La Costellazione della Corona Australe

Probabilmente non ci abbiamo mai fatto caso, ma questa piccola costellazione si trova in posizione favorevole per le osservazioni, sempre a patto di trovarsi in presenza di un cielo buio, in montagna, d’estate.

Questa serie di articoli fa uso del Simulatore di costellazioni in 3D, descritto in questo articolo. Se si dovessero riscontrare problemi nel caricamento delle pagine, scaricare manualmente l’ultima versione di JRE (Java Runtime Environment) all’indirizzo:
http://www.java.com/it/download/index.jsp


La Corona Australe

la costellazione della Corona Australe
la costellazione della Corona Australe

Si tratta di una piccola costellazione che sarebbe facilissima da riconoscere se solo le sue stelle fossero più luminose: la più brillante (α CrA) è infatti di quarta magnitudine. Però si trova in una posizione  che si ricorda facilmente: è infatti attaccata al Sagittario, proprio a Sud della Teiera (Teapot), il ben noto asterismo di cui avevo parlato in questo articolo.

Secondo i parametri scelti dal sottoscritto per classificare le costellazioni e parlarne in questa serie di articoli (in particolare il numero di stelle vicine, il numero di quelle più grandi di un certo valore ed il numero apparentemente bassissimo di oggetti deep sky), la Corona Australe si trova verso il fondo della lista. Sappiamo però che per noi appassionati qualunque costellazione è sempre e comunque affascinante! La facile riconoscibilità la fa balzare in avanti di tantissime posizioni… e poi sappiamo che la Natura ha in serbo molte sorprese!

l'applet 3D della costellazione
l’applet 3D della costellazione

L’applet 3D ci consente di vedere le stelle che compongono la Corona Australe: come sempre si distaccano dal foglio virtuale, grazie alle frecce destra e sinistra, mentre cliccando “f” non succede niente, dal momento che la corona è proprio lì ben visibile, formata però da stelline poco luminose.

Cliccando “n” vediamo che al suo interno non esistono stelle molto vicine, mentre come vedremo ce n’è una interessante.

Vediamo ora la rappresentazione della costellazione nelle mappe stellari da me prese come riferimento.

Nell’Uranometria appare come una ghirlanda

la Corona Australe secondo l'Uranometria
la Corona Australe secondo l’Uranometria

mentre secondo Hevelius è una corona

la Corona Australe secondo Hevelius
la Corona Australe secondo Hevelius

ed infine secondo Stellarium

la Corona Australe secondo Stellarium
la Corona Australe secondo Stellarium

viene rappresentata come un serto.

Una stella interessante

All’interno di questa costellazione è presente una stella variabile, R CrA, che presenta nelle vicinanze una nebulosa ad emissione (NGC 6729), che vedremo in seguito nel dettaglio.

la stella variabile R CrA
la stella variabile R CrA

Particolarità di questa stella è il suo moto proprio parecchio elevato ed in particolare, secondo una prima stima però contenente un margine di errore ancora grande, fra poco più di 220.000 anni potrebbe avvicinarsi fino ad 1.77 al dal Sole. Nel frattempo speriamo che i progressi tecnologici ci permettano di ottenere una stima migliore delle caratteristiche del suo moto.

Oggetti deep sky

Nella costellazione della Corona Australe è presente un certo numero di oggetti deep sky.

Iniziamo dalla $nebulosa$ denominata Corona Australis Nebula, fotografata dall’Australian Astronomical Observatory

la bella nebulosa della Corona Australe
la bella $nebulosa$ della Corona Australe

Vediamo ora due ammassi globulari ricchissimi di stelle, il primo dei quali è NGC 6541,

il bellissimo globular cluster $NGC$ 6541
il bellissimo globular cluster NGC 6541

mentre il secondo è NGC 6723

lo stupendo globular cluster $NGC$ 6723
lo stupendo globular cluster NGC 6723

Questo invece è un dettaglio della reflection/emission nebula, che si trova vicina alla variabile R CrA, di cui ho parlato in precedenza

la reflection/emission nebula $NGC$ 6729
la reflection/emission nebula NGC 6729

Infine vediamo un ammasso stellare aperto, denominato Coronet Cluster

l'ammasso stellare aperto Coronet Cluster
l’$ammasso stellare$ aperto Coronet Cluster

Concludo questo paragrafo con il link ad un breve ma interessante filmato realizzato dall’ESO, dove a partire dall’immagine della Via Lattea ci si avvicina sempre di più alla stella variabile R CrA ed alla $nebulosa$ NGC 6729. Davvero suggestivo! Va visto a tutto schermo!

Nomi di stelle e visibilità

Questa costellazione è l’omologa australe della Corona Boreale, la cui stella principale, come ben sappiamo, si chiama Alphecca: è lecito perciò aspettarci che almeno la stella più luminosa di questa piccola costellazione abbia un nome

  • Alphecca meridiana (α CrA): termine latino indicante la stella Alphecca del Sud

Per quanto riguarda la visibilità della costellazione, all’orario solito e comodo delle 21, si ha che si trova bassa sull’orizzonte, a SudEst l’ultima decade di Luglio. Culmina a Sud, ad appena una decina di gradi sopra l’orizzonte, nei primi giorni di settembre, per poi trovarsi bassa a SudOvest nella prima decade di Ottobre.

Buone osservazioni!

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

3 Commenti    |    Aggiungi un Commento

  1. mmhh dubito che in montagna sia sempre visibile la costellazione essendo molto bassa all'orizzonte, ci vorrebbero delle condizioni davvero favorevoli.
    Inquinamento Luminoso a parte nelle zone costiere invece è molto semplice rintracciarla trovandosi proprio in una zona di cielo abbastanza "nota".

  2. a me è capitato di osservarla d'estate ad Ovindoli in una zona dove l'orizzonte era abbastanza sgombro, libero da montagne, ma non certo al buio...
    e come dici giustamente tu, ci sono volute condizioni davvero favorevoli: di solito si fa fatica perfino a vedere il Capricorno per intero...

    la teiera è davvero un ottimo indicatore celeste per trovare la Corona Australe!