Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 20 di 20
  1. #11
    Gigante L'avatar di Armando31
    Data Registrazione
    Apr 2022
    Località
    Carosino TA
    Messaggi
    1,167
    Taggato in
    67 Post(s)

    Re: SW MAK 180/2700 serie GOLD

    ma guarda! povero Cherubino! ora invochi la moderazione,
    Lo so che sono un somaro con la grammatica Italiana se i moderatori ritengono giusto moderarmi lo facciano pure lo accetto ,però lei non mi dia lezione di galateo
    La saluto Cherubino

  2. #12
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    6,703
    Taggato in
    561 Post(s)


    Re: SW MAK 180/2700 serie GOLD

    @Armando31 ... Armà... E sta bbono, su... Possibile che parti sempre a dar fuoco a tutto? Moderati, please...

  3. #13
    Sole L'avatar di Gonariu
    Data Registrazione
    Jun 2021
    Messaggi
    833
    Taggato in
    51 Post(s)

    Re: SW MAK 180/2700 serie GOLD

    Bellissima recensione! prima di ricomprarmi il C8 mi tentava anche quest'ottica, poi ho comprato il Nexstar 8 SE in quanto di uso più universale; devo dire però che principalmente vedo luna & pianeti e certe volte per cambiare anche gli oggetti del celo profondo (o "deep sky" per chi apprezza la lingua di Shakespeare). Non so quanto sarebbe stabile su una EQ5 che posseggo, senza considerare i tempi molto lunghi per raggiungere l'equilibrio termico coll'esterno.

    Questo post contiene 1 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  4. #14
    SuperNova L'avatar di cherubino
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Località
    Milano, Italia
    Messaggi
    4,299
    Taggato in
    517 Post(s)

    Re: SW MAK 180/2700 serie GOLD

    Il "C8" è sicuramente più "duttile".
    Focale minore, rapporto focale meno spinto, tempi di acclimatamento meno lunghi (ma comunque significativi).
    Non per nulla lo schema schmidt cassegrain ha riscosso tanto successo dagli anni '80 in poi.
    Io devo ammettere di non essere mai riuscito ad affezzionarmi completamente a questi strumenti (SC-MAK e compound vari).
    Hanno davvero tante buone caratteristiche ma troppi compromessi e richiedono pazienza, condizioni ottimali, etc..

    Detto questo il mak 180 resta a mio vedere un bello strumento per l'osservazione planetaria e di sistemi multipli ad una frazione del costo di un buon rifrattore apocromatico.
    Però, e questo lo dico per averlo più volte sperimentato, dal punto di vista prettamente visuale non si creda che un rifrattore da 6 pollici acromatico a f8 sia inferiore.
    Più ingombrante e obbligatoriamente sostenuto da montatura più grossa e "alta", ma con immagini altrettanto valide, almeno fino ai 200x (sempre che le ottiche siano davvero messe a punto bene).
    Io ho scelto di sostituire il Mak 180 proprio con un "banale" 150/1200 ma lo installo su una colonna alta 170 cm. che è "fissa" in giardino e non lo porto ovviamnete in giro.

    Paolo

    Questo post contiene 5 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  5. #15
    Nana Bruna L'avatar di Giovanni BRUNO
    Data Registrazione
    Jun 2023
    Messaggi
    165
    Taggato in
    13 Post(s)

    Re: SW MAK 180/2700 serie GOLD

    Davvero non comprendo questo intervento a gamba tesa di ARMANDO 31 che si è inserito in un dialogo tecnico tra me e CHERUBINO.

    Prima di tutto conosco di persona CHERUBINO e ne conosco lo spessore tecnico ed umano.

    Aggiungo che ho definito CHERUBINO un esperto di telescopi e lo riconfermo convintamente.

    Infine, sollecito CHERUBINO a manifestare il suo pensiero e-o esperienza personale a riguardo del chiacchiericcio sulla reale apertura realmente fruibile per il MAK SW da 127/1540mm.

    Un dato tecnico che per definizione è neutrale, non dovrebbe essere causa di attacchi e-o risentimenti personali.

  6. #16
    SuperNova L'avatar di cherubino
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Località
    Milano, Italia
    Messaggi
    4,299
    Taggato in
    517 Post(s)

    Re: SW MAK 180/2700 serie GOLD

    Buongiorno Giovanni,

    personalmente ritengo che dichiarare, da atrofili semplicemente amatori, una differenza tanto significativa su un dato di fabbrica certificato sia un azzardo.
    Come scrivevo nel piccolo articolo sul Maksutov 180 (e avendo avuto vari 150 e anche 127 Maksutov - di cui uno ancora tra i miei tanti strumenti) penso che al livello normativo, di controllo, e legale sia impossibile che il dato dichiarato (in questo caso apertura libera reale) si discosti in modo significativo dalla verità.
    Penso piuttosto che i metodi con cui alcuni amatori lo verifichino sia errato e non tenga in debito conto del "vero" percorso ottico (soprattutto in uno schema non banale come il Maksutov, nelle sue varianti).
    In "soldoni", quando mi è capitato di valutare la geometria dei vari Maksutov da 7, 6 e 5 pollici che ho avuto modo di avere tra le mani mi sono sempre convinto che, a parte lievi differenze dovute ai test empirici da me effettuati, i dati di fabbrica appaiono corretti.
    Nella fattispecie del 180, ad esempio, ai miei calcoli ho rilevato 178 millimetri ma il metodo applicato impone dei minimi errori e una precisione non assoluta e quindi il dato, molto vicino a quanto pubblicizzato, testimonia la veridicità di quanto "venduto".
    Medesima cosa per gli altri strumenti di diametro inferiore.
    Non ho memoria invece di quanto mi risultasse il 228, strumento che ebbi modo di usare molti anni fa e su cui non potrei mettere "mano sul fuoco".

    Questi i miei "due cents" che valgono relativamente poco ma che, almeno per la mia esperienza, generano conclusioni non dissimili da quanto i produttori/distributori dichiarino.

    Paolo

  7. #17
    Nana Bruna L'avatar di Giovanni BRUNO
    Data Registrazione
    Jun 2023
    Messaggi
    165
    Taggato in
    13 Post(s)

    Re: SW MAK 180/2700 serie GOLD

    Caro PAOLO, alias CHERUBINO, davvero molte grazie per la più che gentile ed esaustiva risposta al quesito tecnico sulla reale apertura del MAK SW da 127/1540mm.

    Le tue conclusioni si allineano perfettamente con il potere risolutivo che ho il piacere di riscontrare nelle molte decine di osservazioni terrestri ad alta potenza, ovviamente solo poco prima del tramonto.

    La tua conferma sulla molto probabile piena apertura di 127mm mi ha tolto un cruccio che in realtà con le prestazioni riscontrate sul campo non aveva comunque motivo di essere.

    Questo post contiene 1 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  8. #18
    SuperNova L'avatar di cherubino
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Località
    Milano, Italia
    Messaggi
    4,299
    Taggato in
    517 Post(s)

    Re: SW MAK 180/2700 serie GOLD

    Ciao, Giovanni.

    Sì, penso che in generale i dati tecnici dimensionali pubblicizzati per gli strumenti corrispondano al vero e, la' dove non sia così, le differenze siano talmente minime da risultare ininfluenti.
    Resta, e questo in generale e assolutamente a mio avviso personale, un utilizzo molto "libero" degli aggettivi che descrivono le prestazioni degli strumenti.
    Solitamente, meno sono cari e più gli aggettivi si sprecano. Più invece sono tecnici e meno la lingua italiana viene usata per magnificarli. Questo sempre salvo eccezioni pur esistenti.
    A parte queste considerazioni di "marketing" va detto che gli strumenti (in qualsiasi campo applicativo) nascono con una "ragione di essere" che non sempre viene compresa o, peggio, rispettata.
    Nel caso dei maksutov presenti (declinati in varie sotto-configurazioni: Gregory, Rumak, Sigler, etc..) la loro natura progettuale li rende "specifici" per un certo ambito di utilizzazione.
    Come vedi ho citato anche alcuni Maksutv "fotografici" (Sigler-Simak) a rapporto focale spinto ed ostruzione alta.
    Ciò che sovente succede è che gli acquirenti (non tutti, sia chiaro) comprano lo strumento perché leggono che "va bene" e che mostra "chissa' cosa" e poi lo impiegano per fare ciò per cui non è nato. Non lo collimano (o non lo fanno in modo corretto), non attendono che l'acclimatamento sia completo, impiegano treni ottici "storti" (anche se magari marchiati di qualità).
    In compenso (mai capito perché) si soffermano su quelle che sono "inezie" come i trattamenti, l'apocromaticità, il fatto che SEMBRINO 2 millimetri più "piccoli" di quanto dichiarato, etc..
    Credo che sia innato nella natura umana il piacere al contraddittorio e alla polemica.
    MAI visto qualcuno che DAVVERO sa portare a lavorare bene gli strumenti che possiede, lamentarsi per un punto % di ostruzione o di diametro in più e in meno.
    Mah...

    Paolo

    Questo post contiene 1 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  9. #19
    Nana Rossa L'avatar di Zacpi
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Messaggi
    366
    Taggato in
    25 Post(s)

    Re: SW MAK 180/2700 serie GOLD

    Mah, sono pienamente d' accordo del fatto che molte volte si comprano strumenti che non si rivelano per niente adatti allo scopo dell' acquisto, solamente perché costano poco o ci sono " simpatici"; io per esempio ho comprato un RC 8" usato perché costava poco, ma si presentava bene, era perfetto nella meccanica e nelle ottiche; poi però alla prova dei fatti cominciò a fallire tutti gli obiettivi prefissati: sulla Luna i crateri di Plato non si vedevano mai, in nessuna condizione di librazione o lunazione; su Saturno la divisione di Cassini mai ben visibile; sul profondo cielo male M42 e male M57, con molteplici condizioni di seein g e collimazioni sempre accurate(stelle sempre puntiformi):conclusione personale, lo strumento inadatto per planetario e deep visuale, come mi ero prefissati io, infatti nato come astrografo, per fare foto, inutile acquistarlo con la speranza di farci visuale risparmiando anche soldi, inutile dare la colpa al seeing o a ipotetici diametri inferiori al dichiarato, se uno strumento non ci mostra ciò che vogliamo significa purtroppo che è inadatto e basta, e deve essere cambiato, se non si hanno i soldi per farlo bisogna cambiare hobby.

    Questo post contiene 2 auto-link(s) ad AstroWiki. Collabora con noi!

  10. #20
    Sole L'avatar di Gonariu
    Data Registrazione
    Jun 2021
    Messaggi
    833
    Taggato in
    51 Post(s)

    Re: SW MAK 180/2700 serie GOLD

    Sto pensando che tu abbia comprato un modello mal riuscito. Non ho mai avuto un RC, ho letto però che l'ostruzione è notevole (sul 40%); che sul planetario renda poco ci può stare, non tanto sul cielo profondo ed in campo fotografico.

Discussioni Simili

  1. Old but gold
    Di James nel forum Accessori
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 08-05-2023, 07:35
  2. Skywatcher 80ED Gold edition
    Di italdic77 nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 05-05-2020, 12:43
  3. Maksutov 180/2700
    Di star74 nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 60
    Ultimo Messaggio: 27-04-2020, 18:33
  4. nuovo set up mak 180/2700 bd
    Di CORRY_32 nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 19-08-2016, 19:30
  5. Mak 180/2700
    Di Huniseth nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21-05-2012, 07:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •