Primi mattoni della vita

Trovata l’anidride carbonica nell’atmosfera di un pianeta extrasolare. A parte l’interesse basilare di questa scoperta, qualcuno tra breve dirà forse che c’è il riscaldamento globale anche lì ?

Il telescopio spaziale Hubble ha identificato la presenza di anidride carbonica nel pianeta di tipo gioviano che rivolve attorno alla stella HD189733, che si trova ad una distanza di circa 63 anni luce da noi. L’oggetto era stato scoperto da tempo e lo stesso telescopio aveva già individuato vapore d’acqua e metano nella sua atmosfera. Tuttavia la CO2 riveste un’importanza particolare, essendo considerata, oltre che il “mostro” del XXI secolo, anche il mattone fondamentale della vita.

Primi mattoni della vita

Le misure nell’infrarosso stanno dandoci informazioni basilari un tempo nemmeno sognate. Nel contempo stanno dimostrando che la chimica del carbonio sembra essere quella dominante un po’ ovunque. Non siamo molto distante dal momento in cui si potrà avere una visione particolareggiata di tutte le molecole presenti in mondi alieni e forse di vedere dove e come si può innescare un sistema biologico. Sarà importante capire anche l’origine della CO2. Forse però è meglio non divulgare troppo la notizia … Temo che tra breve si sentirebbe dire in televisione e sui giornali che un omino verde, che abita vicino al pianeta gioviano prima citato, stia infestando il suo mondo con il terribile diavolo che sta uccidendo la cara ed amata Terra. Almeno però non saremmo soli …

I commenti di questo post sono in sola lettura poichè precedenti al restyling del 2012. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

11 Commenti

  1. Che poi…tutti si preoccupano della CO2 ma…ormai è noto che il metano liberato da rutti e flatulenze delle mucche è responsabile di gran parte dell’effetto serra!

    Non ho ancora capito se crederci o no sta cosa… ❓

  2. @Lampo,
    in realtà hai ragione. Pensa che nell’America dell’inizio ‘900 il numero dei cavalli era di 25 milioni. Ognuno produceva ben 25 kg di materia organica di rifuito. Questa situazione intollerabile dette il via ad uno sforzo importante per produrre automobili a prezzo basso. Allora si pensava (e giustamente per quei tempi) che le automobili sarebbero state un mezzo ideale, poco inquinante ….
    Ma anche oggi le mucche sono una delle maggiori produttrici di CO2 e metano, oltre che aiutare a desertificare grandi territori a causa dell’acqua che hanno bisogni i campi di cereali che danno il loro mangime. Tutte cose di cui si parla sempre molto, troppo poco. Intanto l’Inghilterra è bloccata dalla neve (era 18 anni che non succedeva) e il polo nord sta riempiendosi di ghiaccio come da molti anni non capitava. Vila il gloobal warming ed i suoi santoni :mrgreen:

  3. Secondo me sono tutte le cavolate che certe persone “sparano” ogni giorno ad inquinare il pianeta, altro che mucche! 😆

  4. che la temperatura dipenda in gran parte dal sole è pacifico, ma l’avvelenamento dell’ambiente dipende solo dall’avidità e dalla stupidità umane.
    Negli anni cinquanta era conosciuta la riduzione dei ghiacciai e a scuola se ne parlava anche in paesini sperduti. E’ sufficiente una nevicata per fare un ghiacciaio, o non forse nevai che ai primi tepori non si sciolgano e perdurino stagione dopo stagione? Sarà così? Anni fa lessi ‘Ande Patagoniche’ di A.M. De Agostini scritto nei primi anni quaranta; vi si trova una curiosissima spiegazione dell’allora evidente ritiro dei ghiacciai patagonici, oltre alla storia di una capra che riesce a scampare la padella. E poi: Inquinamento luminoso o ancora una volta stupidità sprecona?

  5. Ma che avete visto tutti il programma di Augias, oggi? Si parlava proprio di metano vaccino e ‘spreco’ di acqua per gli allevamenti. Non è un problema da poco, pare. E peggio ancora sarà quando anche in India e Cina aumenterà il numero di consumatori di carne.
    Il controllo dell’incremento demografico dovrebbe essere preso in considerazione forse non solo a Pechino. O no?

  6. @elviroin,
    hai perfettamente ragione: non sono certo queste nevicate che formano i ghiacciai. io stavo solo scherzando e portando le cose al limite. Tuttavia, il ritiro dei ghiacciai era già iniziato ben prima della rivoluzione industriale. Ed è anche indiscusso che la calotta polare si stia riformando. Per il resto hai perfettamente ragione sulla stupidità umana.
    @Alex,
    perfetto…allora non sono il solo a saperlo … Io l’ho letto su un libretto che mi ha dato il prof. Ricci, il presidente emerito della Società italiana di fisica. mica un bau bau micio micio qualsiasi… Le cose stanno cambiando e mi sa che vincerò la scommessa fatta tempo fa…

  7. Scusate se mi permetto di fare un commentino pacato, anche se forse un poco lungo, non voglio annoiare.
    Intanto la meraviglia delle scoperte avanza sempre più nell’Universo e questo è fantastico. Aldilà delle profezie più assurde e delle cose che ancora non capiamo e vogliamo per forza che vadano come dicono i catastrofisti, l’inquinamento e la sporcizia varia l’abbiamo sparsi per il nostro bel pianeta e non ci sono dubbi; il petrolio e, più tardi il carbone, sono destinati a finire, ed anche su questo non ci sono grossi dubbi; allora bisogna comunque cambiare ritmo e trovare fonti energetiche alternative e cambiare non pochi dei nostri comportamenti.
    Questo penso sia importante, senza dare retta alle Cassandre strane ma solo alla scienza vera che deve essere incoraggiata e non “bastonata” come da parecchi anni si sta facendo.
    Quella scienza che ci meraviglia sempre tanto con quelle scoperte come questa ed anche più.

  8. Che l’uomo, in tutte le sue forme, sia una fonte inesauribile di inquinamento ormai è evidente a tutti, ma da qua a rendere “malato” il pianeta di tempo e rifiuti dovranno passare…per quanto possiamo impegnarci a zozzare la Terra siamo solamente dei piccoli esseri, e per quanto le mucche diano fiato alle trombe producendo metano non potrà mai diventare una percentuale significativa nell’ecosistema. Le stime dicono che il metano presente nell’aria è al massimo lo 0.0003% dell’aria che respiriamo e che la CO2 è lo 0.035%!! Ora anche se questi valori raddoppiassero o triplicassero per colpa nostra (ce ne vorrebbe di fatica e fagioli), rimarrebbero sempre valori bassissimi!!
    Poi se vogliamo parlare di quell’automobile inventata una ventine di anni fa, da un sudamericano di origini italiane, che andava ad acqua e che casualmente non ricevette le omologazioni necessarie per circolare… beh ci rendiamo conto di quanto veniamo presi in giro 😕

    Speriamo che se la vita si svilupperà su quel pianeta non incappi nell’ipocrisia e nei falsi problemi che contraddistinguono i loro vicini su quel piccolo pianeta azzurro alla corte del Sole 🙄

  9. Come la Eolo ad aria compressa…
    Quando ero piccolo mi ero inventato il “motore a molla”. Si trattava di una gigantesca spirale elastica arrotolata su se stessa, messa nel cofano al posto di un motore a scoppio, che -srotolandosi- trasmetteva il moto alle ruote tramite dei semplici ingranaggi come in un orologio.
    Poi, quando l’ho fatta vedere a una persona adulta mi hanno spiegato perché non poteva funzionare… 😳
    Però io ci avevo provato! (fine off topic)

  10. Il metano emesso dai cavalli, dalle mucche o dalle formiche, o dalle formiche, non costituisce un problema per il nostro piccolo pianeta. il vero problema è l’ottusità di che detiene i poteri. C’è la crisi dell’auto! il problema di chi governa è far vendere automobili! Perchè se falliscono le industrie automobilistiche è la fine della vita in questo pianeta…..Per forza dobbiamo tutti muoverci con la nostra automobile! perchè non si incrementano i servizi di trasporto pubblici? si vedono ottantenni insicuri nella guida costretti ad usare l’auto per andare a fare una visita all’ospedale! Non c’è mai posto per parcheggiare le auto! Mio figlio parcheggia sempre in divieto di sosta e io devo pagare le multe! D’Altra parte non posso ucciderlo per questo. In aree densamente popolate come la piana di Lucca dove io abito, nelle strade principali dovrebbe passare giorno e notte un mezzo pubblico ogni dfieci minuti! Invece i politici danno soldi pubblici ai costruttori di auto! Perchè non incentivano i mezzi pubblici? Poi dicono che vogliono salvare le vite umane! Quante vite umane si salverebbero se nei fine settimana circolassero mezzi pubblici? E chi torna dalle discoteche non dovesse usare le auto? Dicono che siamo abituati all’auto privata, che la gente prefericse così. Un’auto per ogni famiglia potrebbe andare bene, ma ce ne vuole una per ogni componente!Perchè non ci sono mezzi pubblici adeguati. Se ci fossero più mezzi pubblici, molti lascerebbero l’auto privata, e calerebbero anche le emissioni di anidride carbonica. ❗

  11. perfettamente d’accordo Luigino !! Ma, malgrado tutto, nemmeno le macchine sono un problema per il nostro pianeta. Lo sono solo per l’uomo. Alla Terra non fa certo paura un po’ di CO2 in più e nemmeno il freddo o il caldo. Ne ha viste tante e ne vedrà ancora tante, con o senza l’uomo e le sue invenzioni, i politici, gli arrivisti, gli speculatori, i bugiardi e via dicendo. Le estinzioni di massa ci sono sempre state e sicuramente ci saranno ancora ….