Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 456
Risultati da 51 a 53 di 53
  1. #51
    Staff • Autore L'avatar di corrado973
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Località
    Quartucciu (CA)
    Messaggi
    4,076
    Taggato in
    365 Post(s)

    Re: Le stelle si vedono meglio dalla tomba?

    Citazione Originariamente Scritto da Mira Visualizza Messaggio

    ...e il video? Si, sono GOLOSA...
    Ecco una foto aerea e il mio video su youtube

    Bebop2_20170922180435+0200.jpg

    https://www.youtube.com/watch?v=YAYK-nKs7oI&t=0s

    Dobson gso 10",oculari:30mm,25mm,16mm,9mm,5mm. Barlow televue 2x,vari binocoli.
    Fotocamera bridge Panasonic FZ72 S C B2 La Sardegna col Bepop2

  2. #52
    Nana Rossa L'avatar di Ro84
    Data Registrazione
    Feb 2019
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    348
    Taggato in
    36 Post(s)

    Re: Le stelle si vedono meglio dalla tomba?

    Ciao, vorrei portare un mio parere sulla questione citata anni fa qui sullla relazione Monte d'Accoddi - Croce del Sud.

    Benché non sfugga a nessuno che la Croce del Sud fosse visibile per intero nei cieli sardi in tempi antichi (e in realtà lo è stata per parecchio tempo, almeno per diecimila anni fino a circa il 200 a.C. (un paio di secoli più di recente dalle coste meridionali), io ho sempre faticato assai a mandare giù questa teoria. E non perché sia impossibile (abbiamo visto che i presupposti ci sono), ma perché non ne vedo la ragione pratica.

    Di megaliti e strutture antiche allineate con gli astri c'è pieno il mondo, letteralmente. Tuttavia queste strutture, quando non sono legate al sorgere del Sole o al suo mezzogiorno, spesso sono allineate con stelle e gruppi stellari molto appariscenti, oserei dire dominanti, tanto che appunto fungevano da riferimento per la cultura di chi questi megaliti li eresse. Ora, è innegabile che il gruppo di stelle della Croce del Sud sia molto appariscente, ma occorrerebbe anche collocare queste stelle nel contesto celeste che i sardi antichi osservavano ogni notte.

    Come oggi, anche all'epoca, le figure più brillanti erano la stella Sirio, il grande quadrilatero che oggi chiamiamo Orione con il suo trio allineato al centro che non ha eguali in tutto il cielo, e poi altre figure particolarmente facili, come il Grande Carro, lo Scorpione (che all'epoca era più alto per via delle precessione - attenzione, non che dovesse per forza rappresentare uno scorpione nell'antichità, ma solo e unicamente perché è una figura molto luminosa). Più vari gruppi di stelle di prima grandezza con annesse stelle più deboli vicine, come il Toro, la parte superiore dell'Aquila, e così via.

    Cosa ha di speciale dunque la Croce del Sud? Premesso che ovviamente oggi noi la chiamiamo così, ma anticamente le sue stelle erano semplicemente le zampe posteriori del Centauro; e prima ancora o in differenti culture, chi lo sa... ma di gruppi stellari a forma di croce è pieno il cielo, se "disimpariamo" la forma delle costellazioni come oggi le riconosciamo: la croce più grande che si possa trovare in cielo per esempio ce l'abbiamo alta tutti gli inverni e neppure ci abbiamo mai fatto caso: pensate all'asse maggiore formato da Sirio e Alhena, e l'asse minore formato da Betelgeuse e Procione. Una croce immensa, chiarissima, altro che la Croce del Sud...

    Altro elemento: la Croce del Sud è indissolubilmente legata ai "Puntatori", ossia Alfa e Beta Centauri. Chi ha esperienza nella loro osservazione visuale e non è troppo plagiato da una conoscenza approfondita delle costellazioni attuali, non può fare a meno di considerare tutte queste stelle come un unico, omogeneo e ben distaccato gruppo stellare, quasi senza eguali, e, cosa importante, di cui la Croce del Sud non è che il "ramo debole" dell'asterismo, ossia la parte meno "attraente", per via della minore luminosità delle sue stelle. Un po' come l'angolo in basso a sinistra lo è per Orione, con Saiph che è meno luminosa anche delle stelle della Cintura.

    Poi c'è un altro elemento a mio avviso molto importante e forse persino dirimente: la Croce del Sud era un gruppo di stelle abbastanza basso (circa 10° nel 3000 a.C., più o meno come noi oggi sempre da Sassari vediamo la coda dello Scorpione), visibile per pochissime ore ogni notte e per giunta solo in certe stagioni, quando cioè il Sole era lontanissimo dal tratto dell'eclittica compreso fra il Cancro e lo Scorpione, in pratica del tutto invisibile in estate. L'estinzione atmosferica fa il resto, ed ecco così che Acrux diventa una stella più o meno come tante. Dunque perché dare tanto spazio e importanza a un gruppo di stelle neppure bene osservabili, quando c'è in alto comodo comodo ben altro di più appariscente da usare? Senza contare che, come detto, il vicino Gruppo dei "Puntatori" risalta maggiormente, a maggior ragione che all'epoca le due stelle erano anche più distanziate e l'intero "segno celeste" appariva dunque più esteso.

    Tutto questo ragionamento, per altro, si basa su un postulato: che Monte d'Accoddi sia per forza allineato a qualche gruppo stellare. Probabile, magari anche molto probabile, dato che altre strutture megalitiche antiche sono allineate con astri, ma non del tutto certo. Inoltre la stragrande maggioranza dei siti megalitici noti sono allineati con il Sole e con la sua posizione in determinati periodi dell'anno.

    Insomma, io credo che ci affascini di più l'idea che ci sia un sito megalitico che sia allineato a stelle che oggi per giunta non sono più osservabili: è il doppio fascino di una cosa doppiamente perduta, da una parte una cultura misteriosa scomparsa e dall'altra un cielo ormai cambiato. Ma io sarei per tenere i piedi per terra e pensare a ciò che già conosciamo o che potremmo scoprire, senza scomodare l'Associazione Scorpius-Centaurus. Ovviamente nulla si può escludere al 100%, ma ecco, credo personalmente che ci siano spiegazioni più plausibili.
    Ultima modifica di Ro84; 24-09-2019 alle 11:49
    Roberto - Strumenti: Dobson Skywatcher 203/1200; Skywatcher Startravel 80.
    Oculari: zoom Baader 8-24 Mark III; Baader 36 asferico.

  3. #53
    SuperNova L'avatar di Valerio Ricciardi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma (di base)
    Messaggi
    3,720
    Taggato in
    363 Post(s)

    Re: Le stelle si vedono meglio dalla tomba?

    Ecco, trovo questa accurata analisi un esempio corretto di come si ragioni con mentalità scientifica.

    Senza "aringhe rosse".
    INQUINAMENTO LUMINOSO- segnala impianti illegali nel territorio laziale, protetto dalla L.R. n. 23/2000: www.laziostellato.org

Discussioni Simili

  1. Quello che è meglio ...e meglio!
    Di GALASSIA60 nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 24-01-2014, 15:22
  2. Come si vedono le Galassie nel telescopio?
    Di medved nel forum Profondo Cielo
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 04-11-2013, 00:37
  3. Quante stelle ci vedono?
    Di Vincenzo Zappalà nel forum Articoli
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 19-04-2013, 17:51
  4. Le stelle dalla morte
    Di peppe nel forum Astrofisica
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 27-02-2013, 05:02
  5. Gli alieni ci sono ma non ci vedono!
    Di Vincenzo Zappalà nel forum News
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 17-02-2013, 13:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •