Artemis 1 in viaggio verso la Luna e oltre

Decolla finalmente per la prima volta SLS, il razzo che dà vita al programma Artemis! Stiamo tornando sulla Luna e stavolta per restarci!

È decollato stamattina alle 7:47 SLS, il razzo più potente mai costruito. L’ambizioso obiettivo della NASA è di impiegarlo per riportare esseri umani sulla Luna e, in futuro, per la prima volta su Marte.

Crediti: John Winkopp

 


Artemis 1
è il nome di questa missione senza equipaggio che testerà ogni singolo sistema in previsione del primo volo in orbita lunare con astronauti, Artemis 2, che dovrebbe partire nel 2024.
Di seguito alcune fasi della procedura di decollo, vediamo i primi secondi di ascensione con le impressionanti fiammate dei due Solid Rocket Booster seguite dal distacco di questi ultimi, avvenuto a T+2:12.

Crediti: John Winkopp
Il piccolo puntino luminoso che è SLS qui ripreso dalle telecamere della NASA insieme alla Luna in fase calante.
Il momento della separazione dei due booster laterali che hanno fornito la maggior parte della spinta al razzo nel momento del decollo. Crediti: John Winkopp

A T+8:30 avviene la separazione del primo stadio e poco dopo inizia l’operazione di dispiegamento dei pannelli solari. Abbiamo così le primissime visuali dallo spazio della navicella Orion, in quanto a fornircele sono proprio le telecamere montate sui pannelli. Si tratto di solo alcuni tra i numerosi dispositivi di ripresa di cui tutta la capsula è dotata.
Tra queste prime straordinarie immagini compare anche, in alto sullo sfondo nella visuale rivolta verso terra, il primo stadio di SLS che precipita, destinato ad atterrare rovinosamente nell’Oceano Pacifico. Di questi tempi ci siamo abituati male con SpaceX ed è certamente strano vedere un razzo, per di più così avanzato, non venire recuperato.


È proprio tonda.

A T+1:45:00 termina la delicata Trans-Lunar Injection, l’accensione di 18 minuti del motore RL-10 che ha lo scopo di inserire Orion sulla corretta traiettoria per raggiungere l’orbita del nostro satellite. In preparazione dell’operazione i pannelli erano stati orientati all’indietro per ridurre le sollecitazioni nel corso dell’accelerazione, questa configurazione di volo è mostrata nella simulazione della NASA ma abbiamo anche una ripresa direttamente dalla camera di uno dei pannelli.


Dopo circa un’ora e 55 minuti dal decollo avviene la separazione di Orion dall’Interim Cryogenic Propulsion Stage, che sino a questo momento ha eseguito le correzioni di rotta e la manovra di TLI.
Da adesso Orion è completamente indipendente e destinata a essere catturata dalla gravità lunare. L’istante della separazione viene ancora una volta documentato dalle telecamere di bordo in questi secondi emozionanti.

L’odierna finestra di lancio permette una missione di durata breve che si svolgerà nel corso di 25 giorni e 11 ore, terminando con un ammaraggio l’11 dicembre.
Nel video che segue è simulata nel dettaglio l’intera traiettoria di Artemis 1 (crediti: Meithan West @meithan42).

Un video veramente incredibile ripreso da una delle camere ci mostra il nostro pianeta che si rimpicciolisce lentamente alle spalle di Orion.

Nel video che segue Orion volge lo sguardo verso la Terra mentre si allontana da noi in direzione della Luna.
La ripresa, qui accelerata di circa 10 volte, è stata eseguita dalla camera di uno dei pannelli solari. La navicella ne ha quattro, e ciascuno di essi monta un dispositivo di ripresa.
In totale sono 16 le telecamere che la NASA sta portando attorno alla Luna, tra interne ed esterne. Alcune hanno fini principalmente tecnici per monitorare lo stato di Orion, ma ce n’è qualcuna che è stata pensata solo per il coinvolgimento del grande pubblico e per produrre immagini spettacolari. Le telecamere montate sui pannelli rientrano tra quelle ingegneristiche, ma a giudicare dalle prime immagini c’è già da leccarsi i baffi: dopo 50 anni sono le prime immagini dell’intera Terra eseguite da una navicella adatta al volo umano.

Il cambio di prospettiva dei primi secondi di video è dovuto alle operazioni di movimentazione del pannello che ospita la camera, necessarie per avere sempre un orientamento ottimale verso il Sole e massimizzare la produzione di energia.


Continuerò ad aggiornare la news con nuove immagini e video man mano che saranno diffusi dalla NASA e dagli appassionati di tutto il mondo.

Buon viaggio Orion, buona fortuna Artemis!

 

Informazioni su Antonio Piras 55 Articoli
Ingegnere elettronico per lavoro, da sempre appassionato di scienza. Scopro l'osservazione astronomica grazie al telescopio della LIDL (ebbene sì) che mi svela le lune medicee un giorno prima di Galileo...ma 405 anni dopo. Da allora la passione cresce a dismisura e attualmente la coniugo alla fotografia, altro grande hobby.

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

3 Commenti    |    Aggiungi un Commento