Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Nana Bruna L'avatar di Adriano_SW
    Data Registrazione
    Sep 2020
    Messaggi
    220
    Taggato in
    5 Post(s)

    PHD2: domande per agli esperti

    Eccole qui:
    1) supponendo di disporre di una determinata stella guida ottimale al centro del campo, il fatto di utilizzare nel telescopio di guida un filtro (es: UHC) oppure una barlow (es: 2x) ha effetto sulla qualita' della guida?
    2) il peggioramento della messa a fuoco (sul telescopio di guida) nel corso della sessione ha effetto sulla qualita' della guida?
    Se non ho capito male, teoricamente PHD2 dovrebbe essere in grado di calcolare in tutti i precedenti casi il medesimo centroide e guidare centrato sullo stesso. E quindi la qualita' dovrebbe restare la stessa.
    Ma alcune simulazioni che ho fatto con uno stesso setup di riferimento mi farebbero pensare che si abbia una guida migliore con stella guida a fuoco e senza barlow.
    Ma e' proprio cosi?
    3) Autoguida con errore di allineamento polare ~ 5 arcmin. Sempre in base ad alcune simulazioni che ho effettuato, sembrerebbe che rimanendo intorno all'equatore celeste (+/- 5 gradi di declinazione) PHD2 possa ancora gestire la guida entro i parametri di accettabilita' di un certo setup (es: RMS < 1.2 arcsec). Qualcuno ha fatto qualche prova reale?
    Unico effetto negativo che ho riscontrato in questa casistica e' che, utilizzando N.I.N.A., bisogna allargare la tolleranza del plate solving (per non farlo fallire) e perdono efficacia istruzioni del tipo "Center after drift" oppure "Slew and center", rendendo quindi impossibile centrare bene l'oggetto nell'inquadratura all'interno di sequenze automatiche di ripresa. Cosa questa comunque rimediabile con il crop in fase di post processing.
    Grazie

  2. #2
    Gigante L'avatar di stevesp
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Lecco
    Messaggi
    1,578
    Taggato in
    79 Post(s)

    Re: PHD2: domande per agli esperti

    Se metti una Barlow allunghi la focale del tele guida e quindi perdi luminosità. Per ottenere la stessa immagine devi teoricamente raddoppiare il tempo di esposizione della camera guida quindi cambiano anche i parametri di guida
    Ovvio che se con Barlow la stella si vede ancora bene la cosa non vale, ma potrebbe succedere soprattutto con camere a colori che hanno meno sensibilità di una B/N

  3. #3
    Gigante L'avatar di rey
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    1,488
    Taggato in
    322 Post(s)

    Re: PHD2: domande per agli esperti

    Ciao Adriano, non sono esperto ma ti dico la mia
    1 a meno che non usi una focale troppo bassa non ti serve la barlow, poi appunto se allunghi troppo la focale rischi di dover aumentare il tempo di esposizione. Insomma dipende dal tele che vuoi usare e da quello di guida.
    Un filtro anti IL non serve per la guida, non ha senso metterlo.

    2 non saprei sinceramente, ma preferirei avere le stele a fuoco anche se probabilmente un fuori fuoco leggero ti cambia poco. Io sinceramente nel tele guida lo eseguo molto molto raramente. Ma io sono di bocca buona.

    3 un errore al polo di 5' non è così grave, la guida non dovrebbe avere problemi.
    Anzi io ho guidato con stelle decenti (campionamento 1,7") anche con 50' se devo proprio confessarmi ovviamente poi devi anche verificare per la rotazione di campo.
    Per quanto riguarda il plate solving non ho mai sentito nulla di simile, non so nina che programmi usa di specifico per il solving ma ne ho provati molti e tutti digeriscono ben oltre i 5' di errore. Per esempio Astrometry.net risolve qualsiasi immagine gli dai in pasto. Altri invece richiedono di essere più vicino al soggetto per funzionare in tempo utile ma è un vicino relativo.

    Cieli sereni

  4. #4
    Nana Bruna L'avatar di Adriano_SW
    Data Registrazione
    Sep 2020
    Messaggi
    220
    Taggato in
    5 Post(s)

    Re: PHD2: domande per agli esperti

    Grazie per le risposte.
    Diciamo che sto raccogliendo dei pareri su questi argomenti. In rete ne ho trovati di contrastanti.
    Alcuni infatti dicono di utilizzare dei filtri UHC in cieli inquinati luminosamente per avere una migliore visibilita' delle stelle guida. Discorso analogo (ma con giustificazioni diverse) per l'uso della barlow.
    Alcuni dicono inoltre che se nel corso della serata (per variazioni di temperatura, seeing etc) si aggiusta la messa a fuoco della macchina di ripresa principale allora bisogna fare lo stesso su quella di guida.
    E questo sarebbe per me un problema in caso di ripresa automatica, in quanto posso gestire in NINA la messa a fuoco automatica della camera principale (mediante le varie istruzioni di autofocus) ma non quella della camera secondaria (su telescopio di guida).
    Altri dicono invece che l'efficienza della guida non cambia in tutte le precedenti situazioni visto che si basa sul centroide della stella guida, punto geometrico che resta invariato indipendentemente dai filtri, lenti barlow o messa a fuoco fine.
    Sono interessato a capirci di piu' sull'argomento.
    Riguardo all'errore nell'allineamento polare: ho simulato su NINA delle sequenze che automatizzano l'intero processo di acquisizione immagini.
    In queste sequenze sono presenti un paio di istruzioni di NINA sensibili alla qualita' dell'allineamento polare: 'slew and center', per puntare l'oggetto e centrarlo nell'inquadratura ad inizio ripresa ed anche 'center after drift', che ricentra l'oggetto se questo, a causa del dithering e dopo un certo numero di riprese, si e' allontanato troppo dal centro dell'inquadratura (allontanamento che porterebbe successivamente ad un risultato integrato da croppare).
    E' chiaro che entrambe le istruzioni lavorano male in caso di errore di allineamento polare, visto che eseguono il ricentramento con un errore dovuto al mancato preciso allineamento. Ho verificato infatti che, con un errore di ~ 5 arcmin, dopo queste istruzioni l'oggetto rientra nell'inquadratura del mio setup ma si posiziona ad esempio nella parte alta di essa.
    In presenza di discreto errore di allineamento polare quindi, in caso di acquisizione automatica con NINA, direi che mi dovrei accontentare di un centramento approssimativo e di un risultato finale da croppare.
    Riguardo al plate solving: 'slew and center' e 'center after drift' utilizzano il plate solving. In NINA ho visto che si puo' configurare una tolleranza per il plate solving, ossia l'errore di puntamento (tolleranza) al di sopra del quale il solving fallisce.
    Quindi all'aumentare dell'errore di allineamento polare e' necessario aumentare questa tolleranza (altrimenti il plate solving fallisce) ed anche quella del 'center after drift', per non dover continuamente ed inutilmente ricentrare l'oggetto.
    In questa casistica (errore PA ~ 5 arcmin) vorrei raccogliere pareri sulla effettiva qualita' della guida.

Discussioni Simili

  1. Grafico PHD la parola agli esperti
    Di carkinzo nel forum Software Generale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 04-09-2022, 14:20
  2. Domanda di R.R. agli esperti
    Di icsics nel forum Astrofisica
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 29-03-2022, 20:32
  3. Domandona agli esperti di Vintage : cos'è questo?
    Di Huniseth nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 20-07-2017, 18:21
  4. La prognosi agli esperti
    Di carkinzo nel forum Deep Sky
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 01-05-2017, 09:52
  5. Domanda agli esperti: ma le nuvole sono attratte dalla Luna e pianeti?
    Di Huniseth nel forum Il cielo ad occhio nudo
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 31-07-2013, 18:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •