PDA

Visualizza Versione Completa : Frammenti veramente preziosi



Vincenzo ZappalÓ
24-11-2012, 09:26
Itokawa, chi era costui? No, non sono un Don Abbondio redivivo! Tuttavia, quanti si ricordano della missione spaziale giapponese che Ŕ andata a visitare il piccolo asteroide Itokawa nel 2005? Penso ben pochi. Ce ne siamo dimenticati in fretta. E, invece, i primi risultati stanno per arrivare e saranno veramente unici....
leggi tutto... (http://www.astronomia.com/2012/11/24/frammenti-veramente-preziosi/)

etruscastro
24-11-2012, 10:51
Ŕ come avere una macchina del tempo che ci catapulta direttamente ai primordi del nostro sistema solare...... fantastico!
rimango con le orecchie e con gli occhi ben aperti.... ;)

Red Hanuman
24-11-2012, 12:26
Itokawa, chi era costui? No, non sono un Don Abbondio redivivo! Tuttavia, quanti si ricordano della missione spaziale giapponese che Ŕ andata a visitare il piccolo asteroide Itokawa nel 2005? Penso ben pochi. Ce ne siamo dimenticati in fretta. E, invece, i primi risultati stanno per arrivare e saranno veramente unici....
leggi tutto... (http://www.astronomia.com/2012/11/24/frammenti-veramente-preziosi/)
Mi sa che sono uno tra i pochi....:biggrin: Me la ricordo bene la missione del "falco pellegrino" verso l'asteroide dedicato al progettista di razzi giapponese. E aspetto con ansia i suoi risultati....;)

Luca Montesi
24-11-2012, 14:17
Penso che , al di lÓ degli obiettivi scientifici, ogni volta che avviciniamo,vediamo, o addirittura tocchiamo con mano un corpo celeste, Ŕ un momento storico, strabiliante per l'umanitÓ terrestre

Lampo
24-11-2012, 14:48
WoW! Una bella arachide gigante!

Ma come le ha recuperate le polveri? Con una sorte di "spugna" come aveva fatto la Stardust?

Vincenzo ZappalÓ
24-11-2012, 17:31
WoW! Una bella arachide gigante!

Ma come le ha recuperate le polveri? Con una sorte di "spugna" come aveva fatto la Stardust?

No, in modo molto pi¨ artistico: Ŕ scesa vicinissima e ha sparato sollevando polveri che ha catturato... o qualcosa del genere...;) (se non ricordo male...)

Lampo
24-11-2012, 17:34
No, in modo molto pi¨ artistico: Ŕ scesa vicinissima e ha sparato sollevando polveri che ha catturato... o qualcosa del genere...;) (se non ricordo male...)

Wow, spettacolo! Sono anche curioso di vedere come andrÓ nel 2014 a Rosetta...

Antonio
25-11-2012, 05:05
WoW! Una bella arachide gigante!

Ma come le ha recuperate le polveri? Con una sorte di "spugna" come aveva fatto la Stardust?

Anch'io la ricordo. Sembrava un fallimento e invece...
Ho pubblicato al suo rientro, il 13 giugno 2010, un video su facebook, che mostra come ha fatto a recuperare i frammenti: https://www.facebook.com/photo.php?v=1574305723239&set=o.171193109557529&type=3&theater
Come mai tanto tempo dal recupero, prima di accorgersi di questo importante materiale?

Pierluigi Panunzi
25-11-2012, 08:50
:blush:
stavo per dirvi di andare a leggere il mio articolo...
ma... in realtÓ non l'avevo scritto...

per un valido motivo: visto che per le sonde spaziali io utilizzo quel mio simulatore ereditato dal JPL, con i dati del JPL stesso, in questo caso i miei amici gipiellini erano stati avari di dati e per la sonda Hayabusa forniscono solo un annetto di dati di posizioni (dal 2009 a metÓ del 2010), troppo poco rispetto alle altre sonde...
no Martini no party...
no dati no articolo... :whistling:

bertupg
28-11-2012, 04:24
Io sono tra quelli che non ricordano di aver letto nulla a riguardo, ma non faccio testo vista la mia scarsa memoria...
Interessante, tra le altre cose, l'immagine dell'asteroide: proprio una bella coppia di patatone!:)
Devono essersi avvicinate a velocitÓ relativa decisamente bassa per incollarsi in quel modo pur mantenendo praticamente intatta la loro forma originaria! Sono frequenti tra gli asteroidi casi simili?
Altra curiositÓ: esiste il modo per determinare quanto tempo fa Ŕ avvenuta l'unione (parlare di scontro forse Ŕ esagerato), per scoprire se Ŕ relativamente recente rispetto ai corpi originali? I risultati della missione possono aiutare in tal senso? Ma soprattutto: determinare questa cosa potrebbe in qualche modo avere un valore scientifico e dirci qualcosa in pi¨ che giÓ non sappiamo sulla formazione del sistema solare?
Mi scuso in anticipo per il numero di domande, ma la semplice foto, oltre all'articolo, mi ha stimolato una insolita curiositÓ! ^_^
Grazie!

Vincenzo ZappalÓ
28-11-2012, 04:43
Io sono tra quelli che non ricordano di aver letto nulla a riguardo, ma non faccio testo vista la mia scarsa memoria...
Interessante, tra le altre cose, l'immagine dell'asteroide: proprio una bella coppia di patatone!:)
Devono essersi avvicinate a velocitÓ relativa decisamente bassa per incollarsi in quel modo pur mantenendo praticamente intatta la loro forma originaria! Sono frequenti tra gli asteroidi casi simili?
Altra curiositÓ: esiste il modo per determinare quanto tempo fa Ŕ avvenuta l'unione (parlare di scontro forse Ŕ esagerato), per scoprire se Ŕ relativamente recente rispetto ai corpi originali? I risultati della missione possono aiutare in tal senso? Ma soprattutto: determinare questa cosa potrebbe in qualche modo avere un valore scientifico e dirci qualcosa in pi¨ che giÓ non sappiamo sulla formazione del sistema solare?
Mi scuso in anticipo per il numero di domande, ma la semplice foto, oltre all'articolo, mi ha stimolato una insolita curiositÓ! ^_^
Grazie!

in realtÓ, se l'origine Ŕ prorio stata quella, si pu˛ parlare di unione. La patata non Ŕ dovuta allo scontro diretto di due corpi. Essi si sono sicuramente formati durante la distruzione di uno pi¨ grande e rappresentano frammenti espulsi durante l'urto. Le levocitÓ relative dei frammenti possono essere molto piccole e un urto successivo tra due di questi molto "soft". Alternativamente si sarebbero potuti immettere uno in orbita attorno all'altro e lentamente avvicinarsi fino a unirsi...
Non sono cose nuove (teoricamente) e fanno parte dell'evoluzione collisionale degli asteroidi. Non per niente l'ho studiata per almeno trant'anni, facendo esperimenti anche con i cannoni a ipervolicitÓ...:biggrin: