Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Sole L'avatar di fedele
    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    534
    Taggato in
    37 Post(s)

    Un giapponesino tra gli ammassi dell'Auriga

    Baby-Mu e mini tour degli ammassi dell'Auriga e nella testa del toro.
    01.Dicembre.2021
    Finalmente le serate a cavallo tra fine Novembre e inizio di Dicembre, ci hanno regalato cieli sereni.
    Purtroppo, dove mi trovo, ho con me solo il Mewlon 180c. Il mio legame con il Baby-Mu è stato, fin dal primo momento, un legame di odio-amore, per via della mia impazienza e della sua indole "calma". Io amo i telescopi a lente e sono refrattario agli specchi. Con il Baby-Mu però, è da subito scattata la scintilla per via della sua lavorazione impeccabile a 1/20 di lambda e dei suoi trattamenti che lo rendono molto luminoso e di elevatissimo contrasto.
    Per dare il meglio di se (e che Meglio!) però, necessita di Saggezza, Pazienza e Tempo. Tutte doti che io non ho.
    Occorre attendere che sia in temperatura e accertarsi che sia collimato. Ma quando tutto torna....scatta la magia.
    E' in quel momento che avviene il passaggio dal "che schifo" al "Wau" in maniera netta, inconfutabile. E' il momento in cui VEDI CONCRETAMENTE e direttamente la differenza con qualsiasi altro specchio.
    A dispetto del suo disegno ottico e del rapporto focale spinto (f 12), nonché del suo non eccessivo diametro (18 cm), ho imparato a gustarlo proprio sui campi celesti e sugli oggetti DSO.
    Stasera l ho voluto provare a fondo con due oculari, per testarli, ovvero il TeleVue Ploss 25 mm e il Takahashi Abbe 32 mm,
    Il Tv è un ottimo oculare...ma non mi piace. Introduce un minimo di aberrazioni nelle immagini stellari, alterandole dal 85/90 % del campo.
    Ho puntato M42 con il TV, e già con questo (come ho avuto modo di dire in altri post) emerge nettamente la bellezza della nebulosa e della elevata capacità di contrasto e nitidezza dell'ottica nipponica. (specifico che sto osservando la terrazzo di casa, in una periferia cittadina).
    Ma è inserendo il 32 mm che scopro i benefici di questa fantastica accoppiata.
    Nonostante il campo non sia molto ampio...esso è perfetto fino al bordo e nemmeno il coma dello strumento risulta fastidioso in questo oculare.
    Nessuna luce o colore spurio, nessuna stella a riccio dal centro al bordo campo.
    Direi che l'accoppiata è perfetta. Peccato non avere al seguito la torretta (comprai la serie Abbe di Takahashi completa....a doppio!)
    M42 esplode fino a riempire tutto il campo con i suoi colori, le contorsioni della sua nebulosità. Le stelle del trapezio risentono un po del seeing non completamente fermo, ma intravedo le componenti E e F.
    La nebulosità si stacca in maniera sicura dal fondo cielo nero. Lo spettacolo è assicurato.
    Comfermo, come evidenziato in un altro post, che il campo reale inquadrato, è maggiore rispetto a quello calcolato dalla app "FOH Calculator"
    La nebulosa rientra per intero, tra gli estremi delle ali. Presente anche la nebulosità del corpo staccato della nebulosa.
    Proseguendo l'uso del abbe 32mm ho iniziato poi una carrellata degli ammassi aperti dell'Auriga: M35, M36, M37, M38.
    Fondo cielo nero, stelle piccolissime come polvere luminosa e puntiforme. Bellissimi.
    Punto le Iadi e percepisco nebulosità intorno ad almeno due stelle
    Bello l'occhio del toro, Aldebaran.
    Prima di chiudere, mi sposto su M78, di cui apprezzo le stelle ed intravedo la nebulosità e su Polluce e Castor, la doppia nei Gemelli. Di questa le componenti sono belle puntiformi. Sono presenti gli spikes per ciascuna, ma è una cosa cui mi sono abituato e che spesso mi piace pure (non sempre...).
    Ricordo che ho uno dei migliori 4" al mondo (il FC100DL, fokeggiatore nero (solo 100 pezzi prodotti)) per vedere e studiare le doppie senza spikes!

  2. #2
    Gigante L'avatar di cesarelia
    Data Registrazione
    May 2020
    Località
    Pisa
    Messaggi
    1,353
    Taggato in
    123 Post(s)

    Re: Un giapponesino tra gli ammassi dell'Auriga

    A te piacciono i rifrattori... ma il diametro è diametro (i rifrattori sono rifrattori per carità...)

  3. #3
    Buco Nero L'avatar di Huniseth
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Vallee
    Messaggi
    10,217
    Taggato in
    717 Post(s)

    Re: Un giapponesino tra gli ammassi dell'Auriga

    (il FC100DL, fokeggiatore nero (solo 100 pezzi prodotti)) - Come mai non ne hanno più prodotti? E' una curiosità....
    Interminati spazi io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura.
    Mak180, G.Hi 152/900, Orion 80/400, Mak127, TS70ed/474, Wega 15x70, EQ6, binoview, Tasco80

  4. #4
    Sole L'avatar di fedele
    Data Registrazione
    Jan 2021
    Messaggi
    534
    Taggato in
    37 Post(s)

    Re: Un giapponesino tra gli ammassi dell'Auriga

    Citazione Originariamente Scritto da Huniseth Visualizza Messaggio
    (il FC100DL, fokeggiatore nero (solo 100 pezzi prodotti)) - Come mai non ne hanno più prodotti? E' una curiosità....
    perchè facevano schifo...

    hahaha

Discussioni Simili

  1. I girini dell'auriga (work in progress #2)
    Di zeppo nel forum Deep Sky
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-10-2021, 09:58
  2. I girini dell'auriga (work in progress)
    Di zeppo nel forum Deep Sky
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-10-2021, 10:21
  3. Ammassi aperti in Auriga M37 e M38
    Di Jerry nel forum Deep Sky
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 24-04-2020, 14:05
  4. Nebulose dell'Auriga e pensieri sui filtri cls
    Di Spacetime nel forum Deep Sky
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-03-2019, 10:49
  5. La costellazione dell'Auriga
    Di Pierluigi Panunzi nel forum Articoli
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 30-10-2012, 17:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •