Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 33

Discussione: A Tale Of Two Skies

  1. #1
    Gigante L'avatar di Tucana
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    1,217
    Taggato in
    119 Post(s)

    A Tale Of Two Skies

    Come già descritto magistralmente in questo meraviglioso report, io sono uno di quegli intrepidi visualisti che sabato 16 dicembre (insieme con la mia sposa) si è recato a Pian dell'Armà per godere delle bellezze del cielo dicembrino insieme a @Japponiglio, @esculapius75, @Ogu, @Salvatore e a @Gitt.

    Con alcuni di costoro, evidentemente non sazi della serata, abbiamo poi replicato sabato 23 dicembre questa volta sul Simplonpass.

    16 dicembre - Pian dell'Armà (PV) 1.370 m s.l.m.

    Con le previsioni concordi nel mettere nuvolosità sulle Alpi in vista del sabato di novilunio viene naturale ripiegare sull'Appennino dove invece il meteo sembrava più clemente; appuntamento quindi a Pian dell'Armà, prima volta assoluta per me in loco.
    Nonostante appunto il previsto sereno il meteo in avvicinamento è tutt'altro che favorevole; alla partenza da Reggio Emilia verso le 13 il cielo si presenta coperto con pochi squarci liberi da nubi e così rimarrà fino alla fine della valle dello Staffora con pochi e sporadici miglioramenti.
    Salendo al pratone la situazione addirittura peggiora con un banco di nebbia molto esteso posizionato attorno a quota 1.000 m s.l.m. che copre completamente il cielo e lungo la strada notiamo in una piazzola attorno ai 700 m s.l.m. un paio di fotografi già posizionati (evidentemente appassionati di formazioni di vapore acqueo).
    Oltre quota 1.100 m s.l.m., come per magia, sereno senza traccia di nuvole; sereno che rimarrà per tutta la notte salvo qualche velatura a Nord intorno ai 30/35° di altezza.

    Due cenni sul posto: se da un lato Pian dell'Armà (PV) gode del grande vantaggio di non avere praticamente passaggio di auto (ne ho contate al massimo due in tutta la notte), dall'altro lato la via per salire per chi viene dall'Emilia è veramente la strada del perdono con il pezzo da Bobbio all'arrivo (30 km) su strada mono corsia, spesso stretta, con pezzi di rami e sudiciume vario sulla carreggiata e tante preghiere di non incontrare nessuno dall'altre parte nelle numerose curve cieche.
    Al ritorno, in piena notte, opteremo poi per la discesa da Varzi, 30 km e 30 minuti in più di strada, ma molte meno emozioni.

    All'arrivo trovo e incontro per la prima volta Salvatore, già sul posto alle prese con l'allestimento del suo totem a cui poi si aggiungono via via Gitt, Ogu che rivedo entrambi con molto piacere e a buio fatto, altre due nuove conoscenze; Japponiglio ed Esculapius75.

    Per le note tecniche del cielo vi rimando al succitato report di Gitt; osservazione effettuata con gli strumenti in firma; da parte mia la serata sarà predominata dalla sbrusia di sfoggiare i filtri nebulari appena arrivati con oggetti adatti al loro utilizzo e infatti partiamo con...

    Albireo - Beta Cygni (Stella Doppia e Variabile - Cygnus, mag. 3,07 e 4,67): giusto per collaudare l'assetto un ultimo saluto alla più bella doppia del cielo autunnale con la componente gialla più grande e luminosa rispetto a quella azzurra.

    Avevo messo in programma anche Juno, ma non avevo considerato l'orizzonte sud-ovest dell'Armà coperto dalle montagne e quindi ripiego su

    Aljanah - Epsilon Cygni (Stella Doppia - Cygnus, mag. 2,49 e 11,60): stella bianca tendente al giallo di cui mi pare di scorgere una compagna molto più debole a SW che non separo completamente.

    North America Nebula - NGC 7000 (Nebulosa ad Emissione - Cygnus, mag. 4,00): osservata ad 80x noto una scia scura che attraversa una fila di quattro stelle con deboli chiaroscuri dentro e fuori un triangolo centrale; con il filtro UHC appare nettamente nella parte destra del triangolo una macchia senza stelle diversa dalla luminosità che la circonda.

    Deer Lick Group - NGC 7331 (Gruppo di Galassie - Pegasus, mag. 9,32 la principale): a 156x vedo nettamente NGC 7331 la componente principale del gruppo e di primo acchito sembra allungata in direzione NE/SW con nucleo anch'esso allungato. L'alone mi appare mancante della parte settentrionale come se qualcosa ne offuscasse la visuale. Purtroppo non riesco a scorgere nessuna delle altre quattro componenti del gruppo.

    Wizard Nebula - NGC 7380 (Ammasso Aperto con Nebulosa - Cepheus, mag. 7,19 la nebulosa): a 122x noto una parte centrale con 15/20 stelle principali con forma di triangolo. Senza filtro noto una parte più scura attraversare longitudinalmente l'oculare con una curva a sinistra; monto prima l'UHC e poi l'OIII che oscurano notevolmente l'immagine senza però risaltare ulteriori particolari.
    Qui il cervello inizia a dare segni di inequivocabile vecchiaia perchè sugli appunti ho annotato tre frasi riferite all'oggetto, ma senza un filo logico ed un senso

    La temperatura, per tutta la serata sotto lo zero, si fa sentire particolarmente nei piedi dove faccio fatica a muovere alcune dita, ma basta dichiarare a voce alta il disagio che il resto della truppa prontamente tira i fuori i propri rimedi da quelli della nonna (calze larghe per far circolare il sangue) agli ultimi ritrovati della tecnologia quali calzature isolanti e solette riscaldate.
    Per una sera che scampo la strumentite, vado a casa con la scarponite.

    Neptune (Pianeta, mag. 7,91): di un azzurro troppo tenue rispetto a come me lo ricordavo, forse colpa anche della declinazione troppo bassa del pianeta.

    Uranus (Pianeta, mag 5,75): Qui a differenza di Nettuno il colore mi soddisfa maggiormente con un bel verde; purtroppo non riesco a salire oltre i 122x a causa di un momento di seeing scarso.

    Scheat - Beta Pegasi (Stella Variabile - Pegasus, mag. 2,47): Stella bianco-gialla in alcuni momenti con le variazioni atmosferiche assume una tinta limone.

    NGC 7778 - NGC 7779 - NGC 7782 - NGC 7781 - NGC 7780 (Gruppo di Galassie - Pisces, mag. 12,8, 12,7, 13,9, 12,2 e 13,9): in un fondo stelle praticamente sgombro vado a caccia di questo quintetto; tre mi saltano subito all'occhio e formano una sorta di L rovesciata con quella più alta di cui scorgo una minima direzionalità NW/SE e le altre due di forma tondeggiante. A forza di dai e dai riesco a scorgere anche la quarta componente situata a metà tra le due stelle più basse che formano la base della L rovesciata.

    Navi - Gamma Cassiopeiae (Stella Variabile - Cassiopeia, mag. 2,18): di un bellissimo colore azzurro/blu che ipnotizza la mia attenzione per alcuni istanti, scorgo a fatica un arco a N della stella con nebulosità che diventa più evidente montando il filtro UHC.

    E' il 16 dicembre e per fare un momento di pausa ci concediamo una fetta di panettone gentilmente offerto da Salvatore (a proposito, ripensandoci, quel panettone, per altro molto buono, aveva una forma orizzontale, mai visto). Ne approfitto per scambiare due chiacchiere con gli altri ragazzi, per scaldare un po' le estremità e per un goccio di tè caldo.

    Prima di ripartire, Salvatore ci mostra la Nebulosa di Orione con il suo 18"; ora io non so se era la serata particolare, se era il panettone o il piede destro semi assiderato, ma l'immagine che ho avuto la fortuna di vedere mi ha sconvolto.
    Una linea orizzontale vagamente frastagliata si estendeva da parte a parte nell'oculare con una distinta divisione del colore tra la parte alta più scura e la parte bassa che gradualmente variava di tonalità.
    Faccio fatica sinceramente a rendere su carta lo spettacolo che si è palesato davanti ai miei occhi e farò fatica a dimenticare quello che ho visto. Poche volte ho provato un'emozione del genere.

    -- continua --
    Telescopi: Rifrattore, SW 102/500 Acro, SW ED 120/900 su HEQ 5 e CPC 1100 HD. Oculari: serie TS ED, ES 18-40mm, Luminos 23-31mm, Let 28mm e TSED 35mm: Filtri nebulari Astronomik.

  2. #2
    Gigante L'avatar di Tucana
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    1,217
    Taggato in
    119 Post(s)

    Re: A Tale Of Two Skies

    -- segue --

    Non posso ripartire con oggetti difficili e mi concedo un giro sul
    Double Cluster - NGC 869 - NGC 884 (Ammasso Aperto - Perseus, mag. 5,3 e 6,1) visto e rivisto centinaia di volte, ma sempre in grado di offrirti qualcosa di particolare. Questa volta mi concentro sul cercare le differenze tra i due gemelli e noto che quello a sinistra NGC 869 appare luminoso mentre più compatto mi sembra a destra NGC 884 in cui mi colpiscono due componenti gialle maggiormente puntiformi rispetto alle altre. Continuando l'osservazione e con un po' di fantasia mi sembra che in NGC 869 le stelle si dispongano a raggiera quasi come sulla Luna con Tycho.

    Ora due oggetti estesi oltre le possibilità del mio C11, ma che non mi sono voluto far mancare

    Heart Nebula - IC 1805 (Ammasso Aperto con Nebulosità - Cassiopeia, mag. 6,50): Il cuore dell'ammasso formato da sei stelle principali a forma di bastone pastorale, in mezzo all'ammasso. La nebulosa avvolge tutto l'ammasso, ma dall'oculare scorgo solamente la parte centrale dopo noto assenza di stelle e di luminosità.

    Soul Nebula - IC 1848 (Ammasso Aperto con Nebulosità - Cassiopeia, mag. 6,50): Un triangolo isoscele con due lati lunghissimi ed uno corto colpisce la mia attenzione; nel mezzo una netta diminuzione di luminosità curiosamente a forma di cuore.

    Algol - Beta Persei (Stella Variabile - Perseus, mag. 2,10): Un passaggio da questa stella che mi affascina sempre per il suo soprannome "Stella del Diavolo" che si mostra nella sua splendida livrea azzurro/blu

    Parlando con Ogu e Japponiglio, miei vicini di postazione nella serata, si arriva sull'argomento Horsehead Nebula e sulla difficoltà nel vederla. Per tentare la sfida mettiamo insieme una cooperativa: Ogu ci mette gli specchi, io il filtro H-beta da 2" e Japponiglio un oculare da 14mm con barilotto da 2". Con somma soddisfazione di tutti i soci, la sfida è portata a casa; una lunga linea che separa un campo scuro da uno più chiaro viene interrotta da un'invasione di campo della parte scura con uno "sbuffo". Io personalmente non sono riuscito a vedere oltre, ma la soddisfazione di avere distinto la nebulosa per me è stata tanta.

    Pleiades - Messier 45 (Ammasso Aperto con Nebulosità - Taurus, mag. 1,50): Anche qui oggetto visto e stravisto, ma ero in zona, cosa faccio, non passo a dare un saluto? A 80x ne riesco a vedere quattro tutte insieme e montando l'Uhc ravviso una traccia di nebulosità su quella più bassa (Merope)

    Adid Australis - Epsilon Persei (Stella Variabile e Doppia - Perseus, mag. 2,91 e 8,88): Stella doppia nel ginocchio sinistro di Perseo. La componente maggiore del sistema si presenta in un azzurro leggermente slavato con a NE la componente minore di colore bianco tendente al giallo.

    California Nebula - NGC 1499 (Nebulosa ad Emissione - Perseus, mag. 5,00): Anche questa è troppo estesa per le mie possibilità, ma ho voluto ammirarne la parte centrale a 80x e con l'UHC mostra chiaramente nebulosità, ma non riesco a darne una forma definità, solamente fluttuazioni.

    WD-1 (Nebulosa ad Emissione - Camelopardalis): Vado poi alla ricerca di questa nebulosa ad emissione identificata attorno alla stella HD 29371 e smanettando un po' con i filtri effettivamente qualcosa intorno alla stella c'è, come fosse un alone di luce proveniente da dietro un vetro.

    NGC 1662 (Ammasso Aperto - Orion, mag. 6,40): La parte centrale di questo ammasso non troppo ricco ricorda la conformazione della Croce del Sud, solamente più schiacciata che si va ad incastonare in una sorta di parentesi quadra.

    Witch Head Nebula - NGC 1909 (Nebulosa a Riflessione - Eridanus, mag. 10,00): Parto subito a 122x e con l'UHC montato noto chiaramente una grande macchia più grigia rispetto al cielo circostante

    Giunge a questo il momento della maialata ovvero l'esperimento di montare sopra una torretta binoculare due filtri diversi per verificare la capacità dell'occhio umano di condensare le diverse frequenze visive in un'unica immagine. Il telescopio con torretta è quello di Esculapius75 e insieme ad Ogu ed al promotore Japponiglio, abbiamo prestato le nostre pupille alla scienza per l'esperimento.
    La prova è stata estremamente divertente con diverse peripezie che lascio raccontare a Japponiglio nel suo report. Da parte mia posso solo dire che nel mio caso avendo un occhio ipovedente l'esperimento è stato un disastro con le immagini che non si sovrapponevano completamente e creavano un perverso effetto mal di testa.

    LDN 1571 (Nebulosa Oscura - Orion): Provata tanto per provare, ma in tutta onestà non so se posso dire di avere visto qualcosa; ad 80x mi infastidisce 16 Orionis e provo quindi a stringere a 122x. Qui riporto nelle note una macchia più scura di forma ellittica orientata da nord a sud. Altro non c'è.

    Barnard 223 (Nebulosa Oscura - Orion): Tigna per tigna, non soddisfatto voglio provare anche questo soggetto. Essendo più piccolo rimane meno appariscente rispetto ad LDN 1571, ma mi offre una maggiore oscurità nel suo cuore. Provato con i filtri, giusto perchè volevano farsi un altro giro, ma se possibile, in questo caso peggiorano la visione.

    Collinder 65 (Ammasso Aperto - Taurus, mag. 3,00): Ammasso esteso per oltre 3,5° di cielo in cui provo a navigare anche se le sei stelle principali che lo compongono si trovano in una parte più centrale

    NGC 1907 (Ammasso Aperto - Auriga, mag. 8,19): Estremamente compatto, visualmente mi viene da definirlo come un globulare mancato, tanta è la concentrazione in poco posto delle stelle; a NE rilevo una chiara diminuzione di luminosità tanto da farmi pensare alla presenza di una nebulosa oscura, di cui però durante la redazione del resoconto, non trovo traccia

    Collinder 69 (Ammasso Aperto - Orion, mag. 2,79): Tripletta di stelle più luminose del contesto disposte verticalmente in fila indiana con al centro Meissa di cui vado a sdoppiare la compagna di simile colore con un rapporto di grandezza 70/30

    Flame Nebula - NGC 2024 (Nebulosa ad Emissione - Orion, mag. 10,00): Nonostante l'ingombrante presenza di Alnitak, irrompe al fianco questa meravigliosa forma a cedro del Libano, visibile assolutamente senza filtri. Soffermandomi sull'immagine e influenzato probabilmente dalla visione fotografica, arrivo ad ipotizzare una debolissima colorazione rosea della nebulosa.

    Un sinistro rumore di portiere interrompe poi la calma del pratone. E' mia moglie che levatasi dal torpore dell'autovettura mi segnala che è arrivato il momento di fare su le ochine e dirigersi verso casa dove la vista di un capriolo e di una volpe lungo la strada completeranno una serata davvero indimenticabile.

    Un saluto e un ringraziamento di cuore a tutti i presenti per la compagnia e per quello che mi hanno insegnato.

    ---

    Continuerò poi la discussione con il resoconto della settimana successiva.
    Telescopi: Rifrattore, SW 102/500 Acro, SW ED 120/900 su HEQ 5 e CPC 1100 HD. Oculari: serie TS ED, ES 18-40mm, Luminos 23-31mm, Let 28mm e TSED 35mm: Filtri nebulari Astronomik.

  3. #3
    Nana Rossa L'avatar di Japponiglio
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Località
    Varese
    Messaggi
    413
    Taggato in
    52 Post(s)

    Re: A Tale Of Two Skies

    Grazie Stefano per la descrizione degli oggetti e per la tua impressione. Grazie anche per la compagnia sul posto era la prima volta anche per me, lì e confermo che la strada sia... discutibile!!

    Ho visto che ci sono delle sovrapposizioni con il mio programma, aspetto che tu descriva anche la parte del Sempione e poi rispondo in calce con i miei commenti.

    Allora, questi scarponi, li hai ordinati?
    Blog. Lightbridge 300-1524, ES 100° 5.5-9-14-25mm, UHC & OIII Astronomik, Nikon 10x50

  4. #4
    SuperGigante L'avatar di Gitt
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Località
    Bovisio Masciago (MB) - Italy
    Messaggi
    2,593
    Taggato in
    984 Post(s)

    Re: A Tale Of Two Skies

    Grazie @Tucana, è stato una grande piacere rivedere te e tua moglie in quello che si è concretizzato come un vero e proprio raduno dei forumisti del Nord di Astronomia.com

    Non conosco la strada da Bobbio, ma se dici che è peggio di quella da Varzi, allora c'è da mettersi le mani nei capelli che non ho

    Io, venendo da Milano, percorro la Mi-Serravalle fino a Vignole Borbera, poi la provinciale che risale tutta la Val Borbera fino a Cosola, infine salgo a Capanne di Cosola e da lì scendo all'Armà.
    Non è una strada ampia nemmeno questa, ma ha il pregio di essere più soleggiata e quindi con meno ghiaccio d'inverno.

    Entrando nel merito del report, non sapevo dell'esistenza della nebulosa a emissione WD-1: ho trovato questa osservazione visuale e mi sembra molto interessante.
    Qui un'immagine dell'oggetto.
    Complimenti per averla centrata e grazide per avercela fatta conoscere.

    Mi sembra strano che, avendo colto la Horsehead e altre nebulose ancora più difficili, non sia riuscito a distinguere almeno qualcuna delle compagne di NGC7331: forse era un momento in cui il cielo non era al meglio, oppure le hai scambiate per stelline, chissà

    Mi ritrovo in linea generale con la tua descrizione del gruppo N7778/79/80/81/82. Ho osservato una parte di questo gruppo nell'ottobre 2016 dal Sempione col 16".
    Riporto la mia descrizione per confronto e come spunto di discussione:
    Ho osservato NGC7782 a 164x: mi è apparsa debole, ovale N-S dimensioni 3,0’x1,5’, bulge visibile, ali tenui senza dettagli.
    Ci sono altre galassie nel campo visivo di 30’ dell’11mm:
    - Circa 5’ W di N7782 ci sono due stelle m.12 allineate N-S e spaziate di 5’; tra N7782 e la stella più a S, vedo NGC7781, che si presenta come un batuffolino confuso, poco più che una stella fuzzy.
    - Circa 10’SW di N7782 sorprende piacevolmente una coppia di galassie separate da circa 2’: l’elemento più a E è NGC7779, che appare leggermente più piccola della compagna ma con maggiore luminosità superficiale, presenta un nucleo compatto, senza un bulge visibile, sfumato gradatamente nell’alone di forma ovale N-S con un rapporto circa 4:3, per delle dimensioni che stimo in 1,5’x1,0’.
    - A circa 2’ W di N7779 appare NGC7778, leggermente più debole della compagna, ovale anch’essa N-S con rapporto 3:2 e dimensioni simili alla precedente.
    Due stelline m.13 si trovano 3-4’S della galassia, mentre un’altra stella simile è vicina al bordo N dell’alone.
    Attendo con interesse il report della serata successiva al Sempione.
    Dobson RPAstro 16"/f4,5 | Oculari: Hyperion 21/68°, ES 14-11-8,8-6,7/82°, Planetary ED 5-3,2/60° | Barlow: Meade APO 140 2x | Filtri: Astronomik UHC e O-III

  5. #5
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    24,353
    Taggato in
    2002 Post(s)


    Re: A Tale Of Two Skies

    bel report, leggo solo ora quelli dei colleghi visualisti e devo dire che il tuo è sia interessante per gli oggetti puntati, alcuni dei quali per me sconosciuti, e dalla scorrevole lettura.
    se non ho capito male la Horse Nebula l'hai osservata nel 12" di Ogu giusto?
    sarebbe stato utile sapere se sotto un cielo di montagna un 11" possa risolverla dato che abbiamo lo stesso strumento.

    è evidente che stai facendo molta strada per diventare un visualista provetto, e la compagnia di quella "bandaccia" non può che farti fare passi da gigante, complimenti.

  6. #6
    Nana Bianca L'avatar di Salvatore
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Località
    Zurigo-Catania
    Messaggi
    5,449
    Taggato in
    811 Post(s)

    Re: A Tale Of Two Skies

    Grazie Stefano

    ottimo report e reseconto di una bella serata trascorsa insieme sotto il cielo. Mi ha fatto molto piacere conoscere te e la tua compagnia.

    Guardando il tuo strumento mi sono rivisto un paio di annetti fa quando anche io avevo lo stesso , non in versione CPC , insomma mi é venuta un po' di nostalgia poiche con ogni strumento che ho posseduto ho instaurato una storia d' amore.

    Comunque bando alle ciance , veniamo al bel report che hai messo su:

    -Hai provato la Nord America con il OIII? Scurisce parecchio , ma a me tutte le finiture piu delicate mi saltano fuori soltanto con questo filtro.

    - Le galassie sono il vero pane per il C11 , anche io come Graziano mi domando come mai non sei riuscito a scovare almeno la 7335 ( gruppo 7331 ) la piu evidente del gruppo che si presenta come una chicca ovale , e sembra la figlioletta di 7331 . Ti consiglio di ritornarci su magari preparato , le altre sono tutte piccolette e potresti provare a spingere gli ingrandimenti sopra i 200x per agevolarne la visione. Riuscire a rintracciarle ti aprirà le porte verso il quintetto

    - Ho osservato anche io il gruppo 7778/7779 ecc durante la stessa serata , sono stati tra i primi oggetti che ho puntato. Davvero una bella visione intrigante dove a 130x saltavano facilmente 4 galassie tra cui spiccava la 7782 di maggiori dimensioni e dalla bella morfologia , le altre mi sono apparse piu piccole ma quasi tutte belle ovali direzionate , spostandomi leggermente fuori dal campo rientrava anche la 7780 e la vicina pgc 72766. Perdona ho ancora il report in versione grazza , comunque a me quella zona di cielo durante le osservazioni non mi é sembrata particolarmente propizia troppo luce diffusa proveniente dal basso Sud , forse a causa della neve?? Comunque cocciuto come sono ho osservato lungo tutto quella zona...


    - Confermo l' ottima bontà del seeing di quella serata, grazie a questo abbiamo avuto una fantastica visione di M42 super ricca di dettagli e sfumature in ogni angolo , é stato un peccato non avertela mostrata a 220x o piu , era un mosaico di particolari. Come hai potuto constatare al Sempione , il seeing conta molto , Cosa mi dici al riguardo?

    Il panettone lo aveva comprato mia Moglie , e sbadato come sono non ho guardato piu di tanto quale tipo fosse ( dove vivo é piu facile trovare panettoni farciti , che il classico pandoro o panettone con canditi), ricordo solo che era ricoperto di glassa al cioccolato e aveva una forma a gianduiotto.

    Grazie ancora e a presto.
    Ultima modifica di Salvatore; 06-01-2018 alle 13:41
    La Mia Strumentazione
    Sempre con gli occhi verso il cielo

  7. #7
    Nana Bruna L'avatar di FreSte
    Data Registrazione
    Aug 2016
    Località
    Ciserano
    Messaggi
    112
    Taggato in
    7 Post(s)

    Re: A Tale Of Two Skies

    Ciao, il report mi è piaciuto molto: Grazie per averlo condiviso!
    Una curiosità: quando programmate queste uscite, pianificate sempre a priori cosa osservare?
    In caso affermativo, quali criteri usate per scegliere gli oggetti da osservare?

    Grazie,
    Stefano
    GSO880 Deluxe - GSO ERFLE 30mm - ES 82° 14mm - Meade UWA 8.8mm - ES 82° 4,7mm

  8. #8
    Gigante L'avatar di Tucana
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    1,217
    Taggato in
    119 Post(s)

    Re: A Tale Of Two Skies

    Grazie a tutti per i commenti, mi fa piacere che vi sia piaciuto.

    Citazione Originariamente Scritto da Japponiglio Visualizza Messaggio
    Allora, questi scarponi, li hai ordinati?
    Al momento la pratica è sul tavolo del responsabile acquisti di casa (quella signora bionda che hai conosciuto); sto attendendo il visto.
    Telescopi: Rifrattore, SW 102/500 Acro, SW ED 120/900 su HEQ 5 e CPC 1100 HD. Oculari: serie TS ED, ES 18-40mm, Luminos 23-31mm, Let 28mm e TSED 35mm: Filtri nebulari Astronomik.

  9. #9
    Gigante L'avatar di Tucana
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    1,217
    Taggato in
    119 Post(s)

    Re: A Tale Of Two Skies

    Citazione Originariamente Scritto da etruscastro Visualizza Messaggio
    se non ho capito male la Horse Nebula l'hai osservata nel 12" di Ogu giusto?
    sarebbe stato utile sapere se sotto un cielo di montagna un 11" possa risolverla dato che abbiamo lo stesso strumento.
    Confermo, il telescopio era quello di @Ogu, ma raccolgo volentieri l'idea e spero di poterla metterla in pratica già nel prossimo novilunio.
    Telescopi: Rifrattore, SW 102/500 Acro, SW ED 120/900 su HEQ 5 e CPC 1100 HD. Oculari: serie TS ED, ES 18-40mm, Luminos 23-31mm, Let 28mm e TSED 35mm: Filtri nebulari Astronomik.

  10. #10
    Gigante L'avatar di Tucana
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Località
    Reggio Emilia
    Messaggi
    1,217
    Taggato in
    119 Post(s)

    Re: A Tale Of Two Skies

    Citazione Originariamente Scritto da Gitt Visualizza Messaggio
    Mi sembra strano che, avendo colto la Horsehead e altre nebulose ancora più difficili, non sia riuscito a distinguere almeno qualcuna delle compagne di NGC7331: forse era un momento in cui il cielo non era al meglio, oppure le hai scambiate per stelline, chissà
    Citazione Originariamente Scritto da Salvatore Visualizza Messaggio
    Le galassie sono il vero pane per il C11 , anche io come Graziano mi domando come mai non sei riuscito a scovare almeno la 7335 ( gruppo 7331 ) la piu evidente del gruppo che si presenta come una chicca ovale , e sembra la figlioletta di 7331 . Ti consiglio di ritornarci su magari preparato , le altre sono tutte piccolette e potresti provare a spingere gli ingrandimenti sopra i 200x per agevolarne la visione. Riuscire a rintracciarle ti aprirà le porte verso il quintetto
    Cosa vi devo dire, avete ragione, però lì per lì sul momento, forse attratto anche dalla bellezza della galassia principale non sono riuscito a scovare le altre; secondo me il problema è anche che mi sono preparato una lista all'ultimo minuto e sapevo cosa guardare, ma non come guardarlo. Errore grave da non ripetere.
    Telescopi: Rifrattore, SW 102/500 Acro, SW ED 120/900 su HEQ 5 e CPC 1100 HD. Oculari: serie TS ED, ES 18-40mm, Luminos 23-31mm, Let 28mm e TSED 35mm: Filtri nebulari Astronomik.

Discussioni Simili

  1. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 03-05-2015, 09:23
  2. Un enorme vulcano a scudo ora riconosciuto come tale nel Pacifico
    Di Valerio Ricciardi nel forum Planetologia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-09-2013, 09:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •