Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 26
  1. #1
    Meteora L'avatar di Fra991
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    7
    Taggato in
    3 Post(s)

    Quale facoltà scegliere dopo il liceo scientifico?

    Ciao a tutti, mi sono registrato perchè questo mi sembra un ottimo forum
    Fra poco devo scegliere quale facoltà vorrò intraprendere , tuttavia ho qualche dubbio ...
    sono indeciso su quale facoltà scegliere e vorrei sapere qualche opinione da persone che ci sono già passate.
    Sono appassionato di fisica , più nello specifico di astrofisica. Vorrei scegliere una facoltà inerente, ma purtroppo devo fare i conti anche dal lato economico. Una soluzione abbastanza valida che sono riuscito a trovare è ingegneria fisica al politecnico di Milano e Torino.
    Secondo voi è un buon compromesso? avete altre facoltà da consigliarmi?
    Ps: (il mio grande sogno è riuscire ad entrare nell' ESA )

  2. #2
    Meteora L'avatar di mustang
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Località
    Roma
    Messaggi
    20
    Taggato in
    1 Post(s)

    Re: Salve a tutti, mi potete aiutare?

    Benvenuto!
    Io credo che siano ottime facoltà sopratutto quella di Torino che quest'anno è la prima in italia di ingegneria, ma questo sicuramente lo sapevi già. Io studio ingegneria meccanica a Roma. Finita la triennale in Italia ti consiglio anzi DEVI farti una specializzazione all'estero. in bocca la LUPO

  3. #3
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,637
    Taggato in
    473 Post(s)

    Re: Salve a tutti, mi potete aiutare?

    Benvenuto!
    In effetti, i più adatti a risponderti sono @Lampo e @Enrico C..
    Lampo fino a qualche tempo fa lavorava a Torino, presso Thales Alenia Space. Lui è laureato in ingegneria nucleare, e si occupava in particolare dello stivaggio del materiale nel modulo Columbus.
    Enrico, invece, è astrofisico di professione.
    Io ho fatto un paio d'anni di fisica, uno a Pavia ed uno a Milano, ma non ho concluso la missione.
    Personalmente, mi sono trovato molto bene a Pavia, i collegi non erano male ed alcuni sufficientemente economici. Ma ne è passata di acqua sotto i ponti, e adesso non ti so dire com'è.

    Che diploma stai prendendo?

    Potresti chiedere anche ad Enzo (Vincenzo Zappalà), sul suo blog QUI. Lui sì che ti potrebbe consigliare, visto che era professore ordinario di Astrofisica a Torino, oltre che presidente della Commissione 15 dell’Unione Astronomica Internazionale...

  4. #4
    Meteora L'avatar di Fra991
    Data Registrazione
    Feb 2015
    Messaggi
    7
    Taggato in
    3 Post(s)

    Re: Salve a tutti, mi potete aiutare?

    Capisco , come mai hai abbandonato ?hai conseguito un altra laurea o ti sei fermato proprio ?
    Sto per finire il liceo scientifico ordinario , é dura ma speriamo di farcela

  5. #5
    Staff • Autore L'avatar di Enrico Corsaro
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Catania
    Messaggi
    1,999
    Taggato in
    305 Post(s)

    Re: Salve a tutti, mi potete aiutare?

    Ciao Fra e benvenuto! @Red Hanuman ti ha già dato un quadro della situazione (grazie per il tag a proposito!).

    Per rispondere alla tua domanda in modo più opportuno sarebbe utile ci dessi qualche informazione in più.
    Per esempio, di dove sei?
    Come già ti ha chiesto Red, che istituto frequenti?

    Non conosco il programma di ingegneria fisica, però devi tenere in considerazione una cosa: un conto è fare il fisico, un altro è fare l'ingegnere. Sono due rami molto differenti. Per quanto posso dirti, il ramo ingegneristico implica maggiormente fattori di gestione, organizzazione e a diretto impatto di produzione e industria (almeno nella maggior parte dei casi).
    Nel caso fisico invece, si parla di ricerca fondamentale, o di base, cioè sviluppo, analisi, interpretazione di dati, di teoria fisica, e mission concept. Inutile dire che gli sbocchi lavorativi sono più rosei nel campo ingegneristico, per motivi principalmente legati all'applicabilità e al diretto impatto nel sistema industriale (e lo dico onestamente perchè mi rendo conto che nel tipo di carriera a cui si va incontro con la ricerca il percorso è lungo e difficile, ma si sa...se si vuole raggiungere un bell'obiettivo nella vita, bisogna fare sacrifici). Devi prima di tutto capire cosa realmente desideri fare, se una o l'altra cosa, e quali sono i tuoi obiettivi sulla base di queste linee guida.

    Se comunque ti piace realmente la fisica e l'astrofisica in particolare, a livello di comprensione dei fenomeni, di osservazione, di studio dei dati e della teoria, la scelta più opportuna sarebbe quella di un corso di laurea triennale in Fisica, ed una specializzazione in Astrofisica. Questo ti da, a mio avviso, la migliore formazione, più completa (sia da un punto di vista teorico che sperimentale) e secondo me al giorno d'oggi è davvero essenziale, soprattutto a livello di conoscenza e uso di software predisposti alla ricerca scientifica svolta in ambito astrofisico.

    Riguardo alla specializzazione all'estero, non sono d'accordo su quanto detto prima da mustang. Semplicemente perchè ritengo che la formazione italiana sia molto buona e lo posso dire sulla base della mia esperienza e di quella di tanti altri giovani che conosco (e i giovani italiani laureati in italia e che lavorano all'estero sono davvero tantissimi e si fanno valere nel loro lavoro). Ci sono certamente facoltà migliori ed altre meno, ma in linea di massima puoi avere tutto ciò che ti serve, sta ovviamente anche a te studiare bene!
    Il problema vero e proprio nasce dopo la laurea, dove purtroppo non c'è molta, se non davvero pochissima, possibilità di proseguire la carriera. Il discorso è comunque molto articolato e se ne può anche parlare in un secondo momento, se vorrai più delucidazioni.

    In ogni caso, tieni presente quanto ti dico a seguire:
    1) Se scegli fisica, e una volta prossimo alla laurea dedici di proseguire nel settore della ricerca, dovrai necessariamente conseguire un dottorato di ricerca (3 o 4 anni dopo la laurea specialistica), per poter pensare di avere un minimo di possibilità per entrare nel campo della ricerca. Inoltre, al 100% avrai necessità di andare a lavorare all'estero, che sia per il dottorato stesso o dopo il dottorato, e questo è uno scenario che devi considerare necessariamente al giorno d'oggi (e attenzione, non è affatto una cosa negativa, anzi, più hai una formazione articolata ed un curriculum ricco di esperienze, in diversi centri Universitari, in diverse parti del mondo, e meglio è!)
    2) Qualsiasi dei due corsi di laurea tu decida di seguire, puoi tranquillamente studiare in Italia, almeno fino alla fine della specialistica, e non hai bisogno di andare all'estero (e questo dal mio punto di vista ha i suoi vantaggi, principalmente in termini economici).
    3) Se scegli ingegneria, tieni presente che c'è la possibilità di trovare lavoro già con la sola stessa laurea (senza il dottorato dunque) e conosco diverse persone che lo hanno fatto, anche in Italia stessa. La necessità di trovare un lavoro il prima possibile è un fattore fondamentale per la maggior parte delle persone e non tutti hanno la possibilità di rimanere girovaghi con contratti a tempo determinato di 2-3 anni dopo essersi preso un dottorato di ricerca (e purtroppo è questa la prassi)...quindi riflettici bene. C'è anche da dire che conosco molta gente, soprattutto ex colleghi miei del corso di laurea in Fisica, che hanno sfruttato bene la stessa laurea in Fisica andando a trovare i lavori più disparati (e anche ben retribuiti, ma non più nel campo della ricerca) in settori quali ad esempio matematica finanziaria, sviluppo e programmazione software, analisi quantitativa, ingegneria del software, insegnante di fisica e matematica in scuola superiore, biomedica, ecc.

    Insomma per intenderci, una laurea in fisica la puoi sfruttare veramente in tantissimi modi, anche se è ovviamente un peccato prendersi una laurea in fisica e poi decidere di non sfruttarla per il motivo per cui nasce, cioè fare ricerca.

    Fammi sapere se hai altre domande e spero di esserti stato d'aiuto .

  6. #6
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,637
    Taggato in
    473 Post(s)

    Re: Salve a tutti, mi potete aiutare?

    Citazione Originariamente Scritto da Fra991 Visualizza Messaggio
    Capisco , come mai hai abbandonato ?hai conseguito un altra laurea o ti sei fermato proprio ?
    Sto per finire il liceo scientifico ordinario , é dura ma speriamo di farcela
    Eh, purtroppo ho dovuto fermarmi per una serie di motivi, non ultimi grossi problemi famigliari.
    Ho dovuto cercarmi un lavoro, insomma.....

    Enrico ti ha dato buoni input: considera bene se la tua famiglia può permettersi uno sforzo finanziario a lungo termine di questo genere, e considera anche gli sbocchi lavorativi.
    Se sei veramente in gamba e motivato, buttatici a capofitto, perchè è l'unico modo di trovare un lavoro con uno stipendio consono a quello che fai (devi essere il migliore per ottenere qualcosa).
    Altrimenti, dovrai ripiegare sull'insegnamento, e in Italia non è proprio il massimo (il che la dice lunga sullo stato e sul livello culturale del paese.... ), oppure andare all'estero.

    Per capirci: sono gli stessi consigli che sto dando a mia figlia....

  7. #7
    Nana Bruna L'avatar di Antonio86
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    133
    Taggato in
    1 Post(s)

    Re: Salve a tutti, mi potete aiutare?

    Ciao ^^

  8. #8
    Nana Rossa L'avatar di bertupg
    Data Registrazione
    May 2012
    Località
    San Giorio di Susa (TO)
    Messaggi
    473
    Taggato in
    69 Post(s)

    Re: Salve a tutti, mi potete aiutare?

    Se può esserti utile, la mia esperienza (risalente ormai a più di 10 anni fa) non è molto dissimile da quella di Red Hanuman: ho frequentato per 3 anni la facoltà di fisica di Torino, ma senza portare a casa nulla di concreto. Tuttavia mi ha aiutato a trovare l'occasione di inserirmi nel mondo del lavoro, e adesso sono sviluppatore software. Quindi, a conti fatti, sono contento di ciò che ho fatto, e se dovessi tornare indietro non credo che farei scelte diverse.
    Inoltre, sono anche pienamente d'accordo con la valutazione di Red: devi essere il migliore per ottenere qualcosa.
    Per quanto mi riguarda (soprattutto per quello che è stata la mia esperienza), questo vuol dire che il compito dell'istituzione universitaria (probabilmente al giorno d'oggi ancora più che allora) è solo quello di certificare le tue competenze (e accidentalmente quello di riunire persone con lo stesso interesse cosicché ci possa essere un minimo di stimolo reciproco) ma non ti aspettare che ti trovi la strada spianata.
    Quello che voglio dire è che non è sufficiente, come forse lo può essere fino al liceo, fare il bravo studente, seguire la lezioncina, e studiarti i tuoi libri di testo. Devi metterci tantissimo di tuo, molto più di quanto non ti dia il tuo corso di studi. Fin dall'inizio devi partire non in quarta, ma in sesta, e praticamente già sapere le cose di tuo, sfruttando i prof non per apprendere cose nuove e meravigliose (per quanto lo siano), ma per approfondire e risolvere dubbi su cose che devi già aver "interiorizzato" ben prima che ti vengano spiegate a lezione (e questo richiede del tempo). Almeno, io (se avessi avuto qualcuno che me lo avesse fatto capire prima) avrei fatto così perché, per quanto fossero interessanti e affascinanti tutti quei "segreti rivelati" di matematica e fisica, essendo praticamente tutto nuovo, il mio cervellino limitato non ha avuto tempo di "metabolizzare" le nuove nozioni alla velocità dettata dagli stringenti tempi delle sessioni di esame. Certo, poi puoi anche avere la fortuna di esserci portato, ma devi essere praticamente un genio, e non è sufficiente che al liceo matematica e fisica fossero le materie preferite (come ad esempio era nel mio caso) e nemmeno essere il più bravo della classe nelle stesse.

    Comunque, visto che il tuo sogno è esplicitamente quello di andare all'ESA, credo sia ci sia un maggior numero di opzioni come ingegnere aerospaziale che come ricercatore di (astro)fisica, benché non escludo che anche la seconda via sia percorribile.

  9. #9
    Sole L'avatar di Lampo
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Varese
    Messaggi
    869
    Taggato in
    4 Post(s)

    Re: Salve a tutti, mi potete aiutare?

    Ciao Fra,

    vedo che ti hanno già risposto esaurientemente gli altri amici.

    Per quanto riguarda la mia esperienza personale ti dico che mi sono laureato nel 2004 in ingegneria nucleare sapendo che in Italia avrei avuto pochi sbocchi nel settore...però ricordati che un ingegnere è versatile, quindi indipendentemente dall'indirizzo specifico alla fin fine se sei in gamba, con un background da ingegnere un impiego da qualche parte lo trovi. Il problema qui in Italia in generale è lo stipendio...

    Io dopo essermi laureato ho fatto un master in Esplorazione Spaziale e ho poi trovato lavoro in Thales Alenia Space a Torino, lavoravo a stretto contatto con gente di ESA e NASA tutti i giorni e nonostante il contesto mi piacesse moltissimo dopo 5 anni mi sono licenziato e ho preso in mano la ditta di mio padre che di ingegneristico/spaziale ha ben poco... (facciamo borse da donna)

    Ho molti amici che lavorano in ESA, ci sono andato parecchie volte per conferenze varie ed è sicuramente un bel lavorare...personalmente non ho mai provato ad entrarci perchè non avevo voglia di piantare le radici in Olanda...alla fine se vuoi lavorare in ESA punti all'ESTEC che è lo stabilimento principale (sei sul mare del nord, sepre vento, freddo e cielo sempre grigio). Se questo non fosse un problema per te mi spiace dirti (non voglio abbatterti, c'è ancora molto tempo prima che tu ti laurei) che comunque non è affatto facile entrarvici, tutti i miei colleghi sono riusciti dopo anni di esperienza in Alenia, attraverso conoscenze, contatti ecc...

    Comuque sia, come detto da qualcun'altro prima di me, anch'io tornassi indietro rifarei tutto ciò che ho fatto. Tutto ciò che ho imparato nei 5 anni di nucleare e nel master in aerospaziale sono un bagaglio culturale che mi hanno cambiato la vita e che se anche non mi sono di un gran aiuto per il mio attuale lavoro non baratterei mai con niente altro al mondo.

    Se hai altre domande chiedi pure.

    Lampo

  10. #10
    Staff • Autore L'avatar di Enrico Corsaro
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Catania
    Messaggi
    1,999
    Taggato in
    305 Post(s)

    Re: Salve a tutti, mi potete aiutare?

    @Red Hanuman, perchè non spostare la discussione in un thread apposito? Potrebbe essere interessante anche per altri ragazzi averla di riferimento.

Discussioni Simili

  1. Primo telescopio... quale scegliere?
    Di Andrea 1823 nel forum Primo strumento
    Risposte: 98
    Ultimo Messaggio: 28-12-2014, 18:11
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-02-2014, 12:20
  3. ASI120mc - NexImage5 - QHY5L-II Quale scegliere?
    Di ezio49 nel forum Strumenti di ripresa
    Risposte: 76
    Ultimo Messaggio: 03-05-2013, 17:18
  4. Quale e come scegliere
    Di Renato nel forum Primo strumento
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 22-12-2012, 23:56

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •