Un orologio per l’Universo

Per misurare il nostro (limitato) tempo, gli orologi atomici sono più che sufficienti. Per gli oggetti dell’Universo potrebbero essere troppo poco precisi. Finalmente è stato creato un orologio anche per loro.

Il nuovo orologio si basa sulla oscillazione di un neutrone attorno al nucleo atomico. Questa oscillazione arriva a una precisione fantastica: un errore di 1/20 di secondo ogni quattordici miliardi di anni. Insomma, se volessimo potremmo misurare il tempo a partire dal Big Bang con un errore inferiore al secondo.

Rispetto agli “obsoleti” orologi atomici si è fatto un salto in avanti di 100 volte.

Per tornare al metodo utilizzato, i ricercatori che hanno ottenuto la nuova “clessidra” nucleare dicono testualmente: “ Gli orologi atomici usano gli elettroni orbitanti di un atomo come pendolo. Noi abbiamo dimostrato che lavorando con il laser per orientare gli elettroni in una direzione particolare, si può usare un neutrone orbitante del nucleo come pendolo nucleare. Dato che il neutrone è fortemente legato al nucleo, la sua oscillazione è del tutto immune dalle perturbazioni esterne, che invece possono influenzare gli elettroni”.

Non chiedetemi come si è ottenuto questo neutrone. Non ho capito se fa parte di un sistema di “alone” o se è stato eccitato attraverso il laser. Appena trovo notizie più precise ve lo farò sapere (o se qualcuno ne sa qualcosa in più si faccia vivo!).

Per adesso accettiamo questo pendolo nucleare. Ne avevo proprio bisogno…

Nuclear Big Bang Clock

Nuclear Big Bang Clock

I commenti di questo post sono in sola lettura poichè precedenti al restyling del 2012. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

8 Commenti

  1. Perchè anche per il neutrone persiste un “errore”? infine anche questa particella risente – anche se molto meno rispetto agli elettroni – delle perturbazioni esterne?
    E come è stato calcolato l’errore? cioè…rispetto a cosa?

  2. Le scoperte interessanti arrivano sempre in ritardo. Negli anni ’60 del ‘900 un mio amico s’e` messo a fare quello che oggi tutti chiamano “jogging”. Quando ha cominciato a vantarsi degli ottimi risultati, abbiamo deciso di misurarli. La prova si e` svolta nello stadio della scuola del quartiere e quella volta l’abbiamo “cronometrato” con un calendario

  3. Arriveremo alla precisione assoluta? Arriveremo a misurare ciò che c’è ma realmente non sappiamo nemmeno cosa è? Arriveremo a misurare ciò che scorre o almeno così diciamo noi, ciò che misuriamo con una convenzione senza sapere cosa misuriamo?
    Sappiamo che se c’è materia ed energia c’è anche stata e ci sarà e così scorre ciò che chiamiamo tempo.
    Oggi mi sento filosofico ma certe riflessioni a volte vengono spontanee o forse i miei neuroni sono vicini alla fusione?

  4. Caro Enzo, ho letto l’articolo. Molto interessante!!
    Però, l’errore non è di un ventesimo di secondo, ma di un decimo ogni 14 miliardi di anni… Non è poi così preciso! :mrgreen:
    Il neutrone sta nel nucleo di un’atomo di Torio 232, circondato da Torio 229.
    Il Torio 229 viene raffreddato da un laser, ed usato per raffreddare il Torio 232. A sua volta, quest’ultimo viene eccitato da un’altro laser su di un’altra frequenza. Il problema è che questa frequenza non è ancora stata trovata… 😯

  5. a quanto pare, la difficoltà della ricerca delle frequenze adatte è dagli stessi ricercatori interessati valutata alla ricerca di un ago in….un milione di pagliai ! 😐