Hubble e la materia oscura

Gli astronomi che utilizzano i dati del telescopio spaziale Hubble della NASA / ESA hanno utilizzato un metodo rivoluzionario per rilevare la materia oscura nei cluster di galassie.

luce intracluster, tra le innumerevoli galassie nel cluster Abell S1063
Luce intracluster, tra le innumerevoli galassie nel cluster Abell S1063

Negli ultimi decenni gli astronomi hanno cercato di capire la vera natura  che costituisce la maggior parte della materia nell’Universo – la materia oscura – e di mapparne la distribuzione nell’Universo. Ora due astronomi , un australiano e uno spagnolo, hanno utilizzato i dati del programma Frontier Fields del telescopio spaziale NASA/ESA per studiare accuratamente la distribuzione della materia oscura.

Utilizzando le osservazioni  di Hubble di sei  ammassi massicci di galassie, gli astronomi hanno dimostrato che la luce intracluster – il bagliore diffuso tra le galassie in un ammasso – traccia il percorso della materia oscura, illuminando la sua distribuzione in modo più accurato rispetto ai metodi esistenti.

La luce intracluster è un sottoprodotto delle interazioni tra le galassie. Nel corso di queste interazioni, le singole stelle si slegano dalle loro galassie e fluttuano liberamente all’interno del cluster. Una volta che si allontanano, finiscono dove risiede la maggior parte della massa dell’ammasso, per lo più materia oscura.

“La ragione per cui la luce intracluster è un tracciante così eccellente della materia oscura in un ammasso di galassie è che sia la materia oscura che queste stelle che formano la luce intracluster sono libere di fluttuare sul potenziale gravitazionale del cluster stesso – quindi stanno seguendo esattamente la stessa  forza di gravità “, ha detto Mireia Montes dell’Università del New South Wales a Sydney, in Australia, coautore dello studio. “Abbiamo trovato un nuovo modo di vedere la posizione in cui dovrebbe essere la materia oscura, perché si sta tracciando esattamente lo stesso potenziale gravitazionale: possiamo vedere, con un chiarore molto debole, la posizione della materia oscura”.

Montes sottolinea anche che non solo il metodo è accurato, ma è più efficiente in quanto utilizza solo l’imaging profondo, piuttosto che le tecniche di spettroscopia più complesse e che richiedono tempo. Ciò significa che più cluster e oggetti nello spazio possono essere studiati in meno tempo.

Abell S1063, un ammasso di galassie, è stato osservato dal Telescopio Spaziale Hubble della NASA / ESA come parte del programma Frontier Fields. L’enorme massa dell’ammasso – che contiene sia la materia barionica che la materia oscura – agisce come una lente di ingrandimento cosmica e deforma gli oggetti dietro di essa. In passato gli astronomi hanno usato questo effetto di lente gravitazionale per calcolare la distribuzione della materia oscura nei cluster di galassie.

Per ora, gli autori hanno in programma di esaminare più dei sei gruppi originali per vedere se il loro metodo rimane accurato. Un altro importante test del loro metodo sarà l’osservazione e l’analisi di ulteriori gruppi di galassie da parte di altri gruppi di ricerca, da aggiungere al set di dati e confermare i loro risultati.

Il team può anche guardare avanti all’applicazione delle stesse tecniche usando futuri telescopi spaziali come il telescopio spaziale James Webb della NASA / ESA  , che avrà anche strumenti più sensibili in grado di risolvere la debole luce intracluster nell’universo distante.

Lo studio è pubblicato nelle Comunicazioni mensili della Royal Astronomical Society

Fonte NASA

 

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

4 Commenti    |    Aggiungi un Commento

  1. Ciao Givi, sì... conoscevo già il tuo punto di vista in proposito e lo rispetto tantissimo ovviamente. E io l'argomento materia scura sì materia scura no mi limito a leggerlo nelle più varie argomentazioni. La risposta alla tua domanda ora per me è impossibile darla

  2. Citazione Originariamente Scritto da givi Visualizza Messaggio
    Grazie @corrado973, ma personalmente non credo alla materia oscura. Se non si sa nemmeno di cosa sia costituita, come possono identificarla?
    I tentativi sono diversi, ma tutti partono dalle teorie dell'unificazione. Sulla base delle particelle che si supponga esistono, si preparano i diversi esperimenti. Anche l'osservazione di ammassi di galassie dà qualche indicazione.


    Per quanto mi riguarda, però, la materia oscura è una foglia di fico sulla nostra mancanza di conoscenza.
    Le proprietà che si suppone abbia sono troppo ritagliate attorno ai buchi della teoria, e troppo variabili...