Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 18 di 18
  1. #11
    Pulsar L'avatar di Huniseth
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Vercelli
    Messaggi
    8,057
    Taggato in
    519 Post(s)

    Re: Come posso utilizzare le coordinate celesti?

    Restiamo alle cose semplici, punto primo la eq1 non è stazionabile correttamente, non ha il cannocchiale polare, non ha la bolla, è tremendamente ballerina con un 114/500 sopra - era il mio primo telescopio - Cosa si può fare.... tentare un orientamento a Nord dopo aver messo in bolla il treppiede, c'è un riferimento scritto N (senza la montatura sopra) - regolare la latitudine, dovrebbe esserci una regolazione. Fatto questo, e credo sia già quasi impossibile, ma diamo credito alla tenacia, si punta una stella luminosa e conosciuta, si regolano i cerchi graduati sulla coordinate della stella, a questo punto possiamo partire IMMEDIATAMENTE portandoci alle coordinate che interessano. Perchè se aspettiamo un pochino, la stellina se va a spasso e sballiamo tutto. Perchè non c'è inseguimento AR - Boonne fortune !!

    Questo post contiene 1 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!
    Interminati spazi io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura.
    Mak180, G.Hi 152/900, Orion 80/400, Mak127, TS70ed/474, Wega 15x70, EQ6, binoview, Tasco80

  2. #12
    Nana Bianca L'avatar di frignanoit
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Monfestino MO
    Messaggi
    7,441
    Taggato in
    415 Post(s)

    Re: Come posso utilizzare le coordinate celesti?

    Per rispondere alle tue domande, la tecnica dello.star hopping consiste nel prendere come riferimento stelle visibili a occhio nudo che siano più vicine possibili all'oggetto non visibile che si vuole osservare, facendo riferimento alle stelle che si vedono sulle mappe e quelle visibili a occhio nudo si crea un percorso da stella in stella per arrivare all'oggetto, quindi il percorso più probabile come per le mappe stradali, possono sorgere diversi problemi in corso di ricerca, come il fatto che la mappa la vedi in un verso e poi al telescopio l'immagine è al contrario, vedi meno stelle per via dei maggiori ingrandimenti e meno campo visivo ecc. Allora usa i minori ingrandimenti che hai e fai riferimento alle forme che creano gli asterismi (l'insieme delle stelle) questi anche al contrario hanno sempre la stessa disposizione e ti regoli come spostarti, se prendi in considerazione la mappa per dritto anche se vedi al contrario se ti devi spostare con il tele a dx per trovare l'oggetto spostati a dx, non preoccuparti che nel campo visuale si sposta a sx, serve anche un pochino di esperienza, per questo comincia da oggetti facili, come la galassia di Andromeda, l'ammasso globulare M13, la grande nebulosa di Orione, poi un pochino più difficile ma intuitivo come il doppio ammasso del Perseo, oggetti che a bassi ingrandimenti non ti sarà difficile individuare e fai esperienza.. (vedi anche delle immagini per come possono apparire per riconoscerli)

    Questo post contiene 3 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!
    Ultima modifica di frignanoit; 14-09-2020 alle 22:28
    Bino-10-30x60 C-VX 8"N/f5 ADV EXOS-2 - C-XLT 6"N/f5 AMS - AC 80/400 Ocu: Pl-4,6,9,12,15 Zoom-7x21 UWA-23 SWA-24 SPl-26 SPL-32 SPl-40mm Barlow-2,25/1,3x, Antonio

  3. #13
    Nana Rossa L'avatar di cesarelia
    Data Registrazione
    May 2020
    Località
    Pisa
    Messaggi
    412
    Taggato in
    32 Post(s)

    Re: Come posso utilizzare le coordinate celesti?

    Citazione Originariamente Scritto da Huniseth Visualizza Messaggio
    si punta una stella luminosa e conosciuta, si regolano i cerchi graduati sulla coordinate della stella, a questo punto possiamo partire IMMEDIATAMENTE portandoci alle coordinate che interessano. Perchè se aspettiamo un pochino, la stellina se va a spasso e sballiamo tutto. Perchè non c'è inseguimento AR
    Premetto che condivido l'inadeguatezza della EQ1 per un puntamento preciso.

    Comunque se per puro divertimento vogliamo usare i cerchi graduati di una EQ1, sappiamo che la stella "più conosciuta" è il Sole, che per giunta alle 12 (ora solare) si trova (quasi) perfettamente a Sud! Perché non approfittare di ciò e ovviare sia al puntamento di una stella sia alla mancanza di inseguimento?
    Questo il sistema: dopo aver stazionato la montatura (asse A.R. verso Nord e livellamento a bolla), si punta il telescopio perfettamente a Sud e si tara la scala graduata A.R. sul valore A.R. odierno del Sole; quindi poi se si vuole puntare un oggetto celeste, si porta il telescopio sul valore della differenza tra l'A.R. dell'oggetto celeste voluto e le ore passate dal mezzogiorno solare (ragionando sempre in ora solare, non legale)

  4. #14
    Nana Rossa L'avatar di cesarelia
    Data Registrazione
    May 2020
    Località
    Pisa
    Messaggi
    412
    Taggato in
    32 Post(s)

    Re: Come posso utilizzare le coordinate celesti?

    Citazione Originariamente Scritto da cesarelia Visualizza Messaggio
    la scala dell'A.R. ha una piccola vite di fissaggio
    Ti allego una foto della mia montatura con in dettaglio la piccola vite di cui ti parlavo, così puoi controllare se ce n'è una anche sulla tua montatura (se non la trovi magari è perché c'è un sistema diverso di bloccaggio)



    Fissando quella piccola vite, la scala graduata non perde la taratura, e può ruotare solo in modo solidale all'asse A.R.
    La mia è un po' difficile da bloccare, sono costretto a fare molta forza
    Ultima modifica di cesarelia; 14-09-2020 alle 23:29

  5. #15
    Nana Bianca L'avatar di frignanoit
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Monfestino MO
    Messaggi
    7,441
    Taggato in
    415 Post(s)

    Re: Come posso utilizzare le coordinate celesti?

    Anche su montature più blasonate i cerchi sembrano non bloccarsi del tutto, ma poi seguono.comunque l'asse, basta provare, quello che è importante è capire se e quanto sia lo scarto, una volta stabilito lo scarto di errore se si staziona bene o sempre nello stesso punto almeno con il treppiede, dopo un allineamento Bigourdan si parte da zero e si punta considerando lo scarto trovato sui cerchi, stesso modo se si punta una stella e poi si portano le coordinate sull'altra come indicato da Huniset, c'è sempre da valutare quale sia un eventuale errore sui cerchi, poi diventa tutto più semplice, basta puntare lo stesso oggetto più volte per essere precisi..
    Bino-10-30x60 C-VX 8"N/f5 ADV EXOS-2 - C-XLT 6"N/f5 AMS - AC 80/400 Ocu: Pl-4,6,9,12,15 Zoom-7x21 UWA-23 SWA-24 SPl-26 SPL-32 SPl-40mm Barlow-2,25/1,3x, Antonio

  6. #16
    Nana Bruna L'avatar di Lantis
    Data Registrazione
    Sep 2019
    Messaggi
    126
    Taggato in
    20 Post(s)

    Re: Come posso utilizzare le coordinate celesti?

    Citazione Originariamente Scritto da Elisa451 Visualizza Messaggio
    volendo osservare gli oggetti del cielo profondo come galassie e nebulose, mi sono informata su come fare e mi è stato detto che era necessario utilizzare le coordinate celesti dopo aver stazionato il telescopio perfettamente verso il polo nord e in un terreno pianeggiante in modo che la montatura fosse perfettamente parallela ad esso.
    Questa cosa è sostanzialmente sbagliata. Non è assolutamente necessario utilizzare le coordinate celesti! Nessuno con una minima esperienza lo fa normalmente. Se ti vuoi divertire usando le coordinate perché ti piace così fallo pure però non vorrei che lo facessi per un'informazione sbagliata che ti hanno dato.
    Allineare l'asse polare a Nord ha senso in ogni caso e permette alla montatura equatoriale di inseguire l'oggetto osservato girando una sola manopola. Chi possiede una montatura altazimutale invece (o se non allinei la montatura equatoriale a Nord) per inseguire le stelle dovrà spostare tutti e due gli assi. In quest'ottica, considerando la montatura, i bassi ingrandimenti del telescopio e che siamo in visuale il metodo di Bigourdan mi sembra eccessivo. Basta allineare il telescopio a Nord con una bussola per avere un inseguimento decente che andrà bene per diversi minuti di osservazione. E quando l'oggetto inizierà a trovarsi piuttosto decentrato, una bottarella alla declinazione e lo riporti al centro.
    Per cercare gli oggetti che vuoi osservare devi usare il cercatore che nel tuo caso è un red-dot. La prima cosa che devi fare è allinearlo a ciò che vede il telescopio con le due rotelline che possiede (una è sul fianco e l'altra è sotto). L'allineamento si fa su un oggetto "terrestre" tipo un lampione lontano perché le stelle muovendosi non sono adatte.
    È anche importante riconoscere le costellazioni. Ti studi una mappa (cartacea, sullo smartphone, al computer... quella che preferisci) e cerchi di associare le stelle che vedi a quelle sulla mappa.
    Ci sono due approcci con il red-dot.
    Nel primo lo punti sull'oggetto visibile a occhio nudo più vicino a ciò che vuoi vedere. Quindi, con l'oculare che ti fornisce il minore ingrandimento, confronti ciò che vedi con la mappa e ti sposti piano piano saltando di stella in stella. L'associazione con la mappa in questo caso è "meno problematico" perché sai da dove parti.
    Nel secondo approccio punti direttamente il red-dot nella posizione "giusta" rispetto a due o tre stelle che vedi a occhio nudo. L'oggetto che cerchi è "sicuramente" nel campo dell'oculare che ti dà il minor ingrandimento. Bisogna "solo" riuscire a individuarlo. Se dovesse essere un oggetto relativamente luminoso lo vedrai già così. Altrimenti confronterai la mappa con le stelle che vedi per capire esattamente dove si dovrebbe trovare l'oggetto. Ricorda che non è sempre facile capire che zona della mappa stai guardando perché le immagini sono ribaltate e all'oculare ci sono sempre più stelle rispetto alla mappa.

    Questo post contiene 4 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  7. #17
    Pulsar L'avatar di Huniseth
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Vercelli
    Messaggi
    8,057
    Taggato in
    519 Post(s)

    Re: Come posso utilizzare le coordinate celesti?

    Concordo, le coordinate celesti facciamo finta che non esistano. Meglio un po di pratica e famigliarizza con le stelle principali delle costellazioni, col red dot è molto facile e immediato puntarle, guarda la mappa e memorizza qualche stella nuova ogni sera.
    Interminati spazi io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura.
    Mak180, G.Hi 152/900, Orion 80/400, Mak127, TS70ed/474, Wega 15x70, EQ6, binoview, Tasco80

  8. #18
    Nana Bruna L'avatar di gspeed
    Data Registrazione
    Apr 2020
    Località
    Padova
    Messaggi
    241
    Taggato in
    10 Post(s)

    Re: Come posso utilizzare le coordinate celesti?

    Concordo anche se provarci risulta formativo, almeno lo è stato per me (vd questo post) ma poi in in effetti risulta più pratico e "appagante" imparare a muoversi tra le stelle (starhopping).
    C8, N150/750, Exos2 e aGotino ...Messier aveva mooolto meno!

Discussioni Simili

  1. Coordinate Celesti
    Di Lacer nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 15-04-2020, 08:13
  2. Coordinate Celesti
    Di Lacer nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 12-04-2020, 23:58
  3. "Movimento delle stelle" e coordinate celesti.
    Di Morak nel forum Meccanica Celeste
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 04-01-2020, 09:45
  4. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 31-08-2018, 17:03
  5. Nikon D5300 - quale risoluzione utilizzare?
    Di arturo1961 nel forum Deep Sky
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 25-10-2016, 14:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •