L’intera Terra è un grande magnete

Per secoli si usarono le stelle per tracciare le rotte, poi arrivò la bussola, utile compagna per solcare i mari e grazie all’analisi dei diari di bordo dei capitani del XVII e XVIII secolo emergono nuove informazioni sulle trasformazioni del magnetismo terrestre.

L’intera Terra è un grande magnete

Il fisico inglese Gilbert nel 1600 pubblicò la sua opera “De Magnete” nella quale affermava che “l’intera Terra è un grande magnete” il cui $campo$ agisce sull’ago della bussola orientandola in direzione Nord-Sud. Non tutti i pianeti del sistema solare posseggono un $campo$ magnetico, il nostro ci protegge dal bombardamento delle particelle solari e l’analisi a ritroso nel tempo delle variazioni è affatto semplice.

Le prime annotazioni sui campi geomagnetici partono con l’invenzione di un metodo per misurarli proposta dallo scienziato tedesco Gauss a metà del XIX secolo; da allora le misure rivelano che l’intensità del $campo$ magnetico è progressivamente calata dello 0,05 % all’anno e che il suo polo Nord si è spostato di millecento chilometri negli ultimi cento anni, con la possibilità, se si mantenesse l’attuale tendenza, di arrivare in Siberia entro cinquant’anni. Molti scienziati reputano queste indicazioni come prove del prossimo capovolgimento geomagnetico, ma per comprendere cosa capiterebbe, bisogna scandagliare l’interno della Terra.

A circa tremila chilometri di profondità inizia il nucleo del pianeta, composto prevalentemente da ferro, più internamente a circa cinquemila chilometri si trova una zona liquida che al suo interno contiene a sua volta quello chiamato nucleo interno, che è solido a causa dell’elevata pressione. Sia la zona solida che quella liquida ruotano, ma con velocità differenti, tanto che la parte liquida viene trascinata da quella solida e sommate alle differenze di temperatura nei vari strati, le correnti danno vita ad una grande dinamo, come quelle usate sulle biciclette, ma quella terrestre risulterebbe ogni tanto instabile, tanto da generare un’inversione del $campo$ magnetico terrestre.

Crosta, Mantello e Nucleo

Sopra: Crosta, Mantello e Nucleo. Credits: Wikipedia

Secondo i dati riportati nei diari di bordo, che abbracciano una finestra temporale di duecentocinquanta anni a partire dal 1590, emerge che l’intensità dei campi magnetici è calata ad un ritmo quasi sette volte più lento di quello attuale fino al 1840, quando la velocità di riduzione ha subito una brusca accelerazione, come se all’interno della Terra fosse accaduto qualche fenomeno in grado di mutare il comportamento del $campo$ magnetico. In realtà queste variazioni non sono per nulla anomale per scale di tempo geologiche, infatti le rocce fuse eruttate dai vulcani contengono del ferro al loro interno che, a causa dell’alta temperatura, non si può magnetizzare, ma quando queste stesse si raffreddano la loro componente ferrosa si magnetizza “registrando” il $campo$ magnetico del momento.

È proprio grazie a queste rocce che gli scienziati sono in grado di studiare il paleomagnetismo, risalendo ad epoche remotissime e scoprendo, appunto, che questo è ben lungi dal rimanere stabile, e che anzi, mediamente ogni trecentomila anni, avviene un’inversione dei poli magnetici della Terra. L’ultima inversione è avvenuta circa 780.000 anni fa, chissà se il $campo$ magnetico terrestre nel futuro continuerà ad indebolirsi fino a scomparire, prima di una prossima inversione dei poli?

Nel Sud dell’Atlantico esiste un’ampia zona nella quale si registra un minimo dell’intensità del $campo$ magnetico rispetto ai valori normalmente registrati alle stesse latitudini, questa anomalia rappresenterebbe una falla nello scudo magnetico terrestre, e anche se al suolo non si registra nessun effetto ha però costretto la NASA ad adottare misure particolari per i satelliti che passano con regolarità su questa zona geografica e che ricevono una maggiore dose di particelle solari con conseguenze negative sulle apparecchiature di bordo e soprattutto per gli astronauti, che debbono essere maggiormente protetti.

I commenti di questo post sono in sola lettura poichè precedenti al restyling del 2012. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

25 Commenti

  1. …mi ricorda quel film di fantascienza 😮 in cui i “nostri” dovevano, con una Trivella ipertecnologica, portarsi nel centro della Terra e riattivare il nucleo….. 😐

  2. Esatto! :mrgreen: …che poi non capisco perchè gli sceneggiatori avevano fatto crollare il Colosseo! Che centrava con la rotazione del nucleo terreste?

  3. Salve,

    Penso che noi non saremo vivi per vedere l’inversione ma è comunque importante sapere cosa potrà succedere ai nostri pronipoti. Suppongo che per un bel po’ di anni ( o secoli? ) la terra verrebbe bombardata dal vento solare e dai raggi cosmici finchè il campo non si ristabilizzi invertito ad una intensità sufficiente? Se la velocità di riduzione va aumentando suppongo che il periodo di bassissima intensità durerà poco visto che poi allo stesso modo la tendenza sarà invertita nell’aumento di intensità. Comunque l’uomo esisteva già 780.000 anni fa e non sembra aver subito danni allora anche senza la tecnologia per proteggersi.

    Silvio

  4. Che differenza c’é tra un magnete naturale, una calamita per intenderci, e il campo magnetico di una zona, come il polo nord o sud. Conosco il trucco che si faceva a scuola sfregando una penna su una maglia di lana, che creava elettricità statica che attirava dei pezzi di carta. C’é un rapporto tra queste cose? Come mai una calamita attira solo il ferro, mentre il campo magnetico terreste ci protegge e nello stesso tempo ci tiene con i piedi in terra! Fenomeni per me molto misteriosi e affascinanti.
    Grazie per la risposta 😯

  5. Ciò che ci tieni con i piedi per terra non è il campo magnetico, ma il campo gravitazionale.

  6. Gentile signor Bob, la ringrazio per la precisazione importante della differenza tra un campo gravitazionale e un campo magnetico. Ci terrei comunque avere una risposta breve semplice e diretta. Non riesco ad avere tempo a rivedere i tanti rimandi, poiché perderei il senso del discorso. Non ho ancora compreso bene la differenza tra queste due forze fisiche. Si parla di campi gravitazionali dei pianeti, usati per esempio per rilanciare con forza un satellite verso un pianeta. Poi invece si parla di campi magnetici che invece proteggono un pianeta. La mia mente già fuma davanti a queste cose magnifiche, e vorrei capirci qualcosa. Ciò mi incuriosisce, e vorrei sapere se c’é un rapporto tra queste forze, certamente ci deve essere! E se si può ridurre tutto a tavolino riguardando le calamite che si attraggono e si respingono, o invece una pallina legata a un filo che si fa girare vorticosamente, o a una sfera speciale (di cui non so il nome) che possiede al suo interno un sistema con un’altra sfera al centro che può ruotare all’interno dell’altra creando una specie di piccolo campo gravitazionale. Infatti se si riesce a far girare la sfera in modo che il nucleo al suo interno giri anch’esso, la sfera diventa più pesante della sua massa, o almeno così sembra perché tende a girare in modo apposto al braccio e quindi crea una forza contraria che la fa sembrare pesante. Non so se mi sono spiegato. Comunque a voi cervelloni credo che questo sia chiaro più che a me. Tutto solo per chiedervi un esempio per comprendere la differenza tra le due forze fisiche. Grazie, anche se non so se sarà facile spiegarlo.
    Claudio 😯

  7. Ciao Claudio.
    Mettiamola così: la materia che conosciamo può possedere da quattro tipi “proprietà”. Ciascun tipo di proprietà risponde a quella che definiamo come una forza.
    La proprietà che chiamiamo “massa” è quella associata alla forza gravitazionale, che è responsabile per esempio del fatto che stiamo con i piedi appoggiati per terra, ma che fa anche sì che la Terra non si disgreghi in mille pezzettini o che i pianeti orbitino attorno al Sole invece che andarsene ognuno per i fatti suoi (e così via per le galassie, gli ammassi di galassie, eccetera).
    La proprietà che chiamiamo “carica” è quella associata alla forza elettromagnetica, che fa sì, per esempio, che la televisione possa funzionare, che esista la corrente elettrica, o anche la luce stessa.
    Una differenza tra la prima e la seconda è che la massa è solo di un tipo e due masse si possono solo attrarre, mentre la carica può essere di due tipi, convenzionalmente chiamati “carica positiva” e “carica negativa”. Inoltre cariche dello stesso tipo si respingono, cariche di tipo diverso si attraggono.
    Cariche ferme l’una rispetto all’altra risentono reciprocamente solo di un “sottoinsieme” della forza elettromagnetica chiamato “forza elettrica”, mentre cariche in movimento risentono anche dell’altro sottoinsieme, quello delle forze magnetiche.

  8. Scusate la mia ignoranza, ma il processo dell’inversione dei poli terrestri dovrebbe essere molto lento, e quindi come mai alcuni sedicenti fisici (di cui non ricordo i nomi) si ostinano a dire che l’inversione dei poli si verificherà tra pochissimi anni? Per caso anche questi vengono da pseudo trasmissioni tipo voyager?

  9. Ho sentito una cosa alla tele, non per questo ci credo e mi sembra anche impossibile dal punto di vista scientifico, almeno per me, era una profezia dei Maya credo che nel 2012 la terra si fermerà per un attimo e comincerà a girare al contrario con inversione dei poli magnetici. Forse che in passato i poli si siano scambiati mi sembra che risulti, ma che la terra giri al contrario, mi sembra impossibile. Datemi un parere scientifico sulle due possibilità e casomai fatevi una risata! È vero che Venere é entrato più tardi a far parte del sistema Solare.
    ciao Claudio

  10. @claudio,
    comincia anche tu a farti una risata… Lascia stare quel tipo di televisione o almeno prendila come una barzelletta. Il fatto che la terra inverta i poli magnetici non c’entra assolutamente niente con la rotazione in un verso o nell’altro. Al limite questa può essere una brillante deduzione degli esperti televisivi, quelli che hanno ripetuto varie volte “il diavoletto di Keplero” al posto del “diavoletto di Cartesio”. E fai bene a giudicare quella spazzatura cose impossibili, così come le profezie dei maya e mille altre panzanate come quelle, UFO compresi. Leggi la divulgazione scientifica seria e vedrai che è sempre molto più interessante delle bugie costruite da ignorantoni assetati di voglia di apparire.

  11. GRazie mi sembrava che certe trasmissioni come Voyager portavano un sacco di sciocchezze, ma desideravo una conferma. Volevo solo leggere qualcosa di più sui campi magnetici che avete descritto con semplicità e chiarezza. Il tema é molto interessante, anche per quanto riguarda la formazione dei vari sistemi.
    Saluti!

  12. La cosa che più mi fa imbestialire, è che la maggior parte delle persone crede a queste “bufale”, secondo me sono le stesse persone che vanno dai maghi e da cartomanti e si fanno spillare un sacco di soldi. 😡

  13. @silvia
    anche io perdo la pazienza quando sento dire stupidaggini del genere da “sedicenti” scienziati in trasmissioni altrettanto “sedicenti”. Compatisco ma non giustifico le persone che si rivolgono a maghi o a cartomanti: questi ultimi poi sanno che le loro panzane fanno ancora più presa su persone deboli e questo per me è un delitto bello e buono.
    Magari è fuori tema con l’astronomia, ma non con le panzane: avete sentito nei TG (e forse anche su Youtube) di quelle musiche che hanno effetti sulle persone come se si assumesse droga? Parlavano di musiche contenenti frequenze tra i 3 ed i 30 Hz che sconvolgono la mente: certo che con l’iPod e le cuffiette, sfido chiunque a sentirle! 😯
    Ma ci hanno tutti presi per degli imbecilli????? 👿

  14. Purtroppo finchè ci saranno persone deboli e credulone queste cavolate di trasmissioni e di notizie continueranno a girare. E poi questi finti scienziati, giornalsti, scrittori ec… come farebbero a guadagnare soldi senza le loro “comparsate” in tv, o senza scrivere libri pieni delle loro “perle di saggezza”? Poverini… 😡

  15. Cara Silvia sono d’accordo con te. Comunque Silvia,
    Anche io non credo a quelle espressioni e interpretazioni di dubbie profezie, ma vanno pur notate per metterle in contrasto con la verità. Io la verità la vedo come una bella rosa, in cima a un roveto che non ha che vedere con la rosa, ma per vedere la rosa devi vedere anche il resto, che purtroppo non lo puoi ignorare. Comunque sono con te e con i veri scienziati.
    Non prendertela ridiamoci sopra 😆 e pazienza, d’altronde anche fior di scienziati a volte dicono delle cose dubbie, sapessi cosa ne ho sentite dal ’67 al ’69 prima dello sbarco sulla Luna, eppure a quel tempo a scuola, piccoli e creduloni ne rimavamo meravigliati (in senso negativo e positivo). Poi abbiamo atteso la Verità la notte del 1969. Straordinario evento che spero di rivivere un giorno vedendo magari l’uomo su Marte….. (Magari da cielo!!!!)
    ciao

  16. Secondo me un inversione dei poli OGGI, provocherebbe un disastro dal punto di vista elettronico,nel senso che tutte le componenti elettroniche attive (a base di semiconduttori) e con proprieta’ magnetiche (trasformatori,induttanze,ecc) non funzionerebbero piu’ e verrebbero seriamente danneggiate.
    Probabilmente nel corso dei secoli si saranno verificate altre inversioni senza provocare danni visibili…ma Oggi con una tecnologia cosi’ dipendente dalle reti elettriche ed elettronico-informatiche…sarà un disastro. Riuscirà inoltre la terra a resistere ad un vento solare di elevato potenziale.
    Come si sta’ muovendo la tecnologia per proteggerci da cio?
    Grazie.

  17. grazie per le risposte brevi e chiarissime. È un campo che mi affascina quello dell’astronomia e della fisica. Comunque credo che ci siano ancora delle cose sconosciute del perché dei campi gravitazionali, e orbite dei pianeti. So che la gravità di un pianeta é provocata dal fatto che gira su se stesso, e se ho ben capito anche il campo gravitazionale é provocato invece dalle masse interne che girano, il nucleo ecc…, ma il rapporto di tutto questo a volte viene influenzato da altri pianeti che percorrono le orbite vicine. Mi spiego, per Esempio Plutone lo hanno scoperto guardando l’influenza delle orbite tra un pianeta e l’altro, è questo mi affascina. Oppure le maree che sono influenzate proprio dall’alltrazione della luna, ecc… Anche il pericolo della terra quando passa nella fascia degli asteroidi, e tutti quelle speculazioni che vengono fatte in questo campo della fisica astronomica. Grazie ciao

  18. Salve a tutti… a proposito dei campi magnetici, leggendo il giornale stamattina, ho letto che a Sala Consilina, in via S. Giovanni, ( Salerno ) accadeva una cosa stranissima, lasciando una macchina a folle e con il motore spento,la macchina cominciava a muoversi inspiegabilmente in salita, si… perché la strada è in dislivello. Il fenomeno non è una cosa nuova, sembra che accada anche in altre zone del pianeta, ma finora nessuno ha spiegato il motivo di tale fenomeno. Può essere un forte campo magnetico in zona ?

  19. sì, anche vicino a Roma, nella zona dei Castelli Romani (patria di ottimi vini!) nei pressi di Marino e Grottaferrata c’è una strada in salita (almeno sembra in salita…) dove le auto messe in folle si muovono al contrario di quello che la logica imporrebbe e così pure palloni, barattoli e quant’altro…
    Ne aveva pure parlato l’ottimo Piero Angela in una sua trasmissione…

  20. Se può essere utile ho trovato questo articolo proprio su questo caso. In pratica pare essere l’effetto di un’illusione ottica per cui la strada sembra essere in salita ma in realtà è in discesa.
    Nello stesso articolo ci sono anche un paio di link che rimandano ad altri articoli su casi analoghi.
    Ciao
    Alberto

  21. Scusate vorrei porvi una domanda …. potrebbe essere un po sciocca ma io la faccio!
    Se la terra è paragonabile ad un magnete non potremmo ricavare una forza senza limiti Come le calamite …
    Cioè usare automezzi di trasporto usando la polarità inversa? ❓