Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Staff • Moderatore Globale L'avatar di Red Hanuman
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Località
    Varese provincia
    Messaggi
    5,949
    Taggato in
    502 Post(s)


    E se la materia oscura si consumasse?

    E se la materia oscura si consumasse?
    È difficile immaginarselo visto che di essa nulla si conosce, ma la materia oscura starebbe consumandosi a favore dell'energia oscura. È quanto afferma uno studio condotto da un gruppo di ricercatori delle Università di Roma “La Sapienza” e Portsmouth, pubblicato su Physical Review Letters
    di Corrado Ruscica


    orangepie.jpg
    La mappa dell’Universo ottenuta dalla survey SDSS. Ogni puntino rappresenta una galassia. Credit: SDSS


    È difficile immaginarselo visto che di essa nulla si conosce, ma la materia oscura starebbe consumandosi a favore dell’energia oscura.


    È quanto afferma uno studio condotto da un gruppo di ricercatori delle Università di Roma “La Sapienza” e Portsmouth, pubblicato su Physical Review Letters, che tenta di far luce sulla natura della materia oscura ipotizzando che essa si stia lentamente consumando a favore dell’energia oscura, determinando perciò una diminuzione del ritmo a cui si stanno formando le strutture cosmiche.


    La grande quantità, ma soprattutto la qualità dei dati che sono oggi disponibili permette agli astronomi di ricavare molte più informazioni rispetto a qualche anno fa. «La cosmologia ha oggi a disposizione una grande mole di nuovi dati che derivano dalle recenti osservazioni della radiazione cosmica di fondo (Planck) e dalla mappatura tridimensionale della distribuzione delle galassie ottenuta da diverse survey (2dFGRS, 6dFGRS, SDSS, WiggleZ, VIPERS)», spiegano a Media INAF Valentina Salvatelli e Najla Said, le due studentesse di dottorato del Dipartimento di Fisica dell’Università di Roma “La Sapienza” e INFN, che, insieme al loro relatore Alessandro Melchiorri, hanno lavorato per diversi mesi all’analisi dei dati collaborando con Marco Bruni e David Wands dell’Università di Portsmouth.


    I risultati ottenuti dai ricercatori favoriscono una descrizione migliore dell’energia scura se si assume che esista una sorta di trasformazione tra materia scura ed energia scura.


    «Abbiamo messo insieme le informazioni provenienti dalle diverse survey per verificare alcuni modelli che descrivono l’energia oscura, ipotizzando l’esistenza di un meccanismo che trasformi la materia oscura in energia oscura», continuano Salvatelli e Said. «Inoltre, i nostri dati indicano che questo tipo di interazione sia iniziata almeno 7 miliardi di anni fa. Riteniamo, perciò, che il nostro modello sia più consistente con i dati osservativi rispetto al modello cosmologico standard, dove materia oscura ed energia oscura evolvono indipendentemente l’una dall’altra, perché permette di riconciliare meglio le osservazioni dell’Universo vicino e lontano».


    Il modello cosmologico standard, secondo le autrici, non sarebbe più sufficiente a spiegare come funziona il cosmo. Per Stefano Ettori, dell’INAF – Osservatorio Astronomico di Bologna, esperto di formazione ed evoluzione di strutture cosmiche «gli autori dello studio mettono dei limiti sul parametro che nel loro modello accoppia la materia oscura con l’energia oscura. In caso di non accoppiamento ricadiamo nel modello cosmologico standard, con la costante cosmologica Lambda. Quel che trovano i ricercatori è che, a livello statistico, il parametro che descrive l’accoppiamento diventa significativamente diverso da zero se l’interazione tra materia oscura ed energia oscura comincia ad aver luogo negli ultimi 7 miliardi di anni. Quindi, il modello proposto, pur richiedendo un altro parametro (cioè quello dell’accoppiamento), riesce comunque a conciliare bene alcune tensioni attualmente presenti nella stima dei parametri che descrivono il nostro Universo».


    «Si tratta di un risultato molto interessante – aggiunge Marco Baldi, ricercatore post-doc presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Bologna ed esperto di energia oscura – che merita certamente grande attenzione, in quanto è uno dei primi casi in cui i dati osservativi a nostra disposizione, e la loro analisi statistica, sembrano favorire in maniera netta un modello cosmologico diverso da quello standard. Ma allo stesso tempo», conclude Baldi, «questo risultato sembra aprire più interrogativi di quanti ne chiuda, in quanto il tipo di interazione tra materia oscura ed energia oscura ipotizzato è sostanzialmente diverso dai principali modelli di interazione che sono stati studiati negli ultimi anni e quindi sarà interessante capire se sia realistico da un punto di vista teorico e quali altre caratteristiche osservabili potrà eventualmente fornire».


    Insomma, se l’energia oscura sta diventando sempre più dominante e la materia oscura si sta lentamente dissolvendo, le prospettive dell’evoluzione cosmica futura non sembrano alquanto rosee: lo spazio sarà sempre più vuoto e l’Universo diventerà un luogo abbastanza noioso. Comunque sia, questo lavoro presenta buone prospettive verso la comprensione del più grande enigma della cosmologia moderna, l’energia oscura, che su scala cosmica, non dimentichiamoci, è strettamente legato al destino dell’Universo.


    Leggi l’articolo su Physical Review Letters: Indications of a Late-Time Interaction in the Dark Sector o arxiv: Indications of a late-time interaction in the dark sector

    Articolo originale QUI.

  2. #2
    Nana Rossa L'avatar di SANDRO
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Località
    TARQUINIA
    Messaggi
    396
    Taggato in
    30 Post(s)

    Re: E se la materia oscura si consumasse?

    A me sembra un modo "poco elegante" di svignarsela....
    Dobson Skywatcher 10" truss goto. LXD 55 SN 8' trattamento UHTC. Sito: www.astrofili-tau.org

  3. #3
    Staff • Autore L'avatar di Enrico Corsaro
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Catania
    Messaggi
    2,004
    Taggato in
    310 Post(s)

    Re: E se la materia oscura si consumasse?

    Detto francamente, è interessante vedere come sia stato proposto un modello cosmologico che generalizza il LambdaCDM, che loro chiamano iVCDM (interactive Vacuum Cold Dark Matter). Il problema è che, come lo è per il LambdaCDM, nè materia oscura nè energia oscura sono state fin'ora misurate direttamente...quindi tutto rimane una grande ipotesi, su cui ritengo in molti continuano a dare fin troppo peso. Ci sono molti altri modelli cosmologici in analisi che neanche richiedono l'uso di materia oscura ed energia oscura a titolo di esempio e che riproducono i dati in modo egregio.

    L'autore dell'articolo media INAF non ne parla ma, leggendo l'articolo ho visto che Baldi ha effettuato un confronto statistico dei modelli con il metodo Bayesiano (di cui io mi occupo anche nel mio lavoro), da cui si determinerebbe subito se il suo modello è effettivamente migliore (e di quanto) rispetto al LambdaCDM nel riprodurre le osservazioni. Da quello che ho visto nell'articolo, purtroppo però il loro modello non è nettamente migliore del LambdaCDM, vale a dire che i due modelli rimangono pur sempre pressocchè equivalenti ed è rischioso affermare che l'iVCDM sia il modello da rimpiazzare al LambdaCDM (che oltretutto ha un parametro libero in meno, il che è un pregio).

    Per quanto il lavoro sia certamente originale e interessante, non è a mio parere la strada giusta da seguire.

  4. #4
    Nana Rossa L'avatar di ciclociano
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Località
    Duino Aurisina-TS
    Messaggi
    459
    Taggato in
    40 Post(s)

    Re: E se la materia oscura si consumasse?

    La questione materia oscura ed energia oscura, ne abbiamo discusso più volte, personalmete la definisco un sicuro approdo di fortuna in un mare ammantato dalla nebbia, nel quale naviga a vista la nave della ricerca. Ma quello che può sembrare un comodo scalo può anche celare una scogliera sommersa sulla quale arenarsi.

    Mi sembra di rivivere in chiave moderna la vicenda dell'etere, quell'indispensabile mezzo nel quale la luce DOVEVA necessariamente propagarsi, e che il famoso esperimento di Michelson e Morley confutò con stile.

    Purtroppo credo anche che oggigiorno due novelli Michelson e Morley avrebbero vita ben più dura a far valere i risultati delle proprie ricerche.
    Luciano. Osservo e provo a fotografare con Skywatcher 200 f4 su IOptron cem60HP. Altre ottiche - Travel Dobson 150-f8

  5. #5
    Staff • Autore L'avatar di Enrico Corsaro
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Località
    Catania
    Messaggi
    2,004
    Taggato in
    310 Post(s)

    Re: E se la materia oscura si consumasse?

    Citazione Originariamente Scritto da ciclociano Visualizza Messaggio
    La questione materia oscura ed energia oscura, ne abbiamo discusso più volte, personalmete la definisco un sicuro approdo di fortuna in un mare ammantato dalla nebbia, nel quale naviga a vista la nave della ricerca. Ma quello che può sembrare un comodo scalo può anche celare una scogliera sommersa sulla quale arenarsi.
    Somo d'accordo con te anche se nella realtà dei fatti le cose non sono così semplici e lineari, per questo anche ci si sbatte la testa così tanto..ci sono molte prove indirette ma dirette ancora ad oggi no. Solo le prossime missioni dedicate (vedi Euclid) penso riusciranno veramente a dare una soluzione a questo problema...e speriamo sia una soluzione ben solida!

Discussioni Simili

  1. Materia oscura? No, tu no
    Di Red Hanuman nel forum Cosmologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 16-05-2014, 08:40
  2. Majorana e la materia oscura
    Di Vincenzo Zappalà nel forum Articoli
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 19-07-2013, 05:04
  3. MOND contro la materia oscura
    Di Vincenzo Zappalà nel forum News
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 19-03-2013, 21:54
  4. Materia oscura si o no?
    Di SharPPP nel forum Astrofisica
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 10-01-2013, 22:11
  5. Povera materia oscura: si sta rischiarando!
    Di Vincenzo Zappalà nel forum News
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 05-07-2012, 18:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •