Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22
  1. #1
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    21,963
    Taggato in
    1796 Post(s)

    Post Calcolo Magnitudine Limite Teorica

    CALCOLO MAGNITUDINE LIMITE TEORICA


    Quanti di noi sanno calcolare la magnitudine limite teorica dei nostri strumenti?
    Pochi….. veramente pochi..... fino a qualche giorno fa, pensavo anche io (senza la minima umiltà! ) di saper svolgere il procedimento.

    Soltanto qualche sera fa, durante una riunione sociale della mia associazione astrofila, è salito a galla il vero problema che riguarda il calcolo, durante una discussione che più tardi ve ne farò partecipi.

    Vediamo come possiamo districarci in questi calcoli, la formula che regola il valore è questa:

    ml=mv + 5*log(D/p) con log in base 10

    dove ml sta per magnitudine limite, mv sta per magnitudine visuale, 5 è il logaritmo per la magnitudine, D sta per diametro e p sta per pupilla di uscita….

    E' bene ricordare che la scala delle magnitudini è logaritmica, in base 2.5 ( arrotondata perché in realtà è 2.512 ), questo significa che la differenza di luminosità fra una stella di magnitudine 0 e una di magnitudine 1 è pari a 2.512 .

    Vediamo di attuarla con dei semplici esempi di modo che tutti sappiano come regolarsi:

    ipotizziamo di avere un classico telescopio da 8” quindi 200mm di diametro ( in realtà è 203mm ma semplifichiamo all’inverosimile) e supponiamo anche che il nostro occhio si dilati al buio fino a 7mm (in realtà, come già sappiamo è già tanto arrivare a 5mm), il guadagno luminoso sarà pari al rapporto del quadrato dei due obbiettivi in questo caso la formula sarà 200^2/7^2, cioè 816.

    Un telescopio da 200mm dunque raccoglie 816x più luce dell'occhio umano, dilatato a 7mm,come nel caso che abbiamo preso in considerazione.

    Dato che, come detto, la scala delle magnitudini segue un log in base 2.5, dovremmo trovare l'esponente da dare a 2.5 per avere 816, esponente che rappresenterà il guadagno di magnitudini osservando direttamente al telescopio, in questo preciso caso il valore è pari a 7.3 (arrotondato),…… se dunque la magnitudine del nostro cielo sarà ad esempio 5.5 (imparate a valutarlo da qui: http://www.astronomia.com/forum/show...cala-di-Bortle ) allora la magnitudine limite all'oculare del nostro telescopio sarà 7.3 + 5.5 = 12.8
    la magnitudine limite del nostro strumento da 200mm sotto un cielo da mv 5.5 sarà dunque 12.8!

    domanda lecita:

    E se la magnitudine limite del cielo anziché 5.5 sia 6.5 ?

    All'oculare arriveremo a mag. 13.8 …. Semplice no!

    I più sagaci potrebbero fare il discorso inverso e farmi la domanda:

    e se volessimo arrivare a magnitudine 13.8 partendo da un cielo di 5.5?

    allora avremo bisogno di un' obbiettivo che offra un valore di magnitudine di 8.3 ( = 13.8 - 5.5 ), ossia un obbiettivo da 320mm!
    Infatti 320x320/49 (ricordate? 7^2 della pupilla di uscita?) fa 2090, e l'esponente da dare a 2.5 per ottenere 2090 è proprio 8.3!

    In poche parole un 320mm sotto un cielo di magnitudine 5.5 mostra gli stessi oggetti di uno strumento da 200mm sotto un cielo buono!

    Tutto bene?

    Scommetto che quasi tutti i lettori di questa discussione, con carta e penna e, soprattutto una calcolatrice scientifica, abbiano eseguito i relativi calcoli del proprio strumento…. Ci sarà chi avrà ottenuto una mag. di 12.5 e chi, con soddisfazione arriva a 14…. Sicuramente ci sarà anche chi avrà sbagliato i calcoli…..

    Ma sarà tutto giusto? Ci fidiamo di questa formulina e dei soli logaritmi?

    Niente di più sbagliato…… ragionandoci sopra con i miei soci di associazione e, soprattutto con gli scambi di pareri del mio amico/socio e prof. di matematica Bellini, spulciando fra numeri e su internet in cerca di lavori in merito svolti da professionisti ci siamo imbattuti sul lavoro di Bradley Shaefer e Blackwell ( qua il lavoro originale: http://articles.adsabs.harvard.edu//full/1990PASP..102..212S )

    vediamo di esaminare il tutto con occhio pratico, scientifico e professionale:

    secondo il lavoro degli illustri professionisti ( Shaefer è professore di astronomia e astrofisica ) la magnitudine limite dipende non solo dall’ apertura….. ma anche dall'ingrandimento (e questo fattore inficia non poco).

    come mai la magnitudine limite dipende dall'ingrandimento?

    Risposta: per il contrasto!

    Una stella infatti è una sorgente puntiforme, e tale resta aumentando l'ingrandimento.
    Il cielo invece è una sorgente estesa, il contrasto quindi aumenta all'aumentare dell'ingrandimento almeno fino a quando la stella non comincia ad apparire di diametro finito a causa del seeing o della diffrazione.

    Del resto pensiamoci bene, e seguite il mio ragionamento di base:

    ipotizziamo di avere un rifrattore APO da 100mm (trattiamoci bene sulle qualità delle lenti!) e puntiamo un ammasso aperto mediamente denso ed esteso, composto da circa 40 stelle ben visibili ad un binocolo da 10x50 …… immaginiamo di osservare l’ammasso a 40x, cosa vedremo?
    Sicuramente vedremo tutte e le 40 stelle dell’ammasso con l’aggiunta di piccole stelline di fondo (e quindi magnitudine minore!) che prima al binocolo non scorgevamo!

    Ora pensiamo di salire con gli ingrandimenti a ……. 80x, cosa vedremo?
    Vedremo non più le 40 stelle dell’ammasso, ma ne vedremo magari 30 ma con un sottofondo di stelline più ricche!

    Ultima ipotesi, immaginiamo di osservare l’ammasso a 140x , che risultato otterremmo? Sicuramente vedremo 20 delle stelle dell’ammasso, ma potremmo definire con sufficiente precisione buona parte di quelle stelline di fondo con una mag. molto più positiva!

    Come mai? Eppure il diametro è sempre lo stesso! Dove sta l’inghippo?

    Nessun inghippo, questo è il risultato naturale del lavoro di Schaefer e Blackwell, ci avevate mai pensato?

    Eppure qualcuno potrebbe dire:

    ma sul mio manuale di istruzioni riporta che il mio strumento da 8” arriva ad una magnitudine limite di +13.5?

    quasi giusto… ma lo avete mai testato direttamente?

    Cosa ci insegna l’esempio sopra descritto del 100mm?

    la considerazione da fare quando si riportano le magnitudini limite, sarebbe di specificare sempre anche l'ingrandimento al quale è fatta l'osservazione, dal seeing e dalla luminanza del cielo ( il valore SQM)….. quindi una piccola tirata di orecchie ai fabbricanti!.

    tornando a noi:
    La vecchia formula della magnitudine limite diceva:

    ml=mv + 5*log(D/p) con log in base 10

    In questo modo il Log(D/p) rappresenta il guadagno di luce del telescopio, se la si applica ad un 127 mm con p=6 mm e mv =6 produce 12.7.

    Tuttavia questa formula è sbagliata ( o non del tutto corretta!), come spiega bene Shaefer nell'articolo sopra citato….. L'errore sta nell'assumere che se un telescopio "guadagna" un fattore 100 in luce (5 magnitudini) allora si vedranno stelle di 5 magnitudini in più rispetto all'occhio nudo.
    Questa cosa è vera solo se l'ingrandimento del telescopio è tale da produrre una pupilla di uscita uguale a p così che il fondo cielo abbia la stessa luminanza.

    Tuttavia, aumentando l'ingrandimento il fondo cielo si scurisce e, dato che la visibilità delle stelle rispetta le stesse regole studiata da Blackwell (dipende dal contrasto) si riescono a raggiungere magnitudini limiti più alte (fino a circa 2 mv in più). Un 10 cm in condizioni ideali consente di raggiungere una mag. di circa 14.

    Comunque la formula corretta (o meglio, quella più vicina alla realtà) è questa:

    SB = 28.57 - 2.814LM + 0.3694LM^2 + 5 log (MAG fratto DIAM radice quadrata di t)

    TLM = -22.81 + 1.792SB + 0.02949SB ^2 + 2.5 log ( DIAM^2 X t )



    dove:

    LM indica la magnitudine limite, MAG l'ingrandimento usato, DIAM il diametro del telescopio in mm, t il coefficiente di trasmissione (perdite) (si può omettere), SB è la brillanza del cielo ( SQM ), TLM è la magnitudine limite raggiunta

    La prima formula tiene conto del fatto che il cielo aumentando l'ingrandimento si scurisce, la seconda utilizza il valore della brillanza del cielo appena trovata per dare una stima della magnitudine limite.

    Ma siccome sono un moderatore buono e comprensivo, vi allego un’interessante link dove potrete calcolare semplicissimamente il vostro valore usando la forza di calcolo “bruta” dei computers (non ditelo a Zappalà! ):

    http://www.cruxis.com/scope/limitingmagnitude.htm


    questa discussione non vuole essere un punto di arrivo, bensì una base da cui partire tutti insieme con delle ottime riflessioni, anche io ho dovuto sfatare diversi falsi miti su questo calcolo.
    Vorrei ringraziare i VERI professionisti che hanno contribuito decisamente a questo risultato, anche se magari non lo sapranno mai, e tutto il gruppo Tau per avermi dato l’input per questa riflessione… e soprattutto il mio prof di matematica che scoccio ogni volta ho dei dubbi matematici…..

    Etruscastro

    N.B. il post riporta citazioni tratte direttamente dal lavoro originale.

    Questo post contiene 6 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  2. #2
    Sole L'avatar di Lampo
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Varese
    Messaggi
    869
    Taggato in
    4 Post(s)

    Re: Calcolo Magnitudine Limite Teorica

    Grande Etru, molto interessante sto articolone! Mò me lo rileggo con più attenzione perchè ci sono un pò di passaggi su cui bisogna riflettere un pò meglio...e anche l'ultimo link che hai postato devo riguardarmelo meglio, ci ho giocato un pochino e mi dà dei risultati sempre un pò troppo conservativi così a prima vista...

    Bravo Etru!

  3. #3
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    21,963
    Taggato in
    1796 Post(s)

    Re: Calcolo Magnitudine Limite Teorica

    grazie Lampo... aspetto le tue solite osservazioni intelligenti con interesse....
    ripeto, io so sulla base degli esempi che ho scritto nell'articolo.... difficilmente vado oltre, ma se alcuni passaggi non si capiscono bene ragioniamoci tutti insieme perchè ho ancora delle riserve dettate (forse) da vecchie convinzioni....... sono pronto a migliorarmi insieme a voi!

  4. #4
    Bannato L'avatar di Armando
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Messaggi
    301
    Taggato in
    0 Post(s)

    Re: Calcolo Magnitudine Limite Teorica

    Bravo ETrù!
    io ho fatto un calcolo con il mio tele :254^2/5^2 = 254*254/5*5= 64516/25= 2580,64
    Minchia quanta luce in + del mio occhio raccoglie il mio cannone
    ora vorrei capire bene la formula della magnetudine in visuale del mio cannone con un seein medio
    francamente non ci riesco
    Antonio mi rifai tu il calcolo
    presumo che riesco ad avere una dilatazione pupillare da 5mm il diametro lo scritto
    cosa serve piu?
    grazie.

  5. #5
    Nana Bianca L'avatar di Huniseth
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Vercelli
    Messaggi
    7,240
    Taggato in
    436 Post(s)

    Re: Calcolo Magnitudine Limite Teorica

    Troppo facile ragazzi....

    Riporto quanto letto sull'enciclopedia della Scienza e della Tecnica Monadori, probabilmente la migliore del periodo in cui facevano ancora enciclopedie..
    Tutto bene, i calcoli sono ottimi, le formule giuste, le teorie centrate... ma alla fine di tutto non sono reali, ci sono molti fattori incalcolabili e soggettivi. Il principale è l'impossibilità di stabilire l'acutezza della capacità visiva delle persone, poi altri fattori legati alle lenti.
    Diciamo quindi che abbiamo una buona traccia, un quadro generale, ma non esatto.
    Interminati spazi io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura.
    Mak180, G.Hi 152/900, Orion 80/400, Mak127, TS70ed/474, Wega 15x70, EQ6, binoview, Tasco80

  6. #6
    Bannato L'avatar di Armando
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Messaggi
    301
    Taggato in
    0 Post(s)

    Re: Calcolo Magnitudine Limite Teorica

    Hni si capisce che non ci si mette un cieco al telescopio
    le lenti devono essere buoni e le condizioni meteo accettabili
    Meno male che chiudi il discorso scrivendo così iciamo quindi che abbiamo una buona traccia, un quadro generale, ma non esatto
    Hai perso solo pochi punti

  7. #7
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    21,963
    Taggato in
    1796 Post(s)

    Re: Calcolo Magnitudine Limite Teorica

    Citazione Originariamente Scritto da Armando Visualizza Messaggio
    Bravo ETrù!
    io ho fatto un calcolo con il mio tele :254^2/5^2 = 254*254/5*5= 64516/25= 2580,64
    Minchia quanta luce in + del mio occhio raccoglie il mio cannone
    ora vorrei capire bene la formula della magnetudine in visuale del mio cannone con un seein medio
    francamente non ci riesco
    Antonio mi rifai tu il calcolo
    presumo che riesco ad avere una dilatazione pupillare da 5mm il diametro lo scritto
    cosa serve piu?
    grazie.
    rispondo a te e solo a te via MP...... non vorrei far passare questa discussione per delle richieste di calcoli!

  8. #8
    Bannato L'avatar di Armando
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Messaggi
    301
    Taggato in
    0 Post(s)

    Re: Calcolo Magnitudine Limite Teorica

    Grazie Galassie ora si vi vengo a trovare

  9. #9
    Nana Bianca L'avatar di Huniseth
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Vercelli
    Messaggi
    7,240
    Taggato in
    436 Post(s)

    Re: Calcolo Magnitudine Limite Teorica

    Questo è lo stato dell'arte, anch'io ero convinto che certe formule o leggi dell'ottica fossero "assolute"
    Interminati spazi io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura.
    Mak180, G.Hi 152/900, Orion 80/400, Mak127, TS70ed/474, Wega 15x70, EQ6, binoview, Tasco80

  10. #10
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    21,963
    Taggato in
    1796 Post(s)

    Re: Calcolo Magnitudine Limite Teorica

    cosa c'è Huniseth... cosa c'è che non ti torna dall'inizio della discussione.....
    qua si parla di magnitudine limite teorica.... quindi con la stragrande maggioranza dei casi, il valore che possiamo ottenere tenendo in considerazione tutte le variabile ci porta ad un valore massimo.... comunque difficilmente raggiungibile nella pratica....... altra cosa era se si fosse parlato di calcolo della magnitudine limite media!...... se ci fosse un parametro da migliorare parliamone, ma discreditare il lavoro (di professionisti tra l'altro) con cose supposte mi sembra esagerato!

    Questo post contiene 1 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

Discussioni Simili

  1. Calcolo Ingrandimento Minimo
    Di etruscastro nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 17-01-2013, 11:10
  2. Calcolo Focale / Ingrandimenti fotografia in proiezione
    Di marcom73 nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 04-01-2013, 17:29
  3. Il lobo e il limite non sono la stessa cosa
    Di Vincenzo Zappalà nel forum Articoli
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 11-09-2012, 17:03
  4. magnitudine assoluta cos' è?
    Di Cla nel forum Astrofisica
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 28-05-2012, 19:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •