Sole
Si trova nella costellazione dei Pesci fino al 19 aprile, quando passa nella costellazione dell’Ariete.

  • 1 aprile: sorge alle 06:53, tramonta alle 19:36
  • 15 aprile: sorge alle 06:30, tramonta alle 19:51
  • 30 aprile: sorge alle 06:08, tramonta alle 20:08
  • effemeridi complete

La durata del giorno aumenta di circa 1 ora e 14 minuti dall’inizio del mese.

Luna

Luna
Il giorno 8 alle ore 06:28 la Luna raggiunge l’apogeo (404.147 Km di distanza), mentre il giorno 20 alle ore 16:05 si troverà nel punto più vicino alla Terra nel corso della sua orbita, il perigeo (368.713 km).

  • Ultimo Quarto l’8 (ore 08:20)
  • Luna Nuova il 16 (ore 02:59)
  • Primo Quarto il 22 (ore 22:48)
  • Luna Piena il 30 (ore 02:00)

sorgere e tramontare:

  • 1 aprile: sorge alle 20:42, tramonta alle 07:40 del 2
  • 15 aprile: sorge alle 06:31, tramonta alle 19:12
  • 30 aprile: sorge alle 20:35, tramonta alle 06:42 del 1 Maggio
  • effemeridi complete

Posizione dei pianeti

Mercurio

MercurioIl pianeta inizia il mese in congiunzione con il Sole, il 1° aprile. In seguito si allontana gradualmente dalla nostra stella, fino a tornare osservabile al mattino presto tra le luci dell’alba. In realtà Mercurio non si eleva molto sull’orizzonte orientale e non sarà molto agevole individuarlo: la migliore osservabilità si verifica a fine mese, tra il 29 e il 30 aprile, quando raggiunge la massima elongazione mattutina (distanza angolare di 27° dal Sole) e il massimo anticipo sull’orario del proprio sorgere (50 minuti prima del Sole).

ATTENZIONE: se si usa uno strumento ottico per osservare il pianeta, NON inquadrare MAI il Sole se non si è dotati di apposito filtro. Ciò comporterebbe danni irreparabili alla vista! [Per saperne di più]

Venere

VenereFinalmente possiamo osservare il pianeta più luminoso nel cielo serale in condizioni ideali. Nei primi mesi dell’anno in corso Venere era già visibile nel cielo serale, ma ancora basso sull’orizzonte occidentale. Alla fine di aprile tramonterà quasi 2 ore e mezza dopo il Sole e avremo tutto il tempo per ammirare il suo splendore nel crepuscolo serale. Nel corso del mese Venere attraversa tutta la costellazione dell’Ariete: dal 19 aprile lo possiamo seguire nella costellazione del Toro, dove supererà le Pleiadi e Aldebaran. [Per saperne di più]

Marte

MarteCambia l’ordine di apparizione nel terzetto dei pianeti visibili ad occhio nudo osservabili nelle seconda parte della notte. Per molte settimane l’ordine, da Sud verso Est, era Giove – Marte – Saturno. Ma il 2 aprile si verifica una suggestiva congiunzione tra gli ultimi due pianeti, Marte e Saturno, appunto. Nei giorni successivi, Saturno sorgerà prima di Marte: possiamo individuarli facilmente a Sud-Sud-Est prima del sorgere del Sole. Entrambi i pianeti si trovano nella costellazione del Sagittario, dove Marte si allontana da Saturno per avvicinarsi al limite con il Capricorno. [Per saperne di più]

Giove

GioveIl pianeta anticipa sempre più l’orario del suo sorgere e a fine mese lo possiamo osservare per quasi tutta la notte. Nel corso delle prime ore della notte apparirà a Sud-Est, per poi culminare a Sud dopo la mezzanotte e infine avvicinarsi all’orizzonte occidentale al comparire della luce dell’alba. Giove si sposta lentamente con moto retrogrado nella parte centrale della costellazione della Bilancia.

Sempre degni di nota i 4 satelliti galileiani (Io, Europa, Ganimede e Callisto), che si mostrano come piccoli puntini bianchi che danzano da un lato all’altro del pianeta sulla linea dell’equatore creando spettacolari configurazioni. [Per saperne di più]

Saturno

GioveCome anticipato nel paragrafo dedicato a Marte, il pianeta con gli anelli e il pianeta rosso si trovano in congiunzione il 2 aprile e, ovviamente, hanno sostanzialmente le medesime condizioni di osservabilità, nelle ultime ore della notte, a Sud-Est al suo sorgere, fino a culminare a Sud nella luce dell’alba. Mentre Marte si sposta piuttosto velocemente, Saturno si muove impercettibilmente, rimanendo nella parte centrale della costellazione del Sagittario. [Per saperne di più]

Urano

UranoIl pianeta è inosservabile, trovandosi in congiunzione con il Sole il 18 aprile. Merita tuttavia di essere menzionato un evento che interessa il movimento del pianeta tra le costellazioni. Urano, dopo oltre 9 anni di permanenza nella costellazione dei Pesci (vi era entrato nel 2009), il 27 aprile fa il suo ingresso nell’Ariete, dove prossimamente potremo osservarlo al mattino presto, prima del sorgere del Sole.[Per saperne di più]

Nettuno

NettunoIl pianeta compare al mattino presto ad Est, poco prima del sorgere del Sole. L’osservazione di Nettuno è ancora difficoltosa, sia a causa della modesta altezza sull’orizzonte orientale, sia per la bassa luminosità, che richiede comunque l’uso del telescopio. Nettuno si trova ancora nella costellazione dell’Acquario, dove è destinato a rimanere per un periodo estremamente lungo, fino all’anno 2022. [Per saperne di più]

Plutone

PlutonePreso atto della riclassificazione di Plutone a plutoide da parte della IAU (Parigi, Giugno 2008), la nostra rubrica includerà comunque l’osservabilità dell’astro.

L’intervallo di osservabilità di Plutone è simile a quello di Marte, con cui si trova in congiunzione il 26 aprile. Lo si può seguire nel corso della seconda metà della notte, dal suo sorgere fino quasi alla culminazione a Sud, che avviene poco prima del sorgere del Sole. Plutone si trova ancora nella parte alta della costellazione del Sagittario, costellazione che lo ospiterà per molti anni ancora, fino al 2023. A causa della sua luminosità estremamente bassa è indispensabile utilizzare un telescopio di adeguata potenza per riuscire ad individuarlo. [Per saperne di più]

Congiunzioni

Marte – Saturno

Congiunzione Marte - Saturno, giorno 2 ore 5
Marte – Saturno, giorno 2 ore 5

Una suggestiva congiunzione tra due pianeti. Prima del sorgere del Sole, il 2 aprile, Marte e Saturno si troveranno ala minima distanza nella parte centrale della costellazione del Sagittario

Luna – Giove

Congiunzione Luna - Giove, giorno 4 ore 00:30
Luna – Giove, giorno 4 ore 00:30

Poco prima della mezzanotte tra il 3 e il 4 aprile la Luna calante sorge insieme a Giove, nella costellazione della Bilancia.

Luna – Saturno – Marte

Congiunzione Luna - Saturno - Marte, giorno 7 ore 4
Luna – Saturno – Marte, giorno 7 ore 4

La mattina del 7 aprile, prima dell’alba, possiamo ammirare tra astri in sequenza, tutti all’interno della costellazione del Sagittario. La prima a sorgere è la Luna, quasi all’Ultimo Quarto, seguita da Saturno e infine da Marte.

Luna – Venere

Congiunzione Luna - Venere, giorno 17 ore 20:30
Luna – Venere, giorno 17 ore 20:30

Appena dopo il tramonto del Sole, la sera del 17 aprile, possiamo tentare l’osservazione del sottilissimo falcetto lunare, ad appena un giorno dalla Luna Nuova, che si trova sull’orizzonte occidentale in congiunzione con il luminoso pianeta Venere, nella costellazione dell’Ariete

Venere – Pleiadi

Congiunzione Venere - Pleiadi, giorno 24 ore 20:30
Venere – Pleiadi, giorno 24 ore 20:30

Nell’ultima decade del mese di aprile Venere attraversa circa metà della costellazione del Toro, dove, la sera del 24, possiamo ammirarlo relativamente vicino all’ammasso stellare delle Pleiadi.

Luna – Giove

Congiunzione Luna - Giove, giorno 30 ore 22
Luna – Giove, giorno 30 ore 22

Il 30 aprile si ripete lo spettacolo della congiunzione tra la Luna e Giove, la seconda volta nello stesso mese. Lo scenario è sempre lo stesso, la costellazione della Bilancia, ma in questa occasione la congiunzione avviene con la Luna Piena.

costellazioni

Il mese di aprile inizia il vero e proprio passaggio dal cielo invernale a quello estivo. Al calare del crepuscolo infatti possiamo ancora scorgere per qualche ora le costellazioni che hanno dominato il cielo invernale: il cacciatore Orione con le sue splendide stelle Betelgeuse e Rigel, i Gemelli con Castore e Polluce, il Toro con la luminosa Aldebaran e l’Auriga con Capella.

Dalla parte opposta, nel cielo orientale, osserviamo invece le costellazioni che caratterizzeranno il cielo estivo. Ecco allora che al tramontare a Sud-Ovest di Sirio (la stella più luminosa del cielo boreale) nella costellazione del Cane Maggiore, corrisponde il sorgere a Nord-Est di Vega – nella costellazione della Lira – la stella più luminosa del cielo estivo, insieme ad Arturo del Bootes, la costellazione del Bifolco. Vega sarà un vertice del triangolo estivo assieme a Deneb della costellazione del Cigno e ad Altair dell’Aquila. Nei mesi estivi la troveremo proprio sopra le nostre teste, allo zenit.

Corona Boreale e Bootes

Corona Boreale e Bootes

Vicino al Bootes è individuabile una piccola costellazione dalla forma a semicerchio, la Corona Boreale. Le stelle che la compongono sono di magnitudine abbastanza ridotta, pertanto, se si riesce ad osservarla nella sua interezza, possiamo essere certi di avere a disposizione un cielo discreto. La costellazione non contiene alcun oggetto del profondo cielo degno di nota: le galassie in questa regione di cielo sono tutte molto lontane e deboli, ma nella parte sudoccidentale della costellazione è presente un celebre ammasso di galassie, noto come Abell 2065, che conta decine di galassie.

Tra la Corona Boreale e la Lira si trova la gigante ma debole costellazione di Ercole, molto nota agli astrofili in quanto in essa si trova M13, un ricchissimo ammasso stellare facilmente individuabile con piccoli strumenti, alla portata quindi dei neofiti. Con telescopi di una certa apertura è possibile risolvere tale ammasso fino al nucleo, mostrando la miriade di stelle di cui è composto.

Nel corso della notte le costellazioni invernali tramontano del tutto per lasciare spazio al vero e proprio cielo estivo. Abbiamo quindi il Cancro e il Leone, con la brillante Regolo. Nel cielo di sud-est, a notte inoltrata, sorgono la Bilancia e successivamente lo Scorpione, caratterizzato dalla gigante rossa Antares.

Terminiamo il tour con una breve descrizione del cielo settentrionale, caratterizzato dalle classiche costellazioni circumpolari (che ruotano attorno al Polo Nord Celeste). Il periodo è favorevole all’osservazione dell’ Orsa Maggiore (riferimento per trovare la stella polare) poichè si trova nel punto di massima altezza sull’orizzonte, definito “culminazione”. Si prosegue con Cassiopea, dalla classica forma a “W”, a seguire Cefeo e il Dragone.

Comete del Mese

a cura di Etruscastro

Comete del mese
Comete del mese

Confermiamo la ormai “vecchia” conoscenza che ci accompagna da molti mesi, la C/2016 R2 PanSTARRS, visibile nella prima parte della sera/notte, e che sta regalando grandi emozioni soprattutto in astrofotografia grazie alla sua “spumeggiante” coda. Segue la 185P PETRIEW, visibile anch’essa nella prima parte della notte, e la C/2016 M1 PanSTARR, che sarà la cometa con la migliore magnitudine visuale visibile nella seconda parte della nottata.

Seguite il thread per il mese di Aprile!

DSJ – Giornalino astronomico di Aprile

a cura di Etruscastro

M68
M68

Questo mese porto alla vostra attenzione un oggetto conosciuto, ma solo in apparenza semplice da osservare. Parliamo di NGC 4590, altrimenti noto come M68 nella costellazione dell’Idra.

Leggi tutto il thread di Aprile

Mappe del cielo

Nota: Le mappe del cielo sono realizzate con Stellarium e riferite alla metà del mese alle ore 22:00 circa ora italiana, latitudine media (Roma), ad esclusione di congiunzioni ed eventi particolari. Gli orari delle congiunzioni sono scelti valutando le condizioni di migliore osservazione.

Informazioni su Stefano Simoni 546 Articoli
43enne di professione informatico, è nato e vive a Roma dove lavora come system engineer presso una grande azienda nel settore IT. E' l'ideatore e sviluppatore di Astronomia.com, portale nato dal connubio tra due delle sue più grandi passioni: "bit" e stelle. Da anni coltiva l’interesse per la progettazione e lo sviluppo di siti web aderenti agli standard e per il posizionamento sui motori di ricerca.

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

Commenta per primo!

Aggiungi un Commento