In attesa del “botto” extraterrestre!

La stella Fomalhaut ha un enorme disco di detriti che la circonda. Tra pochi anni può darsi che un suo enorme pianeta l’attraversi dando luogo a impatti osservabili nell’infrarosso.

Il disco che circonda Fomalhaut è veramente fuori dal comune. Esso si estende da circa 20 fino a 35 miliardi di chilometri dalla stella. Una fascia di Kuiper enorme ed estesa come nessun’altra mai osservata. Ma, ancora più sorprendente, è l’orbita del pianetone Fomalhaut b. Le ultime osservazioni di Hubble hanno permesso di determinarne l’orbita in modo diretto ed essa è spaventosamente allungata. A tal punto che tra non molto entrerà senza alcuna reticenza all’interno del disco. E -forse- ne vedremo delle belle!

Il pianeta si avvicina fino a 7 miliardi di chilometri dalla stella, ma si spinge poi fino a 40 miliardi di chilometri, al suo apoastro. Un’orbita così eccentrica nessuno se l’aspettava da un gigante. Probabilmente è stato il risultato di una reciproca perturbazione con un altro gigante, o più di uno, non ancora scoperti.

Lo scenario futuro è il seguente: se Fomalhaut b ha un piano orbitale coincidente o quasi con quello del disco (le osservazioni questo non possono dircelo), nel 2032 entrerà nella mischia e sicuramente sarà costretto a subire scontri violenti da parte dei detriti ghiacciati della grande fascia esterna della stella. Qualcosa di simile, ma su scala ben più grande, di quanto visto nell’urto della cometa Shoemaker-Levy 9. Sicuramente molti di questi “fuochi d’artificio” saranno visibili dalla Terra.

Se, invece, il piano orbitale del pianeta è inclinato rispetto al disco, vedremo solo un affievolimento della sua luminosità a causa della sovrapposizione (davanti o dietro) della luce del disco.

Ricordiamo che il periodo orbitale di Fomalhaut b è di circa 2000 anni.  Il sistema è particolarmente interessante per noi, dato che potrebbe mostrare ciò che è successo  circa 4 miliardi di anni fa nel Sistema Solare. E’ un momento in cui l’architettura generale del sistema si sta riscrivendo e la fascia cometaria interna sta evolvendo. Probabilmente, è una fase in cui i pianeti possono acquistare o perdere i propri satelliti. Le osservazioni andranno avanti per anni, dato che non è spettacolo da poco assistere alla possibile entrata di un gigantesco  Giove in una densa fascia di Kuiper.

il disco di Fomalhaut
Quest’immagine composita di Hubble mostra il moto orbitale di Fomalhaut b. Tra circa 20 anni, se il piano orbitale è poco inclinato rispetto a quello del disco, il pianeta entrerà al suo interno, gettando lo scompiglio. L’ immagine del pianeta si riferisce al 2012. (Fonte: NASA, ESA, e P. Kalas (University of California, Berkeley and SETI Institute))

//

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

15 Commenti    |    Aggiungi un Commento

  1. la domanda che mi sorge spontanea è:
    possibile che, nonostante il periodo orbitale di Fomalhaut b sia di 2000 anni , e che probabilmente un'altro gigante gassoso perturbi la sua orbita,ammesso e non concesso che questi detriti si trovino sul suo piano orbitale, nei miliardi di anni dalla sua formazione non abbia già "pulito" la sua orbita?
    sicuramente qualche impatto ci sarà, ma non potrebbe essere meno "eclatante" delle aspettative?
    comunque articolo interessantissimo!
    grazie Enzo

  2. Citazione Originariamente Scritto da etruscastro Visualizza Messaggio
    la domanda che mi sorge spontanea è:
    possibile che, nonostante il periodo orbitale di Fomalhaut b sia di 2000 anni , e che probabilmente un'altro gigante gassoso perturbi la sua orbita,ammesso e non concesso che questi detriti si trovino sul suo piano orbitale, nei miliardi di anni dalla sua formazione non abbia già "pulito" la sua orbita?
    sicuramente qualche impatto ci sarà, ma non potrebbe essere meno "eclatante" delle aspettative?
    comunque articolo interessantissimo!
    grazie Enzo
    caro Antonio,
    direi due cose:

    1) facilmente l'orbita si è modificata da non molto tempo e quindi i passaggi nella fascia non hanno ancora potuto pulirla in profondità e visibilmente.
    2) sicuramente impatti ci sono già stati le volte precedenti, ma noi non abbiamo potuto vederli... La prossima volta potranno sicuramente essere molto interessanti vista la densità ancora elevata del disco.

  3. Citazione Originariamente Scritto da Vincenzo Zappalà Visualizza Messaggio
    caro Antonio,
    direi due cose:

    1) facilmente l'orbita si è modificata da non molto tempo e quindi i passaggi nella fascia non hanno ancora potuto pulirla in profondità e visibilmente.
    2) sicuramente impatti ci sono già stati le volte precedenti, ma noi non abbiamo potuto vederli... La prossima volta potranno sicuramente essere molto interessanti vista la densità ancora elevata del disco.
    Dunque certamente un po' come è successo con il nostro Sistema, caro Enzo, ma se ho capito bene forse un tantino più in grande e quindi più interessante da seguire.

  4. Ciao Enzo!!!!
    Cavolo, un pianeta con un'orbita di 2000 anni, che strano.
    E' bello ogni tanto parlare di eventi astronomici che si verificheranno nell'arco di una scala temporale più...umana!

  5. Appena ho visto la foto ero convinto fosse una rappresentazione artistica...e invece è davvero una foto?! Impressionante... Ma che disco di detriti strano no? Sembra un'esplosione! Mmm...

    Ma poi davvero sarebbero visibili da terra gli eventuali "fuochi"?? Saranno anche solo 25 anni luce ma...son sempre 25 anni luce!

  6. Citazione Originariamente Scritto da Lampo Visualizza Messaggio
    Appena ho visto la foto ero convinto fosse una rappresentazione artistica...e invece è davvero una foto?! Impressionante... Ma che disco di detriti strano no? Sembra un'esplosione! Mmm...

    Ma poi davvero sarebbero visibili da terra gli eventuali "fuochi"?? Saranno anche solo 25 anni luce ma...son sempre 25 anni luce!
    caro Lampo...
    il disco è quello esterno (l'anello). L'esplosione è data dalla luce non del tutto mascherata della stella...

    Sì, nelle giuste lunghezze d'onda si vedrebbero senz'altro.

    a presto (vi aspettiamo quanto prima...)

  7. Citazione Originariamente Scritto da Vincenzo Zappalà Visualizza Messaggio
    caro Lampo...
    il disco è quello esterno (l'anello). L'esplosione è data dalla luce non del tutto mascherata della stella...

    Sì, nelle giuste lunghezze d'onda si vedrebbero senz'altro.

    a presto (vi aspettiamo quanto prima...)
    Immaginavo che il disco fosse quello ad anello esterno ma mi ero immaginato una sorta di doppio disco, quello esterno ad anello e quello interno che sembra un'esplosione...ma scusa, se la formazione interna similie all'esplosione non è altro che luce diffusa proveniente dalla stella, da cosa viene diffusa la luce? Sempre materia deve essere no? Porta pazienza Enzo, sono un pò rimba in sto periodo...

    P.S. Se si cerca su Wikipedia Fomalhaut b nello specchietto a destra il periodo orbitale viene indicato come 872 anni...se poi si legge tutto il malloppo di roba c'è una riga in cui si dice che è stato ricalcolato in 2000 anni...ma dico io, ma aggiornare lo specchietto?!

  8. Citazione Originariamente Scritto da Vincenzo Zappalà Visualizza Messaggio
    a presto (vi aspettiamo quanto prima...)
    Appena comincia la bella stagione non tarderemo a passare!
    E pure un giretto da Dino per un pò di rifornimento...

  9. ... formazione interna similie all'esplosione non è altro che luce diffusa proveniente dalla stella, da cosa viene diffusa la luce? Sempre materia deve essere no? ...

    scusa Lampo, forse anch'io sono un po' rimbambito... cosa intendi con "da cosa viene diffusa la luce"? Quei raggi sono parte della luce della stella centrale che non riesce a essere mascherata. probabilmente all'interno vi è un altro anello, ma è ben difficile rilevarlo a causa della luce stellare.

    Ma forse non ho capito cosa intendevi chiedere...

  10. Ciao a tutti,
    da ciò che leggo su Wikipedia (http://en.wikipedia.org/wiki/Fomalhaut) sembra che l'orbita del pianeta delinei proprio il bordo interno del disco.
    L'esistenza del pianeta, prima della sua conferma visiva, era stata già supposta proprio per il marcato bordo interno del disco, che faceva supporre la "pulizia" da parte di un pianeta su quell'orbita.
    Se così fosse, ahimè, non dovrebbero esserci tutti questi fuochi d'artificio