OtticaTelescopio

Non volevo sollevare subito una nuova polemica, ma quello che ho sentito in questi giorni mi ha veramente costretto a non tacere. Quando ci vuole, ci vuole …

OtticaTelescopio

Perchè pubblichiamo quasi soltanto articoli contro il GW


Orso polare

Cari amici, avevo deciso di passare sopra al dubbio che mi stava girando per la testa in questi ultimi giorni. Magari rimandando la discussione a quando le cose si sarebbero chiarite meglio. Ma oggi ho sentito un servizio alla televisione che mi ha fatto scatenare e mi scuso in anticipo per la mia insofferenza ormai patologica.

Dunque, come avrete sentito, la crisi finanziaria globale sta non solo creando problemi terribili alle industrie, ai fatturati, alle banche, e- alla fin fine e soprattutto- a noi “poveri Cristi”. Ma sembra avere tragiche ripercussioni anche sul clima o almeno sulla sua gestione. Infatti, alcune nazioni, tra cui l’Italia, cominciano a dire chiaramente che non saranno in grado di rispettare il protocollo di Kyoto e le altre manovre per la riduzione dei famosi “gas serra”, primo fra tutti l’odiosa e maligna CO2. Per il momento minacciano solo una riduzione degli interventi, ma già si capisce dove andranno a finire. Nel contempo si sente la Francia e la Germania urlare allo scandalo (ma sarà poi vero?)

Allora torno a quanto ho letto in varie testate europee (di quelle che non fanno clamore, ma che sono sempre obiettive e serie) già da parecchi mesi, quando ancora l’incubo recessione era lontano e (almeno così ci dicono) insospettabile. Ebbene si parlava già apertamente che molte nazioni (Inghilterra per prima) non avrebbero più potuto seguire le strategie ecologiste contro il riscaldamento globale. Occorrevano troppe nuove tasse e le energie alternative avrebbero ridotto ancor di più le risorse primarie, come i cereali ed il frumento (cibo fondamentale per i “veri” poveri). Anche le urla disperate sul petrolio così caro perché in via di esaurimento (che ci accompagnavano ormai da anni) cominciavano ad attenuarsi. Le urla più forti erano invece quelle degli ambientalisti che vedevano sciogliersi come neve al sole la celebre ed auspicata tassa sul carbone (portatrice di tanta ricchezza occulta).

Allora ho fatto due più due e mi è venuto sempre quattro. Vuoi vedere che si sta sfruttando la crisi globale per crearsi un alibi e non pensare più ai cambiamenti climatici? E magari per dirci tra qualche anno che l’andamento si è invertito, come già accennato su queste pagine poco tempo fa? Sappiamo benissimo che quando la nave va a fondo i topi scappano. E di topi ce ne sono molti in giro.

Ma poi sono diventato ancora più maligno (ma è solo un “lontanissimo” sospetto). Non sarà mica che tutta la sceneggiata delle borse, delle banche, dei miliardi e miliardi che vanno in fumo in un giorno (che poi sono in realtà “virtuali”), sia stata creata apposta? Magari tra pochi giorni l’ottimismo riprenderà a far sorridere gli uomini d’affari ed i miliardi torneranno ad essere reali. Le industrie tireranno un sospiro di sollievo e tutto tornerà bello (o brutto) come prima? E magari salirà anche il petrolio (tra parentesi come mai il suo prezzo si è dimezzato in pochissimo tempo. Non era in esaurimento? O forse è sceso perché hanno chiuso le fabbriche e le macchine sono rimaste nei garage? Mah …). Nel frattempo però vedrete che i governi (piano piano tutti) avranno più o meno tacitamente annullato le direttive di Kyoto.

Ma una vera guerra è in atto. E ne ho avuto la prova oggi in televisione. Vista l’aria che tira, hanno prontamente mandato in onda un servizio che non solo rinvigoriva l’incubo del riscaldamento globale (hanno fatto vedere degli orsi bianchi che sembravano … affogare nel mar glaciale, dove lo scioglimento dei ghiacci era paragonabile a quello di un gelato all’equatore), ma hanno anche cercato di mettere in ridicolo gli scienziati che negli ultimi tempi hanno cominciato a prospettare un’inversione di tendenza. Anzi, li hanno trattati da poveri deficienti ed ignoranti, spronandoli a fare correttamente il loro mestiere. Io ne conosco parecchi di questi signori e, almeno che non si siano rimbambiti tutti assieme proprio adesso, sono esimi studiosi, tra i più preparati e prestigiosi. Eppure sono stati presentati come ciarlatani alla Vanna Marchi.

Ed allora non ce l’ho più fatta e ho dovuto scrivere questo pezzo, rendendomi conto che si sta svolgendo un braccio di ferro terrificante fra poteri ed interessi diversi. In questo contesto, il nostro pianeta, la sua febbre, l’inquinamento e quello che respiriamo hanno un interesse del tutto marginale …

Qualcuno mi dirà: “ma pensa all’astronomia. Queste pagine devono parlare di questa magnifica scienza e basta.” Ebbene, ribadisco che la Terra è un pianeta a tutti gli effetti (non molto diverso da tanti altri in giro per l’Universo) e quindi rimane materia di approfondimento, assieme ai suoi, più o meno degni, abitanti.

Info Autore

ha pubblicato 971 articoli

Professore ordinario di Astrofisica, oggi in pensione. La sua specializzazione è stata la Planetologia e, in particolare, i corpi minori del Sistema Solare. E' stato uno dei "pionieri" dello studio fisico degli asteroidi negli an ... pagina autore

I 22 commenti di questo articolo sono in sola lettura poichè precedenti al nuovo restyling del portale. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nuova community!

  1. Un dubbio piu’ che legittimo. Ultimamente infatti le cose peggiori si compiono in silenzio ed all’improvviso. Se una minaccia viene sventolata a lungo e con insistenza … puo’ trattarsi anche di “terrorismo psicologico”, un modo come un altro per togliere serenita’ alla gente comune… Se l’uomo vive nella paura, non pensa a crescere …

  2. salve
    ho letto il suo articolo, in merito alla riflessione fatta.
    condivido le sue idee.
    siccome vivo in maniera da analizzare sempre i fatti, senza precluere niente;
    penso di conscere cosa è la vita, come nasce e come si evolve.
    siccome amo tanto la vita,e sò che è perfetta, che non conosce errore, per cui ciò che sta accadendo, a livello finanziario e a livello climatico, a livello di galassia, a livello di pensiero, non è causale.
    ogni cosa , ogn situazione nasce da un pensiero.
    la situazione finanziaria è stata preparata dallle stesse persone che hanno creato la situazione delle torri gemelle.
    lo scopo finale è reallizzare il loro scopo di controllo generale.
    per quando riguarda il clima, la sitauzione è il risultato del degrado in cui vera la consapevolezza generale.
    manca amore per la vita.
    ce solo brama di potere ed avidità.
    ci sono fonti alternative di energia, pulite ed inesauribili, di cui in ns governati , sono a conoscenza; ma non interessano, in quanto perederebbero potere e controllo.
    in ogni caso, basta osservare per capire.
    la vita si sta evolvendo.
    con o senza la ns consapevolezza.
    in aprole umane, ” il treno sta passando”;
    possiamo salire o meno.
    ma passa
    noi siamo ciò che pensiamo, e ciò che pensiamo ,diventeremo.
    buon lavoro.
    franco

  3. Giustissimi dubbi, “combattiamo” perchè non accada, non crediamo subito a tutto e tutti, riflettiamo.
    Il Nostro Pianeta, la Terra, ha bisogno di essere “capita”; la scienza non deve mettersi al servizio della politica e deve aiutare il Nostro Pianeta.
    Capitalismo, Sindacalismo, Politica, Economia: tutte parole da riscrivere daccapo, in nome di una idea diversa- la Terra.

  4. I “grandi” della terra pensano solo a manovrare noi poveri stupidi e creduloni… Meno male che alcuni di noi , come lei prof., sappiamo avere spirito e distacco critico! Il grande Socrate ci ha insegnato a rielaborare le notizie e, se necessario, a metterle in dubbio!
    Complimenti prof, la stimo veramente tanto! :razz:

  5. Ricercare la VERITA’ è l’unica cosa che da DIGNITA’ all’Uomo e ricercandoLa non si può guardare solo nel “proprio orticello” ma occorre spaziare. E anche a non volerlo, quando uno si abbitua a ricercarLa, la trova dappertutto.
    Grazie per la buona abitudine, condivido! :wink: :wink: :wink:

  6. Una curiosità, professò: quali sono quelle “testate europee che non fanno clamore ma sono sempre obiettive e serie”? Così magari comincio a leggerle anch’io, è un pò che mi interrogo sul grave problema della mancanza di un’informazione veramente libera e obiettiva. Grazie.

  7. Senza cadere in teorie complottiste, i politici/re/governanti sfruttano e strumentalizzano da sempre tutto ciò che fa presa sulle masse, soprattutto religioni ed ideologie, comunque idee che vengono prese in maniera fideistica (o anche solo campanilistica) e quindi acritica, diventano perciò un efficacissimo strumento di manipolazione dell’opinione pubblica, magari anche solo quella che si vuol “rappresentare” e che sentendosi rappresentata, ti penderà dalle labbra. Si va a pescare ciò che fa più comodo, ignorando sistematicamente il resto. Sì, anche nei Paesi a regime democratico(*). D’altra parte, anche molta gente è contenta di sentire ciò che vuol sentire. Oppure un sistema simile è ottimo per spillare soldi ai polli, vendendo libri di teorie infondate, ma che fanno “colpo” fra la gente. Anche per questo, per non farsi manipolare, è importante mantenere capacità critiche riguardo a correnti politiche (anche quando non strettamente ideologiche) o idee altrimenti non dannose.
    Secondo me, è sempre meglio cercare di informarsi e verificare, confrontarsi e sentire più campane e, soprattutto, non fare addormentare il proprio intelletto lasciando pensare il guru di turno al posto nostro.

    * = nota per chi confondesse regime con dittatura, grazie ad un uso improprio che purtroppo ormai è divenuto di uso comune: intendo il significato originario (clicca).

    E vorrei segnalare questo articolo che ho letto oggi, che forse offre qualche ulteriore spunto di riflessione, a proposito delle paure:
    http://punto-informatico.it/2442063/PI/Commenti/cassandra-crossing-paura-paura.aspx

  8. …un secondo…ferma tutto…
    La crisi economica non solo è reale ma è pure strutturale e in quanto tale era prevista da tempo.
    L’ecologia e l’ambientalismo non hanno niente a che fare con il crollo delle borse e la recessione (che arriverà…purtroppo…).
    Sebbene trovi il protocollo di Kyoto molto ipocrita, la posizione politica che si sta delineando in questo periodo rispetto ai temi ambientali non mi piace affatto.

    Prima di tutto la salvaguardia dell’ambiente è necessaria al fine di prolungare la nostra permanenza su questo pianeta.
    Preservare acqua, aria e terra vuol dire preservare le nostre vite.

    Inoltre i cambiamenti indotti dall’uomo stanno facendo strage negli ecosistemi.
    E’ vero che la terra e la vita sulla terra sopravviveranno all’uomo…ma questo non vuol dire che non ce ne dobbiamo preoccupare…anzi…il contrario…
    Vuol dire che se l’uomo tirerà troppo la corda il sistema terra dovrà escluderci per tutelare la prosecuzione della vita sul pianeta…
    Egoisticamente la cosa mi preoccupa.

    Infine, sui cambiamenti climatici, è vero che le previsioni catastrofiche sono molto lontane da quanto in realtà si sta registrando ma questo non vuol dire che la distruzione delle foreste e degli ecosistemi e l’inquinamento di acqua aria e terra non siano un male per l’uomo e per la terra stessa…

  9. @Andrea,
    e chi lo ha mai detto? Io ce l’ho con l’ipocrisia, la falsità e la strumentalizzazione, sia da una parte che dall’altra… Non voglio certo la distruzione del NOSTRO ecosistema. Comunque voglio sapere la verità e non fare il burattino….
    @Alex,
    ti consiglio di iscriverti a un network che riporta tutte le notizie della stampa internazionale. basta mandare un email a: listserver@livjm.ac.uk
    dicendo “I would like tu subscribe to CCNet” e riceverai quasi giornalmente le notizie dei vari gionali in giro per il mondo a riguardo del global warming e non solo.

  10. tra pinocchi e mangiafuoco, tra alice nel paese delle meraviglie e pollicino l’uomo si sta costruendo un bel teatrino “a misura” intorno.
    se proprio devo essere un burattino -manovrato da- preferirei essere “la strega”, a prescindere!
    per fortuna c’è la notte…e c’è il cielo
    sorrisotrealidipipistrello (almeno resto indigesta!) :mrgreen:
    daria