Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    25,283
    Taggato in
    2100 Post(s)



    GrAGVAR001 La prima stella variabile scoperta dal GrAG

    GrAGVar001 è una nuova stella variabile scoperta dagli astrofili del GrAG di Tarquinia all’inizio di quest’anno e riconosciuta dall’AAVSO che, ai primi di Marzo, l’ha inserita nel catalogo ufficiale internazionale VSX.

    Si tratta di una stella pulsante del tipo Delta Scuti nella costellazione Canis Minor, una tipica costellazione invernale del nostro emisfero ai bordi della Via Lattea non lontana dalle più celebri costellazioni di Orione e dei Gemelli.

    CONTINUA LA LETTURA SU GRAG.ORG

  2. #2
    Nana Bruna L'avatar di Franco Lorenzo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    237
    Taggato in
    5 Post(s)

    Re: GrAGVAR001 La prima stella variabile scoperta dal GrAG

    Bel colpo, complimenti.
    Oggigiorno con le survey automatizzate è diventato sempre più difficile scoprire nuove variabili ed in particolare quelle pulsanti che sono in numero minore rispetto alle binarie ad eclisse.
    Saluti
    Lorenzo Franco

  3. #3
    Pulsar L'avatar di nicola66
    Data Registrazione
    Oct 2013
    Località
    Giugliano in Campania Napoli
    Messaggi
    7,605
    Taggato in
    764 Post(s)


    Re: GrAGVAR001 La prima stella variabile scoperta dal GrAG

    Complimenti a tutti 👏👏👏
    Lascia che l'anima rimanga fiera e composta di fronte ad un milione di universi

  4. #4
    Nana Bruna L'avatar di Alby68a
    Data Registrazione
    Jun 2020
    Località
    Pomigliano d'Arco
    Messaggi
    216
    Taggato in
    7 Post(s)

    Re: GrAGVAR001 La prima stella variabile scoperta dal GrAG

    Bel lavoro.
    Complimenti.
    Celestron Astromaster 114/1000. Omni 32mm, XCel Lx 7mm. Barlow 2x. Binocolo 20x50.

  5. #5
    Sole L'avatar di Albertus
    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    920
    Taggato in
    64 Post(s)

    Re: GrAGVAR001 La prima stella variabile scoperta dal GrAG

    Saluti a tutti e complimenti agli astrofili del Crag di Tarquinia

    per curiosità

    GrAGVar001 è una stella di magnitudine 15.8 quindi accessibile a telescopi di modesta apertura
    Era già conosciuta, sotto un altro nome, ma si riteneva non fosse variabile o non era stata catalogata ?

    Con che criterio si procede alla ricerca di stelle variabili ?
    Esistono caratteristiche tali da indurci a credere che possa essere una stella variabile oppure la ricerca è puramente casuale ?

  6. #6
    Nana Bruna L'avatar di Franco Lorenzo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    237
    Taggato in
    5 Post(s)

    Re: GrAGVAR001 La prima stella variabile scoperta dal GrAG

    Albertus, cercherò di rispondere ai tuoi quesiti di carattere generale, lasciando agli scopritori i dettagli del caso.

    La variabile in questione era già catalogata con altri nomi (AllWise J070722.36+061317.5, GSC 00174-02372) come potrai vedere dalla scheda di censimento su VSX (Variable Star Index) qui: https://www.aavso.org/vsx/index.php?...op&oid=2215577

    Anche se la variabile è di 15a magnitudine (15.58 - 15.70 V), l'ampiezza delle variazioni è di soli 0.12 magnitudini, quindi non così banale da osservare con piccoli telescopi.

    Si possono scoprire stelle variabili partendo da sequenze di immagini di diverse ore (meglio se tutta la notte). Queste sequenze di fanno di solito per osservare dei transiti di pianeti exstrasolari, fotometria di asteroidi, fotometria di stelle variabili note. Ci sono dei software in grado di analizzare all'interno di una sequenza di immagini tutte le piccole variazioni di luminosità per tutte le stelle comprese nel campo di ripresa, come ad esempio: MuniWin e VariableSearch di MPOCanopus.

    Le stelle variabili si possono quindi scoprire "per caso" quando si osserva altro, o "di proposito", quando si cercano all'interno sequenze di immagini di campi particolarmente affollati di stelle.

    Saluti
    Lorenzo Franco

  7. #7
    Sole L'avatar di Albertus
    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    920
    Taggato in
    64 Post(s)

    Re: GrAGVAR001 La prima stella variabile scoperta dal GrAG

    grazie Franco Lorenzo

    quindi si fa una sorta di sgrossatura con sequenze di immagini su diverse ore e poi ci si concentra su quelle che promettono bene
    Esistono criteri per cosi dire cosmologici ?
    Per esempio, è più probabile trovare stelle variabili in cluster di stelle vecchie o di stelle giovani o le probabilità sono le stesse ?

  8. #8
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    25,283
    Taggato in
    2100 Post(s)



    Re: GrAGVAR001 La prima stella variabile scoperta dal GrAG

    @Franco Lorenzo ti ha già risposto in maniera eccellente, tieni presente che tutti i dettagli degli strumenti utilizzati sono nell'articolo, tra cui il Las Cumbres Observatory Network in questo caso.
    Altra info, abbiamo già delle altre variabili in attesa di conferma, molto probabilmente non ce la faremo per questa stagione, ma l'impegno del GrAG è costante e professionale.

  9. #9
    Nana Bruna L'avatar di Franco Lorenzo
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma
    Messaggi
    237
    Taggato in
    5 Post(s)

    Re: GrAGVAR001 La prima stella variabile scoperta dal GrAG

    Albertus,
    sicuramente ci sono delle relazioni tra età e variabilità, questo ce lo dice il diagramma H-R.
    Tutte le stelle nel loro percorso evolutivo vanno incontro a dei periodi di instabilità, come le variabili pulsanti. Negli ammassi globulari si trovano molte variabili pulsanti di tipo RR Lyrae.
    Le variabili più comuni da scoprire sono però le binarie a contatto (W-UMa). Sono stelle molto vicine, tanto da condividere lo stesso inviluppo. Meno facili da scoprire sono le binarie ad eclisse di tipo Algol, dove le due stelle si eclissano reciprocamente con periodi superiori al giorno. Quando non si verificano le eclissi, non si osserva alcuna variabilità.
    Fino a qualche anno fa era relativamente facile scoprire nuove stelle variabili, bastava puntare il telescopio in un campo affollato e fare una sequenza di immagini per tutta la notte. Adesso è diventato più difficile poichè le survey hanno scoperto e catalogato molti di questi oggetti.
    Personalmente mi occupo principalmente di fotometria di asteroidi e non è stato difficile scoprire una ventina di stelle variabili, come "sotto-prodotto" delle sessioni dedicate agli asteroidi.
    Saluti
    Lorenzo Franco

  10. #10
    Sole L'avatar di Albertus
    Data Registrazione
    Apr 2018
    Messaggi
    920
    Taggato in
    64 Post(s)

    Re: GrAGVAR001 La prima stella variabile scoperta dal GrAG

    saluti

    ti è capitato di studiare asteroidi che contengono materiale organico ?
    L'Alpha 600 o addirittura l'SA100 possono tracciare molecole organiche ?

Discussioni Simili

  1. Il grag contribuisce alla scoperta di una stella variabile!
    Di etruscastro nel forum Stelle Doppie
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 19-01-2020, 07:51
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-11-2018, 00:14
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 29-07-2017, 10:46
  4. Stella doppia scoperta da studenti liceali senesi
    Di corrado973 nel forum Astrofisica
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 19-12-2016, 19:40
  5. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 25-09-2012, 09:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •