Venere e Terra così simili e così diverse

Un po’ alla volta si riesce a capire dove è sparita l’acqua di Venere: la colpa potrebbe essere solo del campo magnetico.

Venere e la Terra sono due pianeti quasi gemelli e tutto lascia pensare che nella loro fase primordiale fossero entrambi coperti di oceani di acqua allo stato liquido. Nella Terra il ciclo dell’acqua: oceano-vapore- pioggia-oceano continua imperterrito. Ma su Venere questa regola è stata presto distrutta. Attualmente si stima che l’acqua presente sulla Terra (tra oceani e atmosfera) sia 100000 volte superiore a quella di Venere (presente ovviamente solo allo stato soltanto gassoso).

Dov’è finito il prezioso liquido della nostra sorella planetaria? L’anno scorso si era visto chiaramente che una moltitudine enorme di atomi di idrogeno e di ossigeno scappavano dal lato “notturno” di Venere, proprio nel rapporto di due atomi di idrogeno ogni atomo di ossigeno. Questo dimostrava che la molecola base della vita veniva scomposta e trascinata via dal vento solare. Recentemente si è anche visto che 2×1024 nuclei di idrogeno al secondo lasciano l’atmosfera anche dal lato diurno. Un fuggi fuggi generale. Come mai? Presto detto: Venere non ha mai generato un $campo$ magnetico, per cui non ha nessuno scudo che fronteggi il vento solare che quindi lo investe e gli strappa letteralmente l’atmosfera leggera (vedi video a fianco). Non si sono ancor trovati atomi di ossigeno nel lato diurno, ma probabilmente è solo questione di tempo e dei rivelatori usati.

D’ora in poi, quando saremo in qualche spiaggia a fare il bagno o ci disseteremo ad una fresca fonte di montagna, pensiamo al nostro utilissimo $campo$ magnetico ed a quanto sia stato prezioso per la nostra vita.

I commenti di questo post sono in sola lettura poichè precedenti al restyling del 2012. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

6 Commenti

  1. Grazie Prof, ancora una volta la nostra Terra ci stupisce, ci meraviglia, ci difende, ci fa’ vivere: facciamola vivere anche noi e , soprattutto, ammiriamo la bellezza della natura e dell’Universo intero.
    Chiara la spiegazione sull’importanza di un campo magnetico intorno ad un pianeta,a difesa della sua eventuale atmosfera.

  2. Il buco nell’ ozono della terra può essere una causa dell’ indebolimento del campo magnetico ? perché il campo magnetico si sta riducendo ? il nucleo della terra funziona come la dinamo di una bici, questo può significare che sta rallentando ? con l’ esempio di Venere ed il vento solare che la farà da padrone che percentuali abbiamo di non emulare la nostra vicina ? grazie per le risposte e la disponibilità.. ciao

  3. @mauro,
    il buco dell’ozono è una cosa che va e viene. Adesso per esempio è meno evidente di quanto non lo fosse qualche anno fa quando se ne parlava a destra e a manca. Così fa anche il campo magnetico che è strettamente collegato anche a quello del Sole. No, la Terra non sta rallentando assolutamente, a parte il rallentamento costante e continuo dovuto alla marea lunare che, come reazione, fa allontanare il satellite da noi. Comunque si parla di un secondo al secolo. No, non emuleremo Venere nemmeno continuando a buttare CO2, in quanto l’effetto serra è dominato dal vapore d’acqua che su Venere è nell’atmosfera e da noi è negli oceani. E poi noi abbiamo le piante che fanno da livellatori di CO2. OK? Ciao 😉

  4. Ma adesso che si parla di campo magnetico che va e che viene mi viene in mente un articolo di un pò di tempo fa riguardo al “tunnel” che ogni 8 minuti si dovrebbe formare tra terra e sole permettendo alle particelle di transitare…se non sbaglio non non si sapeva il perchè, si è poi scoperto qualcosa enzo che tu sappia?

    Grazie

  5. @Lampo,
    no, in realtà dopo quell’annuncio non ho più avuto notizie. Ma sembrava una cosa assodata. Il perchè però credo sia ancora un mistero. Cercherò di informarmi in modo più approfondito. Resta comunque il fatto che molti tendono a vedere la diminuizione del campo magnetico (o addirittura una sua inversione) come sintomo di rallentamento della rotazione terrestre. Questo non ha alcun senso…