Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 25
  1. #1
    Nana Bruna L'avatar di Robicek
    Data Registrazione
    Feb 2018
    Località
    Verona
    Messaggi
    176
    Taggato in
    7 Post(s)

    GSO Classical Cassegrain 8 - parte 2

    Dopo la presentazione dello strumento, eccoci al test vero e proprio sul cielo e alle mie impressioni a confronto con il mio ex C8xlt; dopo una decina di uscite penso di avere abbastanza dati a disposizione per tirare le somme e dare un giudizio equilibrato dello strumento in questione.
    Per il test, lo strumento e' stato montato su una montatura iOptron ieq45 PRO AZ, che ovviamente lo regge senza problemi.

    cc200.jpg

    Tutto questo test e' incentrato sul Cassegrain Classic 8 e sulle differenze rispetto al suo competitor principale, cioe' il C8xlt. Naturalmente, si basa sulle esperienze che ho, e ho avuto, sugli esemplari in mio possesso.

    Una premessa e' d'obbligo: sul CC8 va curata la collimazione; ho notato che rispetto ad altri telescopi, una scollimazione, anche di poco conto, puo' portare ad un degradamento consistente delle immagini in alta risoluzione.



    La collimazione non e' velocissima ma non e' assolutamente difficile, basta utilizzare gli strumenti adatti, che in questo caso sono un cheshire e 3 chiavi a brugola ( non comprese con il telescopio ) da 2,5, 3 e 4 mm.

    Si parte di giorno con la collimazione del secondario ( ottima cosa che non si debba usare un cacciavite ma una chiave a brugola da 4mm ) usando il cheshire e centrando il marcatore sul secondario.

    Di notte, a ingrandimenti crescenti, controllando su una stella sfocata se c'e' coma, si agisce sul primario, sbloccando con la vite a brugola da 2,5mm e regolando con quella da 3mm.

    Per ultimo si ricontrolla di nuovo la collimazione del secondario ed il gioco e' fatto. La collimazione viene mantenuta quindi puo' essere un'operazione da compiere ogni tanto ( ma io sono pignolo e controllo spesso ).

    In rete si trovano comunque vari tutorial e posso confermare che non e' difficile, nella mia esperienza ho trovato piu' difficile collimare i Newton, soprattutto quelli piu' aperti di f5.
    Nel CC8 la differenza tra strumento collimato e non, e' molto marcata, molto piu' che nel C8.



    Le ottiche del CC8 mi sono parse di ottima qualita': niente tensionature, buona lucidatura, un residuo di sferica fisiologico e soprattutto una veramente buona capacita' di focalizzazione. Anche in presenza di seeing non buono, il disco di Airy e' sempre percepibile, anche su stelle luminose, vedi Sirio o Rigel.

    Lo snap test e' preciso, il punto di fuoco e' univoco ( senza la demoltiplica del focheggiatore sarebbe laborioso mettere a fuoco correttamente ), le stelle sono molto puntiformi e il fondo cielo e' molto scuro ( di piu' che nel C8 ). Bellissime le cromie stellari e qui si nota il fatto che il CC8 e' un riflettore puro. Si notano anche le spikes sulle stelle luminose, ovviamente.

    Non si tratta ovviamente di un rifrattore, c'e' sempre di mezzo l'ostruzione, non minima, quindi la visione non puo' essere 'refractor-like', ma il contrasto mostrato e' veramente buono.

    Altra differenza notevole e ben visibile e' la planearita' di campo maggiore nel CC8, tanto che e' possibile avere un campo piano e godibile di circa il 90% del totale ( tallone d'Achille del C8 classico, che mi impediva di utilizzare con profitto gli oculari di lunga focale ).

    Non ho calcolato il tempo di acclimatamento, di solito lascio il telescopio fuori un'ora prima di osservare. In alcune serate ho notato qualche segno delle correnti del tubo nella figura di diffrazione.

    Nessun problema di condensa sugli specchi anche in serate umide, nonostante l'esterno del tubo fosse bagnato ( meno male, era uno dei motivi per cui desideravo un tubo aperto! ).

    Per il test ho utilizzato gli stessi oculari che utilizzavo con il C8xlt: Celestron Xcel-Lx da 25mm e da 9mm, BCO da 18mm, Baader Aspheric da 36mm e occasionalmente un T-Japan da 6mm. Per andare a fuoco con tutti gli oculari, con una diagonale da 2 pollici, ho aggiunto una prolunga da 1 pollice.

    Tra i target osservativi che ho scelto, alcuni sono stati ostici con il C8xlt e per questo ho voluto vedere come si comportava il CC8. Altro fattore molto importante, mi interessava verificare la presunta inferiore luminosita' delle immagini rispetto al C8 ( vedi recensione di L.Carlino su Cloudynights ). Anticipo subito che, se c'e', e' veramente ininfluente e trascurabile. Vado anche a memoria, dopo quasi 4 anni di utilizzo del C8, e sicuramente una comparativa diretta sarebbe preferibile, ma non mi sembra che sia cosi' visibile.

    Messier 1: immediatamente visibile. Da cieli non bui non e' un target facile, ma il buon contrasto la stacca subito dal fondo cielo. Ottimo risultato. Da l'impressione che da cieli bui si potrebbe scorgere qualcosa in piu'.

    Messier 42 e trapezio: la quinta stella del trapezio e' facilmente visibile, se il seeing lo permette. Anche qui il contrasto, anche a 266x, stacca moltissimo la nebulosa dal fondo cielo.

    Messier 81-82: fantastiche insieme nel campo del Baader Aspheric 36, grandi e ben visibili. M82 mostra un accenno di struttura e di condensazione a ingrandimenti piu' elevati.

    Messier 101, 51, 63, 94: pur non essendo molto alte in cielo, nessun problema, sono sempre bersagli facili.

    Per un tour turistico delle doppie, a parte le classiche Rigel, Alnitak e Theta Aurigae ( risolte senza problemi ), notevole la 52 Orionis e piu' difficile la Eta Geminorum, piu' che altro per il seeing non sempre ottimale in questo periodo dell'anno. Il CC8 aiuta con la focalizzazione precisa e il disco di Airy sempre visibile. Sirio B in una serata di grazia era appena visibile, nei rari momenti di calma.

    Luna: qui il discorso si fa interessante. Subito si nota la diversa colorazione: nel CC8 la Luna e' grigia, non ha alterazioni di colore, anche al bordo ( se ci sono, sono opera dell'oculare ). La differenza comunque la fanno la nitidezza e il contrasto: immediatamente visibili 4 craterini in Plato, le rimae e i terrazzamenti dei crateri sembrano dare una sensazione di tridimensionalita'. Rispetto al C8, si puo' salire maggiormente di ingrandimenti.

    Per ora non ho eseguito test o riprese fotografiche dei pianeti, a parte una fugace visione di Marte, ormai lontano dall'opposizione.

    E' il momento di tirare le somme e di dare le proprie impressioni. Sono molto soddisfatto dello strumento e sono soddisfatto della scelta che ho fatto. Sicuramente e' quello che cercavo per l'hi-res nel diametro di 8 pollici ( per il deep sky ho il C11 ). Non ha il blasone di grandi marche, ma ripaga con prestazioni all'altezza. La collimazione non deve essere uno spauracchio ma un modo per conoscere meglio il proprio strumento.

    PRO

    - Ottiche veramente molto buone

    - Intubazione robusta ( a parte la vernice che e' delicata )

    CONTRO

    - Ingombri elevati ( e' lungo 20cm piu' di un C8, e piu' pesante di 2 kg )

    - Focheggiatore non all'altezza ( non amo i Crayford, ma questo modello e' veramente basico e non utilizzabile in fotografia )

    Questo post contiene 9 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  2. #2
    Nana Bruna L'avatar di fedele
    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    286
    Taggato in
    21 Post(s)

    Re: GSO Classical Cassegrain 8 - parte 2

    bella recensione.
    Io dopo il c8HD, sono rinato con il Mewlon 180c.

  3. #3
    Nana Bruna L'avatar di Robicek
    Data Registrazione
    Feb 2018
    Località
    Verona
    Messaggi
    176
    Taggato in
    7 Post(s)

    Re: GSO Classical Cassegrain 8 - parte 2

    Grazie Fedele :-)

  4. #4
    Nana Rossa L'avatar di Checco Lauro
    Data Registrazione
    Sep 2014
    Località
    Saluzzo (CN)
    Messaggi
    417
    Taggato in
    18 Post(s)

    Re: GSO Classical Cassegrain 8 - parte 2

    Grazie robicek, interessante e senza dubbio molto utile il confronto con il c8
    Dobson GSO 10", newton 130/900 eq2, Bresser skylux 70/00
    MaxvisiOn 24mm 82°, Celestron xcel lx 12mm, Celestron omni 9mm, Celestron omni barlow

  5. #5
    Nana Bruna L'avatar di Joe77
    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    180
    Taggato in
    6 Post(s)

    Re: GSO Classical Cassegrain 8 - parte 2

    Chiaro ed esaustivo ancora grazie

  6. #6
    Nana Bruna L'avatar di Robicek
    Data Registrazione
    Feb 2018
    Località
    Verona
    Messaggi
    176
    Taggato in
    7 Post(s)

    Re: GSO Classical Cassegrain 8 - parte 2

    Joe77, se ho dimenticato qualcosa, chiedi pure

  7. #7
    Nana Bruna L'avatar di Joe77
    Data Registrazione
    Mar 2020
    Messaggi
    180
    Taggato in
    6 Post(s)

    Re: GSO Classical Cassegrain 8 - parte 2

    Se posso esprinere un desiderio a tempo debito un report su giove. Ora purtroppo è troppo presto. Grazie ancora

  8. #8
    Nana Bruna L'avatar di Robicek
    Data Registrazione
    Feb 2018
    Località
    Verona
    Messaggi
    176
    Taggato in
    7 Post(s)

    Re: GSO Classical Cassegrain 8 - parte 2

    Per Giove tra qualche mesetto, osservazioni ed immagini ovviamente

  9. #9
    Nana Bruna L'avatar di Zacpi
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    212
    Taggato in
    18 Post(s)

    Re: GSO Classical Cassegrain 8 - parte 2

    Ottima recensione, la prima che vedo di questo strumento; io ho il RC8", il gemello ' +ostruito ';per collimarlo è anch'esso impegnativo, ma a dire il vero non è mai stato necessario agire sul primario per ottenere la giusta collimazione, ho sempre operato su star test notturno sul secondario e basta, ottenendo la perfetta centralità dei dischi di Airy a 300x; naturalmente ciò vale per il mio esemplare, non so per altri casi.
    Devo dire però che sulla luna, particolarmente Plato, finora più di due crateri interni non si evidenziano, non so se per l'ostruzione o causa una librazione non favorevole, ma mi è difficile andare oltre i 200x; diverso per Marte che mi permette anche 400x senza decadimento della visione.

    Questo post contiene 2 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  10. #10
    Nana Bruna L'avatar di Robicek
    Data Registrazione
    Feb 2018
    Località
    Verona
    Messaggi
    176
    Taggato in
    7 Post(s)

    Re: GSO Classical Cassegrain 8 - parte 2

    Il RC8 ha una vocazione piu' fotografica e la maggiore ostruzione si fa sentire in hires.

    Per quanto riguarda il CC8, sulla Luna mi ha stupito. Con illuminazione del 80-85%, erano subito visibili 4 craterini in Plato ( e' uno dei classici test ), nel senso che non dovevo 'andare a cercarli'.

    Per la collimazione, con il cheshire di giorno puoi ottenere una buona approsimazione, da rifinire poi di notte con lo star test.

    Questo post contiene 1 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

Discussioni Simili

  1. Confronto tra Maksutov-Cassegrain 127 e Schmidt-Cassegrain 127
    Di over885 nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 14-05-2021, 09:26
  2. GSO Classical Cassegrain 8 - parte 1
    Di Robicek nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 07-05-2021, 14:25
  3. cassegrain usato?
    Di rick_88 nel forum Primo strumento
    Risposte: 67
    Ultimo Messaggio: 24-10-2019, 07:00
  4. smith cassegrain
    Di gasparino nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 05-11-2015, 11:47
  5. Schmidt Cassegrain Zen 250 f20
    Di cherubino nel forum Autorecensioni
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 11-10-2013, 20:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •