PDA

Visualizza Versione Completa : Il vetro generato dagli impatti una capsula del tempo



Red Hanuman
20-04-2014, 21:26
Il vetro generato dagli asteroidi e dalle comete memorizza dati anagrafici per milioni di anni


Sommario:
Frammenti di vita vegetale incapsulati nel vetro fuso dagli impatti di asteroidi e comete di milioni di anni fa, forniscono ai geologi informazioni sul clima e sulle forme di vita della Terra antica. Gli scienziati che esplorano grandi campi di vetro da impatto in Argentina suggeriscono che ci che accaduto sulla Terra potrebbe essere successo su Marte milioni di anni fa. Il vetro da impatto marziano potrebbe contenere tracce di composti organici.




6864
Il caldo rovente prodotto dagli impatti di asteroidi o comete pu sciogliere tonnellate di terra e roccia, da alcune delle quali si forma il vetro una volta raffreddate. Alcuni pezzi di vetro possono conservare frammenti di materiale vegetale antico.
Credit: Un'istantanea di antiche condizioni ambientali


Frammenti di vita vegetale incapsulati nel vetro fuso dagli impatti di asteroidi e comete di milioni di anni fa, forniscono ai geologi informazioni sul clima e sulle forme di vita della Terra antica. Gli scienziati che esplorano grandi campi di vetro da impatto in Argentina suggeriscono che ci che accaduto sulla Terra potrebbe essere successo su Marte milioni di anni fa. Il vetro da impatto marziano potrebbe contenere tracce di composti organici.
Gli impatti di asteroidi e comete possono causare un diffuso caos ecologico, uccidendo piante e animali su scala regionale o addirittura mondiale. Ma la nuova ricerca presso la Brown University mostra che gli impatti possono anche conservare le firme della vita antica, al momento di un impatto.
Un gruppo di ricerca guidato dal geologo Brown Pete Schultz ha trovato frammenti di foglie e composti organici conservati e depositati all'interno del vetro creato da un diversi impatti antichi in Argentina. Il materiale potrebbe fornire un'istantanea delle condizioni ambientali al momento di tali impatti. La scoperta suggerisce inoltre che i vetri da impatto potrebbero essere un buon posto per cercare segni di vita antica su Marte.
L'opera pubblicata sull'ultimo numero di Geology Magazine.
Il caldo rovente prodotto dagli impatti di asteroidi o comete pu sciogliere tonnellate di terra e roccia, da alcuni dei quali si forma il vetro quando si raffreddano. Il terreno dell'Argentina orientale, a sud di Buenos Aires, pieno di vetro da impatto creato da almeno sette differenti impatti che si sono verificati tra 6 mila e 9 milioni di anni fa, secondo Schultz. Uno di questi impatti, datato a circa 3 milioni di anni fa, coincide con la scomparsa di 35 generi animali, come riportato sulla rivista Science qualche anno fa.
"Sappiamo che questi erano i principali impatti a causa di quanto il vetro distribuito e di quanto grandi sono i pezzi ", ha detto Schultz. "Questi vetri sono presenti in diversi strati di sedimenti in tutta un'area delle dimensioni del Texas."
All'interno di vetro associate a due di quegli impatti - uno da 3 milioni di anni fa e uno da 9 milioni di anni fa - Schultz ei suoi colleghi hanno trovato materiale vegetale squisitamente conservato. "Questi vetri preservano la morfologia delle piante dalle caratteristiche macro gi gi fino alla scala dei micron", ha detto Schultz. "E 'davvero notevole."
I campioni di vetro contengono frammenti di foglie delle dimensioni di centimetri, comprese strutture intatte come papille, piccole protuberanze che rivestono le superfici fogliari. Fasci di strutture simili a vene sono stati trovati in vari campioni e sono molto simili alla moderna erba delle pampas, una specie comune in quella regione dell'Argentina.
L'analisi chimica dei campioni ha anche rivelato la presenza di idrocarburi organici, le firme chimiche della materia vivente.
Per capire come hanno potuto essere conservate queste strutture e questi composti, Schultz ei suoi colleghi hanno cercato di replicare questa conservazione in laboratorio. Hanno mescolato vetro polverizzato dagli impatto con frammenti foglie della pampa e riscaldato la miscela a varie temperature e per diversi periodi di tempo. Gli esperimenti hanno dimostrato che il materiale vegetale stato conservato quando i campioni sono stati riscaldati rapidamente al di sopra dei 1500 gradi Celsius.
Sembra, dice Schultz, che l'acqua negli strati esterni delle foglie isolai gli strati interni, permettendo loro di rimanere intatti. "L'esterno delle foglie si sacrifica per l'interno", ha detto. "E 'un po' come la frittura. Le patatine fuori cuociono in fretta ma l'interno richiede molto pi tempo per essere cotto."
Implicazioni per Marte
Se il vetro impatto pu conservare le firme della vita sulla Terra, ovvio che si potrebbe fare lo stesso su Marte, dice Schultz. E le condizioni del suolo che hanno contribuito alla conservazione di campioni in questo studio in Argentina non sono dissimili dai terreni che si trovano su Marte.
La regione Pampas dell'Argentina coperta da spessi strati di sedimenti portati dal vento chiamati loess. Schultz crede che quando un oggetto impatta in questi sedimenti gocce di materiale fuso rotolano fuori dal limite della zona di impatto come palle di neve fusa. Mentre rotolano, raccolgono il materiale da terra e si raffreddano rapidamente - le dinamiche che gli esperimenti di laboratorio hanno mostrato di essere importanti per la conservazione. Dopo l'impatto, tali vetri sono lentamente ricoperti dalla polvere che man mano continua ad accumularsi. Questo aiuta a preservare sia i vetri che i clandestini al loro interno per lunghi periodi - nel caso argentino, per milioni di anni.
Gran parte della superficie di Marte coperto di polvere che simile al loess, e lo stesso meccanismo che ha conservato i campioni argentini potrebbe anche aver lavorato su Marte.
"I vetri da impatto possono essere il luogo dove i 4 miliardi anni segni di vita si nascondono", ha detto Schultz. "Su Marte non stanno probabilmente emergendo e urlando in forma di una pianta, ma possiamo trovare tracce di composti organici, il che sarebbe davvero emozionante."

Articolo originale QUI (http://www.sciencedaily.com/releases/2014/04/140418141115.htm).