Una ciascuno non fa male a nessuno

L’Università dello Utah ha prospettato un metodo per spiegare la crescita dei buchi neri supermassicci che si annidano nelle galassie. Esso si rifà a quanto descritto poco tempo fa sull’origine delle stelle iperveloci.

Simulazioni al computer potrebbero spiegare il principale metodo di crescita dei buchi neri galattici, in grado di raggiungere masse pari a miliardi di volte quella del Sole. Il segreto starebbe nella cattura delle stelle doppie .

Per quanto si sa, esistono due modi per “nutrire” un buco nero: o con nuvole di gas o con stelle. Non in tutte le galassie è, però, sempre presente del gas, mentre lo sono sicuramente le stelle.

Tuttavia, non è così facile catturare e ingoiare una stella singola da parte di un buco nero. E’ invece molto più facile sfruttare i sistemi binari. E’ un po’ come cercare di colpire una preda con una fionda o con una “bolas”. Nel secondo caso, i proiettili in gioco sono due, legati tra loro da una corda, ed è più facile che colpiscano il bersaglio. Un sistema binario, in cui due stelle orbitano attorno al comune baricentro, è essenzialmente un singolo oggetto con un diametro molto più grande di quello di una stella isolata. Ne consegue che è molto più facile che esso subisca perturbazioni gravitazionali distruttive da parte del $buco nero$.

Per provare direttamente questo risultato teorico e numerico sono necessari telescopi molto potenti per evidenziare tre segni fondamentali: un numero molto più alto di stelle orbitanti attorno ai buchi neri, più osservazioni di stelle effettivamente “smembrate” dai “cannibali” e un maggior numero di stelle iperveloci rispetto a quelle che sono state viste lasciare la galassia a velocità superiori ai due milioni di chilometri all’ora. Come già visto in questo articolo queste stelle vagabonde si formano quando il $buco nero$ distrugge gravitazionalmente il sistema doppio, inglobando una stella e lanciando la seconda verso lo spazio.

Il sistema doppio viene distrutto

Il $buco nero$ è a sinistra in basso. Il sistema doppio viene distrutto: la stella azzurra viene catturata, quella gialla viene lanciata a enorme velocità verso lo spazio. Le macchie grigie sono altre stelle catturate e inserite in un gruppo che orbita attorno al buco nero, in attesa di venire lentamente ingoiate. (Fonte: Ben Bromley, University of Utah)

Solo un mese fa si è anche scoperto che la collisione tra due dischi di accrescimento potrebbe aumentare di molto la velocità di caduta di materiale all’interno dei buchi neri (leggi)

Tuttavia, la domanda in questo caso sarebbe: “Quanto frequenti sono questi doppi dischi di gas?”. I ricercatori dello Utah pensano che si sappia ancora troppo poco su questa eventualità per considerarla una valida alternativa. I sistemi doppi e il loro modo di comportarsi vicino ai buchi neri sono invece fenomeni ben noti. Nella simulazione dell’Università dello Utah si è considerata l’ipotesi che il 10% delle stelle facciano parte di un sistema doppio. Un’ipotesi molto restrittiva, dato che sappiamo che forse il numero supera il 50%.

Il numero di stelle previste dalla teoria, vicino al centro della Via Lattea, porterebbe al risultato di una stella doppia distrutta (e mangiata) ogni mille anni. Ne segue che negli ultimi dieci miliardi di anni il nostro buco nero avrebbe ingoiato in media 10 milioni di masse solari, più che sufficienti per spiegare la massa misurata pari a 4 milioni di masse solari.

Come già detto, però, per confermare l’ipotesi sarà, comunque, necessario studiare molte più stelle vicino al centro galattico (oggi si osservano solo le più luminose) e scoprire molte più stelle iperveloci.

Insomma, può darsi che i buchi neri galattici siano veramente dei distruttori di famiglie stellari molto unite…

I commenti di questo post sono in sola lettura poichè precedenti al restyling del 2012. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

3 Commenti

  1. Ciao scusa la mia ignoranza ma mi chiedevo: ma un buco nero quindi nn ha limite di espansione?
    subito dopo mi sono chesto: se cosi fosse, andando parecchio avant nel tempo potrebbe addirittura inghiottire una galassia considerando che piu aumenta di massa maggiore è la sua gravita di attirare altri corpi celesti?
    Te lo chiedo perche ho pensato al buco nero al centro della nostra galassia…..grazie anticipatamente.

  2. @Simone: Per quanto se ne sa, non c’è limite all’espansione di un buco nero. Una delle ipotesi sulla fine dell’universo prevede che tutta la materia finisca in un’insieme di giganteschi buchi neri. Ma Hawking prevede una loro evaporazione, in tempi lunghissimi. Vedi QUI.

  3. dice bene Red, caro Simone.

    Tuttavia, teniamo anche presente che ai buchi neri è necessaria materia per crescere. Quando tutte le galassie di un ammasso si sarranno unite assieme, la massa dell’unico enorme buco nero non potrà, comunque, ingoiare altro gas e le sue stelle saranno troppo lontane per essere mangiate. Bisognerà aspettare che muoiano tutte e che si ritrasformino in gas abbastanza vicino al “mostro”, più facilmente catturabile. Qualcuna non potrà farlo (le più piccole). Io vedrei un paesaggio dove i buchi neri galattici saranno circondati a debita distanza da nane nere e oggetti simili. Comunque, molto deprimente…