Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Sole L'avatar di Cagnaccio
    Data Registrazione
    May 2014
    Località
    Uta (CA)
    Messaggi
    840
    Taggato in
    66 Post(s)

    Correlazione magnitudine-distanza

    ho un dubbio, la magnitudine è correlabile alla distanza?
    esempio, se in una tabella di effemeridi non trovo la distanza in UA, ma solo la magnitudine dell'astro, posso assumere che a magnitudini sempre più positive l'astro si stia allontanando e viceversa?
    Osservo con: MC 127/1500 su EQ AVX GoTo
    Riprendo con: Canon EOS 350D, Philips Vesta CCD

  2. #2
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    22,750
    Taggato in
    1860 Post(s)

    Re: Correlazione magnitudine-distanza

    dipende da quale magnitudine parliamo......
    qua c'è un po di tutto per iniziare a chiarirsi le idee:
    http://www.astronomia.com/2012/07/21...-la-sua-parte/
    http://www.astronomia.com/2012/07/18...i-celestia-co/
    http://www.astronomia.com/risorse/approfondimenti

    p.s. ti sposto in una sezione più adatta!

  3. #3
    Sole L'avatar di Cagnaccio
    Data Registrazione
    May 2014
    Località
    Uta (CA)
    Messaggi
    840
    Taggato in
    66 Post(s)

    Re: Correlazione magnitudine-distanza

    grazie etruscastro, ho letto con piacere i primi due articoli, la sezione approfondimenti la utilizzo già ed ogni qual volta ho qualche dubbio, da quel che capisco la risposta è NI

    con una buona dosa di approssimazione posso affermare che, in mancanza di una tabella di effemeridi completa, posso desumere che meno brillante è l'astro e più è lontano

    ed in ogni caso, fornendo meno luce al mio tele, si vedrà comunque di meno
    Osservo con: MC 127/1500 su EQ AVX GoTo
    Riprendo con: Canon EOS 350D, Philips Vesta CCD

  4. #4
    Sole L'avatar di cicciohouse
    Data Registrazione
    May 2013
    Località
    Paola (CS)
    Messaggi
    816
    Taggato in
    82 Post(s)

    Re: Correlazione magnitudine-distanza

    Domanda basilare che, se te la stai ponendo adesso, approfondendo ti apre le porte ai principi dell'astrofisica e della cosmologia, fondamentali per poter dare un risposta...
    Personalmente trovo difficile che si possa essere appassionati di astronomia (ergo astrofili) senza sentire mai il bisogno di porsi domande fondamentali (e cercare le risposte) come questa...

    Saluti
    Telescopi: SC 8; MAK 127; SW 80ED; Montature: HEQ5 PRO; Auriga EQ 3.2 modificata; treppiede AmazonBasics; Binocoli: 10x50 S&V; 20x80 General Hi-T

  5. #5
    SuperNova L'avatar di Valerio Ricciardi
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Roma (di base)
    Messaggi
    3,719
    Taggato in
    363 Post(s)

    Re: Correlazione magnitudine-distanza

    Citazione Originariamente Scritto da Cagnaccio Visualizza Messaggio
    con una buona dosa di approssimazione posso affermare che, in mancanza di una tabella di effemeridi completa, posso desumere che meno brillante è l'astro e più è lontano
    In teoria, assolutamente no: una galassia a sei miliardi di anni luce o una lampadina tascabile in orbita a 200 km di altezza potrebbero avere la stessa magnitudine apparente.

    In pratica, spesso, molto spesso un puntino luminoso di magnitudine apparente +9,2 è la traccia della luce di una stella ben più lontana di un altro puntino luminoso di magnitudine -0,3... ma che te ne fai di una pseudo informazione tanto aleatoria?

    E' una cosa che sta a livelli di veridicità troppo inferiore a un generico "in mare, di norma è il pesce più grosso a mangiare il pesce più piccolo"...

    ...l'Universo è troppo profondo
    INQUINAMENTO LUMINOSO- segnala impianti illegali nel territorio laziale, protetto dalla L.R. n. 23/2000: www.laziostellato.org

  6. #6
    Sole L'avatar di Cagnaccio
    Data Registrazione
    May 2014
    Località
    Uta (CA)
    Messaggi
    840
    Taggato in
    66 Post(s)

    Re: Correlazione magnitudine-distanza

    già valerio, il problema sta proprio lì,
    le tabelle di effemeridi che consulto sono troppo generiche e parlano di pesci che hanno distanze molto diverse tra loro, purtroppo ho appreso con rammarico che le cose stanno proprio così

    col senno di poi, la richiesta che feci a giugno, aprendo il post, riguardava i pianeti del nostro sistema solare, la domanda era conoscendo solo la magnitudine è probabile desumere che la distanza in UA sia direttamente proporzionale?
    per le galassie la risposta quindi è: no, l'esempio della lampadina calza a pennello
    per i pianeti, con una buona approssimazione è: si, minore è la magnitudine (di, es. saturno) e maggiore sarà la sua distanza da me
    Osservo con: MC 127/1500 su EQ AVX GoTo
    Riprendo con: Canon EOS 350D, Philips Vesta CCD

  7. #7
    Staff • Autore L'avatar di Enrico Corsaro
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Catania
    Messaggi
    1,999
    Taggato in
    304 Post(s)

    Re: Correlazione magnitudine-distanza

    Ciao a tutti,

    provo a chiarire un pò le cose.

    La magnitudine apparente e quella assoluta sono legate direttamente alla distanza dell'astro in termini di modulo di distanza, secondo questa equazione
    d8c5624e9a98d70dad4a5b221dc7ca66.png
    in cui m è la magnitudine apparente (semplice da misurare), M quella assoluta (spesso non nota) e d la distanza in parsec.

    Più un oggetto è lontano più la sua magnitudine apparente aumenta (cioè il flusso che osserviamo, a cui essa è direttamente collegata, diminuisce ed esattamente con l'inverso del quadrato della distanza, d^(-2) ) e questo vale sempre, per qualsiasi oggetto la cui luce arrivi a noi.

    Veniamo adesso ad alcune considerazioni pratiche. Se hai una lista di valori di magnitudine apparente m al variare del tempo per uno stesso oggetto, come ad esempio nel caso delle effemeridi, non puoi mai calcolare la distanza assoluta dell'oggetto ma solo le variazioni relative di distanza tra un istante di tempo ed un altro successivo a tuo piacere, cioè puoi calcolare quanto l'oggetto si sia spostato (avvicinato o allontanato rispetto a te) rispetto a prima. Per il calcolo ti basta combinare la formula di prima con un'altra uguale, in cui semplicemente M rimane uguale e m è diversa nei due casi (insieme alla distanza d).

    L'esempio della lampadina è corretto, ma vale solo nel caso di oggetti differenti fra loro. Se l'oggetto è lo stesso, vale sempre la regola di cui sopra, che siano pianeti, galassie, stelle. Quindi occhio, la magnitudine è sempre legata alla distanza dell'oggetto, ma non solo ovviamente alla distanza, anche alla luminosità intrinseca, legata a M (vedi sempre formula in alto).

    Le distanze assolute dei pianeti vengono tipicamente misurate con paralassi annuali, metodo molto preciso dal momento che nell'arco di un anno possiamo osservare considerevoli variazioni nella posizione dei pianeti sulla volta celeste poichè sono tutti relativamente vicini a noi.

    Spero di aver chiarito un pò le idee.

    Ciao,
    Enrico

  8. #8
    Sole L'avatar di Cagnaccio
    Data Registrazione
    May 2014
    Località
    Uta (CA)
    Messaggi
    840
    Taggato in
    66 Post(s)

    Re: Correlazione magnitudine-distanza

    Grazie mille delle esaustive spiegazioni, in effetti mi sono chiarito le idee mesi fa.
    Sono lieto che il thread prosegua data la sua natura interessante.

    Pensiamo a due stelle, una lontana 500 a.l. e l' altra 5000 a.l., sono 10 volte tanto, ma possono avere magnitudine simile.
    Magari una è un sole come il nostro ela più lontana invece è un' ipergigante blu che sta per esplodere.
    Osservo con: MC 127/1500 su EQ AVX GoTo
    Riprendo con: Canon EOS 350D, Philips Vesta CCD

  9. #9
    Staff • Autore L'avatar di Enrico Corsaro
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Catania
    Messaggi
    1,999
    Taggato in
    304 Post(s)

    Re: Correlazione magnitudine-distanza

    Citazione Originariamente Scritto da Cagnaccio Visualizza Messaggio
    Grazie mille delle esaustive spiegazioni, in effetti mi sono chiarito le idee mesi fa.
    Sono lieto che il thread prosegua data la sua natura interessante.
    Mi fa piacere che hai trovato il mio post utile!


    Citazione Originariamente Scritto da Cagnaccio Visualizza Messaggio
    Pensiamo a due stelle, una lontana 500 a.l. e l' altra 5000 a.l., sono 10 volte tanto, ma possono avere magnitudine simile.
    Magari una è un sole come il nostro ela più lontana invece è un' ipergigante blu che sta per esplodere.
    Certamente, può benissimo accadere .

  10. #10
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    22,750
    Taggato in
    1860 Post(s)

    Re: Correlazione magnitudine-distanza

    questo paragone quando lo uso nelle serate pubbliche, lascia sempre di stucco il pubblico presente.... spessissimo le persone non si pongo neanche il banale quesito del perché una stella possa avere un colore piuttosto che un'altro.....

Discussioni Simili

  1. Il lato oscuro della distanza
    Di Red Hanuman nel forum Astrofisica
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 15-04-2014, 23:05
  2. C'è Magnitudine e Magnitudine!
    Di etruscastro nel forum Profondo Cielo
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 31-07-2013, 18:30
  3. ci può essere una correlazione tra massima attività solare e clima?
    Di Giovanna de Fazio nel forum Sistema Solare
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 25-08-2012, 19:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •