Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 456
Risultati da 51 a 53 di 53
  1. #51
    Nana Rossa L'avatar di Albertus
    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    318
    Taggato in
    15 Post(s)

    Re: dubbio meccanica orbitale

    saluti a tutti

    premesso che ho letto soltanto il primo messaggio di luca g. e dato un scorsa veloce a tutti gli altri
    Non credo sia necessario scomodare la meccanica razionale che abbiamo studiato al politecnico per spiegare l'apparente paradosso
    si tratta solo di un gioco di parole
    luca.g dice

    due satelliti ruotano su due orbite diverse, quelle più vicino alla terra ruota più velocemente quello più lontano più lentamente
    però se il satellite più interno vuole portarsi sull'orbita esterna deve...aumentare la sua velocità, non è un paradosso ?
    No
    I due satelliti che ruotano stabilmente nelle loro orbite dispongono della sola componente tangenziale della velocità
    Per spostarsi su un orbita maggiore il satellite dovrà dotarsi anche di una componente radiale
    E' quindi il modulo della velocità che deve aumentare
    Una volta raggiunta l'orbita il satellite dovrà manovrare in modo d annullare la componente radiale e ridurre la componente tangenziale

  2. #52
    Meteora L'avatar di turik
    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    17
    Taggato in
    2 Post(s)

    Re: dubbio meccanica orbitale

    Citazione Originariamente Scritto da bertupg Visualizza Messaggio
    Guardate, io dopo un po' nelle formule mi perdo, comunque, a forza di fare, sono riuscito a trovare riscontro (ma guarda un po') su ciò che avevo in mente e cercato maldestramente di spiegare, ed ho scoperto che si chiama "Trasferimento alla Hohmann" (https://it.wikipedia.org/wiki/Trasfe...o_alla_Hohmann), senza bisogno di andare a spulciare in manuali di ingegneria aeronautica o archivi segreti della NASA.

    Non mi stupisce in effetti che una cosa del genere fosse già stata ideata molto tempo addietro (di certo non ho mai avuto, e mai avrò, la pretesa di avere idee innovative e brillanti), ma mi rincuora che ciò che ho scritto nel mio primo intervento abbia un effettivo riscontro nella realtà. (Anzi, anche se non vi è merito alcuno, un po' mi compiaccio di esserci arrivato anche da solo).
    Forse ho usato il termine sbagliato quando ho scritto "eccentricità": avrei in effetti dovuto parlare di "asse maggiore", e ad essere onesto avrei voluto farlo, ma mi sembrava in questo modo di introdurre un ulteriore complicazione, quando quello che volevo far capire era solo che l'effetto della prima accelerazione è quello di passare da un'orbita circolare ad una ellittica (e viceversa nella seconda accelerazione).

    Come ho detto, forse la mia spiegazione è stata un po' confusionaria e maldestra, ma quella della pagina di wikipedia mi sembra perfettamente chiara, e non particolarmente complicata, senza bisogno di introdurre quantità di moto, energia potenziale e quant'altro, spiegando quindi il fenomeno, a mia impressione, nei termini più semplici possibili.

    Poi, se si vuole indagare sul fatto che tra l'orbita iniziale interna e l'orbita finale esterna vi sia o meno variazione di quantità di moto, non sta a me appurarlo. Io volevo solo mostrare come, solo unicamente con spinte in direzione del moto, e quindi ACCELERANDO in momenti specifici dell'orbita, si può passare da un'orbita circolare interna a velocità elevata, ad una più esterna a velocità più bassa, "risolvendo" l'apparente paradosso citato da @luca.g nel post di apertura della discussione.
    scusa bertupg, ma il trasferimento di Stenrnfeld https://it.wikipedia.org/wiki/Trasfe...alla_Sternfeld
    spiega MOLTO meglio il paradosso introdotto da luca.g, per cui avviene una prima accelerazione per passare da un orbita circolare ad una ellittica, per poi DECELERARE per passare ad un orbita circolare maggiore, spiegando logicamente il perchè l'oggetto viaggia a velocità MINORE su un orbita MAGGIORE.

    Nel trasferimento che hai citato tu invece avvengono 2 accelerazioni e non si spiega come alla fine l'oggetto ha una velocità minore rispetto a prima, o diciamo, non è così automatico capirlo.

  3. #53
    Nana Rossa L'avatar di Albertus
    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    318
    Taggato in
    15 Post(s)

    Re: dubbio meccanica orbitale

    ripeto secondo me si tratta solo di un gioco di parole dovuto al fatto che nel linguaggio quotidiano per velocità si intende soltanto il modulo mentre in fisica si intende anche la direzione
    se io dicessi

    "per passare da un orbita più interna ad una più esterna il satellite deve cambiare direzione di moto

    Tale affermazione avrebbe suscitato 6 pagine di discussione o sarebbe stata considerata una banalità ?


    In pratica però direi la stessa cosa di luca.g in quanto la nuova componente radiale si somma vettorialmente alla componente tangenziale che rimane per inerzia e il modulo della velocità aumenterebbe

Discussioni Simili

  1. Moto orbitale ?
    Di etto64 nel forum Meccanica Celeste
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 01-04-2015, 11:02
  2. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 07-10-2013, 20:48
  3. 1. Come affrontare la Meccanica Quantistica.
    Di Vincenzo Zappalà nel forum Articoli
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 28-08-2013, 04:10
  4. Urge una Polizia orbitale
    Di Vincenzo Zappalà nel forum Articoli
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 07-06-2013, 23:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •