Pagina 7 di 7 PrimaPrima ... 567
Risultati da 61 a 64 di 64

Discussione: Notizie dall'UAN

  1. #61
    SuperNova L'avatar di SVelo
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Cercola
    Messaggi
    4,491
    Taggato in
    816 Post(s)

    Re: Notizie dall'UAN

    ASTROUANEWS N. 15 DEL 19 AGOSTO 2019
    EVENTI

    EVENTI PUBBLICI IN CORSO DI ORGANIZZAZIONE DA PARTE DELL'UAN
    - 15/09, Festa di riapertura di Città della Scienza, live show al Planetario "Quattro passi sulla Luna", osservazioni del Sole e dimostrazioni di gnomonica.
    - 27/09, Notte Europea dei Ricercatori, Museo Ferroviario di Pietrarsa, osservazioni al telescopio di Saturno e guida al riconoscimento di stelle e costellazioni, presentazioni multimediali su "Miti e leggende delle Costellazioni" e "Il cielo possibile".
    - 28/09, Parco Ecologico "D'Acunto", osservazioni del Sole e presentazione di orologi solari.
    - 24/11, XXXIII Edizione di Futuro Remoto, Città della Scienza, live show al Planetario, osservazione del Sole e dimostrazioni di gnomonica.

    NOTIZIE DALL'UAN

    METEORE, METEORITI, METEOROIDI, BOLIDI: UN CHIARIMENTO E' NECESSARIO Ascoltando alcune persone alle recenti manifestazioni pubbliche che l'UAN ha organizzato in occasione del massimo dello sciame meteorico delle Perseidi, come pure leggendo alcuni titoli di quotidiani ed in rete, appare evidente come ci sia una certa confusione tra i termini "meteore" e "meteoriti", che il termine "meteoroide" non sia quasi mai usato come pure la parola "bolide" non e' ben chiaro a cosa si riferisca, se non genericamente a "meteora molto luminosa". Qualche chiarimento e' quindi utile, se non altro per quanti sono interessati all'Astronomia. E' definita "meteora" l'effetto luminoso prodotto dall'ingresso nell'atmosfera (per i pianeti che ce l'hanno) di un "meteoroide" o un "asteroide". I meteoroidi sono oggetti che orbitano attorno al Sole, di dimensioni comprese tra 30 micrometri (cioe' 1/30 di millimetro) e 1 metro di diametro. Oggetti piu' piccoli di 30 micrometri sono definiti "micrometeoroidi" mentre oggetti piu' grandi di un metro sono definiti "asteroidi". Quindi, quando vediamo la classica scia luminosa detta "stella cadente" non vediamo assolutamente l'oggetto che l'ha prodotta perchè, nella maggioranza dei casi, si tratta di un granellino delle dimensioni di qualche millimetro a qualche centimetro. Quando la meteora e' molto luminosa, cioe' ha una magnitudine inferiore a -4,5 (pari o superiore alla luminosita' massima di Venere) il fenomeno e' definito “bolide” e, a differenza delle meteore, alcune volte se ne percepisce la dimensione: quindi si vede il meteoroide o l’asteroide. Per concludere, oltre che sulla Terra il fenomeno della "meteora" o del "bolide" si puo' vedere su tutti i pianeti che hanno un'atmosfera: Venere, Marte ed i pianeti giganti Giove, Saturno, Urano e Nettuno, piu' sui loro satelliti che hanno un'atmosfera gassossa. Invece, su Mercurio e sulla Luna non si producono "meteore" perche' non hanno l'atmosfera: quindi, l'oggetto in orbita di collisione, cade direttamente sulla loro superficie e genera un cratere da impatto senza produrre alcuna scia luminosa.

    LE NOTIZIE DI URANIO

    RICORDO DI UN ASTROFILO DEL PASSATO: ISIDORO BARONI (1863-1930) Isidoro Baroni nasce in Carnia ad Ovaro in provincia di Udine il 17 aprile 1863. Come tutti gli amanti dell’Astronomia, anche il piccolo Isidoro seguiva con curiosita' il corso degli astri e metteva spesso in imbarazzo con domande il suo maestro delle elementari. Insoddisfatto dei suoi insegnanti, comincio' a procurarsi dei libri di Astronomia e si ritenne fortunato di aver trovato il vecchio “Trattato Astronomico” del 1762 di Tommaso Guerrino. Non ancora contento, volle conoscere il compilatore de l’Almanacco Popolare “Strolic Furlan”, un certo Piero Savio, affinche' gli insegnasse a calcolare con precisione le fasi lunari, ma questi gli disse che copiava le effemeridi degli almanacchi che venivano stampati prima del suo! Intraprese gli studi nautici a Venezia ed a Genova con la segreta intenzione di studiare soprattutto l’Astronomia. A 24 anni nel 1887 pubblica la monografia “Il Sestante” e comincio' presto a divulgare l’Astronomia sui maggiori e piu' diffusi giornali d’Italia, firmandosi con il suo nome ed a volte con gli pseudonimi di Geuranico o di Uranio: ecco il ricorso storico dell’uso di tale parola. Nel 1891 pubblica “L’Orologio Siderale Baroni”, un metodo pratico per conoscere l’ora della notte con l’osservazione del Grande Carro (Ursa Major). Nel 1900, nel mese di Maggio, esce il primo numero de “L’Astrofilo” fondato e diretto dal Capitano Isidoro Baroni con sede a Milano nel tuttora esistente palazzo di via Nerino 3. Una rivista, per intenderci, alla Sky and Telescope, e siamo in Italia nel 1900! Altro anno importante per la vita del Baroni e' il 1902, infatti traduce dal francese “Le Stelle e le curiosita' del cielo” di Camillo Flammarion, oggi disponibile anche in copia anastatica, libro che tutti gli astrofili dovrebbero avere (nella biblioteca dell'UAN ne abbiamo una copia, n.d.r.). Leggendo il suo lavoro piu' impegnativo, la rivista “L’Astrofilo”, ci si rende conto del suo carattere, certamente rigido e forse scontroso, ma pieno di passione per l’Astronomia che divulgava con tanto calore. Piu' volte ebbe occasione di ribadire testualmente: “per quei lettori che fossero tentati di sorridere alla parola osservatorio (riferito al luogo di osservazione del Baroni, sul terrazzo di via Nerino 3 a Milano ) ovunque si trovi un occhio famigliare con il Cielo, ivi e' un Osservatorio”. Il Capitano Isidoro Baroni muore a Milano il 18 giugno 1930. Sotto alla sua foto con necrologio sul Corriere della Sera e' scritto: Isidoro Baroni (Uranio), popolarissimo volgarizzatore della scienza astronomica.
    (Uranio e' lo pseudonimo scelto da un astrofilo di Milano, Amico dell'UAN e di Napoli, che invia per la pubblicazione sulle AstroUANews queste note allo scopo di mantenere viva la memoria della storia dell'Astronomia)

    ASTRONOTIZIE

    FISICA E ASTROFISICA

    UN RESPIRO QUANTISTICO. Su Science una ricerca dell'Universita' di Heidelberg dimostra per la prima volta una deviazione teoricamente prevista dalla fisica classica: una scoperta che potrebbe aiutarci a capire meglio il mondo dei superconduttori e del grafene (https://bit.ly/31K4C1w).

    SISTEMA SOLARE

    SIAMO FATTI DI STELLE CADENTI. Questo e' il titolo che da qualche anno l'UAN propone come conversazione con videoproiezione al pubblico, soprattutto in occasione di manifestazioni per il massimo dello sciame delle Perseidi. Secondo una ricerca guidata da geochimici dell'Universita' di Tubinga, e' solo grazie agli asteroidi provenienti dal Sistema Solare esterno, caduti sul nostro pianeta fra 4,5 e ,.9 miliardi di anni fa e che hanno rilasciato acqua in abbondanza, sostanze volatili e selenio, che possiamo dirci “vivi”. Qiuindi, La Terra e' un "minestrone" di ingredienti spaziali (https://bit.ly/31EXFyO).

    IL METANO MARZIANO NON VIENE SCAVATO DAL VENTO. Una nuova ricerca a guida britannica ha preso in considerazione la quantita' di metano intrappolato nelle rocce marziane che si potrebbe liberare in atmosfera in seguito all’azione del vento, calcolando che e' assolutamente insufficiente a spiegare le seppur modeste concentrazioni di metano rilevate (https://bit.ly/30eOTHu).

    ULTIME SCOPERTE DI CURIOSITY, DA 7 ANNI SU MARTE. Nel giorno del suo settimo compleanno su Marte, la sonda Curiosity continua a fornire nuovi dati sul passato del Pianeta Rosso. Le ultime immagini rivelano rocce stratificate e ondulate che provano come acqua e vento possano aver plasmato il terreno (https://bit.ly/2P4Q770).

    ASTROFILO FOTOGRAFA PER CASO LA CADUTA DI UN ASTEROIDE SU GIOVE. Un astrofilo texano nel fare una ripresa di Giove col proprio telescopio (come fanno i Soci UAN della Sezione Luna e Pianeti, n.d.r.) ha scoperto che nel video era stato filmato un bagliore localizzato in un punto dell'atmosfera del pianeta, dovuto all'impatto di un oggetto celeste, un piccolo asteroide. Il video con la registrazione di questo fenomeno astronomico è pubblicato sul sito Repubblica.it alla seguente URL: https://bit.ly/2KGRjcv (comunicato da A.M. Sacca', UAN)


    NEBULOSE, STELLE ED AMMASSI

    POLVERE INTERSTELLARE NELLE NEVI DELL’ANTARTIDE. Un gruppo di ricerca tedesco ha individuato tracce del raro radioisotopo ferro-60 tra le candide nevi dell’Antartide. Proviene dallo spazio e non e' sulla Terra da piu' di vent’anni. Potrebbe essersi originato durante l’esplosione di una supernova nelle vicinanze del Sistema Solare (https://bit.ly/2MnEaHu).

    ANATOMIA DI UN GABBIANO COSMICO. Colorata e tenue, questa affascinante collezione di oggetti e' nota come la Nebulosa Gabbiano, cosi' chiamata a causa della somiglianza con un gabbiano in volo. Costituita da polvere, idrogeno, elio e tracce di elementi piu' pesanti, la regione e' una culla calda ed energica di nuove stelle. Il notevole dettaglio catturato qui dal VST (VLT Survey Telescope) dell'ESO rivela i singoli oggetti astronomici che compongono l'uccello celeste, nonche' le caratteristiche piu' fini al loro interno. Il VST e' tra i piu' grandi telescopi al mondo che produce survey del cielo in luce visibile (il telescopio e' stato costruito a Napoli, n.d.r.). L'immagine della Nebulosa Gabbiano ripresa dal VST e' visibile a questo link: https://bit.ly/33GIKpr

    ANEMIA DA RECORD: E' UNA FIGLIA DELLE PRIME STELLE. Si chiama Smss 1605-1443, e' una gigante rossa distante 35mila anni luce da noi e, grazie a un contenuto di ferro 1,5 milioni di volte inferiore a quello del Sole, e' la stella con meno ferro mai scoperta (https://bit.ly/2ZkfyWg).

    ARITMIA SVELA IL CUORE DELLA STELLA DI NEUTRONI. Una nuova analisi dell’irregolarita' nel battito, altrimenti precisissimo, della Pulsar delle Vele, ha portato un gruppo di ricerca australiano a fare alcune considerazioni sulla struttura interna di questi corpi super-compatti (https://bit.ly/2NcU1Il).
    Non credo in nessun dio, né nell'amore, né nella giustizia, credo solo nella Scienza e nell'amicizia. Da quest'ultima vengo spesso delusa, ma continuo a crederci...

  2. #62
    SuperNova L'avatar di SVelo
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Cercola
    Messaggi
    4,491
    Taggato in
    816 Post(s)

    Re: Notizie dall'UAN

    ESOPIANETI ED ESOBIOLOGIA

    ONDE RADIO DAL PIANETA ESTINTO. Uno studio pubblicato su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society descrive le caratteristiche ottimali per cercare residui planetari in orbita attorno a nane bianche, captando l’emissione radio prodotta dal sistema. L'emissione puo' perdurare fino a un miliardo di anni dopo la fine del pianeta (https://bit.ly/2z4SPP2).

    NELL’INFERNO DEL ”PIANETA OVALE”: OLTRE 2500 GRADI. Gas di ferro e di magnesio in evaporazione dal bollente esopianeta Wasp-121b, a 900 anni luce da noi. Il fenomeno, osservato dal telescopio spaziale Hubble, e' causato dalla vicinanza alla stella ospite, che scalda l’esopianeta e lo deforma, privandolo dell’atmosfera (https://bit.ly/2z2YMvY).


    GALASSIA, GALASSIE E COSMOLOGIA

    MATERIA OSCURA ORIGINATA SUBITO DOPO IL BIG BANG? Secondo Tommi Tenkanen della Johns Hopkins University, che ha pubblicato un nuovo studio in proposito su Physical Review Letters, la materia oscura sarebbe fatta da particelle scalari formatesi nei primissimi istanti di formazione dell’Universo, durante la fase di espansione esponenziale nota come inflazione (https://bit.ly/2TRKmIN).

    LA FINE DI UNA GALASSIA INIZIA DA UN QUASAR ROSSO. Individuata una rara fase nella evoluzione dei quasar, mostri cosmici estremamente energetici. Un gruppo di astronomi dell’Universita' di Durham ha analizzato un numero significativo di questi oggetti stabilendo che le differenze tra quasar blu e rossi sono dovute a differenti fasi nella loro evoluzione (https://bit.ly/2MqjBu4).

    QUEL QUASAR COL MANTELLO A RIDOSSO DEL BIG BANG. Analizzando dati raccolti dal Chandra X-ray Observatory, un gruppo internazionale di ricercatori potrebbe aver individuato un quasar risalente a soli 850 milioni di anni dopo il Big Bang, oscurato da una densa nube di gas che ne starebbe alimentando la crescita (https://bit.ly/2KGSGb9).
    Non credo in nessun dio, né nell'amore, né nella giustizia, credo solo nella Scienza e nell'amicizia. Da quest'ultima vengo spesso delusa, ma continuo a crederci...

  3. #63
    SuperNova L'avatar di SVelo
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Cercola
    Messaggi
    4,491
    Taggato in
    816 Post(s)

    Re: Notizie dall'UAN

    ASTROUANEWS N. 16 DEL 09 SETTEMBRE 2019
    IL 5 OTTOBRE E' LA NOTTE DELLA LUNA - INTERNATIONAL OBSERVE THE MOON LIGHT Diaci anni fa, il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA e la sua missione gemella Lunar Crater Observation and Sensing Satellite (LCROSS) entrarono in orbita attorno alla Luna. Dall'interesse e dall'entusiasmo per gli eventi che celebravano l'occasione, nacque l'evento pubblico International Observe the Moon Night. In dieci anni, questo programma si è esteso in tutto il mondo per raggiungere oltre un milione di persone in 104 paesi!
    ASTRONOTIZIE

    FISICA ED ASTROFISICA

    UNA NUOVA STIMA PER LA MASSA DEI NEUTRINI. I calcoli effettuati da un supercomputer su dati astronomici suggeriscono un limite superiore alla massa del piu' “leggero” dei tre tipi, o sapori, di neutrini esistenti: deve essere almeno sei milioni di volte inferiore a quella dell’elettrone.

    ASTRONAUTICA

    LA NUOVA CORSA ALLA LUNA E' COMINCIATA. Artemis e' il nuovo ambizioso programma della NASA che portera' la prima donna e il prossimo uomo a camminare sulla superficie del nostro satellite, con lo scopo di stabilire una presenza umana sostenibile sulla Luna, e intorno ad essa, entro il 2028. Con Artemis, l'esplorazione della Luna e di Marte si intrecciano, poiche' la Luna sara' un banco di prova per Marte, offrendo l'opportunità di dimostrare nuove tecnologie che potrebbero aiutare a costruire avamposti autosufficienti al di fuori della Terra (https://bit.ly/2m6q7Kt).

    UNA PULSAR TI GUIDERA' NELLO SPAZIO PROFONDO. La navigazione autonoma delle sonde spaziali basata sulle pulsar X ha compiuto un altro passo in avanti grazie al satellite cinese Insight-Hxmt: e' stato sperimentato con successo un nuovo sistema di localizzazione che permette di utilizzare il segnale anche di una sola sorgente (https://bit.ly/2kBhtTF).


    ASTRONOMIA CULTURALE

    ALTRO CHE STONEHENGE, LA SICILIA HA IL PIU' RICCO PATRIMONIO ARCHEOASTRONOMICO D’EUROPA. Su un'anonima roccia siciliana detta "U Campanaro" (il campanaro), da qualche parte sul monte Arcivocalotto (nelle campagne di San Giuseppe Jato e San Cipirello, in provincia di Palermo), per circa 5.000 anni, ogni 21 di dicembre, il primo raggio di Sole del mattino si e' infilato silenzioso e precisissimo in un foro appositamente scavato senza che nessuno se ne fosse mai accorto (https://bit.ly/2koUvPQ).


    SISTEMA SOLARE

    MISTERIOSE MACCHIE SCURE SU VENERE. Secondo un nuovo studio, tra il 2006 e il 2017 l'albedo di Venere si e' dimezzata, provocando grandi variazioni nella quantita' di energia solare assorbita dalle nubi e, di conseguenza, nella circolazione dell'atmosfera del pianeta. Possibili responsabili del cambiamento rilevato sono le misteriose macchie scure visibili sulla sommita' delle nubi di Venere (https://bit.ly/2koZqAk).

    L'INVERSIONE DEL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE. L'ultima inversione del campo magnetico del nostro pianeta e' avvenuta 773.000 anni fa, ma avrebbe impiegato ben 22.000 anni, tre volte di piu' di quanto stimato finora: un arco di tempo che potrebbe mettere in difficolta' i satelliti e persino la vita sulla Terra (https://bit.ly/2k1SLeW).

    E' INIZIATA LA RACCONTA DELLA POLVERE DI STELLE. Il countdown e' cominciato alle 2 del 5 settembre, il lancio del pallone aerostatico e' avvenuto alle 6:42 a Kiruna in Lapponia. Lo strumento DUSTER (Dust in the Upper Stratosphere Tracking Experiment and Retrieval), un progetto dell'Universita' degli Studi di Napoli "Parthenope" e dell'INAF, ha iniziato a campionare polvere alle 9:42 a 34 km di quota e ha continuato a raccogliere grani di polvere per oltre 4 ore.


    NEBULOSE, STELLE ED AMMASSI

    OSSERVATI I PRIMI ISTANTI DI FORMAZIONE DI UNA KILONOVA. Un gruppo di scienziati dell’Universita' del Maryland, e del quale fanno parte anche ricercatori italiani e dell'INAF, e' riuscito a osservare le prime fasi della formazione di una kilonova, un oggetto celeste frutto della fusione di due stelle di neutroni. Una scoperta ottenuta grazie al riesame dei dati raccolti su un'esplosione di raggi gamma del 2016 (https://bit.ly/2kyFSJy).

    COSI' RALLENTA UNA PULSAR. Le pulsar, compattissime stelle di neutroni che ruotano vorticosamente, nel tempo diminuiscono la velocita' di rotazione. Un gruppo di ricerca cinese ha ora scoperto che e' la perdita di energia dovuta al vento, piu' che alla radiazione di dipolo magnetico, il principale fattore che ne rallenta la rotazione (https://bit.ly/2kyxUQN).


    ESOPIANETI ED ESOBIOLOGIA

    UN’ESOLUNA FAMILIARE AD ANAKIN SKYWALKER. Un gruppo internazionale di ricercatori guidato dall'Universita' di Berna suggerisce che potrebbe esistere una luna rocciosa extrasolare, completamente ricoperta di lava, orbitante attorno a un pianeta a 550 anni luce di distanza da noi, Wasp-49b. Questa luna sembrerebbe essere una versione estrema di una luna di Giove, Io (https://bit.ly/2lJ7MCO).

    ECCENTRICO GIOVIANO SEDUCE LA SUA STELLA. Una ricerca basata su osservazioni ventennali ha individuato, a cento anni luce da noi, un pianeta grande ben tre volte il nostro Giove dall’orbita estremamente eccentrica. La spiegazione per un’orbita cosi' anomala va cercata nel passato del sistema stellare (https://bit.ly/2lIxAiM).


    GALASSIA, GALASSIE E COSMOLOGIA

    QUELLE NIDIATE DI STELLE NELLA GALASSIA. Grazie a un algoritmo di "machine learning" e ai dati di Gaia Dr2, due astronomi della Western Washington University hanno individuato e caratterizzato circa duemila nuovi ammassi e gruppi stellari nella nostra Galassia, scoprendo che le stelle tendono a rimanervi per periodi molto piu' lunghi del previsto (https://bit.ly/2lIxfww).

    UN BUCO NERO DA 40 MILIARDI DI VOLTE IL SOLE. A 700 milioni di anni luce da noi, nel cuore della galassia Holm 15A, c'e' un buco nero supermassiccio, grande una ventina di volte l'intero Sistema Solare (https://bit.ly/2k9sICP).

    RICOSTRUIRE LA MAPPA DELL'UNIVERSO PRIMORDIALE. Un esercito di progetti di radioastronomia grandi e piccoli, sparsi in alcuni dei posti piu' sperduti del mondo, sta cercando di mappare la parte piu' misteriosa dell’Universo osservabile, il suo primo miliardo di anni, andando alla ricerca di una lunghezza d’onda isolata, di 21 centimetri, emessa e assorbita dagli atomi di idrogeno: l’elemento che dopo il Big Bang costituiva quasi tutta la materia ordinaria (https://bit.ly/2m0JYul).
    Non credo in nessun dio, né nell'amore, né nella giustizia, credo solo nella Scienza e nell'amicizia. Da quest'ultima vengo spesso delusa, ma continuo a crederci...

  4. #64
    SuperNova L'avatar di SVelo
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Cercola
    Messaggi
    4,491
    Taggato in
    816 Post(s)

    Re: Notizie dall'UAN

    ASTROUANEWS N. 17 DEL 07 OTTOBRE 2019
    FISICA ED ASTROFISICA

    NEL MONDO DEFORME DI UN BUCO NERO. Una nuova visualizzazione animata di un buco nero, prodotta dal Goddard Space Flight Center della NASA, illustra in modo stupefacente come la gravita' estrema del buco nero sia in grado di distorcere cio' che stiamo guardando, deformando l'ambiente circostante come se fosse visto attraverso uno specchio dei un Luna Park (https://bit.ly/2ojpzCn).

    LA LEGGEREZZA DEL NEUTRINO. Il neutrino e' piu' leggero del previsto: la sua massa non e' superiore a un elettronvolt. Il nuovo limite e' stato stabilito da una collaborazione internazionale di scienziati alla guida dell’esperimento denominato Katrin (https://bit.ly/2OmOPlI).


    ASTRONAUTICA

    DUE ANNI SENZA LA SONDA CASSINI. Due anni fa giugevano a Terra le ultime comunicazioni da una missione davvero incredibile, partita nell’ottobre 1997 e per vent'anni nello spazio: la missione Cassini-Huygens, nata dalla collaborazione delle agenzie spaziali NASA, ESA e ASI. Ricordo ancora il momento di rassegnazione misto alla fierezza degli ingegneri nella diretta dal Jet Propulsion Laboratory in Pasadena, California, dove la missione e' stata monitorata fino all'ultima frazione di secondo. Dopo 2 milioni e mezzo di comandi eseguiti, quasi 8 miliardi di chilometri percorsi, 635 Gigabit di dati scientifici, 6 lune scoperte e 294 orbite complete, il carburante della sonda Cassini e' quasi esaurito e si decide di effettuare la manovra detta "Grand Finale" che virera' e lascera' la sonda bruciare nell'atmosfera di Saturno per evitare che, invece, vada a cadere su una delle sue magnifiche lune, contaminandole. Ancora oggi, piu' di 5.000 scienziati impiegati nella missione stanno analizzandone i dati che potrebbero ancora regalare grandi emozioni e scoperte! (Nicoletta Minichino, Responsabile Sezione Luna e Pianeti UAN).


    SISTEMA SOLARE

    L’IMPATTO CHE AUMENTO' LA BIODIVERSITA'. Un grande asteroide viene frantumato fra Marte e Giove e, un paio di milioni di anni dopo, la vita sulla Terra fa un salto evolutivo strabiliante. Un nuovo studio di astrogeobiologia trova le connessioni tra eventi distanti ma avvenuti tutti piu' o meno mezzo miliardo di anni fa (https://bit.ly/2Mmj5e3).

    VULCANI DI LAVA METALLICA NEL PASSATO DI PSYCHE. Si chiama ferrovulcanismo, un processo vulcanico in cui il magma e' costituito di metallo liquido, invece che di roccia liquida, e potrebbe spiegare perche' l’asteroide 16 Psyche, pur essendo ricoperto interamente di metallo, abbia una densita' relativamente ridotta. Per inciso, l'asteroide Psyche fu scoperto il 17 marzo 1852 da Annibale De Gasparis dall'Osservatorio Astronomico di Capodimonte (https://bit.ly/33bVbZB).

    JUNO SI PREPARA AL SALTO DELL’OMBRA DI GIOVE. Martedi' primo ottobre si e' resa necessaria una lunga manovra propulsiva per consentire alla sonda NASA in orbita attorno al gigante del Sistema solare di evitare “l’eclissi di Sole” che si sarebbe trovata ad affrontare il prossimo 3 novembre (https://bit.ly/2OqZXy0).

    MOLECOLA TOSSICA SULLA COMETA INTERSTELLARE. Un gruppo di astronomi ha rilevato per la prima volta molecole di gas nella “cometa aliena” 2I/Borisov. Fra queste il cianogeno, un cianuro abbastanza comune nelle comete (https://bit.ly/2o9P2ON).

    LA PORTA DELLE COMETE. Studiando il particolare centauro 29P/Schwassmann-Wachmann 1, e' stato scoperto il varco delle comete verso il Sistema solare interno. I centauri che attraversano questa regione, chiamata gateway, rappresentano la sorgente di oltre i due terzi di tutte le comete della famiglia di Giove (https://bit.ly/2Mm5JhF).


    NEBULOSE, STELLE ED AMMASSI

    UN PRETZEL COSMICO. Alcuni astronomi hanno utilizzato ALMA per ottenere un'immagine ad altissima risoluzione che mostra due dischi in cui crescono giovani stelle, alimentati da una complessa rete di filamenti di gas e polvere... a forma di pretzel. L'osservazione di questo straordinario fenomeno getta nuova luce sulle prime fasi della formazione delle stelle e aiuta gli astronomi a determinare le condizioni in cui si formano le stelle binarie (https://bit.ly/31TxIfg).

    RAFFICHE RELATIVISTICHE DAI T-REX DEI QUASAR. Un gruppo di ricerca guidato da Gabriele Bruni dell’INAF IAPS di Roma ha osservato venti provenienti dal disco di accrescimento attorno ai buchi neri supermassicci di alcuni quasar in grado di toccare velocita' vertiginose, con punte superiori ai 30mila km/s (https://bit.ly/339K1Ve).

    TESS CATTURA IL "PASTO" DI UN BUCO NERO. Per la prima volta, il satellite TESS della NASA ha osservato un buco nero distruggere una stella durante un evento di distruzione mareale, gia' nelle sue prime fasi. Le osservazioni di follow-up condotte da osservatori a Terra e dallo spazio hanno prodotto l’immagine piu' dettagliata di sempre dei primi momenti di uno di questi eventi catastrofici (https://bit.ly/30UCTKG).


    ESOPIANETI ED ESOBIOLOGIA

    ORIGINE DELLA VITA? UN MIX TRA RNA E DNA. Due ricercatori dello Scripps Research hanno mescolato RNA e DNA per studiare come potrebbe essere iniziato il processo della vita sulla Terra, miliardi di anni fa, riuscendo a produrre in laboratorio chimere che hanno il potenziale per replicare RNA e DNA. L’ipotesi di un mondo a RNA e DNA sembrerebbe essere piu' plausibile del famoso RNA World (https://bit.ly/2IsgttW).

    UN CUCCIOLO PER TESS. Fra quelli confermati, e' il pianeta piu' giovane fino a ora mai individuato dal telescopio spaziale NASA. Un mondo grande la meta' di Giove, in orbita attorno a una stella di appena 40 milioni di anni. Sembra molto promettente per lo studio delle atmosfere extrasolari (https://bit.ly/2LSzHuX).

    GJ 3512B, L’ESOPIANETA CHE SFIDA LE TEORIE. Un gigantesco esopianeta simile a Giove in una posizione improbabile, quantomeno secondo il modello di formazione planetaria piu' accettato. E' la scoperta fatta da un gruppo di scienziati analizzando i dati della survey Carmenes (https://bit.ly/2IsE2Tf).

    NUOVI COMPOSTI ORGANICI NEI GRANI DI ENCELADO. Ammine, composti carbonilici e aromatici. Sono i precursori degli aminoacidi che il gruppo di ricerca guidato da Nozair Khawaja ha identificato analizzando i dati raccolti dall’orbiter Cassini durante il sorvolo dalla luna di Saturno Encelado (https://bit.ly/2ATequx).

    NUCLEOTIDI “IN VITRO” NEL VIVO DELLE NUBI COSMICHE. Sintetizzati per la prima volta in un ambiente che simula le gigantesche nubi interstellari i mattoncini della vita sulla Terra: i nucleotidi. A ottenerli, un gruppo di scienziati dei laboratori dell'istituto di scienza delle basse temperature dell’Universita' di Hokkaido, in Giappone. Un esperimento che mostra come le nucleobasi costituenti il DNA possano essersi originate all'interno di gigantesche nubi cosmiche (https://bit.ly/2APUR6o).


    GALASSIA, GALASSIE E COSMOLOGIA

    ALTRA MISURA DELLA COSTANTE DI HUBBLE. Un gruppo internazionale guidato dall’Istituto Max Planck per l'astrofisica di Garching ha utilizzato due potenti sistemi di lenti gravitazionali per riuscire a stimare, grazie a 740 supernove, un valore della costante di Hubble pari a 82 +/- 8 chilometri al secondo per megaparsec, superiore a quella dedotta dal fondo cosmico a microonde (https://bit.ly/35dj6cI).

    UN ENIGMATICO LAMPO RADIO ILLUMINA IL TRANQUILLO ALONE DI UNA GALASSIA. Gli astronomi che utilizzano il Very Large Telescope dell'ESO hanno osservato per la prima volta un lampo radio veloce attraverso un alone galattico. Con una durata di meno di un millisecondo, questa esplosione enigmatica di onde radio cosmiche e' passata quasi indisturbata, suggerendo che l'alone abbia una densita' sorprendentemente bassa e un campo magnetico debole. Questa nuova tecnica potrebbe essere utilizzata per esplorare gli aloni sfuggenti di altre galassie (https://bit.ly/2AMxPxn).

    IL MOSTRO CHE DOVREMO AFFRONTARE. Un gruppo di astronomi ha ricostruito gli antichi banchetti di Andromeda, la grande galassia a spirale a noi vicina, che intende fare della Galassia il suo prossimo "pasto", trovando tracce di altre piccole galassie che avrebbe "divorato" forse gia' 10 miliardi di anni fa, quando ancora si stava formando (https://bit.ly/2Ml1X8m).

    M77, LA GALASSIA CON UN CUORE MOLTO ATTIVO. Una galassia tanto imponente quanto speciale: è Messier 77, una delle piu' vicine galassie attive, che ospita un buco nero supermassiccio decisamente "vorace". I consigli per osservarla, insieme ai principali oggetti e celesti visibili in questo mese (https://bit.ly/2VsL4Nr).

    TROVATO L’AMMASSO DI GALASSIE PIU' ANTICO. Utilizzando i telescopi Subaru, Keck e Gemini, un gruppo internazionale di astronomi ha scoperto un gruppo di 12 galassie che esistevano gia' circa 13 miliardi di anni fa. Si tratta del primo gruppo del genere mai trovato. Una delle 12 galassie e' un oggetto gigante, noto come Himiko, scoperto un decennio fa dal telescopio Subaru e chiamato con il nome di una sacerdotessa del culto del Sole nell'antico Giappone. Questa scoperta suggerisce che grandi strutture come i proto-ammassi esistessero gia' quando l’Universo aveva il 6 per cento della sua eta' attuale (https://bit.ly/2nqErOL).

    SCOPERTO UN AMMASSO INSOLITAMENTE DEPRESSO. Usando i dati del telescopio spaziale Swift, un gruppo di ricercatori ha individuato, a circa 800 milioni di anni luce da noi, un ammasso di galassie dal profilo insolito: nelle regioni centrali contiene molta meno massa del previsto (https://bit.ly/2VgXSpZ).
    Non credo in nessun dio, né nell'amore, né nella giustizia, credo solo nella Scienza e nell'amicizia. Da quest'ultima vengo spesso delusa, ma continuo a crederci...

Discussioni Simili

  1. Notizie da Marte
    Di Willy nel forum Astronautica
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 08-07-2019, 15:32
  2. Notizie da Venere
    Di corrado973 nel forum Planetologia
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 16-01-2018, 20:41
  3. Notizie da Io
    Di corrado973 nel forum Planetologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-10-2016, 12:42
  4. Ottime notizie per il futuro delle sonde gestite dall'ESA
    Di Pierluigi Panunzi nel forum Astronautica
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-11-2014, 16:53

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •