Uno scavo archeologico nel centro della Via Lattea

Scrutando attentamente attraverso la spessa nuvola di povere che avvolge il nostro “cuore” galattico, composto da miriadi di stelle, alcuni astronomi italiani, americani, olandesi e cileni hanno rivelato uno straordinario “mixer” di astri nel gruppo stellare noto come Terzan 5. Esso sembrerebbe uno dei mattoni primordiali con cui si è costruita la Via Lattea

La storia della nostra galassia è scritta nei suoi frammenti più antichi, come gli ammassi globulari ed altri sistemi stellari situati nelle parti più esterne, dove hanno assistito a tutta la sua evoluzione. Oggi si è scoperto che questi fossili potrebbero essere numerosi anche nelle zone più centrali. Come gli archeologi scavano a fondo per riportare in luce le vestigia del nostro passato, così alcuni astronomi hanno scavato dentro gli spessi strati delle nubi polverose che oscurano il cuore della Via Lattea, trovando un relitto cosmico antichissimo.

Ciò è stato possibile solo attraverso il Very Large Telescope dell’ESO che ha permesso di entrare in luce infrarossa all’interno delle nubi di polvere che coprono alla vista lo stupefacente centro della nostra galassia, di disperdere la nebbia e di scrutare il meraviglioso scrigno di stelle portate allo scoperto. Ovviamente, per far ciò, si è utilizzata l’ottica adattiva che riesce praticamente a cancellare la turbolenza atmosferica.

Terzan 5

L’ammasso stellare Terzan 5

in altissima risoluzione

ingrandisci

Il “fossile” in questione è l’ammasso stellare Terzan 5. Esso mostra una caratteristica eccezionale che si trova soltanto in pochi e vecchissimi ammassi globulari: non contiene solo stelle nate nello stesso tempo (stelle di una singola popolazione), ma sicuramente di due epoche diverse, una risalente a circa 12 miliardi di anni fa, l’altra a 6. Una storia così complessa e così ben definita si riscontra soltanto in un ammasso globulare di alone esterno: Omega Centauri.

Probabilmente Terzan 5 è quanto resta di una proto-galassia che si unì alla nostra all’atto della sua formazione e contribuì a creare il cuore centrale. Esso potrebbe essere solo il primo “fossile” cosmico nascosto al centro del cuore galattico. In essi è sicuramente scritta la storia della nostra

A questo punto penso valga la pena richiamare cosa significa esattamente l’Ottica Adattiva che permette queste scoperte fantastiche.

Tutti sanno che la nostra atmosfera deforma l’onda luminosa che proviene dalle stelle. Questa turbolenza è quella che causa il continuo sfavillare delle stelle. In ogni istante è come se l’astro cambiasse posizione nel cielo, “ballando” entro un cerchietto che può essere maggiore o minore a seconda di quanto sia perturbata l’atmosfera. Il continuo sfavillio non riesce a far analizzare in dettaglio l’immagine di una sorgente molto debole o I suoi particolari più minuti. Ecco allora l’ottica adattiva: se non riusciamo a “fermare” l’atmosfera, e quindi siamo costretti a ricevere un’onda luminosa deformata, cambiamo la superficie riflettente del nostro telescopio! Lo specchio deve quindi essere deformabile e composto da una miriade di piccole celle indipendenti, comandate da un computer. Centinaia di volte al secondo una camera speciale controlla l’immagine di una stella di riferimento. Le sue deformazioni vengono trasferite in tempo reale allo specchio principale che si deforma in modo uguale e contrario a quanto sta facendo l’onda luminosa in arrivo.

Funzionamento ottica adattiva

L’onda luminosa proveniente da una stella viene deformata durante il passaggio attraverso l’atmosfera a causa della sua turbolenza (a sinistra). Un computer analizza in tempo reale l’immagine deformata di una stella di riferimento e applica la correzione allo specchio del telescopio, dandogli una “forma” che controbilanci quella dell’ onda in arrivo (a destra). Ovviamente la figura schematizza enormemente la situazione, che è decisamente più complessa.

Normalmente, uno dei limiti del sistema è che la stella “campione” deve essere molto vicina prospetticamente alla sorgente da studiare (non più di una quindicina di secondi d’arco). Se è più lontana la turbolenza atmosferica varia e la correzione diventa meno precisa. Il sistema usato per lo studio di Terzan 5 è molto più evoluto e si basa sul controllo simultaneo di tre stelle campione e può essere applicato fino a qualche primo d’arco, ossia trenta volte maggiore di quello di vecchia generazione.

Specchio ad ottiche adattive

Come si presenta la complessa struttura di uno specchio ad ottica adattiva. In questo caso uno dei mostri da 8.2 metri del VLT dell’ESO.

I commenti di questo post sono in sola lettura poichè precedenti al restyling del 2012. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

7 Commenti

  1. @enzo
    scusa la domanda stupida…ma alla fine anche la nostra galassia possiede un buco nero al suo centro?

  2. @giuseppe,
    sicuramente!!!! Solo che la zona centrale della Via lattea è nascosta alla vista da nubi oscure e non possiami vedre la grande luminosità che lo circonda…

  3. Avevo già sentito parlare dell’ottiva adattiva, ma ora ho le idee un pò chiare! Davvero assurda la tecnologia! Se uno mi avesse chiesto “secondo te è possibile creare un telescopio con uno specchio che si muove in modo da compensare la turbolenza atmosferica?” l’avrei mandato sicuramente a quel paese… E INVECE!!! 😉

  4. Buongiorno,
    una domanda, sul sito del Max Planck institute c’è un video che mostra la presenza di un buco nero al centro della nostra galassia. Il video che dura pochi secondi perchè accelerato, è il lavoro di 17 anni di riprese, la cosa che mi ha lasciato perplesso è che le stelle non cadono nel buco nero ma orbitano intorno ad esso. Altra asservazione, sembra che esso sia trasparente perchè c’è una stella che si vede anche quando è dietro al buco nero, ed altre che sembrano passare sotto di esso ma sempre visibili. Altra curiosità, c’è una stella che dopo essere passata molto vicino al buco nero, sembra dividersi in due con direzioni opposte. La domanda è : il video che viene mostrato , è vero , reale, o è una $montatura$?