Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    Meteora L'avatar di dariu76
    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    20
    Taggato in
    3 Post(s)

    Dopo tanta teoria, i primi 3 giorni

    Ragazzi, chiedo poco ma leggo molto, dato che in questi anni di forum avete dato risposte esaurienti a praticamente ogni dubbio che mi viene... che dire, grazie di cuore per il vostro impegno e la vostra passione che aiutano anche chi parte da sotto zero come me, con uno strumento (seben 114/1000) di certo non adatto a un principiante per avere risultati ottimali (nè ovviamente a un utente avanzato... diciamo che non è adatto a nessuno! ma a caval donato... )

    Se non fosse stato per voi probabilmente avrei messo tutto in un cantuccio, invece me lo sto godendo, con emozioni indescrivibili.

    Da diversi giorni qua a Roma le serate sono serene, e dal mio terrazzo non ne perdo una.

    Ho il cielo aperto a sud, ovest e parzialmente a nord, quanto basta per vedere la polare e garantirmi stazionamenti decenti, pur non avendo cannocchiale polare nella mia montatura. Est mi è precluso quasi integralmente dalla palazzina del mio appartamento.

    Operazioni preliminari, che scrivo in quanto potrebbero essere utili a chi ha un telescopio come il mio, per poterci fare qualcosa:

    - Collimazione. Assolutamente indispensabile nel mio caso, ma temo quasi sempre sui seben. Ho acquistato un collimatore laser (15 euro su ali) e ho affinato con star test. Ma prima:
    a) Il primario è sprovvisto di spot sul primario, bisogna provvedere personalmente per risultati più precisi.
    b) Il telescopio è barlowato, e la lente dilata il laser, va disinserita. Fortunatamente, è fissata solo tramite filettatura, si mette e toglie molto facilmente, come un filtro su un oculare. Fate solo attenzione a non toccare inavvertitamente il secondario nell'operazione, e fatela col tubo non inclinato verso il basso per non correre il rischio che vi cada sul primario, danneggiandolo.
    c) Il collimatore deve essere perfettamente in asse, e nel tubo di prolunga balla un po'. Ho risolto con 3 giri di scotch sul collimatore nella parte da inserire: calza alla perfezione!
    d) Il collimatore deve essere collimato. Dopo aver inserito il collimatore, ruotarlo dolcemente nel focheggiatore e vedere se nel primario il punto si sposta. Se sì, e il collimatore è bene in asse (verificare bene!), bisogna delicatamente rimuovere la gomma che è messa a tappare i tre buchini attorno alla zona più in alto e agire sulle vitine, fino a quando anche ruotandolo la luce non resta ferma.

    - Allineamento cercatore. Era stata la cosa più frustrante, in quanto non c'era verso di allinearlo. Sempre grazie al forum, ho compreso il motivo: nelle montature più economiche, quelle senza viti nella parte anteriore, in quella zona c'è un rivestimento in gomma o altro che fa aderire il finder, immobilizzandolo. Cosa assente nel mio. Ho risolto ritagliando un po' di plastica morbida da un portabadge e facendole fare un giro e mezzo attorno al finder in quella zona prima di inserirlo. Finalmente è immobile e si può allineare alla perfezione!

    - Ho inoltre sostituito il set di oculari (svbony UW 68° da 20, 15, 9 e 6, presi a 65 euro su aliexpress, devo dire un ottimo affare!) e la barlow 2x (sempre svbony, altri 15 euro) in dotazione, a cui ho aggiunto anche un riduttore di focale 0.5x (sempre svbony, 10 euro). Queste sostituzioni non sono fondamentali, ma sappiate che con un angolo di visione maggiore, un'estrazione pupillare migliore e in generale una qualità nettamente superiore, la vostra esperienza d'uso sarà molto più appagante! Inoltre, la barlow in dotazione è inutilizzabile, se non volete cambiarla perlomeno non usatela.

    - Consiglio di non estendere il treppiedi, per ridurre le vibrazioni su pavimentazioni dure. Da seduti, starete anche più comodi, tutto sommato (tranne in alcune posizioni spaccaschiena).

    Quindi, collimato, allineato, stazionato e acclimatato (almeno 2 ore), la mia avventura si può dire che è effettivamente cominciata il 1 marzo. Seeing accettabile, inquinamento luminoso purtroppo sempre elevatissimo (sono a un primo piano altezza lampioni, con ben 2 lampioni alla mia altezza a sud e un lungo faro alogeno a ovest... un disastro).

    MARTE e PLEIADI: lo strumento è inadatto all'osservazione di Marte, alla distanza attuale ma temo sempre dalla città e probabilmente anche fuori: non ne distinguo alcun dettaglio con nessuna configurazione di oculari. Se non altro, dopo collimazione è un cerchietto bruno piuttosto netto, tranne qualche bagliore che si staglia oltre il profilo, mentre prima era una specie di nebulosa-cometa rossastra piena di baffetti dalla forma indefinita. E' però stato emozionante vederlo in congiunzione con le Pleiadi, invisibili a occhio nudo dal mio terrazzo, per trovare le quali il pianetino rosso mi è stato di grande aiuto. Sono state il primo oggetto di Messier che ho osservato in vita mia! Mi hanno molto colpito per la vastità e la densità di elementi, dei quali non sono riuscito però a scorgere altro che le stelle. Un paio di istanti ho avvertito una leggera nebulosità dietro alcune stelle, con lo sguardo distolto, ma non so neanche se era suggestione o reale. Comunque incantevoli, mi ci sono perso per lunghissimi minuti. Osservazione ripetuta l'1 e il 2 marzo, con Marte ancora più vicino.

    LUNA: ho atteso mezzanotte e mezza circa per vederla scavallare la palazzina ed è stata un'emozione fortissima, la prima osservazione dopo la collimazione (il collimatore mi è arrivato il primo marzo, per l'appunto). E' stato come indossare un paio di occhiali per la prima volta. La Luna è così generosa da dare dettagli anche a un telescopio gravemente scollimato qual era il mio, ma dopo la collimazione è stato come vederla per la prima volta. Se riesco vi posto un paio di fotogrammi da video fatti in proiezione prima e dopo per farvi capire la differenza (e quanto grave fosse la situazione prima).

    Screenshot_20210304-152541_Video Player.jpg
    Screenshot_20210304-152244_Video Player.jpg

    CASTORE, POLLUCE, SIRIO, BETELGEUSE, PROCYON, ALNILAM, altre...: vi chiederete giustamente che punto a fare le stelle, peraltro per la maggior parte non doppie o comunque non risolvibili col mio telescopio. Beh, è semplice, per me è un qualcosa di nuovo anche questo, è comunque un'esperienza con un suo fascino per un neofita come me. Soprattutto Betelgeuse, un astro davvero unico, appare estremamente irregolare e restituisce un senso di immensità che non mi ha dato nessun'altra stella. Comunque le ho usate anche per star test, e per esercitarmi negli spostamenti con l'equatoriale tedesca... per voi è uno scherzo, ma vi assicuro che per me non lo è, e ogni progresso che faccio nel manovrare mi riempie d'orgoglio!

    M43 ed M42: invisibili a occhio nudo (solo una sera, da quando ho il telescopio, si vedevano abbastanza nitidamente, peccato non averne potuto approfittare!!!), mi aiuto con Alnilam per raggiungerle. M43 è sicuramente l'oggetto più bello che abbia visto a oggi. La sua nebulosità è così densa da percepirsi nitidamente perfino col mio strumento e col mio IL. Le stelline che la costellano, unite al tenue bagliore della nebulosa, conferiscono alla struttura una certa tridimensionalità, e con lo sguardo distolto i dettagli della nebulosa aumentano. Risolvo già con 20mm moltissime stelle vicinissime tra loro, incluso un piccolo quadratino. Mi regala la soddisfazione ulteriore di riprendere l'osservazione dopo circa 20 minuti di pausa agendo solo sull'ascensione retta: uno stazionamento di tutto rispetto!
    M42 è altrettanto maestosa e ricca, ma qua le nebulosità sono meno visibili, appena intuibili in alcune zone, e guadagnano molto con la visione distolta.

    M35: mi sono fatto tentare da quest'osservazione che ritenevo semplice per la vicinanza col "piede di Castore"... sottovalutavo il problema che il piede mi era praticamente invisibile! Ho cercato di migliorare la dilatazione pupillare (il neon in faccia guardando i gemelli!), e alla fine il piedino, fiochissimo, mi è apparso... di M35 nemmeno l'ombra. Eppure deve essere lì, mi ripetevo. Dopo buoni 10-15 minuti di tentativi, l'ho trovata. Ne è valsa la pena, le ho dedicato tutti gli oculari e ognuno ha regalato qualcosa di diverso. Col 9mm le stelle erano già centinaia, e solo dopo ho avuto la sorpresa di vedere un ammasso nell'ammasso: il mio primo NGC!

    Ammetto di aver anche passato molto tempo a vagare a caso col 20mm, inebetito dal fatto che è impossibile puntare un angolino di cielo senza neanche una stellina... cioè, lo sapevo, ma vederlo è un altro discorso.

    Non vi annoierò con altri report in futuro, anche perché qualunque cosa scoprirò sarà per voi già scontata, e io ho perlomeno un intero catalogo da scoprire. Voleva solo essere un modo di ringraziarvi per avermi dato le basi, siete una community veramente preziosa e vi sono enormemente grato!

  2. #2
    Nana Rossa L'avatar di Checco Lauro
    Data Registrazione
    Sep 2014
    Località
    Saluzzo (CN)
    Messaggi
    385
    Taggato in
    16 Post(s)

    Re: Dopo tanta teoria, i primi 3 giorni

    Bravo Dariu, chi ben comincia...
    Ora salvo il brutto tempo, ci avviamo verso la luna nuova e sarà sicuramente più facile e più soddisfacente osservare i DSO più luminosi. In questo periodo, nonostante il forte inquinamento luminoso, puoi provare a puntare m44, m67, m3, m46 e m47...sono tutti soggetti splendidi alla portata del tuo diametro! Poi appena potrai porta il telescopio sotto un bel cielo di montagna, vedrai che soddisfazioni
    Dobson GSO 10", newton 130/900 eq2, Bresser skylux 70/00
    MaxvisiOn 24mm 82°, Celestron xcel lx 12mm, Celestron omni 9mm, Celestron omni barlow

  3. #3
    Meteora L'avatar di dariu76
    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    20
    Taggato in
    3 Post(s)

    Re: Dopo tanta teoria, i primi 3 giorni

    Grazie per le dritte Checco, non mancherò di cercare gli oggetti consigliati!

    Quest'estate mi sono già autoinvitato nella casa dei vicini di casa a Laculo, secondo la mappa dell'IL uno dei siti migliori del Lazio... non vedo l'ora!
    Ci vado quasi ogni anno e nuvole permettendo il cielo è incredibile, probabilmente anche troppo per orientarsi, per uno abituato a vedere 10 stelle in croce come me!

  4. #4
    Nucleo Galattico Attivo L'avatar di Angeloma
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Località
    Camaiore - Viareggio
    Messaggi
    15,014
    Taggato in
    1155 Post(s)

    Re: Dopo tanta teoria, i primi 3 giorni

    I rapporti sono molto utili per tutti coloro che hanno un telescopio simile al tuo.

    Il collimatore laser puoi metterlo da parte, puoi benissimo fare uno star test prima di cominciare a osservare.

    Il riduttore di focale in visuale serve solo a sfruttare il campo reale massimo del tuo telescopio, oltre non va.

    Acclimatamento: il tubo è aperto e la massa dello specchio primario è piccola, se non conservi il telescopio in forno, basta molto meno.

    Una cosa fondamentale è utilizzare il telescopio nei limiti delle sue possibilità senza pretendere nulla di più.
    Newton: GSO 303/1500; 150/1400; Bresser NT-150L Hexafoc - Mak: Sw 127/1540 BD; VMC11OL - rifrattori: 50/600; 70/350; ETX70 AT; 70/700; 77/910; 90/500.

  5. #5
    Meteora L'avatar di dariu76
    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    20
    Taggato in
    3 Post(s)

    Re: Dopo tanta teoria, i primi 3 giorni

    Grazie per le dritte Angeloma, ne farò tesoro!

    Lo star test senza prima aver dato un'assettata col laser mi sarebbe stato impossibile, non avevo mai effettuato una collimazione e la situazione era disastrosa, non ti dico i puntini su primario e mirino dove fossero, ma dalla foto della luna puoi capirlo da te! ora sì, faccio solo star test, pratico, veloce e affidabile! ma a meno che non lo sbatto a un muro parto da una condizione decente, di fabbrica non lo era affatto!

    grazie per la spiegazione sullo 0,5x, mi chiedevo in effetti perché da 20mm a 40 teorici non ci fosse una differenza eclatante... ecco il motivo! comunque guadagna qualcosina, non credo raddoppi ma aumenta il campo di una certa quantità.

    Per l'acclimatamento, credo due ore siano troppe in effetti, ma fondamentalmente lo porto in terrazzo quando c'è ancora luce per allineare e disporre gli strumenti poi torno quando posso, di solito dopo cena.

    I miei ringraziamenti generalizzati erano molto rivolti a te, ho letto un milione di tuoi post!

  6. #6
    Nana Bruna L'avatar di Solovisualista
    Data Registrazione
    Feb 2021
    Messaggi
    182
    Taggato in
    3 Post(s)

    Re: Dopo tanta teoria, i primi 3 giorni

    Ciao,
    ottima scelta cominciare gli svbony, io li ho avuti tutti, il mio preferito era il 15mm, l'ho messo spesso a confronto con un explore scientific 18mm 82° e in quanto a trasparenza e qualità non aveva niente da invidiare (considerando l'enorme divario di prezzo)! e pure la semplice barlow 2x da avvitare all'oculare alla fine non è male! buone osservazioni

  7. #7
    Meteora L'avatar di dariu76
    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    20
    Taggato in
    3 Post(s)

    Re: Dopo tanta teoria, i primi 3 giorni

    Ciao solovisualista!

    grazie, prima di sceglierli ho fatto una lunga ricerca sulle opinioni di utenti già esperti, e a 65 euro spedizioni incluse (tra l'altro rapidissime per gli standard di ali, un paio di settimane!) ne sono estremamente soddisfatto. Al prezzo pieno a cui si trovano ad esempio su amazon o altri canali (visti tra 140 e 160) avrei lasciato perdere, magari ne avrei provato solo un pezzo, ma per quella cifra ne è valsa veramente la pena!
    C'è da dire che gli oculari in dotazione col mio telescopio sono veramente infimi sotto ogni punto di vista, credo che avrei notato miglioramenti nell'esperienza d'uso grossomodo con qualunque cosa, inclusi vetrini colorati levigati dal mare raccolti da una spiaggia!
    Unica nota negativa, nelle osservazioni diurne sia il 9 che il 6 presentano gravi aberrazioni rene-fagiolo non appena l'occhio non è perfettamente in asse. Nelle notturne sono decisamente più clementi, consentendo maggiori movimenti dell'occhio senza che si manifesti il difetto... non so perché questa differenza, forse la diversa dilatazione della pupilla influisce?

  8. #8
    Nana Bruna L'avatar di Solovisualista
    Data Registrazione
    Feb 2021
    Messaggi
    182
    Taggato in
    3 Post(s)

    Re: Dopo tanta teoria, i primi 3 giorni

    io avevo il problema di parallasse soprattutto con il 20mm (che è il primo che ho sostituito, il 6 ed il 9 non mi davano fastidio.
    comunque il "difetto parallasse" per chi cerca e segue a mano è un fastidio grandissimo, io proprio non lo posso soffrire!

  9. #9
    Meteora L'avatar di dariu76
    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    20
    Taggato in
    3 Post(s)

    Re: Dopo tanta teoria, i primi 3 giorni

    a me 20 e 15 zero problemi in nessuna condizione, li adoro! vuol forse dire che uno stesso oculare usato su uno strumento differente si comporta in modo differente? o forse escono di fabbrica non tutti uguali per processi di fabbricazione approssimativi? o ancora, dipende dall'occhio di chi guarda?
    ah, quanto vorrei essere meno ignorante!

  10. #10
    Nana Bruna L'avatar di Solovisualista
    Data Registrazione
    Feb 2021
    Messaggi
    182
    Taggato in
    3 Post(s)

    Re: Dopo tanta teoria, i primi 3 giorni

    secondo me un pò tutto quello che hai detto,
    sicuramente essendo economici il processo produttivo e di controllo lascia un pò a desiderare e quindi quelli usciti male li vendono comunque per buoni, poi l'occhio dell'osservatore gioca un gran ruolo, poi si và un pò a simpatia, un pò l'età, un pò quanto siamo disposti a scendere a compromessi con il rapporto qualità prezzo. per esempio l'unitron widescan 30mm 84° made in japan, il mio primo oculare bassi ingrandimenti e campo wide, che mi ha regalato delle visioni mozzafiato, grande qualità dell'immagine e luminosità, meglio del es. 82° e dell w.o. 28mm, ma l'effetto parallasse dopo un pò mi mandava al manicomio e alla fine l'ho sostituito. la comodità di osservazione gioca un ruolo fondamentale secondo me, perchè gia cercare a mano libera può risultare difficile, poi se appena ti sposti vedi buio lasciamo perdere!

Discussioni Simili

  1. dopo 3 giorni 20 minuti di tregua
    Di max Busato nel forum Sole
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 07-01-2019, 20:25
  2. primi saluti e primi consigli su strumenti
    Di iaco78 nel forum Primo strumento
    Risposte: 63
    Ultimo Messaggio: 05-02-2016, 08:13
  3. I primi istanti dopo il Big Bang
    Di Danilo nel forum Astrofisica
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 15-07-2012, 08:56

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •