Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Meteora L'avatar di Gerardo Oreste
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Messaggi
    1
    Taggato in
    0 Post(s)

    Cosa si intende oggi per "ampia scala" e cosa nel 1905

    Einstein pubblica, come sappiamo, la sua teoria della relativitÓ ristretta nel 1905 e afferma che l'universo Ŕ "ad ampia scala" omogeneo ed isotropo. Si dÓ il caso, per˛, che agli inizi del secolo scorso la comunitÓ scientifica e quindi anche Einstein ritenessero che il nostro universo non andasse oltre la via Lattea (Anche se erano conosciute le Nubi di Magellano ed Andromaca, queste erano ritenute delle "nebulose" interne alla nostra stessa galassia).
    Se Ŕ vero come Ŕ vero che oggi l'omogeneitÓ e l'isotropia del nostro universo Ŕ data a partire dagli ammassi di galassie, cosa poteva intendere Einstein con l'espressione "ad ampia scala" se non aveva nemmeno l'idea del "gruppo locale" cui appartiene la via Lattea?

  2. #2
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    LocalitÓ
    Varese provincia
    Messaggi
    6,103
    Taggato in
    516 Post(s)


    Re: Cosa si intende oggi per "ampia scala" e cosa nel 1905

    Spostato in sezione pi¨ consona. Questa evidentemente non Ŕ una presentazione, ti invito a farne una come si deve nella sezione apposita.


    Comunque sia, giÓ nel 1755 Immanuel Kant ne "Storia universale della natura e teoria del cielo" supponeva che la Via Lattea fosse un agglomerato di stelle rotante, generato da una enorme nebulosa (alla stessa stregua del sistema solare), e che alcune delle "nebulose" distanti potevano essere altre galassie.
    In seguito, a partire dal 1845 William Parsons col suo "Leviatano" osserv˛ le altre galassie, ritrovando in esse le forme "spiraleggianti" che conosciamo oggi, riuscendo a distinguere in esse sorgenti puntiformi e rafforzando l'ipotesi di Kant.
    E' quindi pur vero che la conferma della esatta natura delle galassie fu ottenuta da Hubble tra il 1923 ed il 1924 (con l'osservazione di cefeidi nella galassia di ANDROMEDA e stabilendone la distanza), ma l'ipotesi era giÓ ben nota e abbastanza ben suffragata dalle conoscenze dell'epoca.

    GiÓ le sole osservazioni di Parsons potevano dunque essere sufficienti per supporre una omogeneitÓ e isotropia dell'universo, che per altro emergeva della teoria della relativitÓ come risultato naturale delle conoscenze giÓ raggiunte all'epoca.
    Ultima modifica di Red Hanuman; 08-07-2019 alle 13:32

Discussioni Simili

  1. Stelle un p˛ troppo "varibili" ? Cosa diavolo ho visto???
    Di cicciohouse nel forum Il cielo ad occhio nudo
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 08-02-2016, 17:52

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •