Buon compleanno ISS

Quello che era iniziato come una sfida di costruzione senza precedenti è andato a produrre scienza senza precedenti nello spazio

La stazione spaziale ISS- Credit NASA
La stazione spaziale ISS- Credit NASA

Venti anni fa, il progetto di costruzione più ambizioso nella storia iniziò con il lancio di un razzo russo Proton-K il 20 novembre 1998. Il razzo  trasportava Zarya, un modulo di controllo che sarebbe diventato il primo pezzo della Stazione spaziale Internazionale  posta in orbita.

Due settimane dopo, la NASA ha seguito l’esempio con un suo componente, Unity. I due si unirono nell’orbita terrestre bassa e iniziarono un percorso  di costruzione di 13 anni con l’obiettivo di installare il più grande satellite artificiale. La ISS  sarebbe diventato sia osservatorio sia laboratorio, un luogo di esperimenti da cui l’umanità poteva far progredire la  comprensione del nostro mondo. E non solo il nostro!

“La stazione spaziale , il modo in cui abbiamo messo insieme questo programma con i nostri partner internazionali è assolutamente il miglior esempio di come possiamo, pacificamente, fare con successo cose complicate”,  ha detto in una teleconferenza l’astronauta in pensione della NASA Nicole Stott all’inizio di quest’anno.

Sedici nazioni hanno operato per  sua costruzione. Oltre a Stati Uniti e Russia ,come già scritto, Belgio, Brasile, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Norvegia, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito hanno dato il loro contributo.

Sono decollati tantissimi voli  spaziali  per consegnare le parti integranti agli ingegneri. I grandi moduli sono stati consegnati su 42 voli di assemblaggio: 37 su navette USA, cinque su razzi russi Proton e Soyuz. Finora 230 astronauti provenienti da 18 nazioni hanno occupato la ISS , costantemente abitata dal novembre 2000.

Nel corso di quasi due decenni, la ISS ha svolto un ruolo unico nel mondo scientifico sia come laboratorio orbitante che come osservatorio della Terra. Gran parte della scienza e dell’innovazione fatte sulla stazione spaziale hanno avuto benefici per le persone normali sulla superficie del globo –  la robotica sviluppata per la ISS viene utilizzata per procedure chirurgiche gestite in remoto- per esempio.

Non potevano mancare gli auguri – come riferisce l’Ansa–  dell’italiano Luca Parmitano alla Stazione Spaziale: “E’ il più grande esempio di come sia possibile raggiungere un obiettivo importante al di là di qualsiasi ideologia”, l’ha definita l’astronauta. “L’augurio è che possa portarci ancora più lontano”, ha aggiunto AstroLuca dalla base di Baikonur, nel Kazakhstan, dove si sta addestrando come membro dell’equipaggio di riserva dei tre colleghi che partiranno il 3 dicembre. La Stazione Spaziale, ha proseguito, “rappresenta un percorso che dal sogno mi ha portato al primo volo e che ora mi porta vicino al raggiungimento di un altro obiettivo importante, che è il comando della stazione orbitale”.

Buon compleanno ISS !

 

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

2 Commenti    |    Aggiungi un Commento