Risultati da 1 a 1 di 1
  1. #1
    Staff • Autore L'avatar di corrado973
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Località
    Quartucciu (CA)
    Messaggi
    3,999
    Taggato in
    358 Post(s)

    Sardegna: Una porta per lo spazio

    Ci sono riuscito. Nonostante le iscrizioni all'evento fossero già chiuse ho deciso di recarmi al Teatro Massimo per chiedere la possibilità di partecipare all'evento e cosi è stato.

    L'evento organizzato dall'Università degli Studi di Cagliari, insieme con Agenzia Spaziale Italiana, la NASA e l’Agenzia Spaziale Europea si è svolto in contemporanea col primo seminario universitario “Sardinia Deep Space Antenna Seminar - 2019”.

    Se lo scopo era "raccontare la storia affascinante delle esplorazioni spaziali e il ruolo assegnato alla Sardegna per le prossime grandi avventure verso la Luna e Marte" ebbene ci sono davvero riusciti. Il Teatro gradevolmente gremito ha attirato infatti le persone alle quali il seminario era rivolto: studenti universitari, agli alunni delle scuole secondarie e alla cittadinanza. Il nodo centrale di tutta la mattinata era incentrato sul fiore all'occhiello della astrofisica sarda:mi riferisco al SRT che ho avuto modo in questo forum di farvi conoscere.
    Questo perché è ormai assodato che il Sardinia Radio Telescope diventerà una “Porta per lo Spazio” dalla quale supportare le missioni umane e robotiche, lunari e interplanetarie più sfidanti.

    Un ruolo che si proietta negli anni e che necessariamente prevede il coinvolgimento di giovani ricercatori e tecnici, che scuola e Università saranno chiamate a formare.

    Sono intervenuti al Benvenuto il vice rettore dell'Università di Cagliari, il nuovo presidente dell'ASI Giorgio Saccoccia e il presidente dell'INAF Nichi D'Amico.
    Ognuno di loro ha praticamente sottolineato il ruolo che si spera avranno i ragazzi e i giovani che erano all'ascolto dei loro discorsi.

    Dopo il Benvenuto c'è stato un graditissimo momento artistico: il Videoconcerto di MartuX , «Apollo Reloaded», anteprima spettacolo previsto per i 50 anni dello sbarco sulla Luna.
    Apollo 11 Reloaded è il nuovo progetto musicale di Maurizio Martusciello aka MartuxM, uno dei maggiori esponenti del panorama italiano di musica sperimentale ed elettronica degli ultimi anni, dedicato all’anniversario dell’allunaggio: un’orchestrazione elettronica per celebrare i 50 anni della missione spaziale Apollo 11.

    Ecco la presentazione della performance che è durata più di mezz'ora.

    https://www.youtube.com/watch?v=xnC9HaXPcvc

    Di seguito ecco l'intervento di Mr. Badri Younes, NASA Deputy Associate Administrator forSpace Communications and Navigation che in 50 minuti magistrali ha discusso su «Un viaggio di esplorazioni e scoperte». Un chiaro e preciso percorso sulla conoscenza dell Terra come trampolino di lancio per lo studio dei pianeti e della nostra stella. Ottimo intervento direi il suo terminato con la speranza di vedere i ragazzi del pubblico diventare i prossimi esploratori spaziali.
    IMG_20190621_111219.jpg

    Ha preso la parola poi il simpaticissimo Paolo Ferri dell' ESA che nel suo «Un’avventura interplanetaria all’inseguimento di una cometa» ha raccontato con una buona dose di sunto la fantastica avventura di Rosetta.
    IMG_20190621_122309.jpg

    Un intervento abbastanza neutro di Salvatore Viviano, ASI Resp. Sardinia Deep Space Antenna con una fredda lettura di slide sul ruolo del Srt in alcuni momenti astronautici , vedi il Finale di Cassini e

    dulcis in fundo il grande Roberto Vittori , astronauta, in formissima che per recuperare il tempo perduto prima ha sottolineato l'importanza di andare subito sulla Luna per costruire il trampolino di lancio per le missioni future e poi si è messo a disposizione del pubblico che ha rivolto lui le più disparate domande: come si diventa astronauta, come affronterebbe un viaggio di 3 anni per Marte un astronauta ecc ecc.
    IMG_20190621_131701.jpg



    Sono convinto che eventi di questo tipo debbano essere pane quotidiano per gli studenti di tutti le classi , ovviamente quelli impegnati in materie scientifiche.
    Non è assolutamente vero come alcuni pensano che lo spazio non interessa a nessuno. C'è molta sete di conoscenza. Oggi i ragazzi che ho visto li paragono alle uova della tartarughe marine. Delle centinaia che vengono deposte solo una una piccolissima parte riesce a raggiungere il mare: ecco, basterebbe che solo uno dei ragazzi che ho visto diventasse il nuovo esploratore del futuro per dimostrare che è grazie a seminari come questi che la parola scienza si radica nelle menti dei ragazzi di oggi.
    Dobson gso 10",oculari:30mm,25mm,16mm,9mm,5mm. Barlow televue 2x,vari binocoli.
    Fotocamera bridge Panasonic FZ72 S C B2 La Sardegna col Bepop2

Discussioni Simili

  1. L'alba in Sardegna
    Di corrado973 nel forum Il mondo notturno
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 27-07-2017, 13:54
  2. Via Lattea in Sardegna
    Di corrado973 nel forum Il mondo notturno
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 16-12-2016, 13:59
  3. Dalla Sardegna! Ajo'
    Di aspide81 nel forum Mi presento
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 24-06-2016, 22:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •