Pagina 5 di 7 PrimaPrima ... 34567 UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 67
  1. #41
    Nana Bruna L'avatar di turik
    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    147
    Taggato in
    7 Post(s)

    Re: siamo sicuri di comprenderla ?

    no no, parlo seriamente, cosa hai capito?
    l'argomento mi interessa assolutamente, perchè è un aspetto della teoria che non ho mai sentito.

    PS: mi spiace che l'hai intesa come una polemica, volevo solo cercare di capire, tutto qua.
    Ultima modifica di turik; 24-02-2021 alle 17:23
    0 0 0
     

  2. #42
    Sole L'avatar di Albertus
    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    920
    Taggato in
    64 Post(s)

    Re: siamo sicuri di comprenderla ?

    Veramente ho ripetuto di getto quello che dice Bertrand Russel in ABC della relatività
    uno dei libri divulgativi più seri sull'argomento
    In effetti io ho sempre visto dimostrazioni dell'espansione del tempo e la contrazione dello spazio che segue come conseguenza
    Mai il viceversa
    Certo che la dimostrazione rigorosa della relatività parte dalle equazioni di Maxwell nelle quali tempo e spazio sono trattati insieme
    0 0 0
     

  3. #43
    Nana Bruna L'avatar di Joe77
    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    172
    Taggato in
    6 Post(s)

    Re: siamo sicuri di comprenderla ?

    Diagrammi di Penrose???
    0 0 0
     

  4. #44
    Sole L'avatar di Albertus
    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    920
    Taggato in
    64 Post(s)

    Re: siamo sicuri di comprenderla ?

    sei un pò sintetico nei tuoi interventi
    Ad ogni modo
    Si consideri un sistema , in moto relativo tra A e B
    Si può calcolare la durata di eventi sia da parte di A che di B
    Dai calcoli si evince che A e B giungono a risultati diversi
    Da qui segue che anche la valutazione delle dimensioni spaziali di A e B devono essere differenti
    Sto parlando di "esperimenti mentali"
    Francamente non vedo come si possa fare il viceversa
    Non credo sia una spiegazione esaustiva, forse il grande Bertrand Russel aveva preso sotto
    Ultima modifica di Albertus; 25-02-2021 alle 12:06
    0 0 0
     

  5. #45
    Sole L'avatar di Albertus
    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    920
    Taggato in
    64 Post(s)

    Re: siamo sicuri di comprenderla ?

    Citazione Originariamente Scritto da Albertus Visualizza Messaggio
    Mat

    la quantità moc^2 è il contributo della massa di riposo all'energia cinetica di un corpo in movimento...rasoio di Occam
    saluti a tutti
    sono costretto a quotare me stesso in quanto in preda alla vis polemica ho scritto una sciocchezza colossale
    Volevo dire quanto segue
    L'energia totale E che compare nella teoria della relatività può considerarsi l'equivalente della massa m di Newton che compare nell'equazioni F = ma e F = G*m1m2/r^2
    Per Newton la massa era una costante del corpo e quindi poteva essere interpretata come una misura della sua quantità di materia
    Secondo Newton l'inerzia di un corpo e la forza di attrazione gravitazionale sono proporzionali a m e quindi alla quantità di materia
    Secondo Einstein l'inerzia di un corpo materiale non può essere costante altrimenti applicando una forza costante per un periodo illimitato di tempo si potrebbe superare la velocità della luce, quindi l'inerzia(massa) di un corpo deve essere variabile è non può essere considerata un sinonimo di materia, solo la massa a riposo m0 è una caratteristica del corpo collegata con la quantità di materia
    Alla massa m di Newton , Einstein sostituisce l'energia totale E
    La forza di attrazione gravitazionale e l'inerzia di un corpo materiale sono proporzionali a E/c^2
    L'addendo m0c^2 potrebbe interpretarsi come il contributo della materia all'inerzia e all'attrazione gravitazionale e l'addendo pc come il contributo dell'energia , senza con questo concludere che la materia possa essere trasformata in energia
    Sembrerebbe che Einstein in privato abbia confidato ai suoi amici intimi Besso e Grossmann di essere convinto che materia potesse essere annichilita ma non lo pubblicò mai
    Ultima modifica di Albertus; 27-02-2021 alle 08:12
    0 1 0
     

  6. #46
    Sole L'avatar di Albertus
    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    920
    Taggato in
    64 Post(s)

    Re: siamo sicuri di comprenderla ?

    Citazione Originariamente Scritto da turik Visualizza Messaggio
    no no, parlo seriamente, cosa hai capito?
    l'argomento mi interessa assolutamente, perchè è un aspetto della teoria che non ho mai sentito.

    PS: mi spiace che l'hai intesa come una polemica, volevo solo cercare di capire, tutto qua.
    saluti a tutti

    Avevo fatto un affermazione che mi frullava nella testa senza esserne davvero convinto
    L'avevo letta in un libro di Bertand Russel L'ABC della relatività
    L'affermazione era :

    "La contrazione delle distanze è conseguenza della dilatazione del tempo"

    Ho ripreso in mano un libro di Leonard Susskind " Relatività ristretta e teoria classica dei campi"

    La spiegazione sta nella definizione stessa di distanza tra due punti A e B
    un osservatore fermo vuole confrontare la lunghezza del proprio righello con la lunghezza del righello di un osservatore in movimento
    L'osservatore fermo deve considerare la posizione degli estremi del righello in movimento nello stesso istante, secondo il proprio tempo
    Due eventi che sono simultanei per l'osservatore fermo non lo sono però per l'osservatore in moto
    I due osservatori troveranno quindi misure diverse
    0 0 0
     

  7. #47
    Nana Bruna L'avatar di turik
    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    147
    Taggato in
    7 Post(s)

    Re: siamo sicuri di comprenderla ?

    Bertand Russel è un premio nobel per la letteratura
    Leonard Susskind si occupa prevalentemente di fisica teorica

    Se non ti offendi non mi fiderei troppo delle affermazioni di questi Signori, dei quali ho estremo rispetto, ma ci vorrebbe qualcosa di più concreto per appianare qualsiasi dubbio.

    Inoltre l'affermazione "la contrazione dello spazio è la conseguenza della dilatazione del tempo" rimane campata in aria, perchè la cosa potrebbe essere benissimo ribaltata a favore dello spazio sul tempo.

    L'errore di base sta nel separare lo spazio dal tempo, essendo considerati dalla teoria caratteristiche inscindibili di un'unica "entità".
    0 1 0
     

  8. #48
    Sole L'avatar di Albertus
    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    920
    Taggato in
    64 Post(s)

    Re: siamo sicuri di comprenderla ?

    Turik

    Confesso che anche a me questa spiegazione mi convince parzialmente, forse dovrei rileggere con più attenzione il testo di Susskind
    In sintesi il ragionamento parte dalla costatazione che due eventi simultanei per un osservatore potrebbero non esserlo per un altro osservatore in moto rispetto al primo
    In questa fase non si alcun riferimento alla contrazione dello spazio
    la contrazione dello spazio segue dal fatto che le posizione degli estremi del righello devono essere rilevati "allo stesso tempo"
    Dalla non simultaneità degli eventi segue quindi la disuguaglianza delle misure spaziali

    Lasciami dire però che trovo le tue uscite, diciamo bizzarre...spero che non ti offendi

    In un precedente post avevo citato uno dei libri di riferimento mondiali dell''astrofisica a sostegno delle mie affermazioni....liquidato con una scrollata di spalle

    Adesso non ti vanno bene neanche Russel che era anche un grande matematico oltre che filosofo
    Per tua informazione, Russel ha scritto Il libro ABC della relatività a quattro mani con Einstein

    E neppure Susskind colpevole di essere.... un fisico teorico
    fammi capire , chi dovrebbe essere affidabile in queste cose, più di un fisico teorico e pure uno dei più grandi ?
    Ultima modifica di Albertus; 22-03-2021 alle 09:24
    0 0 0
     

  9. #49
    Nana Bruna L'avatar di turik
    Data Registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    147
    Taggato in
    7 Post(s)

    Re: siamo sicuri di comprenderla ?

    La cosa più affidabile in assoluto sono gli esperimenti ovvero la sperimentazione attraverso il metodo scientifico.
    Possiamo dare tutto il peso che ti pare alle "congetture" di un fisico teorico o di un premio nobel filosofo/letterato/matematico, ma finché tali "congetture" non vengono verificate sperimentalmente quelle rimangono solo congetture.

    Questo è il senso del mio intervento, se ti sembra così bizzarro, allora ti informo che la scienza funziona esattamente in questo modo.

    Entrando nel discorso della simultaneità degli eventi, due eventi simultanei per un osservatore NON SONO MAI simultanei per un altro osservatore in moto rispetto al primo. Su questo si basa il concetto di "simultaneità relativa", e lo possiamo affermare con rigore scientifico perchè lo abbiamo provato sperimentalmente.

    Ma questo non prova in alcun modo che la contrazione dello spazio, che possiamo osservare, ne sia una conseguenza.
    0 1 0
     

  10. #50
    Sole L'avatar di Gaetano M.
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Venaria
    Messaggi
    986
    Taggato in
    108 Post(s)

    Re: siamo sicuri di comprenderla ?

    Citazione Originariamente Scritto da turik Visualizza Messaggio
    Ma questo non prova in alcun modo che la contrazione dello spazio, che possiamo osservare, ne sia una conseguenza.
    Mentre si è sicuri sulla contrazione/dilatazione del tempo in funzione della velocità, non altrettanto sembra per lo spazio. La costanza di c indipendentemente dalla velocità della fonte viene comunque assicurata.
    Il commento serve anche a tenermi informato sugli sviluppi della discussione
    0 0 0
     

Discussioni Simili

  1. Non siamo più in periferia.....
    Di Red Hanuman nel forum Cosmologia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 06-06-2013, 14:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •