PDA

Visualizza Versione Completa : Limite velocitÓ delle luce



Brain
31-07-2013, 13:55
Salve,
Ŕ da un p˛ di giorni che penso alla questione che sto per sottoporvi e spero di trovare una risposta o almeno capire dove fa acqua il mio ragionamento! :)
Premetto che la mia formazione nela campo della fisica Ŕ solo a livello di scuola superiore, non ho lauree in fisica o quant'altro, quindi siate pazienti!

Il ragionamento che ho fatto riguarda il limite della velocitÓ luce, che secondo le teorie di Einsten Ŕ insuperabile.
Detto questo:

-Rispetto al centro della Via Lattea, la Terra si muove, assieme al sistema solare, a una velocitÓ di circa 792 mila km/h; La Via Lattea, a sua volta, si muove a una velocitÓ stimata in 3.600.000 km/h.

-L'LHC Ŕ pu˛ accelerare protoni e ioni pesanti, fino al 99,9999991% della velocitÓ della luce

-lo 0.0000009 % di 299 792,458 km/s, Ŕ 0.00269 km/s approssimato...

Considerando la velocitÓ delle particelle lanciate nell' LHC relativa alla terra.

Sommiamo la velocitÓ della terra rispetto alla via lattea (220km/s) alla velocitÓ stimata della via lattea (1000km/s) ed Ŕ palese che il risultato supera ampiamente il restante 0.0000009% (0.00269 km/s) mancante alle particelle per raggiungere la velocitÓ della luce.

Quindi non capisco come questo sia possibile.. Se la teoria di Einstein Ŕ corretta, allora le particelle dell' LHC avrebbero dovuto "viaggiare nel tempo, in direzione futura" e nessuno se ne sarebbe accorto, oppure effettivamente le particelle hanno superato di gran lunga la velocitÓ della luce.

Qualcuno riesce a aiutarmi? Sono ormai giorni che ragiono sopra e non giungo a nessun'altra conclusione.

Grazie

etruscastro
31-07-2013, 15:30
tu metti nel "calderone" tutte le velocitÓ che ti vengono in mente senza tenere minimamente conto del diverso sistema di riferimento in cui calcoli la velocitÓ.
vedrai che chi pi¨ ferrato di me in materia ti dirÓ precisamente dove sbagli! ;)
p.s. c'Ŕ una sezione apposta per presentarsi.... :whistling:

Andrea I.
31-07-2013, 15:41
Questo Ú uno di quei casi in cui la risposta Ú nella stessa domanda.....te la sei dato da solo quando hai elencato le diverse velocitÓ(a parte quella della galassia, che scritta cosý non vuol dire nulla).....Ah! le meraviglie della scrittura!!!:biggrin:

Ricordati che la velocitÓ della luce Ú sempre costante...seguendo il tuo ragionamento anche lei sarebbe piu' veloce di se stessa:biggrin:
Quoto Etru....prima di interagire con qualcuno Ú buona educazione presentarsi.

alexander
31-07-2013, 15:47
Salve,
Ŕ da un p˛ di giorni che penso alla questione che sto per sottoporvi e spero di trovare una risposta o almeno capire dove fa acqua il mio ragionamento! :)
Premetto che la mia formazione nela campo della fisica Ŕ solo a livello di scuola superiore, non ho lauree in fisica o quant'altro, quindi siate pazienti!

Il ragionamento che ho fatto riguarda il limite della velocitÓ luce, che secondo le teorie di Einsten Ŕ insuperabile.
Detto questo:

-Rispetto al centro della Via Lattea, la Terra si muove, assieme al sistema solare, a una velocitÓ di circa 792 mila km/h; La Via Lattea, a sua volta, si muove a una velocitÓ stimata in 3.600.000 km/h.

-L'LHC Ŕ pu˛ accelerare protoni e ioni pesanti, fino al 99,9999991% della velocitÓ della luce

-lo 0.0000009 % di 299 792,458 km/s, Ŕ 0.00269 km/s approssimato...

Considerando la velocitÓ delle particelle lanciate nell' LHC relativa alla terra.

Sommiamo la velocitÓ della terra rispetto alla via lattea (220km/s) alla velocitÓ stimata della via lattea (1000km/s) ed Ŕ palese che il risultato supera ampiamente il restante 0.0000009% (0.00269 km/s) mancante alle particelle per raggiungere la velocitÓ della luce.

Quindi non capisco come questo sia possibile.. Se la teoria di Einstein Ŕ corretta, allora le particelle dell' LHC avrebbero dovuto "viaggiare nel tempo, in direzione futura" e nessuno se ne sarebbe accorto, oppure effettivamente le particelle hanno superato di gran lunga la velocitÓ della luce.

Qualcuno riesce a aiutarmi? Sono ormai giorni che ragiono sopra e non giungo a nessun'altra conclusione.

Grazie


mi intrometto ancora ina volta, ma qui e' meglio avere conferme da red, per dire che e' proprio la teoria della relativita' ristretta di enistein che prevede il fatto che la luce si allontana da un oggetto a 300.000 km/s indipendentemente dalla velocita' cun cui si muove l'oggetto che ha emesso la luce!
se paradossalmente questo oggetto si muovesse al 99% della velocita' della luce il tempo per quell'oggetto rallenterebbe in modo che possa vedere la luce allontanarsia 300.000 km/s...
purtroppo le teorie di einsten sono molto difficili, spero di non aver detto troppe sciocchezze anche se un aiuto da parte di red qui secondo me e' proprio utile! :)

Brain
31-07-2013, 16:09
Chiedo venia se non mi sono presentato prima...

ho scritto il ragionamento che ho fatto nella maniera pi¨ semplice che ho potuto, cercando di fare un esempio, ovvio che le velocitÓ di cui parlo non sono una semplice somma di velocitÓ rettilinee, ma essendo il moto delle particelle dell'LHCe della terra circolare/elittico, saprete meglio di me che devono tenersi in considerazione altre forze. :)

Red Hanuman
31-07-2013, 19:04
mi intrometto ancora ina volta, ma qui e' meglio avere conferme da red, per dire che e' proprio la teoria della relativita' ristretta di enistein che prevede il fatto che la luce si allontana da un oggetto a 300.000 km/s indipendentemente dalla velocita' cun cui si muove l'oggetto che ha emesso la luce!
se paradossalmente questo oggetto si muovesse al 99% della velocita' della luce il tempo per quell'oggetto rallenterebbe in modo che possa vedere la luce allontanarsia 300.000 km/s...
purtroppo le teorie di einsten sono molto difficili, spero di non aver detto troppe sciocchezze anche se un aiuto da parte di red qui secondo me e' proprio utile! :)
Direi che hai esposto le cose magnificamente.;) Brain dimentica che le velocitÓ non si possono semplicemente sommare....:whistling:

Beppe
31-07-2013, 20:22
nel diciannovesimo secolo si ipotizzava l'esistenza di un fantomatico etere che permeava l'intero unverso e fosse perfettamente isotropo che consentisse alle onde luminose di propagarsi, e la Terra cosý come il sistema solare si muovevano attraverso questo impalpabile etere come una nave nell'oceano. In una nave nell'oceano se si lancia una pietra nel senso del moto le due velocitÓ si sommano (rispetto ad un sistema inerziale come l'etere), cosý anche la luce avrebbe dovuto avere velocitÓ diverse nelle tre direzioni dello spazio.

Nel 1887 I fisici Michelson e Morley condussero un esperimento di iterferometria, utilizzarono un fascio di luce facendolo rimbalzare opportunamente su specchi di cui alcuni semi trasparenti e ricombinando il due fasci di luce su un unico rivalatore che misurava l'interferenza. Tale apparecchiatura avrebbe dovuto risentire della velocitÓ della terra nello spazio ma ci˛ non avvenne. Vennero vagliate le tre ipotesi:

1) la Terra Ŕ ferma rispetto all'etere
2) il braccio dell'interferometro nella direzione del moto dell'etere si accorcia (contrazione di Fitzgerald)
3) la velocitÓ della luce Ŕ la medesima in tutte le direzioni

Con la Teoria della relativitÓ (chiamata in seguito ristretta) il buon Einstein valid˛ una ventina di anni dopo la terza ipotesi. Cosý finý la breve vita dell'Etere Cosmico :biggrin:

daniel91gn
09-08-2013, 11:21
Provo a dire la mia sperando di non dire fesserie.
La risposta sta nel fatto che lo scorrere del tempo non Ŕ univoco in tutti i sistemi di riferimento, la velocitÓ di un sistema rispetto ad uno di riferimento ne caratterizza anche lo "scorrere del tempo" (e qui forse mi sono mancate le parole).
Per fare un esempio, se sincronizzi perfettamente due orologi, uno lo tieni tu e l'altro lo dai ad un astronauta che soggiornerÓ per qualche anno senza mai tornare a terra sulla stazione spaziale (orbita a 30000 km/h), quando tornerÓ a terra e confronterete gli orologi, troverai che il suo Ŕ rimasto indietro di un po', proprio perchÚ quando si aumenta la velocitÓ di un sistema, se ne dilata anche il tempo. Questo spiegherebbe perchÚ la velocitÓ della luce Ŕ costante anche quando emessa da una fonte in movimento.
Questa cosa secondo me Ŕ veramente fantastica anche perchŔ a pensarci bene, abbiamo concretizzato la macchina del tempo dal passato verso il futuro.
Queste cose le ho solo lette e rimuginate, quindi ben vengano le cazziate:D

Brain
09-08-2013, 12:36
Ci ho ragionato sopra ancora, e complici le nuove informazioni acquisite qui e da altre parti, ho capito dove sbagliavo... (oltre a non considerare adeguatamente i sistemi di riferimento)

A me non andava gi¨ il fatto che lo scorrere del tempo fosse inversamente proporzionale alla velocitÓ del corpo in questione. Ma non ero a conoscienza delle prove scientifiche a questo favore.

- i satelliti gps e lo sfasamento dei cronografi (anche se non ho ancora ben chiaro se ques'ultimo sia dovuto alla massa della terra o dalla velocitÓ)

- i "pioni" dell' LHC


Correggetemi se sbaglio :)

Red Hanuman
09-08-2013, 14:09
Il punto sta nel fatto che la velocitÓ della luce Ŕ SEMPRE costante, in qualsiasi sistema di rifermento la si misuri. Questo implica che sia il tempo che lo spazio si debbano comporre in modo da dare sempre lo stesso risultato.
Per cui, se rallenta il tempo deve accorciarsi lo spazio, e viceversa.
Questo Ŕ stato verificato pi¨ volte e in diversi modi: sugli aerei in volo, col GPS, col decadimento delle particelle negli acceleratori e nei raggi cosmici, ecc. .
Ormai, non Ŕ pi¨ possibile dubitarne, visto che degli effetti della relativitÓ dobbiamo tenerne conto ogni giorno, in diversi strumenti e campi della nostra vita quotidiana... ;)

manuela
18-08-2013, 17:22
Grande Alexander per chiarezza e precisione ti volevo dare un p˛ di reputazione ma il sistema non me lo ha consentito allora ti faccio i complimenti qui ;)

alexander
18-08-2013, 20:58
Grande Alexander per chiarezza e precisione ti volevo dare un p˛ di reputazione ma il sistema non me lo ha consentito allora ti faccio i complimenti qui

:oops: Non esagerare! :)
Fortunatamente Ŕ merito di enzo e red che sono bravissimi insegnanti! ;)
Spero comunque che un giorno faranno una trattazione di articoli dedicati alla relativitÓ (da mettere poi nelle risorse del sito) perchŔ Einstein Ŕ sempre stato il mio mito e mi piacerebbe molto capirlo meglio (nei limiti dei miei mezzi)! :sbav:
Intanto ora mi "accontento" della meccanica quantistica in uscita a settembre........

Lampo
19-08-2013, 19:00
Ricordati che la velocitÓ della luce Ú sempre costante...

Mi permetto di precisare: "Nel vuoto"...