Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Nana Bruna L'avatar di EMOZIONE
    Data Registrazione
    May 2019
    Località
    NAPOLI
    Messaggi
    267
    Taggato in
    16 Post(s)

    Mercurio: Il calimero del sistema solare

    Ragazzi,

    vorrei avere notizie più approfondite, su Mercurio, un pianeta quantomeno singolare, tormentato da sempre
    da eventi a dir poco "catastrofici", per quello che ho potuto comprendere!
    Ma veniamo alla mie curiosità:

    1) Innanzitutto avendo un nucleo molto grande, vorrei capire meglio, perchè è l'unico insieme al nostro pianeta ad avere un campo magnetico tra i quattro pianeti interni?

    2)E' piccolo e nero, dovuto al basalto che ricopre la sua ridotta crosta, vorrei sapere la grafite presente nel substrato del basalto, da dove proviene?

    3)Perchè nonostante sia cosi vicino alla nostra stella, ha nella zona polare acqua e ghiacco?. Cio' trovo alquanto soprendente.

    4)Quale è l'ipotesi più accreditata, a far credere che Mercurio abbia subito un impatto notevole, perdendo gran parte della parte esterna di esso ?
    E se così fosse, dove sono accumulati una parte dei residui della crosta di Calimero?

    Grazie
    Buona giornata
    Dobson 200/1200,oculari:3,5mm,4mm,5mm,6mm,9mm,10mm,12mm,15mm, 20mm,25mm,26mm.
    Barlow 2x, 3x

  2. #2
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,950
    Taggato in
    502 Post(s)


    Re: Mercurio: Il calimero del sistema solare

    Spostato in sezione più consona.

    Citazione Originariamente Scritto da EMOZIONE Visualizza Messaggio
    Ragazzi,

    vorrei avere notizie più approfondite, su Mercurio, un pianeta quantomeno singolare, tormentato da sempre
    da eventi a dir poco "catastrofici", per quello che ho potuto comprendere!
    Ma veniamo alla mie curiosità:

    1) Innanzitutto avendo un nucleo molto grande, vorrei capire meglio, perchè è l'unico insieme al nostro pianeta ad avere un campo magnetico tra i quattro pianeti interni?
    La densità di Mercurio è paragonabile a quella della Terra. Tenendo conto che la densità interna di Mercurio è sicuramente minore di quella terrestre, se ne deduce che il nucleo sia composto prevalentemente da ferro, che ha una densità elevata, e che sia piuttosto grande (più della metà del pianeta, metre per la Terra parliamo di poco meno di un quinto).
    Come sia arrivato ad una simile composizione è ancora oggetto di studi. Tra le varie ipotesi, uno scontro con un planetesimo, la vaporizzazione delle componenti più leggere da parte del giovane Sole o perturbazioni nella nebulosa planetaria originale.
    La presenza di ferro, probabilmente fluido a causa degli effetti di marea gravitazionale del Sole, rende possibile un debole campo magnetico (1% del nostro) causato da un effetto dinamo simile a quello che genera il campo magnetico terrestre.


    Citazione Originariamente Scritto da EMOZIONE Visualizza Messaggio
    2)E' piccolo e nero, dovuto al basalto che ricopre la sua ridotta crosta, vorrei sapere la grafite presente nel substrato del basalto, da dove proviene?
    Il basalto non contiene grafite o carbonio. Contiene essenzialmente ossidi di silicio e di alluminio, con tracce di metalli alcalini.

    Citazione Originariamente Scritto da EMOZIONE Visualizza Messaggio
    3)Perchè nonostante sia cosi vicino alla nostra stella, ha nella zona polare acqua e ghiacco?. Cio' trovo alquanto soprendente.
    La presenza di ghiaccio nelle zone polari di Mercurio è dovuta ad un meccanismo particolare: la superficie del pianeta è ricca di minerali contenenti gruppi idrossili (OH).
    Il plasma che proviene dal Sole è ricco di protoni (idrogeno, H), che viene convogliato ai poli dal campo magnetico e reagisce con questi gruppi idrossili in modo complesso, formando anche acqua.
    L'acqua può permanere congelata nei crateri in prossimità dei poli del pianeta, poiché essi internamente sono in ombra e non esiste una atmosfera che possa riscaldare per convezione l'area.

    Citazione Originariamente Scritto da EMOZIONE Visualizza Messaggio
    4)Quale è l'ipotesi più accreditata, a far credere che Mercurio abbia subito un impatto notevole, perdendo gran parte della parte esterna di esso ?
    E se così fosse, dove sono accumulati una parte dei residui della crosta di Calimero?

    Grazie
    Buona giornata
    L'ipotesi l'ho riferita sopra, e nasce della composizione interna del pianeta. Una delle spiegazioni è appunto che ci si a stato un impatto con un planetesimo, il quale ha strappato via la parte superficiale del pianeta, meno densa, lasciando solo un nucleo denso( un po' quello accaduto per la formazione del sistema Terra - Luna).

    I residui dell'impatto, probabilmente, sono stati assorbiti in gran parte dal Sole.

  3. #3
    Nana Bruna L'avatar di EMOZIONE
    Data Registrazione
    May 2019
    Località
    NAPOLI
    Messaggi
    267
    Taggato in
    16 Post(s)

    Re: Mercurio: Il calimero del sistema solare

    Grazie,
    risposte interessanti ed esaustive,
    desideravo precisare in relazione alla grafite; non intendevo nel "basalto" ma sotto il basalto!Quando
    Mercurio viene bombardato da corpi esterni , la grafite viene liberata dal substrato ed emerge in superficie!
    Però non ho compreso l'origine di essa?
    Per quanto concerne i residui, desideravo avere conferme che i "vulcanoidi" fossero stati catturati dalla nostra stella.
    Non potevi essere così meticoloso e certosino!
    Buona giornata
    Cieli sereni
    Dobson 200/1200,oculari:3,5mm,4mm,5mm,6mm,9mm,10mm,12mm,15mm, 20mm,25mm,26mm.
    Barlow 2x, 3x

  4. #4
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,950
    Taggato in
    502 Post(s)


    Re: Mercurio: Il calimero del sistema solare

    La grafite rilevata su Mercurio proviene dagli strati profondi del pianeta, che vengono messi in luce dagli impatti meteorici.

    L'ipotesi più accreditata è che nelle fasi primordiali del pianeta, la grafite si sia separata dagli altri materiali più densi presenti nel magma fuso primordiale del pianeta, creando uno strato superficiale di carbonio. A seguito di successivi processi geologici, si è rimescolata con altri minerali, cerando la superficie attualmente visibile.
    La grafite è un minerale di carbonio (una forma allotropica, cioè una delle diverse forme che un elemento pressoché puro può presentare, sotto forma di minerale), abbastanza comune.

    Nasce principalmente tra le rocce metamorfiche, come trasformazione del carbonio causata principalmente da alte temperature e pressioni, ed è comunemente associata a rocce basaltiche.

  5. #5
    Nana Bruna L'avatar di EMOZIONE
    Data Registrazione
    May 2019
    Località
    NAPOLI
    Messaggi
    267
    Taggato in
    16 Post(s)

    Re: Mercurio: Il calimero del sistema solare

    OK ,

    il quadro è completo, sono più che soddisfatto,
    complimenti per tutto quello che scrivi!

    grazie
    Alla prossima
    Ciao
    Cieli sereni
    Dobson 200/1200,oculari:3,5mm,4mm,5mm,6mm,9mm,10mm,12mm,15mm, 20mm,25mm,26mm.
    Barlow 2x, 3x

Discussioni Simili

  1. Per il sistema solare
    Di Marco98 nel forum Primo strumento
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 26-01-2020, 16:53
  2. Il mio Sistema Solare
    Di voyager75 nel forum Pianeti e dintorni
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-07-2018, 15:59
  3. sistema solare e IL
    Di MarcoAstronomia nel forum Sistema Solare
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 01-07-2017, 10:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •