Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 34

Visualizzazione Ibrida

  1. #1
    SuperGigante L'avatar di Vincenzo Zappalà
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    San Damiano d'Asti
    Messaggi
    2,762
    Taggato in
    1 Post(s)

    Eccezionale risultato sul "campo" di Mercurio: Einstein batte Newton 43 a 0.

    Chi pensa che le orbite dei pianeti sono fisse e immutabili nel tempo si sbaglia di grosso. In tempi abbastanza lunghi cambiano molti parametri, quali l'eccentricità e l'inclinazione orbitale. Uno degli effetti più macroscopici, però, è quello dovuto alla precessione del perielio. Proprio questo fenomeno ha messo in mostra come la teoria della relatività sia decisamente più accurata di quella di ...
    leggi tutto...

  2. #2
    Sole L'avatar di Gaetano M.
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Venaria
    Messaggi
    892
    Taggato in
    99 Post(s)

    Re: Eccezionale risultato sul "campo" di Mercurio: Einstein batte Newton 43 a 0.

    Caro Enzo,
    altre prove sono state trovate, questa, però, rimane sempre la prova regina della grandezza di Einstein e, contemporaneamente, l'inizio della "irrazzionalità" della fisica. Mi piacerebbe vederli questi calcoli (come si guarda un quadro) perchè sicuramente ci capirei poco o niente

  3. #3
    Bannato L'avatar di Freddy
    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    21
    Taggato in
    2 Post(s)

    Re: Eccezionale risultato sul "campo" di Mercurio: Einstein batte Newton 43 a 0.

    Citazione Originariamente Scritto da Gaetano M. Visualizza Messaggio
    Caro Enzo,
    altre prove sono state trovate, questa, però, rimane sempre la prova regina della grandezza di Einstein e, contemporaneamente, l'inizio della "irrazzionalità" della fisica. Mi piacerebbe vederli questi calcoli (come si guarda un quadro) perchè sicuramente ci capirei poco o niente
    Ci capiresti poco o niente perché è la teoria di Einstein che è basata su calcoli estremamente complicati.

    C'è un altro modo più semplice e più efficace di calcolare la precessione del perielio di pianeti, come ha dimostrato recentemente un ricercatore autonomo la cui formula è questa:

    Ta.pdf

    Come vedi la formula è estremamente semplice, e si sa che, per il rasoio di Occam, tra due teorie si presume corretta quella che ottiene i medesimi risultati nel modo più semplice.

    Tra l'altro la nuova teoria non solo è più semplice, ma è anche più efficace, perché quella di Einstein fallisce clamorosamente con Marte, prevedendo appena il 15% della precessione osservata, mentre l'altra arriva a prevederne il 60%.

    Il dato osservato per Marte, infatti, è di 8 arcosecondi per secolo mentre quella prevista da Einstein è di 1,35, ma tale discrepanza tra dato osservato e dato previsto dalla relatività è sapientemente eclissata da qualsiasi articolo scientifico sull'argomento..... Tuttavia di essa puoi trovare notizia in questo articolo pubblicato nell'archivio NASA (seconda pagina): http://adsabs.harvard.edu/full/1968MmSAI..39..317P
    Ultima modifica di Freddy; 12-02-2018 alle 16:05

  4. #4
    Meteora L'avatar di lennyus
    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    11
    Taggato in
    1 Post(s)

    Re: Eccezionale risultato sul "campo" di Mercurio: Einstein batte Newton 43 a 0.

    Non sapevo che qualcuno avesse postato qui la mia formula della precessione del perielio.

    Se può interessare, posso solo dire che tramite essa sono riuscito a spiegare il motivo per cui la luce deflette in prossimità dei corpi massivi nella misura del doppio rispetto a quanto previsto dalla teoria di Newton e, sempre mediante la predetta formula, sono riuscito a calcolare con precisione il raggio del buco nero centrale della via Lattea (Sagittarius A). Un estratto della mia teoria e dei risultati a cui essa perviene è pubblicato qui: https://it.quora.com/Perché-le-orbit.../Roberto-Lenny

  5. #5
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di etruscastro
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Tarquinia (VT)
    Messaggi
    22,296
    Taggato in
    1816 Post(s)

    Re: Eccezionale risultato sul "campo" di Mercurio: Einstein batte Newton 43 a 0.

    @lennyus nonostante hai un'iscrizione abbastanza datata è gradita una tua presentazione qua: https://www.astronomia.com/forum/for...29-Mi-presento

  6. #6
    Meteora L'avatar di lennyus
    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    11
    Taggato in
    1 Post(s)

    Re: Eccezionale risultato sul "campo" di Mercurio: Einstein batte Newton 43 a 0.

    Ok fatto!

  7. #7
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,486
    Taggato in
    452 Post(s)

    Re: Eccezionale risultato sul "campo" di Mercurio: Einstein batte Newton 43 a 0.

    Citazione Originariamente Scritto da lennyus Visualizza Messaggio
    Non sapevo che qualcuno avesse postato qui la mia formula della precessione del perielio.

    Se può interessare, posso solo dire che tramite essa sono riuscito a spiegare il motivo per cui la luce deflette in prossimità dei corpi massivi nella misura del doppio rispetto a quanto previsto dalla teoria di Newton e, sempre mediante la predetta formula, sono riuscito a calcolare con precisione il raggio del buco nero centrale della via Lattea (Sagittarius A). Un estratto della mia teoria e dei risultati a cui essa perviene è pubblicato qui: https://it.quora.com/Perché-le-orbit.../Roberto-Lenny
    Interessante l'articolo ma... Temo completamente superfluo. Non serve ipotizzare l'esistenza di una gravità attrattiva - repulsiva, per spiegare la forma delle orbite.
    Basta Einstein e la metrica dello spazio - tempo sviluppata a partire da Gauss e Riemann ed ulteriormente migliorata nella geometria differenziale di Bianchi - Ricci Curbastro - Levi Civita.
    Se la massa curva lo spazio - tempo, la stessa curvatura spiega il tutto. Semplificando, abbiamo sempre detto qui che la massa crea nello spazio - tempo una specie di imbuto, o per meglio dire un cono con vertice nel centro di massa dell'oggetto che genera la curvatura.
    Cerchi, coni, ellissi, parabole e iperboli sono appunto chiamate coniche, ovvero figure che si generano dall'intersezione di un cono con un piano. Meglio:

    In geometria analitica e in geometria proiettiva, con conica, si intende genericamente una curva piana che sia luogo dei punti ottenibili intersecando la superficie di un cono circolare con un piano.
    Se consideriamo le masse in gioco come concentrate in un punto (nel centro di massa), è quindi più che evidente che le orbite si generano dall'intersezione del cono spazio - temporale generato dalla massa in questione con l'intersezione del piano in cui la massa in orbita si muove. Le uniche variabili ulteriormente in gioco sono la velocità relativa dell'oggetto e la sua rotta.
    Non serve altro.

    Per il resto, forse la tua teoria spiega la precessione, ma considerato come spieghi le orbite nell'articolo sopra citato, temo che ci dovremo accontentare di Einstein.
    A meno che la tua teoria non spieghi fenomeni che Einstein non riesce a spiegare, o predica fenomeni verificabili e fin'ora sfuggiti agli scienziati.

    Visto come stanno le cose, la vedo molto dura...

  8. #8
    Meteora L'avatar di lennyus
    Data Registrazione
    Jul 2016
    Messaggi
    11
    Taggato in
    1 Post(s)

    Re: Eccezionale risultato sul "campo" di Mercurio: Einstein batte Newton 43 a 0.

    Innanzitutto ti ringrazio per aver qualificato "articolo" quello a cui rinvia il link da me postato: magari quora arrivasse ad avere tanto rilievo (vi può scrivere chiunque...), quindi quel sito dal punto di vista dell'affidabilità scientifica non vale nulla.

    Conosco il problema delle coniche, e che l'ellisse è una delle possibili orbite che può avere un corpo soggetto a forza gravitazionale lanciato ad una certa distanza dall'attrattore, con una determinata velocità e direzione, ma credo che quella dimostrazione sia un po' troppo matematica, ma è solo una mia opinione.

    Io posso dirti che mi era sembrato abbastanza singolare che tramite una sola formula (quella della precessione del perielio da me trovata), fosse possibile spiegare tre fenomeni, tra l'altro considerando anche l'estrema semplicità della formula e dei calcoli che essa impone:

    1) precessione del perielio;

    2) deflessione della luce in prossimità dei corpi massivi;

    3) raggio del buco nero.

    Tu dici che la mia teoria non è in grado di prevedere più fenomeni rispetto a quelli previsti da Einstein.

    Forse il raggio del buco nero?

    Mi pare che con la formula di Shwarzshild si ottenga un raggio pari giusto alla metà del raggio osservato di Sagittarius A.
    Ultima modifica di lennyus; 05-05-2018 alle 18:15

  9. #9
    Nana Rossa L'avatar di givi
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    Besana in Brianza
    Messaggi
    395
    Taggato in
    25 Post(s)

    Re: Eccezionale risultato sul "campo" di Mercurio: Einstein batte Newton 43 a 0.

    Direi poco più di 23000 anni

  10. #10
    Pianeta L'avatar di * Marco *
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Località
    Milano
    Messaggi
    45
    Taggato in
    0 Post(s)

    Re: Eccezionale risultato sul "campo" di Mercurio: Einstein batte Newton 43 a 0.

    Caro Enzo,
    che dire.Il buon vecchio Einstein, non smettera' mai di sorprenderci.Quel giorno che confuteranno le sue teorie,mi sa che il mondo scientifico astronomico dovra' iniziare da capo!!.
    Solo una cortesia.
    Dove posso trovare nel sito le spiegazioni sulle precessioni.Ho provato a cercarle ma non le ho trovate.
    La precessione anomalistica terrestre,determina lo spostamento della linea degli apsidi lungo il piano dell'eclittica che si completa in 117.000 anni.
    L'anno anomalistico della Terra (ovvero il tempo effettivamente impiegato per ritornare al medesimo apside dell'ellisse) risulta superiore per circa 4 minuti e 43 secondi a quello siderale (il tempo impiegato dalla Terra per tornare nella stessa direzione rispetto alle stelle della sfera celeste.
    L'anno tropico della Terra pero', è inferiore a quello siderale ed i due effetti si sommano nel definire la periodicità di circa 21.000 anni dello spostamento dei punti di equinozio e solstizio rispetto agli apsidi.
    Fino a qui mi e' chiaro.
    Non mi e' chiaro invece perche' se la precessione e' ciclica e quindi compie una rotazione completa in x anni, andando a vedere una tabella che riporta data e ora del momento in cui la Terra attraversa gli apsidi della sua orbita nel periodo compreso tra il 2007 e il 2020, mi trovo che :
    2012 5 gennaio 01:00 5 luglio 04:00
    2013 2 gennaio 05:00 5 luglio 15:00
    2014 4 gennaio 12:00 4 luglio 00:00
    2015 4 gennaio 07:00 6 luglio 20:00
    2016 2 gennaio 23:00 4 luglio 16:00

    Non dovrebbe essere che essendo ciclico, le date salgono fino a raggiungere l'apside superiore, per poi ridiscendere??... e non un anno il 5, l'anno dopo il 2 e l'anno dopo ancora il 4???....cosa mi sono perso??....non dirmi che non ho capito un'acca

Discussioni Simili

  1. Campo reale e Campo apparente
    Di etruscastro nel forum Telescopi e Montature
    Risposte: 50
    Ultimo Messaggio: 26-11-2018, 10:15
  2. Campo gravitazionale
    Di Raf12 nel forum Astrofisica
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 18-01-2013, 14:08
  3. Einstein continua ad avere ragione?
    Di Vincenzo Zappalà nel forum Articoli
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07-07-2012, 16:44
  4. Risposte: 72
    Ultimo Messaggio: 29-06-2012, 14:34
  5. mercurio passa sul sole
    Di achille nel forum Il cielo ad occhio nudo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 27-05-2012, 12:05

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •