Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 38
  1. #1
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    23,037
    Taggato in
    1892 Post(s)

    Post Climatizzazione delle ottiche

    CLIMATIZZAZIONE DELLE OTTICHE

    Per gli astrofili amatoriali e professionisti, il segreto per una fruttuosa e appagante sessione astronomica che sia visuale o astrofotografica è saper sfruttare appieno le condizioni ottico/meccaniche dei propri strumenti.

    Ovviamente, oltre a saper come sfruttare appieno la configurazione ottica con tutto quel che concerne l’uso (come gli oculari o diagonali o tutti il kit fotografico), oltre che meccanico (come la perfetta conoscenza della propria montatura), un’aspetto a volte sottovalutato anche da astrofili progrediti è quella di far raggiungere il perfetto equilibrio termico al proprio strumento.

    Oltre a far climatizzare la struttura del proprio strumento, è fondamentale avere lo specchio ( o lente) perfettamente in temperatura con l’esterno.

    Cosa comporta a livello pratico uno strumento non in temperatura?

    Gli effetti sono molteplici ma a volte sfuggenti, e variano da configurazione a configurazione dei vari strumenti.

    Telescopi come i rifrattori, essendo strumenti generalmente “più piccoli” e dotate di lenti sono quelli che “soffrono meno” di questo fenomeno, anche se bisogna far attenzione a non generalizzare.

    Un rifrattore dotato di lenti a doppietto impiegherà meno tempo ad entrare in temperatura a differenza di un tripletto spaziato in aria proprio per la maggiore difficoltà di stabilizzare la temperatura interna tra i vari “vani” poste tra una lente e l’altra.

    Un telescopio particolarmente soggetto alla climatizzazione delle ottiche sono i telescopi a configurazione Newton e quindi, anche i Dobson, quest’ultimi soprattutto se hanno il tubo monolitico, dato che la lunga focale ostacola lo scambio termico.

    Cosa comporta tecnicamente una climatizzazione non ottimale?

    Tanto per cominciare gli specchi (ed in maniera minore anche le lenti) sono soggetti a delle contrazioni dovute proprio alla variazione della temperatura dello specchio, anche per questo motivo si consiglia sempre, durante la collimazione, di non stringere mai drasticamente le viti, proprio per evitare un forte disassamento dello specchio, e quindi è fortemente consigliabile di non far prendere scambi di temperatura eccessivi in brevissimo tempo tra il massimo (magari quando il telescopio si trova in appartamento durante il periodo invernale, ipotizziamo 22°) ed il minimo, come quando lo si porta direttamente fuori (magari con una temperatura di 3-5°), proprio per evitare forti shock termici agli specchi.

    Ma sicuramente gli strumenti più ostici da portare in temperatura sono i telescopi in configurazione Schmidt Cassegrain (SC)e Maksutov Cassegrain (MAK) proprio per la loro configurazione a tubo ottico “chiuso” tra lo specchio primario e la lastra del secondario o menisco.

    Come possiamo accorgerci se il nostro strumento non è in temperatura?


    • L’effetto visuale classico è quella che osserviamo direttamente all’oculare, soprattutto quando si osservano oggetti luminosi (Pianeti, Luna, stelle particolarmente luminose) è data proprio dall’aria “calda” all’interno del tubo che con moti turbolenti cercano di risalire per termoregolarsi con l’aria fredda dell’esterno, e comporta l’effetto che gli oggetti osservati mostrano un’effetto “bollitura” un po’ quello che succede quando si puntano oggetti bassi all’orizzonte che soffrono della turbolenza atmosferica.
    • Un altro effetto visuale classico, è il problema della focheggiatura, uno specchio non in temperatura non raggiungerà mai (o con molta fatica) il punto di fuoco.



    Ma come posso evitare o migliorare i tempi per climatizzare uno specchio?

    Innanzitutto è il caso (per chi può!) stoccare il proprio telescopio in un’ambiente in linea con la temperatura esterna (magazzini, taverne, garage ….. ) un luogo che sia più che altro asciutto, proprio in virtù del fatto di semplificare ed avvantaggiarsi con i tempi di acclimatamento una volta all’esterno.

    Per chi fosse “obbligato” a stoccare il proprio strumento in appartamento è il caso, 2-3 ore prima, di metterlo all’esterno al riparo dal Sole per stabilizzarlo.

    Strumenti di ultima concezione, o comunque dotati di specchi di diametro generoso ( > 8” ) vengono montati delle ventole per anticipare la termoclimatizzazione.

    Queste ventole sono molto utili perché riescono a dimezzare anche della metà il tempo necessario per raggiungere l’obbiettivo, i problemi opposti però sono 2:

    1-la ventola aspira anche polvere che si depositerà sullo specchio (anche per questo molti astrofili smontano e rimontano al contrario tale ventola)

    2- nel momento dell’osservazione la ventola dovrà spegnersi per evitare proprio l’effetto “turbolenza” sopra descritta.

    Nei telescopi SC o Mak, si può togliere il tappo posto nella culatta del telescopio, stando ben attenti a lasciare il foro in direzione “alto” per favorire lo scambio termico (attenzione che non ci sia polvere che potrebbe infiltrarsi all’interno).

    Potremmo dire che per telescopi Newton fino a 8” potrebbero servire 60-75minuti di acclimatamento (dipende dalla differenza di temperatura), oltre, diciamo da 10” in poi, potrebbero servire anche 90-120 minuti.

    Ben diverso il discorso per gli Sc o Mak, per telescopi fino a 8” occorreranno 90-120 minuti, mentre per strumenti più importanti possiamo arrivare anche 150-180minuti.

    ATTENZIONE: come al solito il diavolo si nasconde nei dettagli:

    per avere un’eccellente efficienza di tutto il set up, non basta climatizzare le ottiche, ma dovranno ambientarsi anche tutti gli accessori…… oculari, Barlow, diagonali ecc ecc.

    Da un recente studio sembra che i telescopi soffrano sempre e comunque sbalzi drastici di temperatura, anche se già climatizzati, soprattutto in quelle zone (montane) dove con il calare del Sole la temperatura precipita….. è stato osservato che uno strumento può auto-termoregolarsi entro un range che va tra i 0.5 e 1 grado/ora, oltre (ipotizziamo un brusco calo da un’ora all’altra anche di 3 gradi) gli specchi saranno comunque sempre in criticità.

    Etruscastro

    Questo post contiene 5 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  2. #2
    Nana Bianca L'avatar di garmau
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    olbia
    Messaggi
    6,256
    Taggato in
    485 Post(s)

    Re: Climatizzazione delle ottiche

    Sembrerò ripetitivo, ma il mio commento è semplicemente....
    UNICO.
    -MAURIZIO-
    Leggi di Murphy sul big bang: all'inizio era il nulla. Poi qualcosa ando' storto.

  3. #3
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    23,037
    Taggato in
    1892 Post(s)

    Re: Climatizzazione delle ottiche

    ti ringrazio infinitamente Maurizio!
    sarà lo stato febbrile che mi ispira

  4. #4
    SuperNova L'avatar di marcom73
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma città
    Messaggi
    3,530
    Taggato in
    16 Post(s)

    Re: Climatizzazione delle ottiche

    Molto molto molto molto molto molto UTILE !!!
    C11 - RC8 - SharpStar 65Q - AZ EQ6 GT
    Astrobin : http://www.astrobin.com/users/marmony73/

  5. #5
    Meteora L'avatar di Ottavio
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Messaggi
    13
    Taggato in
    0 Post(s)

    Re: Climatizzazione delle ottiche

    Queste sono risorse soprattutto per i neofiti come me.


    BRAVO e soprattutto GRAZIE

  6. #6
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    23,037
    Taggato in
    1892 Post(s)

    Re: Climatizzazione delle ottiche

    grazie infinite anche a voi ragazzi!

  7. #7
    Nana Bianca L'avatar di Huniseth
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Vercelli
    Messaggi
    7,240
    Taggato in
    436 Post(s)
    Molto ben fatto..
    Mancano alcuni dettagli secondari...
    Più sono grandi e più tempo ci mettono ad equilibrare la temperatura
    C'è differenza di tempo fra una lente e uno specchio?
    Quanto ci mette un diametro di 250/300mm ad compensare una decina di gradi?
    Quanto ci mette un rifrattore da 120/150mm?
    (tempi precisi... numeri...)
    Cosa sono le piume di calore?

    Questo post contiene 1 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!
    Interminati spazi io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura.
    Mak180, G.Hi 152/900, Orion 80/400, Mak127, TS70ed/474, Wega 15x70, EQ6, binoview, Tasco80

  8. #8
    Nana Bianca L'avatar di garmau
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    olbia
    Messaggi
    6,256
    Taggato in
    485 Post(s)

    Re: Climatizzazione delle ottiche

    Citazione Originariamente Scritto da Huniseth Visualizza Messaggio
    Molto ben fatto..
    Mancano alcuni dettagli secondari...
    Più sono grandi e più tempo ci mettono ad equilibrare la temperatura
    C'è differenza di tempo fra una lente e uno specchio?
    Quanto ci mette un diametro di 250/300mm ad compensare una decina di gradi?
    Quanto ci mette un rifrattore da 120/150mm?
    (tempi precisi... numeri...)
    Cosa sono le piume di calore?
    Puoi tranquillamente implementare il tutorial di Antonio con le tue conoscenze, mettile in campo e falle correre, per noi è grasso che cola.

    Questo post contiene 1 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!
    -MAURIZIO-
    Leggi di Murphy sul big bang: all'inizio era il nulla. Poi qualcosa ando' storto.

  9. #9
    Sole L'avatar di rubens
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Località
    MODENA
    Messaggi
    601
    Taggato in
    9 Post(s)

    Re: Climatizzazione delle ottiche

    Chiaro, essenziale e interessante. bel lavoro.

    Io ho un SC e la fortuna di lasciarlo sempre in esterno rendendolo pronto all'uso, tuttavia in giornate estive particolarmente calde occorre cmq aspettare qualche decina di minuti.
    Guardando il disco di Airy si riconosce il flusso d'aria calda che tenta di risalire il tubo.

    Questo post contiene 1 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  10. #10
    Nana Bianca L'avatar di Huniseth
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Vercelli
    Messaggi
    7,240
    Taggato in
    436 Post(s)

    Re: Climatizzazione delle ottiche

    Avviso ai naviganti.
    Qualcuno mette la mano sul fuoco che lasciando sempre il telescopio fuori, anche coperto, non si degrada l'alluminatura? - mettendo questo commento mi è anche venuto il dubbio che anche un numero eccessivo di shock termici da 20 gradi la rovinano., alluminatura e vetro forse hanno dilatazioni diverse... mah..
    Interminati spazi io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura.
    Mak180, G.Hi 152/900, Orion 80/400, Mak127, TS70ed/474, Wega 15x70, EQ6, binoview, Tasco80

Discussioni Simili

  1. Pulizia delle ottiche ( di P. Camaiti)
    Di etruscastro nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 22-09-2018, 10:15
  2. massa delle stelle
    Di manuela nel forum Astrofisica
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 02-11-2012, 10:17
  3. Il gioco delle stelle
    Di Vincenzo Zappalà nel forum Articoli
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 26-09-2012, 14:19
  4. infarinatura delle stelle....
    Di achille nel forum Astrofisica
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-06-2012, 20:58
  5. esperimento delle due fessure
    Di Matteo nel forum Astrofisica
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 13-05-2012, 22:08

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •