Il buco nero sconosciuto avvistato da Chandra

Nella nostra galassia ci potrebbero essere buchi neri non ancora identificati o non ancora localizzati con precisione, magari insospettabilmente vicini a noi. Proprio come quello recentemente scoperto in direzione dell’ammasso globulare M15

Crediti: X-ray: NASA/CXC/Univ. of Alberta/B.Tetarenko et al; Optical: NASA/STScI; Radio: NSF/AUI/NRAO/Curtin Univ./J. Miller-Jones
Crediti: X-ray: NASA/CXC/Univ. of Alberta/B.Tetarenko et al; Optical: NASA/STScI; Radio: NSF/AUI/NRAO/Curtin Univ./J. Miller-Jones

Ebbene sì, anche alcuni buchi neri possono essere considerati clandestini. Lo hanno dimostrato i dati raccolti dal Chandra X-ray Observatory, dall’Hubble Space Telescope e dal Karl G. Jansky Very Large Array (VLA) che hanno osservato nel dettaglio una particolare sorgente di onde radio: i ricercatori hanno creduto erroneamente che si trattasse di una galassia lontana quando invece in realtà è un sistema binario relativamente vicino a noi, composto da una stella di piccola massa e un buco nero. La scoperta in sé è rilevante fino a un certo punto, ma ci suggerisce un elemento importante, cioè che nella nostra galassia ci potrebbero essere buchi neri non ancora identificati o non ancora localizzati con precisione.

Nello specifico, le osservazioni si sono concentrate sull’oggetto conosciuto come VLA J213002.08+120904 (VLA J2130+12), “vicino” lungo la nostra linea di vista all’ammasso globulare M15 e collocato a una distanza di 7.200 anni luce.  Un dato che dimostra come quest’oggetto sia bene all’interno della nostra Via Lattea e circa cinque volte più vicino di M15. Il buco nero si trova, inoltre, 3000 anni luce sopra il piano galattico, quindi qualche particolare evento deve averlo scaraventato così lontano dal luogo di formazione. Le recenti misurazioni della distanza hanno coinvolto anche il network internazionale di radiotelescopi European Very Long Baseline Interferometry Network, il Green Bank Telescope e l’Arecibo Observatory.

VLA J2130+12 è un buco nero con una massa pari ad alcune volte quella del Sole e sta “risucchiando” materiale dalla stella vicina ma a un ritmo talmente lento che per molto tempo gli esperti non hanno capito la sua vera natura.  La stella in fase di distruzione è da un decimo a un quinto la massa del nostro Sole (i dati provengono da Hubble). Con i dati di Chandra, prima di arrivare alla soluzione del buco nero, si è ipotizzato che si potesse trattare di una stella nana ultra fredda, o di una stella di neutroni, o di una nana bianca strappata via dalla sua compagna. Così non è.

«Alcuni di questi buchi neri ancora sconosciuti potrebbero essere più vicini alla Terra rispetto a quanto pensato finora, ma in ogni caso non dobbiamo preoccuparci perché comunque si troverebbero a molti anni luce da noi», ha specificato Robin Arnason, della Western University, Canada. Altri oggetti ancora clandestini saranno scoperti e studiati utilizzando strumenti che osservano nel campo dei raggi X.

Per saperne di più:

Leggi lo studio pubblicato su Astrophysical Journal: “The first low-mass black hole X-ray binary identified in quiescence outside of a globular cluster”, di B.E. Tetarenko, A. Bahramian, R.M. Arnason, J.C.A. Miller-Jones, S. Repetto, C.O. Heinke, T.J. Maccarone, L. Chomiuk, G.R. Sivakoff, J. Strader, F. Kirsten, W. Vlemmings

 

Articolo originale QUI.

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

9 Commenti    |    Aggiungi un Commento

  1. Non so voi, ma quando leggo: "i ricercatori hanno creduto erroneamente che si trattasse di una galassia lontana quando invece in realtà è un sistema binario relativamente vicino a noi, composto da una stella di piccola massa e un buco nero." rimango sempre un po' perplesso!
    Cosa dobbiamo credere e cosa non dobbiamo credere delle cose che leggiamo? Il lato positivo è che sembra che le notizie tendono a precisarsi. Giambattista Vico direbbe che siamo nell'Infanzia della ricerca Cosmologica.

  2. Caro @Gaetano M., il problema è che non è affatto semplice stabilire le distanze nel cosmo.
    La parallasse dà una lettura della distanza "affidabile" e distanze "reali" (se la geometria dello spazio è piatta), ma è limitata agli oggetti più vicini.
    Per tutti gli altri oggetti, i sistemi di misura si basano su stime e congetture verosimili.
    Quindi, visto che l'interpretazione di un oggetto dipende molto dalla stima della sua distanza (a parità di angolo sotteso, più è vicino e più la sua dimensione è limitata, più è lontano e maggiori sono le sue dimensioni), è facile prendere cantonate.
    Come vedi, però, alla fine si arriva alla verità...

  3. Scusate l'OT ma ho una curiosità che spero saprete soddisfare:
    Se al posto del nostro Sole ci fosse un buco nero, magari di pari estensione, tralasciando la scocciatura del risucchio gravitazionale, che cosa vedremmo qui dalla terra?
    Io immagino un disco nero (in mezzo a un tappeto di stelle), il cui orizzonte degli eventi sarebbe forse chiaro (come predice se non erro la teoria della relatività) più un vortice di materia illuminato a giorno che ci cascherebbe dentro?
    Sbaglio qualcosa? Le rappresentazioni "artistiche" sono pressapoco così!

  4. Citazione Originariamente Scritto da fulvio_ Visualizza Messaggio
    Scusate l'OT ma ho una curiosità che spero saprete soddisfare:
    Se al posto del nostro Sole ci fosse un buco nero, magari di pari estensione, tralasciando la scocciatura del risucchio gravitazionale, che cosa vedremmo qui dalla terra?
    Io immagino un disco nero (in mezzo a un tappeto di stelle), il cui orizzonte degli eventi sarebbe forse chiaro (come predice se non erro la teoria della relatività) più un vortice di materia illuminato a giorno che ci cascherebbe dentro?
    Sbaglio qualcosa? Le rappresentazioni "artistiche" sono pressapoco così!
    Beh, se parli di pari estensione nel senso di dimensione fisica dell'orizzonte degli eventi, allora il BN dovrebbe essere di diverse masse solari (qualche migliaio?) e quindi ci sarebbe una certa differenza in quello che accade nel sistema solare.
    Se invece vuoi sapere cosa accadrebbe se il Sole diventasse di botto un BN (poverino... Il diametro dell'orizzonte degli eventi sarebbe di 3 km o meno)... Beh, i pianeti non si accorgerebbero di nulla, e continuerebbero il loro moto come al solito. Ma le simulazioni che seguono ti possono dare l'idea di cosa potremmo vedere...

    Allegato 18695Allegato 18696

  5. La prima simulazione che hai postato dà perfettamente l'idea. Agghiacciante, direbbe il nostro ct!
    Si parla di simulazioni, ma quell'aura grigiastra tutt'attorno dovrebbe essere l'orizzonte degli eventi (pensavo fosse una linea sottile) o la materia che spiraleggia prima di cascare nel BH?

  6. Né l'uno, né l'altro. E' la luce della via lattea che sta dietro, e che viene deviata dal campo gravitazionale del BN. Non ho inserito materia in caduta nella simulazione.
    L'orizzonte degli eventi non lo puoi vedere, perchè da li la luce non può fuggire. Al massimo, può ruotarci attorno all'infinito, oppure caderci dentro, a seconda della traiettoria di arrivo...