Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 19 di 19
  1. #11
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,493
    Taggato in
    452 Post(s)

    Re: Il quasar più vicino con due buchi neri

    Citazione Originariamente Scritto da Ares1973 Visualizza Messaggio
    "Le simulazioni lasciano intravedere la nascita di intense onde gravitazionali nel merging..."

    Quindi sarebbe il propagarsi di queste perturbazioni gravitazionali il responsabile dei massivi processi di formazione stellare che si osservano in questo tipo di galassie?
    No, affatto. Il cosiddetto "starbrust" dipende dallo scontro delle nubi interstellari all'interno delle galassie in fusione, che ne causa il repentino collasso.

  2. #12
    Nana Bruna L'avatar di Ares1973
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Località
    Palermo (provincia)
    Messaggi
    101
    Taggato in
    11 Post(s)

    Re: Il quasar più vicino con due buchi neri

    Citazione Originariamente Scritto da Red Hanuman Visualizza Messaggio
    No, affatto. Il cosiddetto "starbrust" dipende dallo scontro delle nubi interstellari all'interno delle galassie in fusione, che ne causa il repentino collasso.
    Quindi i Quasar sono sola la traccia cosmica di uno scontro tra galassie nella fase iniziale di un Universo in espansione e che ha generato la loro straordinaria luminosità?

  3. #13
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,493
    Taggato in
    452 Post(s)

    Re: Il quasar più vicino con due buchi neri

    @Ares1973, no, perchè si formi un quasar è sufficiente la presenza di un BN supermassiccio e di abbastanza materia (stelle o nubi di gas) per formare un disco di accrescimento.
    Condizione che si verifica nella fusione di galassie, ma non solo e unicamente in questo caso.

  4. #14
    Gigante L'avatar di DarknessLight
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    1,492
    Taggato in
    209 Post(s)

    Re: Il quasar più vicino con due buchi neri

    Ma la gran parte dei quasar trovati sono oggetti molto antichi o sbaglio?
    ...Splende in un luogo oscuro...

  5. #15
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,493
    Taggato in
    452 Post(s)

    Re: Il quasar più vicino con due buchi neri

    @DarknessLight, come ho già detto, per avere un AGN ti serve un BH supermassiccio e un bel po' di gas per avere un bel disco di accrescimento.
    E' facile immaginare che queste condizioni (soprattutto l'abbondanza di gas) si possano verificare con maggior probabilità in un universo piccolo e giovane, piuttosto che in uno più vecchio e grande...

  6. #16
    Staff • Autore L'avatar di Enrico Corsaro
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Catania
    Messaggi
    1,982
    Taggato in
    295 Post(s)

    Re: Il quasar più vicino con due buchi neri

    Ragazzuoli ho visto il post, vediamo se riesco a rispondere più tardino...

  7. #17
    Staff • Autore L'avatar di Enrico Corsaro
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Catania
    Messaggi
    1,982
    Taggato in
    295 Post(s)

    Re: Il quasar più vicino con due buchi neri

    Due BH supermassicci non potranno mai essere osservati direttamente a causa delle proprietà che li definiscono. Non emettono radiazione. Si riscontrano generalmente dalla dinamicità delle zone limitrofe, o dall'emissione dei fasci ad alta energia in corrispondenza dei poli dell'asse di rotazione.

    Come ben mostrato nei video, il merging, cioè l'incontro e unione di due oggetti del genere, è un fenomeno molto complesso da un punto di vista dinamico e i processi fisici in gioco sono numerosi, tra cui sviluppo di riconnessioni magnetiche, interazione di plasma ad alta energia, riscaldamento del mezzo del disco di accresccimento per effetti di interazione gravitazionale, produzione di onde di pressione che si propagano verso l'esterno causano burst nelle zone limitrove al merging, ecc.

    Francamente non credo sia possibile osservare alcun quasar con telescopi amatoriali. Il più vicino indicato nell'articolo è a più di 500 milioni di anni luce. Sarebbe come chiedere di vedere una galassia di Andromeda, ma di dimensioni più piccole, posta ad una distanza 200 volte superiore. Questo riduce l'angolo solido con cui vedremmo l'oggetto di un fattore 2002 = 4 x 104.
    Considerando che la galassia di Andromeda ha un diametro apparente di 60 primi d'arco, cioè un grado, riducendolo di un fattore 40 mila, avremmo un diametro apparente per questo quasar (a dirla in modo ottimista) di meno di un decimo di secondo d'arco.
    Non sono un esperto del mercato dei telescopi amatoriali, ma richiedere un potere risolutivo dell'ordine del decimo del secondo d'arco (minimo si intende), è veramente difficile e richiederebbe comunque aperture molto grandi, già di qualche decina di centimetri. E questo senza considerare il notevole calo di luminosità apparente dovuto alla enorme distanza dell'oggetto (per quanto brillante esso sia).
    Anche se si riuscisse a risolvere parzialmente, di certo non si vedrebbe alcuna caratteristica interessante , quindi mi limiterei ad oggetti un pò più vicini dei quasar, almeno per l'osservativo amatoriale.

  8. #18
    SuperGigante L'avatar di Gitt
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Località
    Bovisio Masciago (MB) - Italy
    Messaggi
    2,576
    Taggato in
    980 Post(s)

    Re: Il quasar più vicino con due buchi neri

    Grazie, @Enrico Corsaro, hai elencato una serie di fenomeni affascinanti, molti dei quali per me ignoti, che si verificano nella regione limitrofa.
    Volevo chiederti se la teoria e le simulazioni allo stato attuale della conoscenza sono in grado di descrivere quello che avviene "all'interno"? Le caratteristiche quali massa, momento angolare ecc. si sommano?

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico Corsaro Visualizza Messaggio
    Francamente non credo sia possibile osservare alcun quasar con telescopi amatoriali. Il più vicino indicato nell'articolo è a più di 500 milioni di anni luce. Sarebbe come chiedere di vedere una galassia di Andromeda, ma di dimensioni più piccole, posta ad una distanza 200 volte superiore. Questo riduce l'angolo solido con cui vedremmo l'oggetto di un fattore 2002 = 4 x 104.
    Considerando che la galassia di Andromeda ha un diametro apparente di 60 primi d'arco, cioè un grado, riducendolo di un fattore 40 mila, avremmo un diametro apparente per questo quasar (a dirla in modo ottimista) di meno di un decimo di secondo d'arco.
    Se non erro, le dimensioni apparenti si riducono con la distanza in modo lineare, le superfici in modo quadratico: pertanto ritengo che il diametro sarà 1/200 di quello di M31.
    Prendendo le dimensioni in banda visuale, M31 è riportata sul NED come 190'x60'.

    Quindi è coerente che il quasar in oggetto abbia dimensioni apparenti intorno al 1', come ho scritto.
    La magnitudine integrata che ho riportato è quella che si trova nei dati del NED in banda V.

    Da qui ho dedotto la possibilità di osservarla (senza sperare ovviamente di scorgere particolari dettagli!) anche con strumenti amatoriali di diametro dai 300mm in su.
    Dobson RPAstro 16"/f4,5 | Oculari: Hyperion 21/68°, ES 14-11-8,8-6,7/82°, Planetary ED 5-3,2/60° | Barlow: Meade APO 140 2x | Filtri: Astronomik UHC e O-III

  9. #19
    Staff • Autore L'avatar di Enrico Corsaro
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Catania
    Messaggi
    1,982
    Taggato in
    295 Post(s)

    Re: Il quasar più vicino con due buchi neri

    Citazione Originariamente Scritto da Gitt Visualizza Messaggio
    Volevo chiederti se la teoria e le simulazioni allo stato attuale della conoscenza sono in grado di descrivere quello che avviene "all'interno"? Le caratteristiche quali massa, momento angolare ecc. si sommano?
    Si sono in grado, in modo sempre approssimato si intende. I video che Red ha inserito sono proprio esempi di queste simulazioni. Le masse si sommano si, i momenti angolari si sommano invece vettoralmente, il che è più complesso di una semplice somma algebrica e tiene anche conto del verso e della direzione di rotazione. Tuttavia traddandosi di corpi con una grande estensione, ci sono in mezzo processi turbolenti (sulla linea di ciò che può avvenire ad esempio nelle zone convettive stellari), che sono di per sè complessi da modellizzare.

    Citazione Originariamente Scritto da Gitt Visualizza Messaggio
    Se non erro, le dimensioni apparenti si riducono con la distanza in modo lineare, le superfici in modo quadratico: pertanto ritengo che il diametro sarà 1/200 di quello di M31.
    Prendendo le dimensioni in banda visuale, M31 è riportata sul NED come 190'x60'.

    Quindi è coerente che il quasar in oggetto abbia dimensioni apparenti intorno al 1', come ho scritto.
    La magnitudine integrata che ho riportato è quella che si trova nei dati del NED in banda V.

    Da qui ho dedotto la possibilità di osservarla (senza sperare ovviamente di scorgere particolari dettagli!) anche con strumenti amatoriali di diametro dai 300mm in su.
    Hai perfettamente ragione. Il discorso che ho fatto si applica alla luminosità, che comunque produce una magnitudine apparente di V = 13.60, per cui dovrebbe essere osservabile con strumenti dai 300 mm in su come hai giustamente detto.
    Si tratta comunque di un oggetto particolare, una galassia Seyfert I. In effetti visionando il database SIMBAD trovo misure di diametro angolare di circa 0.25 arcominuti, cioè circa 15", molto più di quanto immaginassi. Per cui ragazzi, bè dovrebbe essere fattibile .

Discussioni Simili

  1. Il tango dei buchi neri
    Di Red Hanuman nel forum Cosmologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-04-2015, 22:46
  2. buchi neri e big bang...
    Di alexander nel forum Astrofisica
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 20-04-2013, 15:57
  3. Il punto sui buchi neri
    Di Vincenzo Zappalà nel forum Articoli
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 14-03-2013, 11:24
  4. Buchi neri
    Di evuols nel forum Astrofisica
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 16-10-2012, 13:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •