Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19

Visualizzazione Ibrida

  1. #1
    Nana Bruna L'avatar di FMXHONDACR
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Località
    Provincia di Torino
    Messaggi
    117
    Taggato in
    6 Post(s)

    "Primo" strumento (per modo di dire...)

    Allora, comincio col mettere le mani avanti... son 6 mesi che mi cimento con foto al cielo notturno, ho una Canon 80D standard e una Canon 60D astromodificata (ho anche un paio di filtri clip per APSC Canon: Optolong L-pro e Astronomik UHC).
    Una serie di ottiche fotografiche in grado di coprire praticamente qualsiasi focale (parlo di fotografia diurna normale, terrestre, ovvio), tutte con rapidi rapporti focali (fatta eccezione per il superzoom e il superwide lineare):
    Sigma 10 mm f/2.8 EX DC FISHEYE HSM
    Sigma 8-16 mm f/4.5-5.6 DC HSM (superwide lineare)
    Sigma Art 18-35 mm f/1.8 DC HSM
    Sigma Art 50-100 mm f/1.8 DC HSM
    Sigma 120-300 mm f/2.8 APO EX DG OS HSM
    Tamron SP 150-600mm f/5-6.3 Di VC USD G2 (superzoom)
    E ho anche un moltiplicatore 2x
    Fin'ora ho sempre scattato foto con i miei obiettivi fotografici.
    Uso con soddisfazione l'ASIAir per il platesoving, l'allineamento polare e goto in abbinamento a un piccolissimo telescopio fuida 30F4 e la ASI 120MM come camera di guida.
    Le mie montature sono la AZ-GTI (che ho usato col cuneo equatoriale e un treppiede manfrotto 055) messa ora da parte e la AZ-EQ6 che da quando ho preso la ho potuta usare nemmeno 3 volte (dannate nubi e foschia serale).
    Ho iniziato da poco a prendere qualcosa per il visuale per vedere se potesse piacermi... ho un adattatore "da oviettivo canon a portaoculare" e un oculare Zoom Auriga 9-27mm

    E' venuto per me il momento di lasciare a lato le ottiche fotografiche (ed utilizzarle per scopi particolari) e prendere un OTA come si deve.
    Quindi non si tratterebbe proprio della scelta del "primo strumento", ma in un modo o nell'altro di questo si tratta... il mio primo strumento dedicato a solo scopo astrofilo.

    Qui di seguito il questionario compilato secondo quelle che penso siano le mie attuali esigenze.
    1) Cosa voglio osservare principalmente
    c- Planetario e Cielo Profondo in quantità uguali
    --- in realtà non so se voglio fare il planetario, ma non voglio precludermi la possibilità a priori (cerco qualcosa che faccia tutto più o meno bene e non perfettamente ma estremamente specialistico)
    2) Uso del telescopio
    c- Visuale e astrofotografia
    3) La cosa più importante per me è
    b- Un piccolo diametro ma di buona qualità
    d- Un compromesso tra funzionalità e diametro
    --- non saprei scegliere tra i due qui sopra... diciamo che son sicuro che non voglio una cosa lunga/ingombrante
    4) Osservo più spesso:
    b- Dal giardino
    5) Il cielo da dove osservo generalmente è:
    c- Cielo rurale; la Via Lattea è visibile, l'IL è basso e localizzato solo in direzione delle città.
    --- basso... oddio, non saprei se Bortle class 5 è considerabile basso (non ho mai acquistato un rilevatore SQM e nemmeno mai testato il mio giardino con strumenti presi in prestito)
    6) Quando mi sposto:
    b- Ho spazio in macchina, con un po’ di sforzo.
    7) Per raggiungere il luogo di osservazione con la mia auto:
    --- ho il garage in casa e posso tenere il telescopio al piano terra, ma come detto osservo dal giardino di casa
    8) Posso trasportare facilmente:
    b- 20 kg?
    --- forse oltre? si parla di singolo viaggio o andata e ritorno più volte? la AZEQ6 la sposto montata sul treppiede senza problemi (i contrappesi ovviemente li monto dopo)
    9) Messa a punto:
    a- Non ne voglio sentir parlare!
    10) Quando sono sul posto:
    --- dipende... so settare tutto quel che serve per fare foto e ci metto il tempo che serve, ma quando vorrò dedicarmi al visuale vorrò immediatezza (quindi AZ-EQ6 in funzionamento alt-azimutale)
    11) Per trovare il bersaglio:
    b- So usare una mappa, ma mi piacerebbe qualcosa di automatico
    c- Non ho tempo, voglio cliccare su un pulsante e trovare l’oggetto
    12) Quando ho trovato l'oggetto:
    a- Non vorrei toccare nulla e mantenerlo visibile
    13) Per lo strumento senza accessori, posso spendere:
    € 500 - € 1.500
    --- rivolgendomi al mercato dell'usato
    e nota: avendo già la montatura, questa cifra è solo per il pacchetto "OTA + riduttore + oculare wide + eventuale angolare o prisma"

    Leggendo in giro, accumulando informazioni più possibile (incluso il confondermi le idee quanto basta ), sono uscito con questi pensieri:
    - voglio avvicinarmi di più al visuale
    - punto fermo: sfruttare la mia montatura AZEQ6 (quindi no dobson, anche perchè qualche foto la vorrei fare anche con questa nuova OTA)
    - punto fermo NON voglio un newton per questioni di ingombro e neanche un doppietto/tripletto/ecc per medesima questione
    - non vorrei ammattire con collimazioni ecc... quindi ho paura che i RC siano da evitare
    - con le osservazioni sopra fatte direi che sono arrivato a individuare il Celestron C8 come possibile compromesso (da affiancare al riduttore/correttore f/6.3 per uso astrofoto) conscio del fatto che l'acclimatamento potrebbe essere fastidioso.

    Motivi che mi hanno fatto arrivare a quella deduzione:
    - se non ho capito male è (con compromessi dovuto all'ingombro) lo schema ottico che meglio gestisce la versatilità
    - 2000mm di lunghezza focale sono già tanti, andare su C9.25 o C11 mi porterebbe più casini per le foto su oggetti estesi, anche con il riduttore f/6.3 (che porta il 2000mm a poco sopra i 1200mm... con la mia APSC Canon riuscirei quindi a inquadrare comunque la luna full disk)
    - con 2000mm di lunghezza focale e il mio oculare zoom (9-27) già arrivo ai massimi ingrandimenti (circa 200, non avrà magari una qualità eccelsa, ma per il momento mi accontento)... devo anche trovare ora l'oculare che mi dia il campo osservato più ampio possibile (se non ho capito male stiamo sui 35mm per non avere pupille sopra 7mm e circa 70° non oltre per non vignettare... quindi stando sui 55-60 ingrandimenti circa... sotto ho un binocolo stabilizzato da 18x e me lo faccio bastare).
    Per questioni di prezzo eviterei le versioni EDGE HD per via del costo maggiore iniziale della sola ottica e perchè anche il riduttore di questa versione costa il doppio di quella della versione non HD (oltre che ridurre meno la focale, quindi esposizioni più lunghe e minor campo inquadrato, che per queste lunghezze può esser un problema).


    Ascolto suggerimenti.
    PS: essendo a totale digiuno di osservazioni visuali, posto che avevo in testa di stare sulla serie di accessori da 1,25" senza spingermi sui costosi 2"... come è la consuetudine di utilizzo degli strumenti?
    Intendo quali tra:
    -Diretto (scomodissimo)
    -Angolare 90°
    -Angolare 45°
    -Prisma raddrizzatore 45°
    -Prisma raddrizzatore 90°
    ... ammetto che vedere una cosa raddrizzata è per me confortevole, ma se non è l'utilizzo standard, vedo di imparere subito come serve che si faccia!

    Questo post contiene 6 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  2. #2
    Nana Rossa L'avatar di stevesp
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Lecco
    Messaggi
    340
    Taggato in
    12 Post(s)

    Re: "Primo" strumento (per modo di dire...)

    I C8 Celestron di solito vengono venduti con il diagonale a 90° da 1.25” e un oculare da 40 che da 50x e barra
    Gli SCT sono tubi chiusi e bisogna aspettare un po’ perché si “raffreddino” prima di poterli usare

  3. #3
    Galassia L'avatar di Angeloma
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Camaiore - Viareggio
    Messaggi
    14,304
    Taggato in
    1110 Post(s)

    Re: "Primo" strumento (per modo di dire...)

    SC Meade AFC f8?
    Newton: GSO 303/1500; 150/1400; Bresser NT-150L Hexafoc - Mak: Sw 127/1540 BD; VMC11OL - rifrattori: 50/600; 70/350; ETX70 AT; 70/700; 77/910; 90/500.

  4. #4
    Nana Bruna L'avatar di FMXHONDACR
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Località
    Provincia di Torino
    Messaggi
    117
    Taggato in
    6 Post(s)

    Re: "Primo" strumento (per modo di dire...)

    greazie per l'info su angolare 90° con cui viene fornito il C8 (quindi se non ho capito male l'immagine rimane specchiata destra/sinistra vero? mentre alto/basso è diritta)
    sulla questione "raffreddino" già avevo scritto che ero conscio del tempo di acclimatamento

    Invece non riesco a capire il suggerimento del SC Meade AFC f8
    non trovo un telescopio specifico con questa sigla ma una famiglia... LX850...
    ... che se non sbaglio parte dal 10" ACF F/8 https://www.meade.com/telescopes/acf...tube-1438.html che pare introvabile sull'usato e sul nuovo a prezzi fuori budget (avevo scritto un range 500€-1500€) già con la sola OTA... mentre io nella cifra citata voglio farci stare anche riduttore, angolare e oculare!
    Ok che con il riduttore/spianatore 0,62 raggiungo f/5... ma è davvero troppo costoso (su suolo europeo, senza ammattire con dazi e spedizioni da oltreoceano, quasi 3000€ di solo OTA e 250€ di riduttore)

  5. #5
    Nana Rossa L'avatar di stevesp
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Lecco
    Messaggi
    340
    Taggato in
    12 Post(s)

    "Primo" strumento (per modo di dire...)

    Il diagonale specchia destra sinistra, anche se in visuale nel cielo non interessa
    Con un SCT considera anche la nuova guida. Dubito che il tuo 30F4 basti per 2000 o anche 1200
    Ultima modifica di stevesp; 27-06-2020 alle 14:13

  6. #6
    Nana Rossa L'avatar di stevesp
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Lecco
    Messaggi
    340
    Taggato in
    12 Post(s)

    Re: "Primo" strumento (per modo di dire...)

    Meade ha due versioni 8” se ho visto bene sul sito USA, ma nei negozi online c’è il più costoso che sembra il concorrente del C8HD

  7. #7
    Nana Bruna L'avatar di FMXHONDACR
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Località
    Provincia di Torino
    Messaggi
    117
    Taggato in
    6 Post(s)

    Re: "Primo" strumento (per modo di dire...)

    io non riesco a trovarlo...
    trovo più versioni di 2000mm di lunghezza focale
    quello che appartiene alla serie LX5 che è un 8" (f/10) https://www.meade.com//lx65-series-8...ming-soon.html
    quello che appartiene alla serie LX85 che è un 8" (f/10) https://www.meade.com//lx85-series-8...-ota-only.html
    quello che appartiene alla serie LX200 che è un 8" (f/10) https://www.meade.com//8-lx200-acf-f-10-ota.html
    e l'altro che apparte alla serie LX850 che è un 10" (f/8) https://www.meade.com//10-acf-f-8-op...tube-1438.html

    nella sostanza, mi parrebbe che quello della serie LX200 sia il concorrente del C8HD come dici... ma resta sempre f/10
    ... la versione f/8 che sugeriva @Angeloma è quello della serie LX850 ma in Europa costa davvero il doppio del budget massimo di 1500€ che ho indicato!
    metto questi siti per dare l'idea (visto che sull'usato non si trova) di quello che ho trovato sul nuovo: https://www.skypoint.it/it/schmidt-c...-ota-uhtc.html o https://www.astrottica.it/catadiottr...-ota-uhtc.html o http://www.ildiaframma.it/prodotto-1...F-F8-UHTC.aspx ecc...
    a cui si somma il costo del riduttore...


    Proprio lontani dal budget!
    Con 1500€ io conto di comprare C8 (non HD usato sta sotto 700€) e riduttore f/6.3 (anche nuovo sui 150€)

    Questo post contiene 1 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  8. #8
    Gigante L'avatar di Angelo_C
    Data Registrazione
    Dec 2017
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,919
    Taggato in
    167 Post(s)

    Re: "Primo" strumento (per modo di dire...)

    Disamina più che completa, la risposta secondo me è celestron c8 xlt fastar, spesso si trovano usati sotto i 700 €, rispetto ai più "vecchi" hanno un cannotto (il tubo che fa da paraluce interno su cui scorre il primario) progettato meglio, insieme al sistema "spingidisco" del focheggiatore, il che si traduce (spesso, salvo esemplari sfigati) in un mirror-shift veramente ridotto (nel mio esemplare è quasi inesistente).

    La compatibilità fastar/hyperstar, permette due cose:
    1. la possibilità di svitare il secondario, permette un (molto) più veloce acclimatamento potendolo aprire sia d'avanti che dietro (buon effetto camino);
    2. con l'adattatore hyperstar (specifico per camere asi [link] o semplice T2 [link]), con la tua asi120mm potresti tentare riprese a f/1,95; unico problema, questi aggeggi se li fanno pagare cari (secondo me).

    Altra cosa, se vorrai tentare riprese con reflex, ti consiglio caldamente accessori da 50,8 mm. Il visualback da 31,8 per aggeggi pesanti come la tua 60D, verrebbe messo in crisi (diverso con l'uso del riduttore, in quanto prende il posto del visualback).
    Il visualback (o un diagonale con filetto celestron) da 50,8 mm in visuale ti saranno utili per utilizzare il massimo campo disponibile dello strumento, infatti il foro in culatta da 38 mm di diametro permette di usare oculari come un 35 mm con 60°, un 30 mm con 72/74° o un 26 mm con 82°, tutti con campo reale di circa 1°/1,1° e tutti ovviamente con barilotto da 50,8 mm.
    Se vorrai rimanere con gli accessori da 31,8 mm (come il diagonale a corredo), come massimo oculare potrai usare il classico plössl 32 mm con 50°, un 26 mm con 60° o un 18 mm con 82°, tutti con un campo reale compreso tra 0,7 e 0,8°.

    EDIT
    Dimenticavo; se vuoi mantenere solo accessori da 31,8 mm, per attaccare la reflex al C8, meglio usare l'adattatore da filetto SC a filetto T2 è di gran lunga più solido del visualback da 31,8 mm a corredo.

    Questo post contiene 1 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!
    Ultima modifica di Angelo_C; 28-06-2020 alle 09:29
    Associazione Astronomica Mirasole (AstroMirasole): http://astromirasole.org • • • Pagina facebook: facebook.com/AstroMirasole/ • • • La Mia Strumentazione

  9. #9
    Nana Bruna L'avatar di FMXHONDACR
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Località
    Provincia di Torino
    Messaggi
    117
    Taggato in
    6 Post(s)

    Re: "Primo" strumento (per modo di dire...)

    grazie per le info.
    Non penso che sceglierò di acquistare il Fastar/Hyperstar principalmente per via dei costi, ma avere l'opzione possibile non è male... chissà mai, qualche giorno...

    Non ho invece capito l'indicazione sugli accessori da 2".
    Come viene di solito venduto il C8?
    Io avevo capito con tutto da 1,25"... mentre effettivamente osservando il riduttore vedo che ha attacchi da 2" e quindi non ci capiscro più nulla.
    In particolare, vorrei sapere se ha attacco 2" e tra gli accessori di serie vi è un "attacco" (è questo che si chiama VisualBack"?) che riduce a 1,25" ... quindi relativo angolare da 1,25". E se con questa configurazione posso utilizzare oculari da 35 mm con 60°-70° oppure se questa cosa (pewr avere massimo campo inquadrato) è possibile solo con VisualBack da 2" e quindi angolari da 2" (... ed in questo caso mi serve anche l'oculare da 2" o esistono degli adattatori per poter utilizzare i più economici e legggeri 1,25"?)

    Se non è disturbo, mi faresti una "lista della spesa" per quanto riguarda gli accessori da metter dietro la OTA?


    PS: al posto del diagonale, avrebbe senso un accessorio come questo?
    https://www.astroshop.it/flip-mirror...bfm-ii/p,63172
    https://www.youtube.com/watch?v=OHLT8K39eI0
    mi permetterebbe di sfruttare l'asiair per tutto anche quando voglio solo osservare? (abilitando il passaggio verso la camera per fare plate solving e a seguire, trovato l'oggetto con precisione, abiilitare il passaggio verso l'oculare)

  10. #10
    Gigante L'avatar di Angelo_C
    Data Registrazione
    Dec 2017
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,919
    Taggato in
    167 Post(s)

    Re: "Primo" strumento (per modo di dire...)

    Te le spiego per immagini.

    Ogni SCT come il C8, sulla culatta ha un "buco" del diametro di 38 mm e intorno una filettatura, che si chiama filettatura SC (una misura "americana", ø2" x 24 tpi, che tradotto è diametro due pollici con 24 filetti per pollice), su questo si avvitano lo sterminato parco accessori per SCT.

    P6290082.jpg


    L'accessorio principe è il visualback (ovvero il portaoculari), questo può essere da 31,8 mm (ed è quello che danno a corredo col tubo) o da 50,8 mm.

    P6290083.jpg Quello a dx è da 50,8 mm


    Col visualback da 31,8 mm si possono montare solo oculari ed accessori con barilotto da 31,8 mm.

    P6290084.jpg Qui il visualback da 31,8 mm montato. P6290085.jpg Qui con montati un diagonale e un oculare da 31,8 mm.


    Col visualback da 50,8 mm si possono montare oculari ed accessori con barilotto da 50,8 mm e con un riduttore, anche con barilotto da 31,8 mm.

    P6290089.jpg Qui il visualback da 50,8 mm montato. P6290090.jpg Qui con montati un diagonale e un oculare da 50,8 mm. P6290091.jpg Qui con montato, tramite riduttore, un oculare da 31,8 mm.


    Il visualback da 50,8 mm come vedi è ben più grosso, quindi anche più solido e resistente, per questo è più indicato per collegare apparecchi di ripresa, i quali per riprendere bene non devono piegarsi sotto il peso dei vari accessori.



    *** Continua***
    Ultima modifica di Angelo_C; 29-06-2020 alle 15:21
    Associazione Astronomica Mirasole (AstroMirasole): http://astromirasole.org • • • Pagina facebook: facebook.com/AstroMirasole/ • • • La Mia Strumentazione

Discussioni Simili

  1. Indecisione, acquisto "primo" strumento
    Di Nashira nel forum Primo strumento
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 28-07-2020, 13:40
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 04-01-2020, 15:28
  3. Domande e dubbi sul primo strumento "serio"
    Di Onafets nel forum Primo strumento
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 06-07-2017, 13:46
  4. Non basta dire "simil Terra" per dimensione
    Di Red Hanuman nel forum News
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-08-2015, 06:27
  5. Primo strumento: Meade LightBridge 12"
    Di Giulio Skywatcher nel forum Primo strumento
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 25-01-2014, 20:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •