Fenomeni mutui dei satelliti di Giove: aprile 2015

La stagione 2014-15 di PHEMU sta volgendo rapidamente al termine, ma ancora per questo mese abbiamo lo stesso numero di eventi del mese scorso: dal mese prossimo però ce ne saranno sempre di meno fino a scomparire del tutto.

Nel mese di aprile abbiamo ancora un alto numero di eventi che coinvolgono i quattro satelliti Galileiani: si tratta sempre e comunque di eventi rari, tutti da seguire, se possibile.

Nella tabella contenente 25 eventi in totale, si può notare che stavolta in nessuna occasione si hanno 3 eventi nella stessa notte di osservazioni. I casi (indicati con le lettere C, D ed E) di eventi doppi riguardano una coppia di satelliti dove poco dopo l’occultazione si ha l’eclissi da parte dello stesso satellite. I primi 2 casi doppi (A e B) e l’ultimo (F) sono invece molto interessanti, come vedremo in dettaglio.

Praticamente come nel mese scorso, tra gli eventi, ne ho indicato uno con un “+” nell’ultima colonna: si tratta dell’$occultazione$ di Io da parte di Ganimede e stavolta (a parti invertite rispetto all’evento del mese scorso) Io si trova già da un po’ di tempo immerso nell’ombra di Giove, essendo dunque eclissato dal pianeta gassoso. Per mezzo di WinJUPOS ho scattato questa istantanea

occultazione di un "fantasma"
$occultazione$ di un “fantasma”

dove vediamo che Io, il fantasma (perché eclissato da Giove), è rappresentato solo con un circoletto vuoto (la sua silhouette): quello che stiamo analizzando è evento teorico, in realtà non osservabile, almeno allo stato attuale della tecnologia… Come detto per gli eventi di marzo, tornerò su questo argomento e su altre curiosità simili in una puntata aggiuntiva.

Nella tabella vediamo la successione degli eventi giorno dopo giorno e le colonne sono praticamente sempre le stesse delle puntate precedenti: ricordo che cliccando sull’ora si vede la configurazione dei satelliti all’incirca alla fase massima dell’evento stesso, per mezzo di un’immagine proveniente dal mio programma che calcola le posizioni dei satelliti Medicei.

L’ultima colonna contiene l’indicazione di eventi che accadono durante la stessa notte ed altre informazioni spiegate in calce alla tabella.

eventi aprile 2015

 
data
ora
(TU)
eventofase
max
durata
(sec)
Δmag
%Ill
s­e­p
(")
min
dist
(")
 
102-04-201501:432o1P2510.281.598.40.504
202-04-201519:124e3E9130.095.6289.31.298
303-04-201522:591o3P15910.285.560.70.739
404-04-201522:272e3A5410.466.2187.50.388
506-04-201523:161e2A3010.466.236.90.066
607-04-201519:023e1E2650.192.960.41.126
708-04-201522:562o4A3440.470.227.70.199
811-04-201521:031e3E3190.096.2136.41.100A
912-04-201501:452e3A5450.657.5179.90.151A
1012-04-201518:482e1E2030.096.366.60.844
1114-04-201501:301e2A3080.470.039.20.034
1214-04-201519:063o1P2540.285.230.60.707+
1314-04-201521:483e1E2060.098.372.01.282
1417-04-201523:474o1P3520.286.795.10.709B
1518-04-201501:324o3A5300.754.6109.20.056B
1618-04-201520:541o3P3430.285.794.50.710C
1718-04-201523:551e3E1690.099.8124.41.350C
1819-04-201519:112o1P2030.188.784.40.610D
1919-04-201521:032e1E1310.099.559.70.984D
2021-04-201521:463o1P2580.285.942.40.708E
2122-04-201500:353e1E1050.099.981.91.416E
2225-04-201523:451o3P3120.285.782.30.695
2326-04-201521:252o1P1930.189.478.70.609
2428-04-201518:383o2P1970.097.3112.30.964F
2529-04-201500:293o1P2710.285.153.80.673F
Per conoscere il significato delle singole colonne basta passare sopra col mouse e apparirà in genere un tooltip. In altri casi il significato è il seguente:

  • evento : “xey” indica che il $satellite$ x eclissa il satelllite y, mentre “xoy” indica l’$occultazione$. x e y valgono come di consueto
    1 – Io
    2 – Europa
    3 – Ganimede
    4 – Callisto
  • fase max : indica la fase massima raggiunta dal fenomeno (E=penombra, P=parziale, T=totale, A= anulare per le eclissi) (P=parziale, T=totale, A= anulare per le occultazioni)
    t indica che il secondo $satellite$ è in transito sul disco di Giove
    p indica che l’eclissi è in penombra
    o indica che il secondo $satellite$ è eclissato da Giove
  • ultima colonna : lettere uguali indicano eventi che avvengono nella stessa notte ed il più (+) indica un evento in realtà non visibile, come ho spiegato nel testo.

orari degli eventi (espressi in TU)

 dataT1T2T3TMAXT5T6T7
102-04-201501:4101:4301:46
203-04-201519:0519:1219:20
303-04-201522:4622:5923:12
404-04-201522:2222:2422:2522:2722:2822:2922:31
504-04-201523:1423:1523:1623:1623:1623:1823:19
606-04-201519:0019:0219:04
707-04-201522:5422:5622:5622:5722:59
808-04-201521:0121:0321:06
911-04-201501:4101:4301:4301:4501:4701:4801:50
1012-04-201518:4618:4818:49
1112-04-201501:2801:2901:3001:3001:3101:3201:33
1214-04-201519:0419:0619:09
1314-04-201521:4621:4821:49
1414-04-201523:4423:4723:50
1517-04-201501:2701:3201:3201:3201:36
1618-04-201520:5120:5420:57
1718-04-201523:5323:5523:56
1819-04-201519:1019:1119:13
1919-04-201521:0221:0321:04
2021-04-201521:4321:4621:48
2122-04-201500:3400:3500:36
2225-04-201523:4223:4523:47
2326-04-201521:2321:2521:26
2428-04-201518:3618:3818:40
2529-04-201500:2600:2900:31
In questa tabella gli istanti da T1 a T7 hanno il seguente significato:
per le eclissi

  • T1 : inizio eclissi in penombra
  • T2 : inizio eclissi in ombra
  • T3 : inizio totalità
  • T4 : fase massima
  • T5 : fine totalità
  • T6 : fine eclissi in ombra
  • T7 : fine eclissi in penombra

per le occultazioni

  • T2 : inizio $occultazione$
  • T3 : inizio totalità
  • T4 : fase massima
  • T5 : fine totalità
  • T6 : fine $occultazione$

Ho realizzato con WinJUPOS i due filmati relativi alle prime coppie di eventi che avvengono nella stessa sessione osservativa e come sempre vi suggerisco di visualizzare i filmati a tutto schermo, per potervi godere al meglio lo spettacolo.

Nel primo filmato, relativo alla nottata tra l’11 ed il 12 aprile, vediamo all’inizio Io che eclissa Ganimede (ma solo in penombra) e dopo qualche ora è la volta di Europa di eclissare Ganimede.

[wposflv src=http://www.astronomia.com/wp-content/uploads/2015/01/2015-04-11-2100.0-Jupiter-NR.flv]

Nel secondo filmato invece vediamo Callisto che dapprima occulta Io e qualche tempo dopo Ganimede: in realtà date le velocità orbitali dei tre satelliti coinvolti, sono proprio Io e Ganimende (molto più veloci del lento Callisto) a spostarsi per andarsi a nascondere dietro l’ultimo dei quattro satelliti Medicei, incolpevole.

[wposflv src=http://www.astronomia.com/wp-content/uploads/2015/01/2015-04-17-2300.0-Jupiter-NR.flv]

Nel terzo filmato infine vediamo Ganimede che dapprima occulta Europa e successivamente occulta Io, dopo che quest’ultimo:

  • è passato dietro al disco di Giove (essendone occultato)
  • è riemerso all’interno dell’ombra di Giove (essendone eclissato)
  • è uscito dall’ombra di Giove

[wposflv src=http://www.astronomia.com/wp-content/uploads/2015/01/2015-04-28-1800.0-Jupiter-NR.flv]

Appuntamento alla prossima puntata per i pochi eventi che si verificheranno tra maggio e luglio 2015.

 

Informazioni su Pierluigi Panunzi 353 Articoli
Classe 1955, è nato e vive a Roma, è laureato in Ingegneria Elettronica e lavora come sviluppatore software, ma avrebbe voluto laurearsi in Astronomia. Coltiva la passione per l’astronomia dal giorno dopo lo sbarco dell’uomo sulla Luna, maturando un interesse sempre crescente per la Meccanica Celeste, il moto dei pianeti, la Luna e i satelliti. Dedica il tempo libero alla divulgazione astronomica in serate organizzate a Roma e paesi vicini e recentemente si sta perfezionando nell’astrofotografia grazie all’auto-regalo di una reflex digitale.

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )