Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: M1 & m35

  1. #1
    Meteora L'avatar di Davide72
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Messaggi
    7
    Taggato in
    1 Post(s)

    M1 & m35

    Buongiorno a tutti,
    eccomi di nuovo a condividere con voi briciole di emozioni.

    L’orologio segna le 22:00. Il mio fedele compagno è già acclimatato al freddo di dicembre e non mi resta che dirigerlo in direzione E.
    La spada del gigante Orione è sempre la prima a ricevere la mia attenzione. Eccola, il mio primo “amore” astronomico, riempire l’oculare. M42, la grande Nebulosa, con le sue sfumature, i piccoli punti luminosi del trapezio e le sue “ali” che avvolgono il mio sguardo come un immenso abbraccio. Ma non è Lei la protagonista della serata.

    Dopo qualche minuto di delizia per gli occhi dirigo il puntatore verso i piedi del gemello Castore. Basta poco perché la brillante Propus occupi il centro dell’oculare. Mi perdo un po’ nel girovagare nei dintorni gustando le delizie di piccoli gruppetti di luci. Incedere tra quei punti luminosi, però, ha breve durata. Eccolo! Finalmente lo vedo! Occupa pienamente lo spazio concesso dal mio oculare. M 35 in tutta la sua lucentezza e magnificenza. Punti luminosi, lievi alcuni, molto intensi altri, illuminano non solo il campo visuale ma anche la mia parte emotiva che era alla ricerca di tanta bellezza. Un momento di tachicardia evidenzia l’emozione del momento. Molti minuti mi soffermo ad ammirarne i particolari, a contare parte delle scintille che con luce costante ed immobile scaldano il mio sguardo. Un’immagine indelebile è stata impressa nella mia mente tanto che ancora ora ad occhi chiusi posso godere della sua bellezza.

    E’ giunto il momento di lasciare i due fratelli , che per opera del grande Zeus, condividono parte del cielo invernale per dirigermi più a destra, un po’ in alto, e trovare il grande Toro. L’apice del corno meridionale con la sua brillante Zeta Tauri occupa il centro dell’oculare. Mi muovo leggermente in alto. Non so bene di quanto devo spostarmi. Forse un po’ a destra? La cerco. Guardo, scruto, distolgo… ma non la vedo. M1, la Nebulosa del Granchio, è il mio successivo obiettivo, direi meglio, desiderio della serata e non riesco a trovarla. Controllo il Red dot. Il punto è esatto. Non la vedo. Sono ancora appagato dalla vista dell’ammasso dei Gemelli ma è forte il desiderio del primo oggetto catalogato dal grande Messier. Diversi minuti passano alla ricerca della “nube” ma purtroppo… ancora nulla.

    Che dire? Ritorno dal Gigante. La cintura offre sempre molti spunti di delicata bellezza. Mi soffermo su Alnitak, scendo poi leggermente verso Sigma Ori e ripago la leggera delusione dei minuti precedenti con la splendida vista di lievi punti luminosi ravvicinati, piccoli diamanti nascosti all’occhio ma risolti splendidamente permettendomi una contemplazione profonda

    Il freddo comincia a far sentire i suoi effetti. Decido di rientrare. Ma prima vedo che il grande Toro ha mosso alcuni passi e si trova in una parte di cielo più alta e buia. Forse … ? Chissà… mi dirigo ancora verso il corno e il suo apice. Zeta Tauri è nuovamente al centro dell’oculare. Mi muovo in maniera impercettibile in alto. Improvvisamente un’ ombra leggera. Un’ombra sfocata, più chiara, quasi evanescente. Controllo la mappa. Controllo il puntatore. Centro meglio ciò che ho appena percepito. ECCOLA ! E’ lei ! M1 è nel mio oculare. Non ne percepisco molti dettagli. Il mio strumento non mi concede tanta abbondanza. Ma percepire, non certo vedere, la nebulosa tanto cercata, la consapevolezza di avere nel mio oculare i resti di una passata, grandiosa esplosione produce in me un’ ulteriore aumento della frequenza cardiaca, testimonianza dell’emozione provata.

    Soddisfatto, appagato ed emozionato non posso che prepararmi per rientrare.
    Le parole del grande poeta, al termine della sua lirica più famosa, rimbalzano nella mia testa.
    Non posso che condividerle con voi:
    “Così tra questa
    Immensità s'annega il pensier mio:
    E il naufragar m'è dolce in questo mare”

  2. #2
    Nana Rossa L'avatar di Japponiglio
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Località
    Varese
    Messaggi
    360
    Taggato in
    46 Post(s)

    Re: M1 & m35

    Bella descrizione, Davide.
    Con cosa osservi? mettilo in firma. Dove hai osservato?

    M35 è adorabile anche perché, a fianco, ha un altro OC, più piccolo, meno risolvibile, composto da astri molto fini ed annegati in una deliziosa nebulosità. Cercalo, la prossima volta! Averli entrambi all'oculare è spettacolare. La resa, però, dipende dalla qualità del tuo cielo.



    M1 non regala chissà quale dettaglio, soprattutto da cieli mediocri e con diametri piccini. Le sue screziature interne ed i dettagli filamentosi sono molto più fotografici che visuali.

    Certo che già che eri da quelle parti avresti potuto puntare la 38P, anche
    Blog. Lightbridge 300-1524, ES 100° 5.5-9-14-25mm, UHC & OIII Astronomik, Nikon 10x50

  3. #3
    Meteora L'avatar di Davide72
    Data Registrazione
    Oct 2018
    Messaggi
    7
    Taggato in
    1 Post(s)

    Re: M1 & M35

    Grazie molte! a volte quando scrivo mi perdo un po'

    Osservo con un semplice Astromaster 114 con oculari Flat field Tecnosky 19 mm e Planetary ED 8 mm Tecnosky ma che comunque al momento mi sta dando discrete soddisfazioni.
    Appena mi sarà possibile (numero di messaggi sufficienti) inserirò in firma.

    Vivo in collina (500m slm) nella provincia Nord di Torino a circa 30 km dalla città.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •