Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    21,955
    Taggato in
    1796 Post(s)

    [DSJ] Deep Sky Journal N° 60 (Maggio 2015) NGC 4361

    Nel numero 60 del DSJ di Astronomia.com lasceremo per un’attimo la priorità agli oggetti galattici e vi porterò ad immergervi in una costellazione talvolta bistrattata e dimenticata ma che ospita al suo interno un cospicuo numero di oggetti deep sky davvero unici, uno di questi è sicuramente NGC 4361 che si trova all’interno della costellazione del Corvo.

    FOTO NGC 4361:

    download.jpg
















    La NGC 4361 è una bellissima nebulosa planetaria scoperta nel 1785 da F.Herschel con un telescopio riflettore di 18.5” ed è rintracciabile alle coordinate celesti di Ascensione Retta 12h 24m 31s e di Declinazione -18° 47’ 09”.

    La nebulosa brilla di una rassicurante magnitudine visuale di +10.9 ed una Luminosità Superficiale di +11.10, l’intera struttura è “illuminata” dalla radiazione emessa dalla sua nana bianca posta al suo interno che è di magnitudine +13.21. le sue dimensioni apparenti sono di 1.9' x 1.9' la sua distanza è stimata in 4.300 a.l. ed è catalogata anche come PK294+43.1.

    TROVIAMO NGC 4361 CON STELLARIUM:

    1.jpg












    2.jpg












    3.jpg













    Vi siete spaventati all’inizio quando ho accennato che il suo scopritore ha usato un telescopio da 18.5”?
    Immagino di si, comunque il fatto è stato voluto perché in realtà la NGC 4361 nonostante transiti molto bassa alle nostre latitudini italiane (-18°) ha una buona luminosità superficiale che la rende rintracciabile in cielo anche con uno strumento da 100-120mm purché posizionato sotto un cielo privo di Inquinamento Luminoso e con una buona trasparenza.

    Comunque quando la rintraccio in visuale generalmente parto da Algorab (delta Corvi +2.94 [tra l’altro interessante stella binaria]) e traccio una retta immaginaria che la congiunge con Epsilon Corvi (+3.02) e la trovo a circa metà retta.

    CONSIDERAZIONI OSSERVATIVE:

    Ho osservato l’ultima volta la ngc 4361 il 1/06/2014 con il mio CPC 1100 e con un’oculare Explorer Scientific 14mm 82° (200x circa) con un SQM di 21.08 in una serata dove l’umidità ha raggiunto il 70%:

    dagli appunti:

    interessante planetaria dall’aspetto asimmetrico e mediamente vasta, a 200x con l’aggiunta di un filtro UHC-S si risaltano i dettagli forti e una concentrazione più preponderante di materia che rende la nebulosa di forma oblunga. A NordEst ha una strana caduta nebulare a circa ¾.

    APPUNTI DI ASTROFISICA:

    da un punto di vista astrofisico, la NGC 4361 è un’oggetto davvero interessante e peculiare, studi passati hanno evidenziato infatti una struttura sicuramente bipolare (cosa non rara nelle nebulose planetarie) ma molto probabilmente addirittura quadrupolare.

    Infatti, nell’osservazione nell’infrarosso del telescopio Spitzer, la nebulosa presenta numerosi “nodi” e filamenti che si dipartono dal nucleo centrale. Più semplicemente si può asserire che la NGC 4361 è composta da due principali strutture, un guscio esterno con una morfologia filamentosa ed uno interno dove si evidenzia una condensazione massiccia centrale.

    Da ultimissime osservazioni, addirittura, sembra che ci sia la presenza di un’ulteriore nana bianca all’interno del guscio nebulare a spiegare la natura quadrupolare della nebulosa, anche se quest’ultimo studio è tutt’ora da confermare.

    UN POCHINO DI STORIA (tratto liberamente da Wikipedia...):

    Anders_Jonas_Ångström_-_001.pngAnders Jonas Ångström (Lögdö, 13 agosto 1814 – Uppsala, 21 giugno 1874) è stato un fisico svedese, uno dei fondatori della scienza della spettroscopia.

    Venne nominato direttore dell'Osservatorio astronomico di Uppsala nel 1843, dove divenne professore di fisica nel 1858. Fece ricerche sul calore, sul magnetismo, e soprattutto di ottica.

    La sua combinazione dello spettroscopio con la fotografia per lo studio del sistema solare riuscì a provare che il Sole contiene idrogeno. Pubblicò la sua approfondita ricerca sullo spettro solare in Recherches sur le spectre solaire (1868), che comprende dettagliate misurazioni di più di mille linee spettrali.

    In un documento presentato all'Accademia delle Scienze di Stoccolma nel 1853, egli non solo evidenziò che la scintilla elettrica produce due spettri sovrapposti, uno per il metallo dell'elettrodo e l'altro per il gas in cui passa, ma dedusse dalla teoria della risonanza di Eulero che un gas incandescente emette raggi luminosi della stessa capacità rifrattiva di quelli che può assorbire. Questa esposizione, come fece notare Sir Edward Sabine quando lo premiò con la medaglia Rumford della Royal Society nel 1872, contiene un principio fondamentale dell'analisi spettrale e, anche se per diversi anni venne trascurato, lo fa rientrare tra i fondatori della spettroscopia.

    Ångström fu il primo, nel 1867, ad esaminare lo spettro dell'aurora boreale, di cui individuò e misurò la caratteristica linea brillante nella regione giallo-verde nello spettro elettromagnetico.

    L'angstrom, l'unità con cui si misura la lunghezza d'onda della luce, prende il suo nome. Questa unità viene usata sia in cristallografia, sia in spettroscopia.

    Suo figlio, Knut Johan Ångström (1857-1910), fu anche lui fisico e astronomo, noto per le ricerche all'Università di Uppsala sulla radiazione solare e per la realizzazione di strumenti di misura.

    RACCOLTA DSJ DI ASTRONOMIA.COM

  2. #2
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    21,955
    Taggato in
    1796 Post(s)

    Re: [DSJ] Deep Sky Journal N° 60 (Maggio 2015) NGC 4361

    aggiunto il DSJ N° 60 di astronomia.com!
    buona lettura e cieli (finalmente) sereni!

    Etruscastro

  3. #3
    Nana Bianca L'avatar di garmau
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    olbia
    Messaggi
    6,256
    Taggato in
    484 Post(s)

    Re: [DSJ] Deep Sky Journal N° 60 (Maggio 2015) NGC 4361

    Ora preparo un'altra raccolta, magari il prossimo mese li utilizzo...
    Ultima modifica di etruscastro; 16-04-2015 alle 09:41
    -MAURIZIO-
    Leggi di Murphy sul big bang: all'inizio era il nulla. Poi qualcosa ando' storto.

  4. #4
    Nana Rossa L'avatar di giapetus
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    Provincia di Genova
    Messaggi
    405
    Taggato in
    32 Post(s)

    Re: [DSJ] Deep Sky Journal N° 60 (Maggio 2015) NGC 4361

    Ciao Antonio,
    come da te anticipato, l'ho osservata lunedì 13 verso le ore 24. La sua visione mi ha molto soddisfatto anche se da profano non ho notato tutti quei particolari che tu hai descritto nel tuo report del 01/06/2014. Il mio occhio da profano e poco allenato ha visto sicuramente la nana bianca e la bianca nebulosità di aspetto sferico ( ame sembrava sferica e non ovaleggiante, sicuramente sbaglio ).
    Tengo a precisare che non ho usato filtri, solo il Baader 8-24mm.
    Pensa che all'inizio mi sembrava di non vederla, l'avevo proprio sotto il naso, poi aumentando gli ingrandimenti del Baader la planetaria ha preso forma. Assolutamente da rivedere alla prossima uscita!

    Ci sono altre belle planetarie da osservare in questo periodo?
    Ultima modifica di giapetus; 16-04-2015 alle 18:26
    Celestron CPC800 xlt SkyWatcher MK127 + Vixen New Polaris Celestron Skymaster 15X70

  5. #5
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    21,955
    Taggato in
    1796 Post(s)

    Re: [DSJ] Deep Sky Journal N° 60 (Maggio 2015) NGC 4361

    se hai una buona postazione puoi provare:
    Draco - ngc 6543
    Ercole - ngc 6058,6210, ic 4593 (ma in queste devi essere davvero bravo ed usare anche 300x)
    Gemelli - ngc 2371/72, 2392,
    Idra - ngc 2610, 3242
    Orsa Minore - ic 3568 (una piccola sfida per un 8")

    se riesci a fare almeno la metà di queste passiamo oltre...

  6. #6
    Nana Rossa L'avatar di giapetus
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Località
    Provincia di Genova
    Messaggi
    405
    Taggato in
    32 Post(s)

    Re: [DSJ] Deep Sky Journal N° 60 (Maggio 2015) NGC 4361

    Grazie Antonio per le tue preziose info. Sei sempre preciso e disponibile!
    Prendo nota e proverò ad inquadrare qualcosa... tieni conto che con lo zoom Baader posso arrivare a 253x.
    Per quelle di Ercole forse non basteranno, ma tentar non nuoce.

    Dovrei fare anche un accurato star test per controllare che il mio strumento sia collimato, sai dopo diverse uscite in auto... prima o dopo dovrò pure misurarmi con queste per me delicata operazione.
    Celestron CPC800 xlt SkyWatcher MK127 + Vixen New Polaris Celestron Skymaster 15X70

Discussioni Simili

  1. [DSJ] Deep Sky Journal N°55 (Marzo 2015)
    Di etruscastro nel forum Profondo Cielo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 29-03-2016, 07:15
  2. [DSJ] Deep Sky Journal N° 59 (Maggio 2015) NGC 4030
    Di etruscastro nel forum Profondo Cielo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08-04-2015, 07:39
  3. [DSJ] Deep Sky Journal N° 36 (Maggio 2014)
    Di etruscastro nel forum Profondo Cielo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 05-05-2014, 08:38
  4. [DSJ] Deep Sky Journal N°35 (Maggio 2014)
    Di etruscastro nel forum Profondo Cielo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25-04-2014, 07:48
  5. [DSJ] Deep Sky Journal N° 34 (Maggio 2014)
    Di etruscastro nel forum Profondo Cielo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 15-04-2014, 12:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •