Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,455
    Taggato in
    447 Post(s)

    La missione Kepler della NASA annuncia una miniera d'oro di pianeti: 715 nuovi mondi

    La missione Kepler della NASA annuncia una miniera d'oro di pianeti: 715 nuovi mondi

    La missione Kepler della NASA ha annunciato mercoledì la scoperta di 715 nuovi pianeti. Questi mondi recentemente verificati orbitano attorno a 305 stelle, rivelando sistemi multi-pianeta molto simili al nostro sistema solare.
    Quasi il 95 per cento di questi pianeti sono più piccoli di Nettuno, che è quasi quattro volte le dimensioni della Terra. Questa scoperta segna un aumento significativo del numero di pianeti noti di piccole dimensioni, più simili alla Terra dei pianeti extrasolari precedentemente identificati, che sono pianeti al di fuori del nostro sistema solare.
    "Il team di Kepler continua a stupirci ed emozionarci con i loro risultati nella caccia ai pianeti", ha dichiarato John Grunsfeld, amministratore associato per il Science Mission Directorate della NASA a Washington. "Il fatto che questi nuovi pianeti e sistemi solari sembrano un po' come il nostro, preannuncia un grande futuro per quando averemo il James Webb Space Telescope nello spazio per caratterizzare i nuovi mondi."
    Fin da quando sono stati scoperti i primi pianeti al di fuori del nostro sistema solare circa due decenni fa, la verifica è stato un processo laborioso, pianeta per pianeta. Ora gli scienziati hanno una tecnica statistica che può essere applicata a molti pianeti contemporaneamente quando si trovano in sistemi che ospitano più di un pianeta attorno alla stessa stella.
    Per verificare questa abbondanza di pianeti, un gruppo di ricerca co-condotto da Jack Lissauer, scienziato planetario presso Ames Research Center della NASA a Moffett Field, in California, ha analizzato stelle con più di un potenziale pianeta, che sono state tutte esaminate nei primi due anni delle osservazioni di Kepler – dal maggio 2009 al marzo 2011.
    Il gruppo di ricerca ha utilizzato una tecnica chiamata verifica tramite molteplicità, che si basa in parte sulla logica della probabilità. Kepler ha osservato 150.000 stelle, ed ha trovato che alcune migliaia di quelle erano candidate ad avere pianeti. Se le candidate fossero state distribuite a caso tra le stelle di Keplero, solo una manciata avrebbe avuto più di un candidato pianeta. Tuttavia, Kepler ha osservato centinaia di stelle che hanno più candidati pianeti. Attraverso un attento studio di questo campione, i 715 nuovi pianeti sono stati verificati.
    Questo metodo può essere paragonato al comportamento a noi noto di leoni e leonesse. Nella nostra immaginaria savana, i leoni sono le stelle di Kepler e le leonesse sono i candidati pianeta. Le leonesse potrebbero a volte essere osservate raggruppate considerando che i leoni tendono a muoversi per conto proprio. Se vedete due leoni potrebbero essere un leone e una leonessa o potrebbero essere due leoni. Ma se più di due grandi felini sono osservati, allora è molto probabile che ci sia un leone e la sua consorte. Così, attraverso la molteplicità la leonessa può essere identificata in modo affidabile più o meno allo stesso modo in cui più candidati pianeti si trovano intorno alla stessa stella.
    "Quattro anni fa, Kepler ha iniziato una serie di annunci prima di centinaia, poi di migliaia di candidati pianeti - ma erano solo mondi candidati", ha detto Lissauer. "Ora abbiamo sviluppato un processo per verificare più candidati pianeti in massa e per segnalare i pianeti all'ingrosso, e l’abbiamo usato per svelare una vera e propria miniera d'oro di nuovi mondi."
    Questi sistemi multi-planetari sono terreno fertile per studiare i singoli pianeti e la configurazione del loro vicinato planetario. Ciò fornisce indizi sulla formazione dei pianeti.
    Quattro di questi nuovi pianeti sono meno di 2,5 volte le dimensioni della Terra e orbitano nella zona abitabile del loro sole, definita come l'intervallo di distanza da una stella dove la temperatura superficiale di un pianeta orbitante può essere idonea per avere acqua allo stato liquido, principale necessità della vita.
    Uno di questi nuovi pianeti trovati nella zona abitabile, chiamato Kepler-296f, orbita attorno ad una stella grande la metà e luminosa per il 5 per cento del nostro sole. Kepler-296f è due volte le dimensioni della Terra, ma gli scienziati non sanno se il pianeta è un mondo gassose, con una spessa coltre di idrogeno ed elio, o si tratta di un mondo acquatico circondato da un oceano profondo.
    "In questo studio abbiamo visto che pianeti in questi multi-sistemi sono piccoli e le loro orbite sono piatte e circolari – simili a frittelle – il che non ricorda affatto il classico punto di vista ad atomo," ha detto Jason Rowe, ricercatore presso l'Istituto SETI a Mountain View, California, e co-leader della ricerca. "Più si esplora e più troviamo tracce familiari di noi stessi tra le stelle, che ci ricordano casa."
    Questa ultima scoperta porta il numero confermato di pianeti al di fuori del nostro sistema solare a quasi 1.700. Mentre continuiamo a protenderci verso le stelle, ogni scoperta ci porta un passo avanti verso una comprensione più accurata del nostro posto nella galassia.
    Lanciato nel marzo 2009, Kepler è la prima missione NASA nata per trovare pianeti simili alla Terra e di dimensioni potenzialmente abitabili. Le scoperte effettuate contano più di 3.600 candidati pianeti, dei quali 961 sono stati verificati come mondi reali.
    I risultati saranno pubblicati il 10 marzo su The Astrophysical Journal e sono disponibili per il download all'indirizzo: http://www.nasa.gov/ames/kepler/digi...planet-bonanza
    Ames è responsabile per la progettazione della missione Kepler, lo sviluppo del sistema terra, le operazioni di missione e l'analisi dei dati scientifici. Il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, è diretto lo sviluppo della missione Kepler. La Ball Aerospace & Technologies Corp. di Boulder, Colorado, ha sviluppato il sistema di volo di Kepler e supporta le operazioni di missione con il Laboratory for Atmospheric and Space Physics presso l'Università del Colorado a Boulder. La Space Telescope Science Institute di Baltimora, ospita gli archivi e distribuisce i dati scientifici Kepler. Kepler è la missione Discovery 10 della NASA ed è stato finanziata dallo Science Mission Directorate dell'agenzia.
    Per ulteriori informazioni sul telescopio spaziale Kepler, visitare il sito: http://www.nasa.gov/kepler


    Articolo originale QUI.

  2. #2
    SuperNova L'avatar di marcom73
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma città
    Messaggi
    3,530
    Taggato in
    16 Post(s)

    Re: La missione Kepler della NASA annuncia una miniera d'oro di pianeti: 715 nuovi mo

    Grazie per l'articolo !
    C11 - RC8 - SharpStar 65Q - AZ EQ6 GT
    Astrobin : http://www.astrobin.com/users/marmony73/

  3. #3
    Meteora L'avatar di dome58765
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    23
    Taggato in
    0 Post(s)

    Re: La missione Kepler della NASA annuncia una miniera d'oro di pianeti: 715 nuovi mo

    Articolo davvero interessante... Grazie!!!

Discussioni Simili

  1. Lancio della sonda LADEE da parte della NASA
    Di orione2000 nel forum Astronautica
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 23-04-2014, 20:53
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 26-07-2013, 07:53
  3. Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 05-06-2013, 13:22
  4. Alieni di altri mondi
    Di peppe nel forum Esobiologia
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 12-05-2012, 11:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •