Anche gli alieni amano i dolci!

Scoperta una molecola base per la formazione della vita in una regione di formazione stellare a 26000 anni luce da noi. Ma è dolce! Forse il primo contatto lo avremo con una torta?

Molecola di glicolaldeide

Eccezionale scoperta fatta da ricercatori dell’University College di Londra. Attraverso studi fatti a varie lunghezze d’onda con il telescopio infrarosso IRAM (situato in Francia) si sono trovati i segni di una molecola organica, la glicolaldeide, che altri non è che il più semplice tra gli zuccheri, di importanza basilare per la costruzione di forme di vita simili alla nostra. Il fatto di averla trovata in una zona dove si stanno formando stelle (e quindi pianeti), potrebbe aprire nuove visioni sulla frequenza di altre forme biologiche in giro per la nostra galassia.

La glicolaldeide da origine, attraverso reazioni chimiche abbastanza semplici, ad un costituente basilare dell’Acido Ribonucleico (RNA), considerata la molecola principale per lo sviluppo della vita.

Cari amici, d’ora in poi quando mangiamo un cioccolatino o succhiamo una caramella, voltiamo gli occhi al cielo: tutto l’Universo è paese!!

I commenti di questo post sono in sola lettura poichè precedenti al restyling del 2012. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

13 Commenti

  1. molto interessante ma ho una bella domanda:

    come ha fatto a formarsi la glicolaldeide nello spazio???
    da quel che sapevo le stesse producono atomi non molecole!
    da dove potrebbe arrivare questa molecola?
    certo è che per rilevarla a una tale distanza ce ne deve essere davvero tanta!

  2. @Stefano,
    cosa intendi dire con “le stesse producono atomi non molecole”. In ogni modo nelle nebulose si creano ovunque molecole organiche complesse attraverso reazioni chimiche tra gli atomi. Questa è la prima volta che si trova la glicolaldeide in una zona non legata alla zona più centrale della galassia ed in una zona di formazione stellare. Si è trovata vedendo le sue righe spettrali nello spettro della regione. Quanta ce ne sia non è facile dirsi…

  3. speriamo non finisca a “torte in faccia”
    @enzo. professò, si nu babbà! (translation: professore lei è “dolce” come un babà)
    sorrisodiabetico :mrgreen:
    daria

  4. @ enzo e lampo
    si infatti ho sbagliato a scrivere, volevo dire le stelle producono atomi non molecole…prrr…
    p.s.: BUONO LO ZUCCHERO FILATO 😛

  5. @Dario e Daria,
    ottima l’idea dell zucchero filato !! D’altra parte la nebulosa è in rotazione e poi invece di contrarsi in una stella si contrarrà magari un babà di daria. Che buono deve essere: il babalieno!! :mrgreen:

  6. ragazzi siete implacabili !!!!!!
    Che gente poco seria….Proprio a me doveva capitare che cerco sempre di mantenere un decoro scientifico…. 😳 😥 🙁 😕 😐 😮 😀 😛 :mrgreen:

  7. Ops, scusa Ivonne…mi ero appena trasformato nella mia controparte … torno me stesso … Che fatica però !!! 😎

  8. Vogliamo fare i seri? E facciamoli! Noi siamo figli delle stelle… recitava molti anni fa una canzone.
    Che sia finalmente vero? Io sinceramente preferisco così che…nascere nel “brodo”, non so voi…
    Preferisco il salato al dolce … ma accontentiamoci. forse c’è anche qualcosa di salato lassù, altrimenti come ci farebbe a piacere il salato.
    Basta e complimenti per l’articolo.

  9. @Mario,
    hai ragione….anch’io preferisco il salato. Il guaio è che il salato è più lontano dai composti organici. però speriamo che arrivi un alieno fatto a focaccia (quella genovese…mi piace un sacco…). 😛