Il “mostro” nascosto

Francesca mi scusi se l’ho chiamato così. Ma “lui” è veramente fuori dall’ordinario… Osservazioni infrarosse al limite delle possibilità attuali hanno scoperto una nuova popolazione di buchi neri giganteschi al centro di galassie dell’Universo primitive. Finora si erano nascosti tra la polvere del disco che li circonda, ma sono in piena attività ed emettono radiazioni in modo molto violento.

Tra i nuovi buchi neri si distingue quello chiamato ULASJ1234+097. Esso si trova nella Vergine e la sua luce giunge a noi dopo ben 11 miliardi di anni. E’ davvero un “mostro”, con la sua massa pari a 10 miliardi di volte quella del Sole e circa 10000 volte superiore a quella del nostro buco nero galattico.

La ricerca mostra che vi dovrebbero essere almeno 400 oggetti di questo tipo nel nostro Universo Osservabile. Anche se la loro ricerca è stata continua e dettagliata, questi super-oggetti sono riusciti,  finora, a nascondersi. Essi divorano una massa pari a centinaia di stelle come il Sole ogni anno terrestre. Una fame spaventosa e una voglia di crescere irrefrenabile.

Anch’essi si sono attivati a seguito di collisioni tra galassie, che hanno innescato il pranzo frenetico, oltre che creare nuove stelle a ritmo incalzante. Cibo per l’affamato e nuova vita per la galassia. La solita magnifica storia dell’Universo.

L’unico oggetto, relativamente vicino, comparabile a questo ultra massiccio buco nero è l’oggetto Markarian 231 che si trova a 600 milioni di anni luce da noi. Ovviamente, ULASJ1234+0907 è molto più potente e dimostra che l’Universo primigenio era ben più turbolento e agitato di quello odierno.

Le osservazioni sono state fatte con il telescopio inglese infrarosso UKIRT e dimostra che la tecnica dell’infrarosso può agire altrettanto bene che quella legata alle alte energie. In ogni modo, il nuovo Atacama Large Millimeter Array (ALMA) in Cile darà una grossa mano nel definire meglio questi giganti attraverso le radiazioni emesse nelle frequenze delle microonde. La continua collaborazione è essenziale quando si scruta nell’Universo appena nato.

Markarian 231
Markarian 231 è un esempio (vicino) di galassia con un buco nero in rapida crescita nascosto dal gas e dalla polvere che lo circonda. Si notano bene le “code” mareali causate da un recente incontro con un’altra galassia. (Fonte: Hubblesite.org)

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

20 Commenti    |    Aggiungi un Commento

  1. E pensare che fino a pochi decenni fa non si era nemmeno certi che potessero esistere....
    Magari finisce che ce ne creiamo uno piccolo piccolo anche al cern cosi lo studiamo bene bene! :-)

  2. 10 miliardi di volte la massa solare???? ....meno male che ne siamo ben lontani...chissà nel nostro presente,cioè 11 miliardi di anni dopo l'osservazione,come si sta comportando e cosa sta facendo.....

  3. Citazione Originariamente Scritto da mingo80 Visualizza Messaggio
    10 miliardi di volte la massa solare???? ....meno male che ne siamo ben lontani...chissà nel nostro presente,cioè 11 miliardi di anni dopo l'osservazione,come si sta comportando e cosa sta facendo.....
    Se non ho capito male.. Con il tempo tendono a far piazza pulita intorno a loro e quindi di conseguenza ad ezser meno voraci e piu tranquilli...

  4. Citazione Originariamente Scritto da alexander Visualizza Messaggio
    Se non ho capito male.. Con il tempo tendono a far piazza pulita intorno a loro e quindi di conseguenza ad ezser meno voraci e piu tranquilli...
    Eh si....ma la mia riflessione era più che altro riferita al tempo....se è vero che quando osserviamo osserviamo nel passato in base alla distanza,chissà in 11 miliardi di anni quante cose ha rivoluzionato intorno a lui....spettacolare sta cosa....tra 11 miliardi di anni avrò la risposta alla mia domanda .....sarà meglio che me la segno,non ho una gran memoria >_

  5. [QUOTE=mingo80;35209]Eh si....ma la mia riflessione era più che altro riferita al tempo....se è vero che quando osserviamo osserviamo nel passato in base alla distanza,chissà in 11 miliardi di anni quante cose ha rivoluzionato intorno a lui....spettacolare sta cosa....tra 11 miliardi di anni avrò la risposta alla mia domanda .....sarà meglio che me la segno,non ho una gran memoria >_

  6. Citazione Originariamente Scritto da Vincenzo Zappalà Visualizza Messaggio
    la risposta ce l'hai guardando le galassie vicine... anche loro una volta erano come quella dell'articolo. Vicinanza vuole anche dire vecchiaia... Ovviamente non tutte così "ciccione"!
    Riflessione: Se i nostri "amici" buchi neri vicini sono più "magri" di quelli lontani, non é che per caso sono dimagriti perchè "evaporano" (molto lentamente) come previsto da qualcuno?

  7. Citazione Originariamente Scritto da torky Visualizza Messaggio
    Riflessione: Se i nostri "amici" buchi neri vicini sono più "magri" di quelli lontani, non é che per caso sono dimagriti perchè "evaporano" (molto lentamente) come previsto da qualcuno?
    No. Più sono grossi e meno energia emettono sotto forma di radiazione di Hawking, quindi, perché l'evaporazione prevalga occorre che non ricevano nessun tipo di energia, almeno all'inizio. Nemmeno quella della CMB, tanto per intenderci....

  8. Citazione Originariamente Scritto da Vincenzo Zappalà Visualizza Messaggio
    la risposta ce l'hai guardando le galassie vicine... anche loro una volta erano come quella dell'articolo. Vicinanza vuole anche dire vecchiaia... Ovviamente non tutte così "ciccione"!
    Che fine hanno fatto quei mostri? Se vicino a noi non se ne vedono o sono quiescenti oppure l'universo è meno isotropo di quanto si creda...

  9. Citazione Originariamente Scritto da Beppe Visualizza Messaggio
    Che fine hanno fatto quei mostri? Se vicino a noi non se ne vedono o sono quiescenti oppure l'universo è meno isotropo di quanto si creda...

    Che io sappia sono ancora li, si dice che quasi ogni galassia ha al centro un buco nero super massiccio...
    Solo la loro attivita' dovrebbe essere meno frenetica rispetto alla nascita ...

  10. le dimensioni "mostruose" di questo buco nero rendono abbastanza bene l'idea delle incredibili dimensioni dell'universo; non so se mi esprimo correttamente ma mi stavo chiedendo (considerando che questo buco nero è così antico) la relazione fra la velocità di crescita di questo buco nero e la velocità di espansione dell'universo, naturalmente al tempo in cui è partito il segnale che noi abbiamo visto oggi. Ho chiesto una cavolata ?