Una nuova cometa che fa ben sperare… Forse

Sono oramai parecchi anni che non osserviamo una bella cometa ad occhio nudo: la cometa C/2012 S1 (ISON) ha tutte le premesse per poter apparire smagliante nei nostri cieli. Ma il condizionale è d’obbligo, come sempre.

Da pochissimi giorni si parla della nuova cometa C/2012 S1 (ISON), scoperta il 24 settembre: attualmente si trova al di là dell’orbita di Giove, ma si sta preparando ad un incontro molto ravvicinato con il Sole per il prossimo anno.

Nel mese di novembre del 2013 la $cometa$ ISON passerà a meno di 0.012 UA (1.8 milioni di km) dalla superficie del Sole ed il potente riscaldamento che subirà potrà trasformarla in un oggetto visibile ad occhio nudo.

l'immagine della scoperta della $cometa$
l'immagine della scoperta della $cometa$

C’è da dire che rimangono ancora sconosciuti parecchi dettagli su questa $cometa$ e sul suo destino:  il responsabile del “Sungrazer Comet Project“, Karl Battams, a questo proposito afferma (ndr con una frase alquanto sibillina) che “A questo punto stiamo semplicemente lanciando le freccette verso il bersaglio”, parlando poi di due possibilità che si prospettano per l’evoluzione della $cometa$ nei prossimi mesi.

“Nel caso migliore, la $cometa$ apparirà grande, luminosa, arrivando a sfiorare il Sole nel novembre 2013: potrebbe diventare estremamente brillante – forse con magnitudini negative – e visibile ad occhio nudo dagli osservatori dell’emisfero Settentrionale (ndr ottime notizie!) per almeno un paio di mesi”.

“Come alternativa, potrebbe essere addirittura un fiasco! Un esempio recente è stato la $Cometa$ Elenin, ma ce ne sono state molte altre ad attrarre l’attenzione della comunità scientifica per poi rivelarsi un buco nell’acqua. E’ probabile che questa sia una nuova $cometa$ proveniente dalla nube di Oort e perciò che si tratti del suo primo incontro in assoluto con il Sole. Se fosse così, con la sua struttura ghiacciata intatta e non essendo mai ancora stata stressata (termicamente e gravitazionalmente), la $cometa$ potrebbe distruggersi e dissiparsi settimane se non mesi prima di raggiungere il Sole”.

“Ma non è detto che siano possibili solo questi due scenari: anche qualcuno a cavallo tra i due è possibile” continua Battams “ma non c’è dubbio che la $cometa$ ISON verrà osservata da vicino. Dato che ora è così lontana, non avremo miglioramenti sulla sua conoscenza per almeno altri mesi”.

Nel frattempo, il ricercatore di comete John Bortle ha sottolineato una curiosa similitudine tra l’orbita della $cometa$ ISON e quella della Grande $Cometa$ del 1680: “E’ una pura ipotesi, ma forse i due oggetti celesti potrebbero essere stati uno solo qualche rivoluzione fa”.

E come conclusione tipica di questo tipo di articoli: rimanete sintonizzati per avere altri aggiornamenti.

Tradotto da questo articolo , mentre l’articolo originale si trova qui.

 

 

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

31 Commenti    |    Aggiungi un Commento

  1. Citazione Originariamente Scritto da Pierluigi Panunzi Visualizza Messaggio
    Se fosse così, con la sua struttura ghiacciata intatta e non essendo mai ancora stata stressata (termicamente e gravitazionalmente), la cometa potrebbe distruggersi e dissiparsi settimane se non mesi prima di raggiungere il Sole”. “Ma non è detto che siano possibili solo questi due scenari: a
    Scusa Pier...
    non ho capito questo passaggio. cioè se la cometa non è mai passata nelle vicinanze del Sole verrà distrutta per la sua struttura ghiacciata intatta. non ho capito il motivo? Non dovrebbe illuminarsi e apparire con una lunga coda?

  2. Citazione Originariamente Scritto da peppe Visualizza Messaggio
    Scusa Pier...
    non ho capito questo passaggio. cioè se la cometa non è mai passata nelle vicinanze del Sole verrà distrutta per la sua struttura ghiacciata intatta. non ho capito il motivo? Non dovrebbe illuminarsi e apparire con una lunga coda?
    Molto dipende dalla consistenza della cometa e da come sono distribuite le masse. Ancora, molto dipende da quanto effettivamente si avvicinerà al Sole, da come reggerà allo stress dato dall'effetto di marea e da come e dove si svilupperanno i getti di gas. In definitiva, se è la prima volta che passa vicino al Sole sono aperte tutte le possibilità, tra le quali, appunto, la sua distruzione.
    E' capitato anche a comete passate più e più volte al perielio....

  3. Citazione Originariamente Scritto da Pierluigi Panunzi Visualizza Messaggio
    Sono oramai parecchi anni che non osserviamo una bella cometa ad occhio nudo: la cometa C/2012 S1 (ISON) ha tutte le premesse per poter apparire smagliante nei nostri cieli. Ma il condizionale è d'obbligo, come sempre....
    leggi tutto...
    Pier.... Se dovesse proprio essere la Grande Cometa del 1680..... Sarebbe un sogno!!!
    Allegato 923

  4. Citazione Originariamente Scritto da Red Hanuman Visualizza Messaggio
    Pier.... Se dovesse proprio essere la Grande Cometa del 1680..... Sarebbe un sogno!!!
    Allegato 923
    Mamma mia... magari! Uno spettacolo così sarebbe proprio... spettacolare!

  5. In base alle attuali previsioni... essa potrebbe raggiungere magnitudine -13!!!

    Qui c'è una simulazione del percorso e della coda su Cartes du Ciel.

    Intanto in primavera ce ne sarà un'altra di carina: C/2011 L4! Anche questa sembra promettere bene, si avvicina allo 0 come magnitudine.

  6. Beh, sarebbe davvero una cosa incredibile se si trovassero le prove relative all'ipotesi che sia parte delle stesso corpo celeste della cometa del 1680! Davvero incredibile!

  7. Citazione Originariamente Scritto da Giuiba Visualizza Messaggio
    In base alle attuali previsioni... essa potrebbe raggiungere magnitudine -13!!!

    Qui c'è una simulazione del percorso e della coda su Cartes du Ciel.

    Intanto in primavera ce ne sarà un'altra di carina: C/2011 L4! Anche questa sembra promettere bene, si avvicina allo 0 come magnitudine.
    Cioè una magnitudine apparente paragonabile a quella della Luna?!? UAO!
    Se proprio è così ci aspettano osservazioni fantastiche l'anno prossimo!

    PS: il Link alla simulazione non è presente...

  8. Chiedo scusa, non l'ho neanche aggiunto

    Comunque, se le previsioni fossero esatte... la cometa sarà vicinissima al Sole al momento del picco di luminosità, che tra l'altro noi non riusciremo nemmeno a vedere poichè avverrà nella mezzanotte del 28 novembre 2013, cioè quando da noi sarà notte!
    Ci dovremo accontentare di un -6/-7 il giorno prima e il giorno dopo...