Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    Pianeta L'avatar di FMXHONDACR
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Località
    Provincia di Torino
    Messaggi
    98
    Taggato in
    4 Post(s)

    istogramma - quando è corretto?

    Mi trovo nella seguente situazione:
    ho acquistato di recente una Canon 60D astromodificata (rimozione del LPF#2 come spiegato qui: http://www.astrotrezzi.it/filtri-per...-colori-e-owb/ ) e uno spettacolare obiettivo fotografico 120-300mm f2.8 luminosissimo.

    Posto che stando a quanto viene consigliato dal sito http://dslr-astrophotography.com/iso...canon-cameras/ l'ISO suggerito per la mia macchina è 800, non è nemmeno da mettere in discussione che con una simile apertura e sensibilità, l'istogramma si sposta verso le luci mooolto velocemente.

    Ora: diverse scuole di pensiero...
    alcuni sostengono che l'istogramma deve trovarsi dopo il primo terzo da sinistra, altri che basta che si stacchi un po' da sinistra... ad ogni modo, dopo soli 30 secondi, dal cielo del paesino dove abito (Bortle class 5), con filtro L-pro, ottengo simili esposizioni (immagine RAW aperte con il software di Canon che mostra l'istogramma):
    istogramma 0.5min.jpg

    60sec:
    istogramma 1min.jpg

    120sec:
    istogramma 2min.jpg

    180sec:
    istogramma 3min.jpg

    Ma il dubbio è... non è che tutti sono sbagliati?
    Ho un qualcosa di clamorosamente rosa/rosso (che mi sta anche bene, essendo una reflex modificata, ma dopo esser passato da DeepSkyStaker non riesco ad arrivare ad uno sfondo nero usando la versione trial di PixInsight)... è troppo il tempo d'esposizione? troppo inquinamento luminoso? troppo qualcosaltro?

  2. #2
    Gigante L'avatar di DavideP
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    Parabiago -MI-
    Messaggi
    1,019
    Taggato in
    58 Post(s)

    Re: istogramma - quando è corretto?

    secondo me la più corretta è la seconda, aumentando il tempo di esposizione si aumenta solo la quantità di patina di inquinamento luminoso senza che passi nulla di più dalla luce degli oggetti celesti

    per la colorazione rosa non saprei, non l'ho mai capita sta cosa del filtro ir scusatemi....ma togliendo il filtro non viene poi ripreso tutto in monocromatico?

    però da quello che leggo sul sito che hai postato che parla della modifica alla camera mi sembra di capire che successivamente alla modifica bisogna intervenire sul bilanciamento del bianco, potrebbe essere quello?
    Ultima modifica di DavideP; 13-04-2020 alle 08:48
    Apo ED 66/400 - Nikon Action Ex 8x40 - Mak 127/1500 SLT - Oculari PL40/30 - FF27 - Zoom8/24 - Barlow Apo 2x - Torretta Tecnosky - Canon 600D - Le mie Foto -

  3. #3
    Gigante L'avatar di carkinzo
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Località
    Collesalvetti (LI)
    Messaggi
    1,196
    Taggato in
    56 Post(s)

    Re: istogramma - quando è corretto?

    Per me non è molto facile risponderti, ma visto che possiedo la stessa Reflex,
    ti dico in che modo lavoro io e sinceramente mi sono sempre trovato bene.
    Per prima cosa, è normale che le foto risultino rosa; dipende dalla modifica.
    Poi, io quando ero agli inizi, avevo trovato un sito che purtroppo mi sono
    dimenticato di salvare e non ho più ritrovato, dove venivano fatte le
    recensioni sulle Reflex in maniera molto approfondita e nel caso della 60D
    per quanto riguarda il discorso ISO, ritenevano che il meglio di se lo dava
    a 1600 e da allora io non l'ho mai mossa da questo valore, anche perché
    nonostante il luogo da cui riprendo non sia male, ho sempre montato
    un filtro IDAS anti inquinamento luminoso, che un po' attenua e quindi
    resto su 1600 ISO. Per il discorso dell'Istogramma, sinceramente non ci
    faccio molto caso, perché ormai ci sono abituato e tranne in alcuni casi,
    non lo guardo quasi più! Per quanto riguarda il resto, è ovvio che dipende
    dal telescopio, che poi nel tuo caso si tratta di un obiettivo e quindi si
    devono fare un po' di prove, considerando anche il soggetto che si deve
    riprendere. Volendo fare un confronto con le immagini che hai postato,
    diciamo che io con 4 minuti di posa su un Rifrattore Astrografo f4.4
    con il filtro IDAS e 1600 Iso, come luminosità immaginatela a metà
    strada tra la seconda e la terza foto e l'istogramma è posizionato
    più o meno come nella seconda. Poi, io con questo tubo, sinceramente
    non supero mai i 5 minuti, perché è troppo luminoso e poi dobbiamo
    fare anche i conti con il fatto che la Reflex NON è raffreddata, quindi
    poi entra il rumore, anche se con la 60D ci si potrebbe spingere oltre.
    Considera che te in questo caso hai un f2.8 e quindi avrai ancora più
    luce e quindi secondo me è normale che con soli 3 minuti, tu abbia
    quel tipo di risultato! Io un risultato simile lo ottengo quando faccio
    i test da casa, dove c'é un bel po' di inquinamento luminoso e anche
    questo deve essere messo in conto e in questo caso io abbasso sia
    gli Iso che il tempo di posa. Considera anche un'altra cosa, io è un po'
    di tempo che sto valutando l'acquisto di un obiettivo molto luminoso
    e informandomi in giro e guardando anche le foto degli altri e più che
    altro guardando anche i valori utilizzati, di solito NON li mettono mai
    alla massima apertura, ma li chiudono un po'!
    Spero in qualche modo di averti aiutato.
    Skywatcher Explorer-150mm/750mm PDS - TS Apo 80/352 - Vixen SXP con Starbook Ten - Canon EOS 60D modificata con filtro Super UV IR Cut.

  4. #4
    Nana Rossa L'avatar di npole
    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    335
    Taggato in
    18 Post(s)

    Re: istogramma - quando è corretto?

    C'è un metodo matematico per determinare la giusta esposizione, e questo dipende da molti fattori, uno tra i quali il rumore prodotto dal sensore, ma all'inizio è (secondo me) inutile introdurre certi concetti perché si rischia di complicare le cose e perdere di vista le basi. Quindi la risposta è: prova e compara i risultati.
    Per quanto mi riguarda, io mi tengo (normalmente) nel primo terzo dell'istogramma (prima foto), ma è pur vero che io uso una camera dedicata e faccio molti scatti con esposizioni decisamente "corte" (10 secondi).
    Il colore viola è normale (hai rimosso il filtro), puoi eventualmente utilizzare un bilanciamento del bianco personalizzato (direttamente in camera), ma è una operazione inutile perché scatti in RAW e questa operazione viene fatta con l'elaborazione finale dell'immagine: tutti (qualsiasi camera si utilizzi) effettuano la regolazione delle curve colore per riportare l'immagine (sfondo e soggetti) ai colori naturali (non solo per via dei filtri, ma pure per l'inquinamento luminoso che contamina l'immagine).

  5. #5
    Pianeta L'avatar di FMXHONDACR
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Località
    Provincia di Torino
    Messaggi
    98
    Taggato in
    4 Post(s)

    Re: istogramma - quando è corretto?

    grazie DavideP per la risposta... sì, lo pensavo anche io che non bisognasse andare troppo a destra... (visto che già alla prima sto a circa 1/3 da sinistra io in realtà avrei battezzato questa come buona), questo mi permette anche di avere una guida più semplice e la cosa non può che farmi piacere.
    Per la dominante rossiccia e relativo bilanciamento del bianco, sì e no... nel senso che le cose nere, dovrebbero rimanere nere...
    ... e se lavoro per togliere il rossiccio, lo sfondo mi si trasforma in grigio (questo intendevo nel mio messaggio iniziale).
    Quelle che seguono sono delle immagini: sulla sinistra la somma mentre e sulla destra il risultato dopo i primissimi passi dell'elaborazione (aver estratto i canali, allineato i canali al verde con linearfit e ricomposto i canali).

    Questa prima è la somma di alcune foto fatte a 30sec, 1 min con DeepSkyStacker
    NON strech (sia prima a sinistra che è solo la somma che dopo operazioni a destra)
    non.jpg
    mentre questa è con STF Autostrech (sia a destra che sinistra)
    str.jpg

    Questa seconda serie prende dentro anche (oltre ai 30sec e 1 min) i 2 min (sempre con DeepSkyStacker)
    NON strech (sia prima a sinistra che è solo la somma che dopo operazioni a destra)
    non strech.jpg
    mentre questa è con STF Autostrech (sia a destra che sinistra)
    strec.jpg

    Questa terza serie prende solo i 1 min (sempre con DeepSkyStacker)
    NON strech (sia prima a sinistra che è solo la somma che dopo operazioni a destra)
    solo1min.jpg
    mentre questa è con STF Autostrech (sia a destra che sinistra)
    solo1min stre.jpg


    Quale set considerate migliore dopo solo questo primissimo passaggio?
    Secondo me son già troppo grigie e ho paura che siano non usabili.







    Grazie infinite anche a carkinzo per la articolata risposta, solo a scampo di equivoci, anche la tua 60D è modificata? (se sì, posso chiederti che tipo di modifica hai su?)
    Continuando a leggere, bho, per gli ISO mi pare che il sito postato suggerisca 800, ad ogni modo, visto che con l'ottica devo già stare basso di tempi, non andrei ad alzarlo.
    Anche io uso un filtro antiinquinamento luminoso e penso che il mio L-pro possa essere comparabile al tuo IDAS come si vede da questa immagine (magari il tuo non è proprio il tipo LPS P2 dell'analisi, ma non penso che ci vada molto distante)...

    quindi mi sentirei di dire che in fatto di camera e filtro sono più o meno nella tua stessa configurazione
    Ora, facendo 2 calcoli veloci: tu sei a 1600ISO, f/4.4 (per semplicità fammi approssimare il valore a f/4.5 che è 1/3 di stop sopra f/4) e acquisisci per 4 minuti.
    Se io sono a 800ISO, rispetto a te (1600ISO) sto perdendo 1 stop netto
    Se io sto a f/2.8, rispetto a te (f/4.5 per semplicità) sto guadagnando 1 stop e 1/3
    Quindi in realtà con la configurazione citata sto guadagnando solo 1/3 di stop.
    Ne consegue che rispetto ai 4 minuti (240 sec) dovrei avere poco più di 3 min... risultato confermato dal sito
    https://www.scantips.com/lights/exposurecalc.html
    (dove se metto ad esempio a sinistra 100sec, f/4.5, 1600ISO e dall'altra parte f/2.8, 800ISO => ottengo 192 sec)
    bhe, ma se io sto a 3 minuti sono esageratamente chiaro!
    La cosa non mi torna... in pratica sto cercando di paragonare la mia esposizione alla tua, ma se seguo il tutto arrivo ad avere una foto esageratamente esposta... può darsi che nelle mie foto ci sia troppo inquinamento luminoso che non riesce ad esser tagliato dal filtro L-pro? Se cerco la tua posizione sul sito lightpollutionmap trovo anche per te un Bortle class 5 (ma è pur vero che appena a sud tu sei molto più libero di me che ho molto più inquinamento).




    grazie anche a npole (anche se abbiamo penso setup diversi... tu se ho capito hai una camera astronomica, quindi per forza hai più elevate efficienze e con 10 secondi riesci magari a catturare quello che io prendo in 30). Sono conscio del bilanciamento del bianco che vado a fare con il SW, ma quello che non mi torna è la quantità di grigio e mancanza di nero...


    Ho paura che il problema sia il "non nero" dopo linearfit... e sia riconducibile a inquinamento luminoso e basta





    PS:
    Ah, aggiungo una sfumatura "di concetto" che mi manca: l'istogramma (quando si parla di 1/3 da sinistra) è su scala logaritmica o lineare? (perchè ovviamente la cosa cambia tutto!!!)

  6. #6
    Nana Rossa L'avatar di npole
    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    335
    Taggato in
    18 Post(s)

    Re: istogramma - quando è corretto?

    Non ricercherai mai il cielo nero, prima di tutto perché effettivamente il cielo non proprio nero, ma pure se fosse, a meno che non te ne vada nell'oceano, avrai sempre inquinamento luminoso, che inevitabilmente contaminerà tutta la foto (sia lo sfondo che i soggetti).
    Regolando i livelli puoi bilanciare questo aspetto, ma dovrai scendere ad un compromesso: rendendo il cielo più "nero", inevitabilmente perderai anche dettagli più tenui dei corpi celesti (cosa ancora più evidente se fotografi galassie e nebulose).
    Quindi per risponderti: certo, il fatto che le tue foto non abbiano sfondo nero, è proprio dovuto all'inquinamento luminoso, più scendi bortle (cieli più scuri) più il risultato finale sarà vicino a quello del vero colore del cielo.
    Nelle mie foto (io ho moltissimo inquinamento luminoso), per non perdere troppi dettagli delle galassie, scendo normalmente fino a 19/19/19 RGB, quindi un grigio scuro.
    Istogramma lineare, con i valori di grigio da 0 a 255, 1/3 rappresenta un valore di 85 per ogni componente RGB.

  7. #7
    Gigante L'avatar di Angelo_C
    Data Registrazione
    Dec 2017
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,731
    Taggato in
    141 Post(s)

    Re: istogramma - quando è corretto?

    Più che la "posizione" dell'istogramma (che puoi rimettere a posto bilanciando i canali), devi stare attento a non saturare, in tutti i quattro diagrammi postati al post di apertura, vedo che la "testa" dell'istogramma è sempre tagliata, questo vuol dire che hai saturato (sempre di più andando dal 1° al 4° esempio), questo vuol dire che hai perso informazioni.

    Nel caso del campo stellare da te fotografato, ad esempio ti sei perso il "colore" delle stelle più luminose, che vedrai bianche appunto perché sovra saturate ("bruciate" si diceva una volta).

    Questo vale per la singola posa, ma ormai (come si fa ad esempio per l'HDR "terrestre") la cosa migliore è integrare più pose con esposizioni diverse (a proposito di ciò, io imposterei sempre il minimo di ISO a prescindere, meno ISO, meno rumore).
    Vedi ad esempio la classica nebulosa di Orione, con esposizione "lunga", "bruci" la parte centrale del Trapezio, ma riprendi le propaggini più esterne (e deboli) della nebulosa, con esposizione "corta", per esporre correttamente il Trapezio, ti giochi la periferia; invece integrando pose con esposizioni diverse, ti ritrovi tutta M42 correttamente esposta e con una buona estensione.
    Associazione Astronomica Mirasole (AstroMirasole): http://astromirasole.org • • • Pagina facebook: facebook.com/AstroMirasole/ • • • La Mia Strumentazione

  8. #8
    Gigante L'avatar di Jerry
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Località
    Provincia di Lodi
    Messaggi
    1,071
    Taggato in
    253 Post(s)

    Re: istogramma - quando è corretto?

    Dalle preview degli STF che hai allegato non si vede perfettamente ma mi sembra che il segnale sia molto simile tra le varie pose sommate, quindi è inutile esporre per tempi lunghi. Bisogna vedere il rumore se guadagni qualcosina.
    Il cielo deve essere grigio neutro chiaro o scuro che sia, è l'obiettivo di noi astrofotografi non avere dominanti, poi sarà una scelta personale.
    Correggo Angelo per la saturazione che non è data dalla campana piatta ma dal picco che avrai sulla parte destra dell'istogramma al livello 255, più il picco è alto e più pixel avrai saturi.
    Per combattere l'inquinamento luminoso altre al filtro è necessario fare moltissime esposizioni per ridurre il rumore ed aumentare il rapporto s/n, certo un f2.8 è sprecato sotto il tuo cielo perchè il rumore eletronico di una DSRL influenzerà il risultato con tante pose a differenza dei cmos astronomici con rumore di lettura bassissimo.
    Riprendo con Tecnosky 115/800, Skywatcher 80ED, Celestron 8 su Atik4000M, Canon 350d Baader, ASI224MC, ASI120MM alcune immagini http://www.astrofili-cremona.it/deepsky/deepsky.htm

  9. #9
    Pianeta L'avatar di FMXHONDACR
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Località
    Provincia di Torino
    Messaggi
    98
    Taggato in
    4 Post(s)

    Re: istogramma - quando è corretto?

    npole ok per il cielo non nero. Ne terrò conto senza farmi fermare da questa cosa, grazie.

    Angelo_C, perchè mi dici che l'istogramma riportato è bruciato?
    Normalmente (magari in astrofotografia non è così e se di tale si tratta, mi scuso della bestialità che sto scrivendo) una foto è bruciata quando l'istogramma si appoggia a destra e in nessuna delle mie prove è così (mentre non è mia velleità non bruciare le stelle... mi accontento di prendere l'oggetto deepsky al meglio possibile con una reflex)
    Mi risulta che nessuno ha mai scritto da qualche che l'istogramma arrivato a toccare la parte superiore del grafico sia indice di un problema alla foto.

    chiaro che non deve toccare il margine destro o sinistro (per non perdere informazioni), ma se il grafico tocca il sopra non dovrebbe essere qualcosa di cui preoccuparsi.
    https://www.youtube.com/watch?v=9rAoJ-VG860
    ^^^ questo video dice inesattezze? (mi riferisco alla prima parte dove "spiega l'istogramma")
    https://youtu.be/6XpibNoKlf4?t=168
    o meglio ancora:
    https://www.youtube.com/watch?v=DlzK8GZKVh4
    ... non mi pare che si faccia problemi se l'istogramma raggiunge la parte superiore del grafico (discorso diverso se arrivasse a destra)


    edit: mentre scrivevo sto poema, cercando le varie fonti a supporto di quello che sapevo, ha postato Jerry (confermandomi quanto sapevo) che ringrazio per le informazioni preziose.

    Nella sostanza, su quel bersaglio continuerò a tentare di tenere l'istogramma appena staccato da sinistra, circa ad 1/3 come mi avevano detto, facendo tanti scatti e utilizzando anche tanti dark e tanti bias.
    Ultima modifica di FMXHONDACR; 13-04-2020 alle 13:08

  10. #10
    Nana Rossa L'avatar di npole
    Data Registrazione
    Jan 2018
    Messaggi
    335
    Taggato in
    18 Post(s)

    Re: istogramma - quando è corretto?

    La scala verticale indica la distribuzione di quella componente nell'interezza dell'immagine, ad esempio se riempi l'immagine con il 99% di pixel rossi e il restante verde e blu, il grafico potrebbe "clippare" in alto per la componente rossa, ma in realtà non significa assolutamente nulla, la scala Y è arbitraria, serve solo a migliorare la leggibilità dell'istogramma ma non fornisce nessun dato che ti possa interessare. Insomma non c'è nulla di sbagliato in quell'istogramma.

Discussioni Simili

  1. doppio picco d'istogramma
    Di Nicobugi nel forum Software Generale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 13-04-2020, 13:00
  2. USB traffic corretto su Sharpcap
    Di Alebiasia nel forum Software Generale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-08-2018, 11:56
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02-03-2017, 13:35
  4. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 02-10-2013, 18:00
  5. A quando il DNA?
    Di Vincenzo Zappalà nel forum News
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 05-03-2013, 11:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •