Transito di Mercurio sul Sole dell’11 novembre 2019

Il giorno dell’estate di S.Martino si verificherà un evento spettacolare abbastanza raro: il transito di Mercurio sul Sole. Vediamo insieme le caratteristiche e i tempi dell’evento

Visto che l’osservazione riguarda il Sole, prima di iniziare è d’obbligo un messaggio assolutamente importante!

Mi raccomando: non bisogna assolutamente guardare direttamente il Sole né ad occhio nudo, né tantomeno con binocoli, cellulari o fotocamere non filtrate: i danni che si otterrebbero alla retina sono assolutamente irreparabili.

Dicevo che il transito di Mercurio è un evento abbastanza raro, ma mai come quello di Venere: quelli del pianeta più vicino al sole avvengono nei mesi di maggio e di novembre, quando la linea dei nodi dell’orbita di Mercurio passa in prossimità della congiungente Terra-Sole, permettendo appunto al pianeta (in prossimità della congiunzione inferiore) di passare proprio davanti al Sole.

Si tratta in piccolo dello stesso meccanismo che consente il verificarsi delle eclissi di Sole, laddove c’è la Luna al posto di Mercurio.

Ma nel caso di un transito, il diametro apparente di Mercurio è molto piccolo, in questa circostanza circa 10″ d’arco rispetto ai 32′ del nostro Sole, per cui si riesce a malapena a vedere un piccolo puntino nero su di un disco luminosissimo, che ovviamente va filtrato con appositi filtri solari.

Il transito dell’11 novembre è molto buono in quanto avviene quasi centralmente rispetto al disco solare, ma c’è il non piccolo particolare che l’evento, in Italia, inizia alle 13:37 (ora locale, solare) per raggiungere il massimo alle 16:19 (con Mercurio a metà del suo cammino) , ma con un’altezza sull’orizzonte decisamente bassa, dato che di lì a poco il Sole tramonterà.

In questa tabella, realizzata con i dati dell’ottimo programma “Occult 4” (che utilizzo sempre, in caso di transiti, eclissi ed occultazioni) e con l’aggiunta degli istanti di tramonto del Sole tratti da questo sito, vediamo le caratteristiche del transito per le consuete città italiane

tabella con gli orari e caratteristiche del transito
  • nelle colonne “Est.” ed “Int.” abbiamo rispettivamente gli orari del contatto esterno ed interno del dischetto di Mercurio sul bordo del Sole: il primo è l’istante di tangenza esterna, mentre il secondo riguarda la tangenza interna, quando Mercurio è entrato completamente sul disco del Sole
  • la prima colonna “Alt” indica l’altezza del Sole sull’orizzonte per l’inizio del transito
  • la colonna “Max” indica l’ora della fase massima del transito, con Mercurio situato alla minima distanza rispetto al centro del Sole
  • la seconda colonna “Alt” invece ci segnala l’altezza (decisamente bassa) del Sole sull’orizzonte per l’istante di fase massima
  • la colonna “Tramonto” indica infine l’ora in cui il Sole tramonta l’11 novembre

Vediamo in anteprima il transito con Stellarium

Grazie a questo potentissimo e onnipresente programma, ho realizzato un piccolo filmato che anticipa gli eventi del transito.

Per poter vedere il puntino di Mercurio in transito ho innanzitutto eliminato l’atmosfera, con il che Stellarium mostra la corona solare, in una visione decisamente suggestiva, quanto impossibile.

Il filmato ha una brusca fine, con l’ombra dell’orizzonte che va a nascondere il Sole: in questo caso ho tenuto il Sole al centro della schermata con la Terra che inevitabilmente lo va a ricoprire.
Avendo eliminata l’atmosfera non appare più lo schiacciamento del Sole in prossimità dell’orizzonte (simulato molto bene da Stellarium).

Non rimane altro che sperare in buone condizioni meteorologiche per poter osservare un transito decisamente spettacolare. Mi raccomando ancora: il Sole non perdona!

Notizie per appassionati

A chi interessa, la creazione del filmato del transito è avvenuta in vari step:

  • ho velocizzato l’andamento della simulazione di Stellarium
  • ho catturato la simulazione con l’ottimo programma ScreenCap, un addon dell’altrettanto famoso e ottimo PaintShop Pro: stranamente il formato di uscita è fisso (wmw) e non direttamente settabile come avi o meglio ancora mp4, ma c’è il vantaggio che riconosce direttamente la finestra da catturare (una vera pacchia!)
  • dal file wmw sono passato al formato avi tramite “WinX HD Video Converter“, ma si sarebbe ottenuto lo stesso con uno dei tanti servizi online
  • tramite VirtualDub ho ritagliato il filmato eliminando le parti inutili
  • tramite Avidemux ho trasformato infine l’avi in formato mp4 con dimensioni utili ad essere rappresentato correttamente nell’articolo

Come sempre non è stata una passeggiata, ma il tutto è decisamente divertente!

Buone osservazioni! E concludo ripetendo fino alla nausea…

Mi raccomando: non bisogna assolutamente guardare direttamente il Sole né ad occhio nudo, né tantomeno con binocoli, cellulari o fotocamere non filtrate: i danni che si otterrebbero alla retina sono assolutamente irreparabili.

 

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

38 Commenti    |    Aggiungi un Commento

  1. Citazione Originariamente Scritto da Pierluigi Panunzi Visualizza Messaggio
    transito di Mercurio sul Sole.
    Ricordo che l'ultimo c'è stato il 9 maggio 2016.

  2. Lunedì a quell'ora si lavora...
    Chissà, forse solo la fase iniziale potrò permettermi di vedere (ammesso che il tempo sia clemente) tra una pausa e l'altra.

  3. Sì, davvero molto bello, spero di riuscire a scattare qualche foto e che il tempo sia bello, sono mesi che mi preparo...piano piano...

  4. Citazione Originariamente Scritto da etruscastro Visualizza Messaggio
    ottimo, il GrAG per questo evento sta preparando l'evento del ... "secolo"...
    A preside'....mo te bacchetto io eh........

  5. Il transito dura praticamente tutto il giorno (1° contatto alle 13:35 locali e al tramonto il transito sarà + o - a metà disco), io approfitto della pausa pranzo dalle 13 alle 14 e mi godo giusto l'ingresso.
    Mi porto il setup da "bagaglio a mano" col quark e treppiedino fotografico, così me lo seguo in Halfa.

    Allegato 36036

  6. E' uno zaino rigido dell'HPRC con spugna precubettata, ho solo tolto i "cubetti" necessari a farci entrare la strumentazione, (è calcolata al millimetro per il bagaglio a mano), ne trovi di simili della geoptik e di artesky a minor prezzo (io l'ho avuta in regalo).