Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,570
    Taggato in
    467 Post(s)

    Il più vicino passaggio ravvicinato di una stella al nostro sistema solare noto

    Il più vicino passaggio ravvicinato di una stella al nostro sistema solare noto: una stella fioca è passata attraverso Nube di Oort circa 70.000 anni fa


    Sommario:
    Astronomi provenienti da Stati Uniti, Europa, Cile e Sud Africa hanno determinato che 70.000 anni fa una stella debole recentemente scoperta è probabile sia passata attraverso la lontana nuvola cometaria del sistema solare, la Nube di Oort. Nessun’altra stella è nota per aver mai avvicinato il nostro sistema solare così vicino - cinque volte più vicino di quanto sia la stella più vicina corrente, Proxima Centauri. Essi hanno analizzato la velocità e la traiettoria di un sistema stellare di piccola massa soprannominato "stella di Scholz."

    150217114121-large.jpg


    La rappresentazione artistica della stella di Scholz e della sua compagna nana bruna (in primo piano) durante il suo passaggio ravvicinato del sistema solare 70.000 anni fa. Il Sole (a sinistra, di fondo) sarebbe apparso come una stella brillante. La coppia è ora a circa 20 anni luce di distanza.
    Credit: Michael Osadciw / University of Rochester.


    Un gruppo di astronomi provenienti da Stati Uniti, Europa, Cile e Sud Africa hanno determinato che 70.000 anni fa una stella debole recentemente scoperta è probabile sia passata attraverso lontana nuvola cometaria del sistema solare, la Nube di Oort. Nessun’altra stella è nota per aver mai avvicinato il nostro sistema solare così vicino - cinque volte più vicino di quanto sia la stella più vicina corrente, Proxima Centauri.
    In un articolo pubblicato sulla rivista Astrophysical Journal Letters, l’autore principale Eric Mamajek dell'Università di Rochester e dei suoi collaboratori hanno analizzato la velocità e la traiettoria di un sistema stellare di piccola massa soprannominato "stella di Scholz."
    La traiettoria della stella indica che 70.000 anni fa passò a circa 52.000 unità astronomiche di distanza (o circa 0,8 anni luce, il che equivale a 8.000 miliardi chilometri, o 5.000 miliardi miglia). Questo è in termini astronomici molto vicino; la stella vicina più prossima noi, Proxima Centauri, è 4,2 anni luce di distanza. In effetti gli astronomi spiegano nel documento che sono certi al 98% che essa sia passata attraverso ciò che è nota come "nube di Oort esterna" - una regione sul bordo del sistema solare piena di migliaia di miliardi di comete di un chilometro e mezzo o più che si pensa dia origine a comete di lungo periodo in orbita attorno al Sole dopo che le loro orbite sono turbate.
    La stella ha originariamente catturato l'attenzione di Mamajek durante una discussione con il co-autore Valentin Ivanov D., dell’European Southern Observatory. La Stella di Scholz ha un insolito mix di caratteristiche: pur essendo abbastanza vicina ("solo" 20 anni luce di distanza), ha dimostrato un molto lento moto tangenziale (ossia un lento movimento attraverso il cielo). Le misure di velocità radiale scattate da Ivanov e collaboratori, tuttavia, hanno mostrato che la stella si muove all’incirca direttamente via dal sistema solare a notevole velocità.
    "La maggior parte stelle così vicine mostrano un moto tangenziale molto più grande", dice Mamajek, professore associato di fisica e astronomia presso l'Università di Rochester. "Il piccolo moto tangenziale e la prossimità hanno inizialmente indicato che per la stella era più probabile uno spostamento verso un futuro incontro ravvicinato con il sistema solare, o che era 'recentemente' arrivata vicino al sistema solare e si allontanava. Molto probabilmente, le misurazioni della velocità radiale erano coerenti col fatto che essa stia fuggendo dalla zona del Sole - e ci siamo resi conto che doveva avere avuto uno stretto flyby nel passato ".
    Per capire la sua traiettoria per gli astronomi erano necessari entrambi i dati, la velocità tangenziale e la velocità radiale. Ivanov e collaboratori avevano caratterizzato la stella recentemente scoperta attraverso la misurazione del suo spettro e della velocità radiale via Doppler. Queste misure sono state effettuate utilizzando spettrografi montati su grandi telescopi sia in Sud Africa e Cile: l'African Large Telescope Southern (SALT) e il telescopio Magellan a Las Campanas Observatory, rispettivamente.
    Una volta che i ricercatori hanno messo insieme tutte le informazioni di cui hanno capito che la stella di Scholz si stava allontanando dal nostro sistema solare e sono risaliti indietro nel tempo per calcolare la sua posizione di 70.000 anni fa, quando i loro modelli indicavano che fossa passata nel punto più vicino al nostro Sole. Fino ad ora, il primo candidato per il flyby più vicino di una stella al sistema solare era la cosiddetta "stella canaglia" HIP 85.605, il cui massimo avvicinamento al nostro sistema solare è stato previsto tra 240.000 e 470.000 anni. Tuttavia, Mamajek ed i suoi collaboratori hanno anche dimostrato che la distanza originale di HIP 85605 è stata probabilmente sottovalutata di un fattore dieci. Dalla sua attuale più probabile distanza - circa 200 anni luce - la traiettoria di HIP 85.605 appena calcolata non la porterebbe entro la Nube di Oort.
    Mamajek ha lavorato con l'ex studente della University of Rochester Scott Barenfeld (ora uno studente laureato presso il Caltech) alla simulazione di 10.000 orbite della stella, tenendo conto di posizione, distanza e velocità della stella, del campo gravitazionale della Via Lattea, e delle incertezze statistiche in tutte queste misurazioni. Di queste 10.000 simulazioni, il 98% ha mostrato la stella passare attraverso la nube di Oort esterno, ma per fortuna solo una delle simulazioni ha portato la stella all'interno della nube di Oort interna, il che potrebbe innescare la cosiddetta "pioggia di comete."
    Mentre il passaggio ravvicinato della stella di Scholz probabilmente avuto poco impatto sul Nube di Oort, Mamajek sottolinea che "altri importanti perturbatori dinamici della Nube di Oort possono essere in agguato tra stelle vicine." L'Agenzia spaziale europea ha recentemente lanciato il satellite Gaia che è previsto tracci le distanze e misuri le velocità di un miliardo di stelle. Con i dati di Gaia dati, gli astronomi saranno in grado di dire quali altre stelle possono avere avuto un incontro ravvicinato con noi in passato o lo avranno in un lontano futuro.
    Attualmente, la stella di Scholz è una piccola e debole nana rossa della costellazione dell’Unicorno, a circa 20 anni luce di distanza. Tuttavia, nel punto più vicino del suo flyby del sistema solare, la stella di Scholz sarebbe stata una stella di decima magnitudine - circa 50 volte più debole di quelle che si possono normalmente essere viste ad occhio nudo di notte. Tuttavia è magneticamente attiva, il che può causare brillamenti e farla brevemente diventare migliaia di volte più luminosa. Quindi è possibile che la stella di Scholz potrebbe essere stata visibile ad occhio nudo dai nostri antenati 70.000 anni fa per minuti o ore durante i rari e forti brillamenti.
    La stella è parte di un sistema binario: una stella di piccola massa o nana rossa (con massa circa l'8% di quella del Sole) ed una compagna "nana bruna" (con massa circa il 6% quella del Sole). Le nane brune sono considerate "stelle mancate"; le loro masse sono troppo basse per fondere l'idrogeno nei loro nuclei, come una "stella", ma sono ancora molto più massicce dei giganti di gassosi come Giove.
    La designazione formale della stella è "J072003.20-084651.2 WISE," ma è stata soprannominato "stella di Scholz" per onorare il suo scopritore – l’astronomo Ralf-Dieter Scholz del Leibniz-Institut für Astrophysik Potsdam (AIP) in Germania – che per primo ha riportato la scoperta della vicina stella debole alla fine del 2013. La parte "WISE" della designazione si riferisce al Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE) la missione della NASA, che ha mappato l'intero cielo in luce infrarossa nel 2010 e 2011, e la parte "J-numero" della designazione si riferisce alle coordinate celesti della stella.


    Articolo originale QUI.

  2. #2
    Staff • Autore L'avatar di corrado973
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Località
    Quartucciu (CA)
    Messaggi
    4,052
    Taggato in
    363 Post(s)

    Re: Il più vicino passaggio ravvicinato di una stella al nostro sistema solare noto

    Ecco la conferma in un nuovo studio:

    Nuove evidenze confermano il passaggio, settantamila anni fa, di una stella nei pressi del sistema solare. Transitando a soli 0.6 anni luce dal Sole, la stella di Scholz, questo il suo nome, ha perturbato il moto della miriade di corpi celesti della nube di Oort, la riserva di comete e asteroidi, rimasugli della formazione del sistema solare.

    Articolo di Alberto Laratro

    http://www.media.inaf.it/2018/03/21/...istema-solare/

    ...l'immagine dell'antenato che viene attirato da un brillamento
    Dobson gso 10",oculari:30mm,25mm,16mm,9mm,5mm. Barlow televue 2x,vari binocoli.
    Fotocamera bridge Panasonic FZ72 S C B2 La Sardegna col Bepop2

  3. #3
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,570
    Taggato in
    467 Post(s)

    Re: Il più vicino passaggio ravvicinato di una stella al nostro sistema solare noto

    Immagine poco realistica, mi sa. La stella di Scholz è una nana rossa accompagnata da una nana bruna, con magnitudine assoluta 19,4.
    Probabilmente, non è mai stata apprezzabile visualmente...

  4. #4
    Staff • Autore L'avatar di corrado973
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Località
    Quartucciu (CA)
    Messaggi
    4,052
    Taggato in
    363 Post(s)

    Re: Il più vicino passaggio ravvicinato di una stella al nostro sistema solare noto

    Sì sì. ..anche l' autore lo ha sottolineato.

    Corrado
    Dobson gso 10",oculari:30mm,25mm,16mm,9mm,5mm. Barlow televue 2x,vari binocoli.
    Fotocamera bridge Panasonic FZ72 S C B2 La Sardegna col Bepop2

  5. #5
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,570
    Taggato in
    467 Post(s)

    Re: Il più vicino passaggio ravvicinato di una stella al nostro sistema solare noto

    Ho trovato una stima della magnitudine al massimo avvicinamento: 11,4. Decisamente invisibile a occhio nudo...

  6. #6
    Nana Rossa L'avatar di Rop
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    435
    Taggato in
    34 Post(s)

    Re: Il più vicino passaggio ravvicinato di una stella al nostro sistema solare noto

    Non ho capito una cosa ... Tanto per cambiare ... E' possibile che sia in orbita intorno al nostro sole? O si sta' allontanando definitivamente? ... Il periodo sarebbe un po' esagerato ... Eventualmente quale e' il periodo massimo (osservato/calcolato) che 2 corpi possono avere?

    Grazie

    Buona giornata
    MAK90 + EQ3.2 Nikon D3200
    Nikon Aculon A211 7x50

  7. #7
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,570
    Taggato in
    467 Post(s)

    Re: Il più vicino passaggio ravvicinato di una stella al nostro sistema solare noto

    @Rop, non c'è nessuna possibilità. Ormai è a 20 a.l. da noi...

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-01-2015, 22:22
  2. Il nostro APOD - Sistema Solare
    Di Stefano Simoni nel forum Sondaggi
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 02-07-2014, 14:08
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-06-2014, 12:17
  4. 30 luglio: passaggio ravvicinato dell'asteroide 2003 DZ15
    Di Red Hanuman nel forum Sistema Solare
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 30-07-2013, 13:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •